User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    48,456
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    160 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito La Regione è ancora socia del Fortetto degli scandali?

    Donzelli: "La Regione Toscana è ancora socia del Forteto"

    La Regione detiene 15.000 euro di quote di Agriambiente Mugello, acquisite dopo lo scioglimento dell'Ente toscano sviluppo agricolo e forestale che è a sua volta socia del Forteto





    [COLOR=#555555 !important]Francesco Curridori - Lun, 18/04/2016 - 182








    [/COLOR]




    “La Regione Toscana tramite la partecipata Agriambiente Mugello è socia del Forteto.




    [COLOR=#444444 !important]


    La Regione quindi è proprietaria della cooperativa-setta dove per anni si sono perpetrati abusi e maltrattamenti ai danni di minori”. La denuncia arriva da Giovanni Donzelli, il vicepresidente della commissione d’inchiesta della Regione Toscana sul Forteto, la cooperativa agricola fondata nel 1977 da Rodolfo Fiesoli e Luigi Goffredi, condannati già nel 1985 per maltrattamenti e atti di libidine. Fiesoli ha ricevuto un’altra condanna a 17 anni di carcere per gli stessi reati ma entrambi ora sono a piede libero. La loro cooperativa ha continuato a ricevere finanziamenti dalla Regione nonostante una sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo abbia condannato l'Italia.
    “Sulla base del report ufficiale 2015 sulle partecipate la Regione detiene 15.000 euro di quote di Agriambiente Mugello, acquisite dopo lo scioglimento dell'Ente toscano sviluppo agricolo e forestale che è a sua volta socia del Forteto”, spiega Donzelli che dice di sentirsi preso in giro dal presidente Enrico Rossi. “Si è presentato in audizione in commissione senza fare alcun cenno alla questione: forse pensavano di far passare la questione sotto silenzio?”, si chiede Donzelli che ricorda come la Regione Toscana abbia fatto parte del Forteto anche dopo l’ultimo arresto di Rodolfo Fiesoli del 2011 e si sia costituita parte civile al processo di primo grado mentre dall’altro lato dava linfa alla cooperativa. “Adesso si spiegano tutte le ambiguità della Regione e del Partito democratico rispetto a una presa di distanze seria e decisa nei confronti di quella realtà e i tentennamenti sull’ipotesi di commissariamento della struttura”, conclude l’esponente di FdI che chiede che “la Regione esca immediatamente dal Forteto sotto qualsiasi forma”.

    Donzelli: "La Regione Toscana è ancora socia del Forteto" - IlGiornale.it

    incredibile. la regione toscana in mano al pd che finanzia degli stupratori di bambini?



    [/COLOR]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    29 Jun 2009
    Località
    Tv
    Messaggi
    16,001
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Donzelli: "La Regione Toscana è ancora socia del Forteto"

    non mi stupisco +di niente ormai

  3. #3
    Super Troll
    Data Registrazione
    22 Sep 2009
    Località
    scomparsa
    Messaggi
    92,231
    Inserzioni Blog
    5
    Mentioned
    459 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Donzelli: "La Regione Toscana è ancora socia del Forteto"

    Forteto: Pd, Coop e cooperative contro il commissariamento ministeriale....
    in Toscana, PD COOP COOPERATIVE varie, UNIPOL, MONTE DEI PASCHI, è tutto un groviglio di interessi tra politica, affari, finanza e sociale“
    Nessuna lealtà è dovuta ad un traditore

  4. #4
    Super Troll
    Data Registrazione
    22 Sep 2009
    Località
    scomparsa
    Messaggi
    92,231
    Inserzioni Blog
    5
    Mentioned
    459 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Donzelli: "La Regione Toscana è ancora socia del Forteto"

    Inchiesta sul Forteto: "Uno scandalo nazionale". Il Pd ha paura? - Affaritaliani.it

    Abusi sessuali e violenze. L'orrore del Forteto arriva a Roma: ma il Pd fa muro

    Di Simone Cosimelli

    l Forteto - ha detto - è quella cosa che si può conoscere fino a un certo punto. Oltre non si può andare». Ricapitolando: dopo quasi 40 anni di abusi sessuali e violenze su minori, il 15 luglio 2016 la Corte d’Appello di Firenze ha confermato l’impianto accusatorio ai danni della comunità nata nel Mugello a metà degli anni '70: 15 anni e 10 mesi al Profeta, Rodolfo Fiesoli, fondatore del Forteto; e via via a scendere per i membri della «setta». Poco prima, il 23 giugno, la seconda commissione d’inchiesta regionale emetteva un altro verdetto: al netto di oltre un anno di lavoro, il dossier sulle responsabilità politiche intorno alla vicenda rimaneva senza nomi. O meglio: senza responsabili. Veniva allora chiamato in causa il ParlamentoDue richieste su tutte. Primo: una commissione d’inchiesta parlamentare («più ampia e incisiva»), che abbia poteri giudiziari e possa dribblare le reticenze e i «non ricordo» di chi è stato chiamato a testimoniare. Secondo: commissariamento della cooperativa agricola, il lato economico del Forteto, per un deciso taglio col passato (attualmente, in calo per via della bufera giudiziaria, il fatturato della coop è di circa 12 milioni di euro). E ora il Pd dovrà metterci la faccia.


