User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
Like Tree1Likes
  • 1 Post By GILANICO

Discussione: La RAI ""di sinistra"" che promuove la Chiesa Cattolica

  1. #1
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    7,120
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La RAI ""di sinistra"" che promuove la Chiesa Cattolica

    di Francesco D’Alpa Nei primi anni della TV pubblica in Italia, la presenza della religione era pressoché limitata alla trasmissione delle messe; una sorta di servizio sociale verso quanti non avevano la possibilità di raggiungere una chiesa. Un preciso accordo fra Vaticano e RAI prevedeva comunque pieno potere decisionale per la Chiesa per quanto riguardava la trasmissione, mentre la RAI avrebbe curato i soli aspetti tecnici. Oggi, in una società ampiamente secolarizzata, la religione cattolica è invece uno dei temi privilegiati dei palinsesti RAI, assieme a sport, telefilm, fiction, talk-show e reality. Lo sfondo religioso appare privilegiato perfino nei programmi di tipo storico, focalizzati soprattutto su fascismo, nazismo, papato e santi.

    Non si tratta di una scelta dettata dall’audience, giacché il pubblico sembra amare poco la teologia o il catechismo. Tutto avviene in modo quasi automatico, perché la maggior parte dei responsabili della programmazione e degli autori dei programmi sentono evidentemente di dovere fare così, adeguandosi ad un ipotetico senso comune religioso (tutto da verificare). In effetti, la religione cattolica viene presentata dalla TV pubblica sostanzialmente ancora come religione di Stato, con tutti i relativi privilegi: trasmissioni dedicate alle manifestazioni religiose cogestite con i rappresentanti della gerarchia ed i ministri del culto, priorità nei servizi informativi, rubriche strettamente religiose, diritto di parola sempre e comunque nelle questioni etiche.

    L’atteggiamento di rispetto verso i religiosi e le posizioni clericali è ancora quello di una società amministrata dalla politica, ma saldamente guidata dal clero. In tal modo, l’apparato RAI fornisce un chiaro supporto logistico alla Chiesa cattolica, che si va a sommare alle innumerevoli forme di sostegno economico dello Stato (otto per mille, oneri di urbanizzazione, esenzioni fiscali, ecc.).

    Quanto spazio ha la religione in RAI?

    Sembra certo corretto che nei palinsesti RAI trovino spazio le tematiche religiose, espressione di una importante realtà sociale e culturale del nostro paese; ma è ovvio che dovrebbero trovarvi spazio anche importanti (ma non gradite) realtà sociali e culturali in conflitto con la Chiesa cattolica. Il supporto offerto dalla RAI al (solo) Vaticano non è meramente tecnico, come hanno dimostrato occasioni abbastanza recenti (morte di Giovanni Paolo II, elezione di Benedetto XVI, Giubileo del 2000, Giornate m ondiali della gioventù). Esiste una consolidata struttura “RAI Vaticano” sostanzialmente ligia alle esigenze pastorali. Della sola religione cattolica la RAI (ma soprattutto RAI Uno) si occupa con un preciso progetto e con regolari rubriche d’informazione ed approfondimento (come la domenicale A sua immagine); ed è fortemente impegnata più o meno in tutti i grandi eventi della cattolicità romana (solennità liturgiche, viaggi papali, ecc.). E gli orari delle trasmissioni rivolte ai cattolici sono sempre quelli migliori per l’indottrinamento (tarda mattinata ed ora di pranzo), mentre le “concorrenti” Protestantesimo e Sorgente di vita sono relegate ad orari notturni ed incerti). L’informazione religiosa cattolica in RAI è puntuale, ma quasi esclusivamente verticistica. Direttamente o indirettamente, la RAI fornisce infatti sempre l’opinione del papa e dei suoi più stretti collaboratori circa i grandi temi (in particolare su morale e bioetica), lasciando poco o nessuno spazio a chi la pensi diversamente (dentro o fuori la Chiesa).

