User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree3Likes
  • 2 Post By MaIn
  • 1 Post By Klauss Von Grebur Paiton

Discussione: Inquinamento da Pfas in Veneto, al via il monitoraggio delle persone e degli alimenti

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,481
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Inquinamento da Pfas in Veneto, al via il monitoraggio delle persone e degli alimenti

    Pfas: inquinamento in Veneto. Al via il monitoraggio di persone e alimenti


    La Giunta regionale del Veneto ha annunciato due piani di monitoraggio per verificare la presenza e gli eventuali effetti su persone e alimenti delle sostanze perfluoroalchiliche (Pfas), che sono riconosciute come interferenti endocrini correlati a patologie riguardanti pelle, polmoni e reni. I comuni interessati dall’inquinamento delle acque da Pfas sono una sessantina, nelle province di Vicenza, Verona e Padova. L’azienda chimica indicata come responsabile dell’inquinamento è la Miteni di Trissino, in provincia di Vicenza, che è specializzata nella produzione di molecole fluorurate per la farmaceutica, l’agricoltura e l’industria tecnica. L’azienda, però, esclude proprie responsabilità. In base ai risultati del biomonitoraggio condotto dall’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con la Regione Veneto, che ha coinvolto un campione di 507 persone, quelle interessate dalla contaminazione sarebbero 250.000, di cui 60.000 esposte a un livello maggiore di contaminazione. Attraverso l’acqua, i Pfas hanno contaminato anche quasi tutta la catena alimentare, dove dovrebbero essere assenti, come hanno indicato le analisi effettuate su alcuni campioni dai servizi veterinari e di igiene delle aziende sanitarie locali, diffuse nel settembre 2015, ma poi giudicate inaffidabili e allarmistiche.
    La Regione stima che per il primo anno di attività del monitoraggio saranno necessari circa tre milioni di euro. Le prime lettere di convocazione per entrare nello screening, che è su base volontaria, sono già partite e riguardano i ragazzi di 14 anni. Tutte le prestazioni saranno esenti da ticket, così come le eventuali cure che dovessero emergere come necessarie. Il monitoraggio della popolazione esposta ai Pfas interesserà circa 85.000 persone, comprese tra i 14 ed i 65 anni. Per le donne in gravidanza e per i lavoratori dell’azienda produttrice di queste sostanze verrà avviato un piano di sorveglianza ad hoc. Un comunicato della Regione informa che coloro che risulteranno “con concentrazioni sieriche di Pfas superiori all’intervallo di normalità e/o alterazioni degli esami bioumorali o dei valori pressori, verranno presi in carico dal proprio medico di famiglia ed inseriti in un percorso assistenziale di II° livello per la diagnosi tempestiva di eventuali patologie correlate all’esposizione a Pfas”.
    Per quanto riguarda il monitoraggio degli alimenti, l’obiettivo è di stimare il livello di contaminazione da Pfas nelle principali produzioni agro-zootecniche dell’area a rischio e individuare i livelli di sicurezza di tali contaminanti negli alimenti. I risultati ottenuti dovranno poi essere correlati ai dati sui consumi alimentari della popolazione della zona a rischio, al fine di stimare l’esposizione per via alimentare, compresa la fonte idrica. Le matrici alimentari sono state selezionate in base alla rilevanza delle produzioni agro-zootecniche e il campionamento coinvolge sia le aziende industriali sia quelle familiari e per autoconsumo. I campioni di origine animale dovranno essere inviati all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, mentre quelli di origine vegetale saranno inviati all’Agenzia Regionale per l’Ambiente del Veneto, accompagnanti dalla scheda di campionamento. Per quanto riguarda la durata del monitoraggio degli alimenti, la Regione afferma che “il campionamento sarà effettuato nell’arco temporale necessario per garantire il rispetto della stagionalità delle produzioni coinvolte nel piano”.
    A fianco di questa comunicazione pubblica della Regione Veneto sul monitoraggio delle conseguenze dell’inquinamento da Pfas, ce n’è una riservata del 16 novembre, di cui dà conto il sito Venetovox, che si occupa delle cause della contaminazione e che è stata inviata dal segretario generale della sanità della Regione Veneto, Domenico Mantoan, agli assessori alla sanità, all’ambiente e all’agricoltura, in cui si chiede “ai soggetti istituzionalmente competenti la tempestiva adozione di tutti i provvedimenti urgenti a tutela della salute della popolazione volti alla rimozione della fonte di contaminazione ivi comprese le opportune variazioni degli strumenti pianificatori di competenza”.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    29 Apr 2015
    Messaggi
    847
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Inquinamento da Pfas in Veneto, al via il monitoraggio delle persone e degli alim

    Composti perfluorurati sono estremamente stabili, per questo vengono impiegati. La cosa negativa è che se vanno a finire in natura, poi ci rimangono perchè non esistono ancora batteri che li disgregano...

    "Cosa provocano alla salute di uomini e bambini?
    Queste sostanze sono classificate come cancerogene di classe 2b e hanno attività di interferenti endocrini. Cancerogeni di classe 2b significa che sono sicuramente cancerogeni per gli animali e possibilmente per gli uomini. Possibilmente perché i dati disponibili non sono sufficienti per i pochi studi condotti. Servono urgengemente studi.
    La regione veneto potrebbe condurre uno studio con scarso utilizzo di risorse umane ed economiche, semplicemente pubblicando i dati relativi alla mortalità per le malattie tumorali e per quelle non tumorali che si sospetta siano causate dai PFAS e i dati sull’incidenza di tumori posseduti dal registro tumori del veneto. Ma non cìè la volontà politica di pubblicare questi dati evidentemente."

    C'è una campagna di Greenpeace su queste contaminazioni: PFAS e altri PFC mettono a rischio la salute. Il caso veneto | Greenpeace Italia

    E c'è chi l'aveva detto da tempo: Pfas, M5S: "Causano malattie. La Regione sapeva, ma ha sempre taciuto"
    Regina di Coppe likes this.
    http://entrainfantasia.blogspot.it/

    "In tempi passati alberi e uomini erano buoni amici" Hayao Miyazaki

 

 

Discussioni Simili

  1. Inquinamento da PFAS nel territorio Vicentino
    Di Scipione nel forum Veneto
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-06-16, 08:59
  2. Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 29-01-13, 18:29
  3. Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 02-03-10, 20:29
  4. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 15-02-07, 18:06
  5. L'inquinamento Usa? Colpa degli altri
    Di ardimentoso nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-03-05, 11:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226