    Ma per la cooperativa, ecco il problema: la discontinuità col passato non esiste. All’interno rimangono non solo prescritti e condannati al processo (questi ultimi in attesa della Cassazione), ma anche chi, assolto o non imputato, testimoniò il falso, col chiaro intento di proteggere Fiesoli e compagni. «Deposizioni ammantate di reticenza, volute omissioni e verità distorte», scrivevano i giudici. E infatti altre indagini sono state aperte. Basti pensare, comunque, che lo storico presidente della Coop (1986-2013), Stefano Pezzati (in parte assolto, in parte prescritto in secondo grado), che oggi ricopre un ruolo amministrativo nell’azienda, quando il Profeta fu arrestato convocò tutta la guardia, e a tavolino ammonì: «Qui bisogna darsi una mano e creare un corpo comune…per salvare questa esperienza, perché qui la vogliono distruggere…Bisogna prendersi questo impegno di darsi la mano e di coalizzarsi per salvare questa esperienza e Rodolfo, perché lo stanno calunniando». Bisognava, cioè, concordare una versione. Come avvenne. Non solo: anche sulle ispezioni ministeriali non sono mancati dubbi. Nell’agosto del 2013, per esempio, il Governo Letta mandò due ispettori per i sopralluoghi. Il giudizio non lasciava dubbi: commissariamento. Ma ecco il trucco: nel momento in cui la richiesta doveva essere formalizzata, primavera 2014, Palazzo Chigi aveva cambiato inquilino e Matteo Renzi diventava Presidente del consiglio. La documentazione, senza apparente motivo, venne stralciata. Una coincidenza: il Ministro del Lavoro, fresco di carica, era Giuliano Poletti, dal 2002 fino a quel momento presidente della Legacoop nazionale. Proprio l’universo di cui il Forteto fa parte, con un peso economico specifico, e da cui la coop mugellana è difesa a spada tratta.

    ornando al presente, l’onorevole Beni ha poi affondato sulle «inopportune speculazioni ai fini della polemica politica». Un mantra ripetuto in Toscana, più o meno, da 40 anni. E le opposizioni, tutte, hanno ringhiato. «La verità è che ancora una volta, se a livello regionale anche grazie a una pressione mediatica consapevole si è rotto il muro del silenzio, a livello nazionale torna il rigurgito del Pd che si sottrae a un confronto serio aperto a ogni eventuale esito. Imbarazzante, davvero», ha affermato Stefano Mugnai (FI) membro della commissione d’inchiesta regionale. «I senatori del Pd, anche “quelli toscani”, dicono no alla richiesta del M5S di mettere all’odg dei lavori della commissione Giustizia il ddl che prevede l’istituzione di una commissione d’inchiesta parlamentare, un progetto che giace nei cassetti della commissione Giustizia dal dicembre 2015 (…) Il primo arresto all’interno della cooperativa risale al ’78, perché da allora non si è riusciti a far nulla per scardinare le cose?», ha sottolineato il Questore di palazzo Madama, Laura Bottici (M5S). Ieri, all’unanimità, il Senato quella richiesta l'ha approvata, così da esaminare con urgenza i provvedimenti arrivati sull’asse Firenze-Roma. Entro Natale, ha spiegato la Bottici, la com. Giustizia avvierà l’esame. E si saprà l’esito di un lavoro che a luglio strappò lacrime dagl'occhi delle vittime: convinte di poter arrivare fino in fondo. Anche il Vice capogruppo al Senato di Ala, Riccardo Mazzoni, ha tagliato corto: «È uno scandalo nazionale»
    .
    E ora il Pd dovrà metterci la faccia. La domanda, intanto, rimane la stessa: perché sembra aver paura del Forteto?

 

 

Discussioni Simili

  1. Donzelli: "La Regione Toscana è ancora socia del Forteto"
    Di svicolone nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 27-11-16, 08:09
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-04-12, 00:38
  3. Una suora per aguzzino. Ancora scandali nella Chiesa
    Di Giordi nel forum Laici e Laicità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-02-11, 08:35
  4. Quando Repubblica era socia della cricca.
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-07-10, 05:16
  5. Appalti e scandali del Polo alla Regione: un dossier esplosivo
    Di Istèvene (POL) nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 10-11-07, 14:05

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226