    Nonostante la fine del regno temporale della Chiesa di Roma, la RAI sembra identificare ancora nella persona e nel pensiero del papa regnante e delle gerarchie vaticane il comune sentire della “cattolica” Italia. Diretta delle cerimonie in Vaticano, messe, aggiornamenti della dottrina (ad esempio le encicliche ed i pronunciamenti delle varie Congregazioni) sono sempre commentati badando al gradimento della Santa Sede. La RAI è stata comunque accusata, da alcuni analisti, di “selezione distorsiva” della religione cattolica: troppa attenzione per le celebrazioni e carente comunicazione dei contenuti e dei vissuti di fede. Più che rendere visibile la religiosità dei credenti, i programmi televisivi RAI avrebbero contribuito a “clericalizzare” il cattolicesimo; in piena inversione di rotta rispetto a quanto voleva il Vaticano II. Infatti, se la televisione rende certamente più visibile la “religione” (lo storicamente ampio, ma non esclusivo, fondo religioso della nostra società), non per questo (e nonostante l’intenzione) fa di ogni trasmissione un evento strettamente religioso, in quanto il grosso pubblico, anche fra credenti, vive nel privato un modello secolarizzato ed abbastanza superficiale di religiosità, abbastanza distorto rispetto al modello di re ligiosità proposto dalla chiesa romana.

    D’altra parte, la ricerca dell’audience condiziona indubbiamente anche in RAI molte scelte di programmazione; ed appare sempre più frequente la proposizione di pseudo-dibattiti (spesso autoreferenziali, giacché le parti non sono realmente contrapposte; o, all’inverso, giocati su sterili reciproche provocazioni). E, paradossalmente, ciò sembra in qualche modo giovare alla Chiesa, in quanto attesta quanto sia “comunque” importante il parlare di religione e religiosità...

    Continua a leggere qui: https://www.uaar.it/uaar/ateo/archiv...0_6_art2.html/
    Si può portare un uomo fuori dalla schiavitù, ma potrebbe essere più difficile togliere la tendenza alla schiavitù da un uomo - rav Bekhor

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    7,120
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La RAI ""di sinistra"" che promuove la Chiesa Cattolica

    In anni successivi, soprattutto Giovanni Paolo II (il papa mediatico per eccellenza) è intervenuto spesso su questi temi. Basterà ricordare il suo “Messaggio per la 28° Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali” (24 gennaio 1994), che parte da quanto è ovvio, ovvero che “oggi, la televisione è una fonte primaria di notizie, di informazioni e di svago per innumerevoli famiglie fino a modellare i loro atteggiamenti e le loro opinioni, i loro valori e i prototipi di comportamento”. Per tale motivo, secondo lui, “la televisione può arricchire la vita familiare”, ma “può anche danneggiare la vita familiare: diffondendo valori e modelli di comportamento falsati e degradanti, mandando in onda pornografia e immagini di brutale violenza; inculcando il relativismo morale e lo scetticismo religioso; diffondendo resoconti distorti o informazioni manipolate sui fatti ed i problemi di attualità; trasmettendo pubblicità profittatrice, affidata ai più bassi istinti; esaltando false visioni della vita che ostacolano l’attuazione del reciproco rispetto, della giustizia e della pace”. Dunque “in quanto «cellula» fondamentale della società, la famiglia merita quindi di essere assistita e difesa con appropriate misure da parte dello Stato e delle altre istituzioni. Ciò sottolinea la responsabilità che incombe sulle autorità pubbliche nei confronti della televisione.” Proteggere la famiglia vuole ovviamente dire, secondo il papa, suggerirle o imporle esattamente i “valori cristiani”. Non a caso, mentre da una parte egli ricorda prima che “riconoscendo l’importanza di un libero scambio di idee e di informazioni, la Chiesa sostiene la libertà di parola e di stampa (cfr. Gaudium et Spes, n. 59)”, poi che “deve essere rispettato il diritto di ciascuno, delle famiglie e della società, alla «privacy», alla pubblica decenza e alla protezione dei valori fondamentali della vita” (Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, Pornografia e violenza nei mezzi di comunicazione: una risposta pastorale, n. 21)”; e alla fine proclama che “le autorità pubbliche sono invitate a fissare e a far rispettare ragionevoli modelli etici per la programmazione, che promuovano i valori umani e religiosi su cui si basa la vita familiare e che scoraggino tutto ciò che le è dannoso”. Dunque, come in altri ambiti, l’unico messaggio televisivo ammesso dovrebbe essere quello aderente ai dettami della Chiesa.
    Si può portare un uomo fuori dalla schiavitù, ma potrebbe essere più difficile togliere la tendenza alla schiavitù da un uomo - rav Bekhor

  3. #3
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    7,120
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La RAI ""di sinistra"" che promuove la Chiesa Cattolica

    Che tipo di religione viene presentata?

