User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,585
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Buon viaggio, itaglia! All'inferno!

    da Nord a Sud….

    Di JLS , il 13 gennaio 2017

    Qualche giorno fa sono transitato per una stazione ferroviaria ed ho fatto scalo in un aeroporto del Sud Italia. Sono rimasto ad osservare l’umanità che popolava quei due luoghi di viaggio e di transito.
    Chi atterra da queste parti sa che le palme sono la decorazione d’ordinanza di questi luoghi. Oggi ondeggiano paurosamente, sbattute dalla forza del vento gelido che sibila sulla pista.

    Non sono rimasto colpito dai pochi passeggeri in circolazione, tutti infreddoliti me compreso. Il mare a pochi chilometri da qui è bellissimo, ma richiama tanti turisti non adesso che è pieno inverno.
    Sono rimasto colpito invece, dal numero di addetti in divisa presenti nell’aerostazione, con una superficie stimata di 900 – 1.000 mq, negozietti e box office compresi. Presenti tutte le tre armi: Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza. Non mancava anche qualche vigile del fuoco e della Protezione Civile. Circa 30 in tutto, esclusi i colleghi eventualmente accomodati in ufficio.
    A parte uno della GdF che all’uscita arrivi faceva annusare al cane lupo i bagagli a mano, i restanti colleghi “gironzolavano” per l’angusto luogo. Seduto con la visuale dell’intera hall aeroportuale, mi sono “gustato” questa mattutina scena d’ordinaria follia pubblica italiana.
    A gruppetti di quattro o cinque omogenei per arma di appartenenza tutti intenti a chiacchierare, ridere compiaciuti di argomenti che non riesco neppure a immaginare. Essendo mattino, tutti sono transitati sempre in gruppo per il caffè e il cornetto caldo. L’ho fatto anch’io avvicinandomi a questa umanità che non frequento e non conosco.
    Facendo finta di niente e attardandomi ad arte oltre i miei canonici 60 secondi per mangiare un cornetto e bere un caffè, ho origliato lo ammetto, i “ragionamenti” di questi eroi in divisa. Premesso che non ho pregiudizio per nessuno in genere, quindi neppure se porta la divisa, salvo constatare o sospettare che si tratti di fannulloni, parassiti o mangia pane a tradimento. La qual cosa mi produce un corto circuito, cui si aggiunge amarezza e rassegnazione se si tratta di dipendenti pubblici.
    Origliando dunque, ho appurato che gli argomenti di conversazione spaziavano dalle diatribe calcistiche a quelle sulla carenza di mezzi per il servizio, dalle notizie sull’ultimo politico in odore di malaffare inquisito, a quelle relative al freddo e al gelo.

    Ieri mi trovavo in Piemonte in un’azienda che nel 2000 contava 1.800 dipendenti contro i 275 attuali. Ho dovuto necessariamente fare qualche paragone tra quella fabbrica e questo aeroporto e questa stazione. Risparmio a tutti i lettori i miei amareggiati pensieri. So per certo che chiunque lavora nel mercato privato come me, comprende. Chi lavora nel pubblico e prende un salario proveniente dalla predazione fiscale, pensi quello che gli pare evitando tuttavia con commenti a sproposito di costringermi a replicare con una raffica di arma da guerra.
    Ammetto di essere stato tentato di fissare cautamente con qualche fotogramma i gruppetti in uniforme, per inviarli ai corrierones italioti. Ho desistito rassegnato. Di sfacelo nazionale, spesa pubblica, corruzione, tasse e morte economica, parassitisimo di ogni genere, i giornali scrivono dal dopo guerra, i risultati sono tutti intorno a noi.
    Tuttavia una domanda me la pongo e ve la pongo:
    30 addetti in servizio in un aeroporto minore e desolato d’inverno, a me sembrano decisamente sproporzianti. Per circa due ore non ho visto effettuare controlli, attività di sicurezza o assistenza, e mi chiedo: chi è il responsabile (anch’egli in divisa fino ad arrivare all’attuale pelato degli interni nato a Reggio Calabria, cioè al sud) di questo dislocamento massiccio di addetti a far nulla? quanti cittadini stamattina avrebbero avuto bisogno davvero di un controllo, di un’assistenza o protezione da malfattori e bulli in circolazione? Un addetto alle pulizie al quale mi sono rivolto “senta, ma come mai tutte queste forze dell’ordine?” mi ha risposto scuotendo la testa: “cosa vuole, tutti gli imboscati amano i luoghi al chiuso”

    Arrivato in stazione, prima di prendere il treno mi è toccato di osservare persino uno in divisa con un distintivo dorato “SERVIZIO ANTIEVASIONE”. Buon viaggio itaGlia.


    da Nord a Sud.... - Rischio Calcolato | Rischio Calcolato
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,585
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Buon viaggio, itaglia! All'inferno!

