User Tag List

Risultati da 1 a 1 di 1
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 May 2010
    Messaggi
    34
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up Islam-Usa un alleanza contro l'Europa dei popoli

    Dimanche, 6 août 2000

    Islamisme-Etats-Unis, une alliance contre l'Europe (Italien)

    "Il vero volto del fondamentalismo islamico"
    (o la strana alleanza tra l'islamismo e i servizi segreti americani)
    da Alexandre del Valle

    Riassunto del saggio e presentazione dell'autore
    Fin dagli anni 30, gli Stati-Uniti appoggiano il regime fondamentalista wahabita d'Arabia saudita, « epicentro del terremoto islamico nel mondo », riprendendo e seguendo la diplomazia della « leva confessionnale » dell'impero britannico. Nell'ambito della Guerra Fredda e della lotta contro « l'impero del Male » sovieto-comunista, e sopratutto a partire dalla guerra in Afghanistan, i servizi segreti americani hanno armato ed addestrato la maggior parte dei movimenti islamisti (o cosiddetti « integralisti » musulmani) nel mondo, dai fondamentalisti siriani e egiziani (Fratelli musulmani, Gamaà, etc), al FIS e al GIA algerini, ed anche, fino al 1995, il Hamas palestinese. Più paradossalmente ancora, Washington ha indirettamente favorito l'ascesa al potere di Khomeyni in Iran, provocando la caduta dello Scià, e poi venduto armi ai Mullah durante la guerra Iran-Irak (Iran Gate). In un passato molto più recente, gli Stati Uniti hanno incoraggiato, fino al 1997, gli ultra-anti-occidentali Talibani di Kabul, in collaborazione con i servizi pakistani e sauditi. Appoggiati negli anni 80 dalla CIA, i cosiddetti « Afghani » (ex-volontari della Jihad anti-sovietica) hanno esteso dappertutto la nuova rivoluzione islamica internazionale. Ora, la base mondiale più violenta e sovversiva del terrorismo islamico non è più l'Iran dei Mollah, ma il « polo » sunnita Pakistan-Afghanistan finanziato e sostenuto dall'Arabia Saudita e messo in piedi da Washington, la cui responsabilità nella crescita della piaga islamico-terrorista nel mondo e in Occidente (sopratutto in Europa) è schiacciante.
    Questa strana strategia americana pro-islamista, anche detta della « cintura verde », oggi appare particolarmente paradossale, soprattutto dopo gli attentati antiamericani del World Trade Center nel 1993, di Nairobi e dar Es-Salam in agosto 1998, o ancora quello contro l'incrociatore americano ad Aden nell'ottobre 2000.
    Oggi, l'America considera l'organizzazione internazionale terrorista di Bin Laden, e i fondamentalisti islamisti in generale, come il Nuovo Nemico. Ma in verità, la cinica alleanza tra lo Zio Sam e la scimitarra islamica non è stata ancora realmente rotta da Washington. In verità, proprio la guerra del Golfo - ed il conseguente terribile embargo di dieci anni contro il popolo iracheno - e la presenza di soldati americani « infedeli » in terra santa islamica « vietata » (haram) d'Arabia Saudita, hanno provocato l'ira degli ex-alleati fondamentalisti degli Americani contro Washington e l'Occidente in generale. Nei fatti, la guerra del Golfo consacrò la morte del nazionalismo arabo più laico e diede il via all'Islamismo radicale, come si osserva ora in Cecenia, Daghestan, Kashmir, Pakistan, Sudan, Algeria, Balcani, e nella maggior parte dei paesi musulmani, prime vittime dell'integralismo islamico. L'ex-alleato incontrollabile degli Americani sembra essere scappato di mano al suo antico-prottetore per diventare il Nemico assoluto. Ma le cose sono in realtà molto più complesse e la responsabilità americana nell'ascesa del pericolo fondamentalista sunnita continua a produrre effetti pericolosi nel mondo intero. Non per caso fu Bin Laden stesso (miliardario saudita ex-comandante della « Legione islamica » anti-russa in Afghanistan, sotto controllo della CIA), attuale capo del « Fronte Internazionale Islamico », ad appiccare il fuoco terrorista islamo-separatista in Cina (Xin Jang), in India (Kashmir), in Bosnia ed anche in Kosovo, dove il Pentagono accettò la presenza, nella direzione dell'UCK (addestrata ed armata dai servizi tedeschi, turchi, croati e sopratutto americani, nonchè da agenzie « private » americane di « consiglio militare » vicine al Pentagono come la MPRI o Duncop) e di stretti collaboratori del terrorista Bin Laden, come Ahmad Zawahiri.