    Agli esordi della TV in Italia, oltre alle messe di precetto, le trasmissioni televisive in tema di religione erano per lo più costituite da brevi interventi affidati a noti predicatori, che presentavano una catechesi per famiglie. Dopo questa fase pionie ristica, negli anni Settanta, fu istituito in RAI un vero e proprio Ufficio Rubriche Religiose, con pieno controllo sull’informazione religiosa; della quale, nel frattempo, erano mutati lo scopo ed i metodi. Se infatti la “Inter Mirifica” proponeva in un certo senso di cristianizzare l’etere (in un periodo storico in cui almeno in Italia la televisione poteva assolvere la funzione di specchio di una società presunta cristiana, cui dare piena visibilità), nel tempo le cose sono cambiate. Ed oggi la (inedita, inattesa) visibilità della religione in televisione ha quasi più valenze propagandistiche; giacché il popolo che guarda la religione in TV non è un popolo che vive cristianamente, dunque ispirandosi a valori autenticamente (tradizionalmente) cristiani. Dal punto di vista dell’emittenza, sono stati descritti almeno tre tipi di religione “televisiva”: (a) una “religione-istituzione” (resoconti giornalistici, dirette dal Vaticano e dai luoghi di culto) che dà pieno risalto al messaggio dall’alto e non tiene conto delle istanze dal basso; (b) una “religione-spettacolo” (grandi eventi); (c) una “religione-incanto” (serie televisive, fiction, “speciali” inevitabilmente elogiativi dei vari personaggi chiave della cattolicità). In ogni caso si tratta di una religione sostanzialmente “da vedere”, generalmente “non partecipata”; priva di sentimento quando ritratta nei momenti istituzionali; assolutamente di parte negli aspetti agiografici.

    Qualcuno ha definito questa rappresentazione televisiva della religione “catodicesimo”, ovvero “cattolicesimo-televisivo-non-praticante”. Nel caso della RAI, si può ben parlare di “religione televisiva di Stato”, in quanto non solo essa non dà (o non dà sufficiente) voce a posizioni diverse o contrarie, ma neanche rispecchia ciò che invece percepisce il senso comune e ciò che mostrano tutti i sondaggi demoscopici e le indagini sociologiche: ovvero una generale religiosità (o meglio una pratica religiosa personale) abbastanza svincolata dalle linee guida vaticane. La risposta del pubblico non sembra comunque dipendere dai contenuti strettamente “religiosi” dei programmi. Nel caso delle fiction (ad esempio quelle sui papi e sui santi), molto seguite, lo spettatore viene facilmente coinvolto a causa della spettacolarizzazione del racconto e delle forti tinte sentimentali; al contrario, l’informazione strettamente confessionale e gli eventi liturgici hanno una bassa audience. In ogni caso, le ricerche sociologiche hanno dimostrato che chi segue le fiction religiose non aderisce (o non si riavvicina) alla religione cattolica tradizionale.
    Si può portare un uomo fuori dalla schiavitù, ma potrebbe essere più difficile togliere la tendenza alla schiavitù da un uomo - rav Bekhor

  4. #4
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    7,120
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La RAI ""di sinistra"" che promuove la Chiesa Cattolica

    Il pluralismo religioso in TV

    Praticamente non capita mai di assistere ad un programma televisivo RAI, che si occupi di religione, al quale partecipino solo dei non credenti. La presenza di almeno un prelato o opinionista di parte è la regola. Invariabilmente, le voci confessionali sovrastano per numero e per tempo a disposizione quelle contrarie. La personalità, la telegenicità e l’impatto sull’audience sembrano i più importanti criteri di scelta dei partecipanti, con effetti molte volte deleteri verso l’immagine pubblica del non credente. Al teologo-filosofo, ad esempio, si contrappone spesso un opinionista rissoso. Riguardo ai contenuti discussi, solitamente si evita di affrontare il cuore della fede (e non perché sia così scontato da non doverne parlare), preferendo i temi della morale, sui quali la chiesa vuole maggiormente imporre i suoi principi.
    Condorcet likes this.
    Si può portare un uomo fuori dalla schiavitù, ma potrebbe essere più difficile togliere la tendenza alla schiavitù da un uomo - rav Bekhor

 

 
Correlati:

Discussioni Simili

  1. "vescovo" Silvano è passato alla "Chiesa Cattolica Ortodossa Ecumenica"?
    Di 21k nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 20-01-17, 17:56
  2. Risposte: 70
    Ultimo Messaggio: 25-03-16, 16:14
  3. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 25-03-16, 14:22
  4. Risposte: 35
    Ultimo Messaggio: 09-04-10, 20:09
  5. " I soliti noti " : come si promuove lo "scontro di civiltà" ..
    Di EresiaMaxima nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-05-08, 17:42

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225