    Ficarra-Picone, difficile essere onesti

    I comici, 'in L'ora legale la realtà ci ha superato a destra'

    FOTO
    © ANSA+CLICCA PER INGRANDIRE


    Redazione ANSAROMA13 gennaio 201717:21NEWS


    • Suggerisci
    • Facebook
    • Twitter
    • Google+
    • Altri





    • Stampa
    • Scrivi alla redazione


    Pubblicità 4w

    Promozione Conto Webank
    Webank: 0 Spese, 0 Canone in più 120€ in Buoni Acquisto.
    Apri il tuo conto Ora!


    Anno nuovo, auto nuova!
    Inizia il 2017 cambiando ogni giorno auto. Ora puoi!
    Scopri come



    Archiviato in








    (ANSA) - ROMA, 13 DIC - Onestà tutta da ridere ne L'ora legale, sesto film di Ficarra e Picone in sala dal 19 gennaio con Medusa in oltre 600 copie. Il racconto di un paese siciliano animato dalla voglia di cambiare il sindaco corrotto Gaetano Patanè (Tony Sperandeo) con uno onesto, Pierpaolo Natoli (Vincenzo Amato) che diventa, proprio per la sua onestà, subito inviso ai suoi stessi elettori, ricorda molto la realtà italiana di oggi.
    "Abbiamo iniziato a girarlo due anni fa - dicono i due comici che a febbraio tornano a condurre Striscia La Notizia - e siccome la realtà ci superava a destra abbiamo dovuto spesso aggiustare la sceneggiatura per non fare riferimenti a quello che stava succedendo". Nel cast anche Leo Gullotta, nel ruolo di un prete proprietario di un B&B su cui non vuol pagare le tasse.
    Spiega Ficarra: "In ogni singolo cittadino si nasconde un Patanè se viene toccato nei suoi interessi. In fondo abbiamo solo cercato di guardare all'Italia ridendo. Una cosa che abbiamo sempre fatto anche a Zelig".

    Ficarra-Picone, difficile essere onesti - Ultima Ora - ANSA.it


    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  3. #3
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,585
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Buon viaggio, itaglia! All'inferno!

    Ficarra-Picone, difficile essere onesti

    I comici, 'in L'ora legale la realtà ci ha superato a destra'

    FOTO
    © ANSA+CLICCA PER INGRANDIRE



    (ANSA) - ROMA, 13 DIC - Onestà tutta da ridere ne L'ora legale, sesto film di Ficarra e Picone in sala dal 19 gennaio con Medusa in oltre 600 copie. Il racconto di un paese siciliano animato dalla voglia di cambiare il sindaco corrotto Gaetano Patanè (Tony Sperandeo) con uno onesto, Pierpaolo Natoli (Vincenzo Amato) che diventa, proprio per la sua onestà, subito inviso ai suoi stessi elettori, ricorda molto la realtà italiana di oggi.
    "Abbiamo iniziato a girarlo due anni fa - dicono i due comici che a febbraio tornano a condurre Striscia La Notizia - e siccome la realtà ci superava a destra abbiamo dovuto spesso aggiustare la sceneggiatura per non fare riferimenti a quello che stava succedendo". Nel cast anche Leo Gullotta, nel ruolo di un prete proprietario di un B&B su cui non vuol pagare le tasse.
    Spiega Ficarra: "In ogni singolo cittadino si nasconde un Patanè se viene toccato nei suoi interessi. In fondo
    abbiamo solo cercato di guardare all'Italia ridendo. Una cosa che abbiamo sempre fatto anche a Zelig".

    Ficarra-Picone, difficile essere onesti - Ultima Ora - ANSA.it

    Già!
    Peccato che noi, dovendo mantenere questa disonestà insita nei terry, ridiamo MOLTO meno!
    Padania non è itaglia!



    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-09-14, 16:53
  2. Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 03-03-12, 20:23
  3. Buon viaggio.
    Di Corsaro nel forum Hdemia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-11-09, 02:42
  4. Risposte: 67
    Ultimo Messaggio: 16-05-07, 08:02
  5. Viaggio Al Centro Dell'inferno
    Di Dottor Zoidberg nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 09-08-05, 03:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226