Spagna, sezione partito comunista vince 56 milioni alla lotteria di natale - Repubblica.it

MADRID - La fortuna, questa volta, ha baciato i comunisti. Sarà che, dopo la crisi, l'austerità, i tagli allo stato sociale - e con la prospettiva di altri quattro anni di governo Rajoy - i militanti della sinistra più autentica non hanno intravisto altra via d'uscita. Fatto sta che a Pinos Puente, paese di undicimila abitanti in provincia di Granada con un altissimo tasso di disoccupazione, la sezione locale del Partito Comunista ha deciso di tentare la sorte acquistando biglietti della lotteria di Natale da distribuire tra iscritti e simpatizzanti. Un solo numero, il 4536 (ma dello stesso numero vengono vendute decine di serie, e ogni biglietto è diviso in decimi). Scelta magica, perché dall'estrazione realizzata al Teatro Real di Madrid dai bambini del collegio di San Ildefonso - come vuole la tradizione - il 4536 è risultato il biglietto vincente del secondo premio da 1.250.000 euro. Moltiplicato per le serie vendute, alla piccola località andalusa sono andati 56 milioni di euro.

E, si calcola, di questi almeno 32 destinati a militanti comunisti. La maggior parte persone che attraversano una situazione di grave difficoltà economica, ma tra loro anche qualche politico locale, come la deputata provinciale di Granada per Izquierda Unida (la coalizione, ora alleata a livello nazionale con Podemos, di cui fa parte il Pce) Carmen Capilla. E se qualcuno in paese, per distrazione, scetticismo, o magari perché non aveva a disposizione i 20 euro necessari ad acquistare un "decimo", è rimasto senza premio, niente paura: nel rispetto del principio "a ciascuno secondo le sue necessità", i più fortunati hanno subito assicurato che cederanno ad amici o parenti una parte dei loro 125mila euro (appunto il valore di un decimo del secondo premio della lotteria. Il sindaco socialista di Pinos Puente, Enrique Medina, non ha acquistato il biglietto. Ma esulta come, o forse più dei suoi concittadini: i 56 milioni di euro che piovono sulla località sono una quantità di denaro sette volte superiore al bilancio municipale. Un'inattesa boccata d'ossigeno in tempo di crisi.

In compenso, altri socialisti sono stati toccati dalla dea bendata. E' successo a Madrid, la capitale dove è stato venduto per intero il "gordo", il primo premio (da quattro milioni di euro) della lotteria di Natale. Una decina di impiegati della sede nazionale del Psoe hanno comprato un decimo

del biglietto vincente numero 66513, assicurandosi 400mila euro a testa. "Un gran finale per un anno difficile", esulta su Twitter la direzione nazionale socialista, meno di tre mesi dopo le giornate convulse che portarono alla destituzione del segretario generale Pedro Sánchez.