User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Anthos

Discussione: Nessuno ne e' degno

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,059
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Nessuno ne e' degno

    Per otto volte negli otto versetti che compongono il brano del Vangelo di Giovanni, è ripetuto l'invito: mangiare Cristo. Ad esso si aggancia ogni volta il perché: tutto questo è per la vita del mondo. Incalzante certezza da parte di Gesù di possedere qualcosa che capovolge la vita chiamata alla morte. I verbi ripetuti dall’evangelista, quasi una incantatoria monotonia, mangiare, bere, masticare, evocano per prima cosa la relazione amorosa con Cristo. Gesù per otto volte ci parla di un Dio che si dona: «Prendete la mia carne e mangiate». Farsi pane è un bisogno incontenibile di Dio. Non più un Dio che domanda agli uomini offerte, doni, sacrifici, ma un Dio che offre, sacrifica, dona, perde se stesso dentro le sue creature, come lievito dentro il pane, come pane dentr...o il corpo. «Mangiate e bevete di me»: mangiare e bere Cristo significa diventare luce da luce, Dio da Dio, della stessa sua sostanza. Mangiare e bere Cristo significa allora cogliere il suo segreto vitale, assimilarne il nocciolo vivo e appassionato. Chi fa proprio il segreto di Cristo, costui trova il segreto della vita. Qualcuno si domanda se ne è degno, ma è bene dire che nessuno ne è degno. Forse qualcuno vi è più preparato, qualcuno ha una
    consapevolezza maggiore del dono ricevuto, qualcuno si lava, si veste e si profuma per bene come si fa per andare ad un incontro importante, ma nessuno è degno. Ma Gesù, in ogni eucaristia dice: "Prendete e mangiatene tutti", perché sa che tutti ne hanno bisogno e Lui si dona a tutti come pane spezzato per una sempre nuova ed eterna alleanza, per una vita che va oltre la vita. La vita: questo è infatti il
    problema! La vita che scavalchi la morte, questo è l'unico vero bisogno di noi uomini. Quello che produciamo noi è un pane che nutre
    fino alla morte; Cristo è il pane per l'eternità, la "medicina di immortalità" . E non si tratta di immortalità generica, ma di risurrezione della carne e di pienezza di vita in ogni sua dimensione. Fare la comunione quindi, non è un lusso per pie anime sentimentali
    che sentono più di altre, calore per Gesù; ma è questione di vita o di morte, di vita per sempre o di morte per sempre. Non è da noi la vita,
    è da Dio. E il senso della morte fisica alla fine è questo: farci toccare con mano la nostra insufficienza. Ciò che invece caratterizzerà nella forma di un possesso pieno quella vita eterna, è la comunione con Dio, la partecipazione alla sua stessa vita intima
    nella Trinità. Gesù espresse così, un giorno, tutto il sogno di Dio sull'uomo: "Che tutti siano una cosa sola. Come tu, Padre, sei in me e
    io in te, siano anch'essi in noi una cosa sola".

    Non sono io l'autore


    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
    Ucci Do likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    libero
    Data Registrazione
    22 Nov 2012
    Messaggi
    24,940
    Mentioned
    594 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Re: Nessuno ne e' degno

    Citazione Originariamente Scritto da Anthos Visualizza Messaggio
    Per otto volte negli otto versetti che compongono il brano del Vangelo di Giovanni, è ripetuto l'invito: mangiare Cristo. Ad esso si aggancia ogni volta il perché: tutto questo è per la vita del mondo. Incalzante certezza da parte di Gesù di possedere qualcosa che capovolge la vita chiamata alla morte. I verbi ripetuti dall’evangelista, quasi una incantatoria monotonia, mangiare, bere, masticare, evocano per prima cosa la relazione amorosa con Cristo. Gesù per otto volte ci parla di un Dio che si dona: «Prendete la mia carne e mangiate». Farsi pane è un bisogno incontenibile di Dio. Non più un Dio che domanda agli uomini offerte, doni, sacrifici, ma un Dio che offre, sacrifica, dona, perde se stesso dentro le sue creature, come lievito dentro il pane, come pane dentr...o il corpo. «Mangiate e bevete di me»: mangiare e bere Cristo significa diventare luce da luce, Dio da Dio, della stessa sua sostanza. Mangiare e bere Cristo significa allora cogliere il suo segreto vitale, assimilarne il nocciolo vivo e appassionato. Chi fa proprio il segreto di Cristo, costui trova il segreto della vita. Qualcuno si domanda se ne è degno, ma è bene dire che nessuno ne è degno. Forse qualcuno vi è più preparato, qualcuno ha una
    consapevolezza maggiore del dono ricevuto, qualcuno si lava, si veste e si profuma per bene come si fa per andare ad un incontro importante, ma nessuno è degno. Ma Gesù, in ogni eucaristia dice: "Prendete e mangiatene tutti", perché sa che tutti ne hanno bisogno e Lui si dona a tutti come pane spezzato per una sempre nuova ed eterna alleanza, per una vita che va oltre la vita. La vita: questo è infatti il
    problema! La vita che scavalchi la morte, questo è l'unico vero bisogno di noi uomini. Quello che produciamo noi è un pane che nutre
    fino alla morte; Cristo è il pane per l'eternità, la "medicina di immortalità" . E non si tratta di immortalità generica, ma di risurrezione della carne e di pienezza di vita in ogni sua dimensione. Fare la comunione quindi, non è un lusso per pie anime sentimentali
    che sentono più di altre, calore per Gesù; ma è questione di vita o di morte, di vita per sempre o di morte per sempre. Non è da noi la vita,
    è da Dio. E il senso della morte fisica alla fine è questo: farci toccare con mano la nostra insufficienza. Ciò che invece caratterizzerà nella forma di un possesso pieno quella vita eterna, è la comunione con Dio, la partecipazione alla sua stessa vita intima
    nella Trinità. Gesù espresse così, un giorno, tutto il sogno di Dio sull'uomo: "Che tutti siano una cosa sola. Come tu, Padre, sei in me e
    io in te, siano anch'essi in noi una cosa sola".

    Non sono io l'autore


    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
    Bello.
    se non ci metterai troppo io ti aspetterò tutta la vita...

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-01-14, 22:43
  2. Il degno finale...
    Di benjamin_linus nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-09-13, 10:56
  3. Un montiano degno c'e'
    Di trilex nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-03-13, 16:42
  4. Degno di lode
    Di Iunthanaka nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-09-05, 14:05
  5. Degno ed indegno
    Di MrBojangles nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-04-02, 00:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226