    Nei fatti, la strategia americana pro-fondamentalista, parzialmente ancora valida nel Golfo, nel Caucaso e nei Balcani, anche se molto criticata da alcuni strateghi americani come Henri Kissinger o Samuel Huntington, è fondata su quattro principali obiettivi a medio e lungo termine :
    - impedire la rinascita dell'ex nemico russo-sovietico tramite la « cintura verde » turco-islamista, favorendo l'indipendenza dei paesi musulmani dell'ex Unione sovietica per fare perdere a Mosca il controllo delle riserve e delle vie del petrolio e del gas ;
    - conservare a qualsiasi prezzo buoni rapporti con l'Islam, che possiede 75% delle risorse di petrolio nel mondo, e che rappresenta più di un miliardo di fedeli sempre più anti-occidentali, ma, allo stesso tempo, consumatori di prodotti e tecnologie americane senza essere concorrenti...
    - creare Stati musulmani e pro-turchi nei Balcani, focolai di tensione e d'instabilità, per esasperare gli « scontri di civiltà », non solamente tra Islam e Ortodossia ma sopratutto tra Europa occidentale ed Europa post-Bizantino-ortodossa. In tal modo, a causa dello stesso problema islamico, si puo' giustificare l'allargamento della Nato, buttare (« roll back ») la Russia fuori dall'Europa (« Nuovo Containment »), e tagliare l'Europa in due, grazie ad una « Nuova Cortina di Ferro e di Sangue », ed al risveglio dello scontro di civiltà tra Ortodossi e « Occidentali ».
    - controbilanciare (e farsi « perdonare »), con questa strategia islamica, la politica pro-israeliana di Washington, dando all'Islam nuove basi in Europa, e lasciando perdere poco a poco i nazionalisti israeliani (accordi di Oslo),
    - impedire la costruzione di un'Europa forte ed indipendente favorendo l'entrata della Turchia in Europa, l'infeudazione di quest'ultima alla Nato, e trasformandola (escludendone Russi e Serbi) in un protettorato americano, una « testa di ponte geostrategica dell'America » (Z. Brzezinski), una « zona morbida » (Gallois), ma prima di tutto un luogo di consumo dei prodotti americani.
    Nell' ex-yougoslavia, la strategia pro-islamica e pro-albanese dei servizi americani, inaugurata in Bosnia e accentuata durante la « guerra del Kosovo », in funzione anti-serba e anti-ortodossa, porto' al sorprendente appoggio americano e occidentale ai Mujahidin bosniaci venuti dall'Afghanistan o da tutto il mondo arabo, e agli ultra-nazionalisti dell'UCK che realizzarono, nel « Kosovo indipendente » una purificazione etnica contro i non-Albanesi.
    Ma anche adesso che gli Stati Uniti e l'Unione europea sembrano avere deciso di abandonnare gli ex-alleati dell'UCK (chiamati ieri « combattenti della libertà » e oggi « terroristi »), per appoggiare i regimi democratici della nuova Serbia di Kustuniça e della fragile Macedonia, l'idra del separatismo e la « questione albanese » continuano a destabilizzare i Balcani.
    Come si è visto in Arabia Saudita, in Pakistan, in Afghanistan, in Cecenia, in Asia centrale, e adesso nei Balcani, la strategia americana di « neo-containment » fondata sulla promozione dei focolai di tensione islamo-nazionalisti anti-russi e anti-ortodossi, è stata una scelta geostrategica molto pericolosa, sempre più difficile da controllare, e, dobbiamo dirlo, suicida a lunga scadenza per l'Occidente. Adesso che il fuoco del fondamentalismo e del separatismo è acceso dappertutto, è quasi impossibile fermarlo. Finora, il rischio è stato sottostimato, ma rapprensenta di sicuro una gravissima minnaccia per la pace mondiale.
    Di fronte alle nuove minnacce rappresentate dal fanatismo religioso anti-occidentale e dalle guerriglie separatiste - e le terribili reazioni previdibili contro esse - che emergono in tutto il mondo (« sindrome del Kosovo »), dalla Cecenia all'Afghanistan, passando per i Balcani, i Filippini, l'Africa o l'Indonesia, gli Stati Uniti, l'Europa occidentale e la Russia dovrebbero capire che la Guerra Fredda è ormai finita e che l'interesse commune di queste diverse componenti della civiltà « euro-occidentale » è di collaborare assieme per promuovere la loro sicurezza e la democrazia.
    Inoltre, rinunciare a una Nuova Guerra fredda contro la Russia, che l'Amministrazione repubblicana Bush jr sembra di volere fare resuscitare, e promuovere i legami tra l'Occidente e l'ex-Blocco sovietico, sarebbero le vie più sicure per avvantaggiare la democratizzazione e l'occidentalizzazione del mondo « post-bizantino », invece di continuare ad utilizzare la « cintura verde » turco-islamica per ridurlo.
    Alexandre del Valle, ricercatore all' Istituto Internazionale di Studi Strategici (Parigi-Ginevra), specialista di politica internazionale e pboblemi strategici, scrive in parecchie riviste francesi di geopolitica (Hérodote ; Stratégique, Limes), o di attualità politica (Le Figaro, Figaro Magazine, Spectacle du Monde, Panoramiques, etc).
    E l'autore di un saggio prefato dal General Pierre Marie Gallois, iniziatore della « force de frappe » atomica francese e consigliere del Generale De Gaulle : « Islamisme-Etats-Unis, une alliance contre l'Europe » (L'Age d'Homme, 1997).
    Questo libro ha conosciuto un grande successo in Francia, ed è stato tradotto in paracchie lingue : inglese, russo (con la prefazione di Evgueni Primakov), serbo-croato, portoghese e, adesso, in italiano, sotto il titolo : « Il vero volto del fondamentalismo islamico, o la strana alleanza tra l'islamismo e i servizi secreti americani »).
    Nella prefazione del libro « I prigionieri del Jihad (Guerini, 1998), l'ambasciatore Sergio Romano parla di un « libro interessante e controverso (...). Alexandre del Valle sostiene che gli Stati Uniti si servono dell'islam per una politica sostanzialmente ostile all'Europa. (...). Cio' che è accaduto dall'inizio degli anni Novanta conferma queste impressioni. (...). E una tesi discutibile (...), ma dimostra a contrario che ‘ci sono più cose nel cielo e nella terra' di quante non ne sospetti il filisofo Samuel Huntington » (pp XXII-XXIII).
    In Italia, il libro di Del Valle é anche stato citato nella Stampa, nel Giornale eppure nella rivista di geopolitica Limes.

    Alexandre del Valle est géopolitologue, auteur de nombreux articles et ouvrages dont "Le Totalitarisme Islamiste" et "Le Dilemme Turc" parus aux éditions des Syrtes.

    Islamisme-Etats-Unis, une alliance contre l'Europe (Italien) - Blog Géopolitique d'Alexandre del Valle
    Ultima modifica di Paysage d'Hiver; 27-07-10 alle 12:27

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 30-06-12, 12:07
  2. Eurasia-Islam contro la Russia e contro l'Europa!
    Di Iafet nel forum Destra Radicale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 20-08-08, 19:18
  3. Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 22-05-07, 20:11
  4. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 18-09-06, 18:46
  5. Europa contro i popoli
    Di friuli nel forum Politica Europea
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-09-02, 16:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226