User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree2Likes
  • 2 Post By Josef Scveik

Discussione: Destre europee in marcia. Come si combattono?

  1. #1
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,945
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    363 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Destre europee in marcia. Come si combattono?

    Immancabilmente, la destra europea più rognosa ha festeggiato a Coblenza la vittoria di Donald Trump, nella convinzione che il vento sia girato dalla sua parte.

    L'olandese Geert Wilders (atteso vincitore delle elezioni politiche in marzo), Marine Le Pen, Matteo Salvini, e Frauke Petry – più gruppuscoli minori – si sono visti alla Rhein-Mosel-Halle e lanciato proclami baldanzosi. Con qualche solida chance soltanto i primi due, mentre la leader tedesca dell'Afd e il leghista “Mi metto i doposci per andare in video” possono solo accarezzare il sogno di una prestazione migliore del solito.

    Tutti comunque convinti dell'effetto domino che dovrebbe derivare a loro favore dall'accoppiata Brexit-Trump. Naturalmente omettono – tutti – di ricordare l'Oxi al memorandum della Troika in Grecia (che ha aperto la stagione dei rifiuti di massa ai diktat dell'establishment multinazionale, confermando al tempo stesso l'inconsistenza del “riformismo”), così come anche il referendum italiano (che ha avuto una fortissima componente di sinistra, in difesa della Costituzione antifascista oltre che per affossare il ducetto di Rignano).

    Le loro parole d'ordine sono state ovviamente contro l'euro e la stessa Unione Europea (quest'ultima con toni molto più sfumati, comunque). Ma ovviamente nessuna traccia di critica al terzo pilastro del dominio imperialista: la Nato.

    Il calcolo della destra è evidente, così come il rischio: che si formi davvero un movimento di massa di estrema destra per la prima volta in Europa dalla caduta del nazifascismo.

    Che vada combattuto è ovvio. Il problema è come si fa? La domanda cui va data risposta, per agire di conseguenza, è semplice: come si è formato questo pericolo? Non c'è alcun dubbio – lo riconoscono ormai persino i leader europei, quando parlano in casa propria, mentre cambiano linguaggio nei vertici continentali – che l'intreccio tra crisi economica, globalizzazione-delocalizzazione produttiva e austerità abbia alimentato un malessere sociale interclassista, che ha saputo in parte riconoscere il nemico (Unione Europea) e uno degli strumenti (la moneta unica).

    In questo “fronte sociale” altamente composito la leadership culturale-ideologica è stata inzialmente esercitata soprattutto dalle destre, che hanno usato i migranti come “nemico fisico”, quello debole e facilmente raggiungibile. Se si ragiona in termini di classi, questa leadership è rappresentata – non dappertutto e in ogni caso non totalmente – dalla piccola e media imprenditoria, quella che sopravvive grazie al mercato interno e non può né esportare, né tantomeno delocalizzare. La saldatura con settori del lavoro dipendente privo di rappresentanza sia sindacale che politica (complice l'asservimento dei “grandi sindacati confederali” e lo spappolamento delle sinistre socialdemocratiche e/o presunte “radicali”) è stata abbastanza semplice. Del resto, in gradi aree dei paesi europei (ma anche degli Stati Uniti), il grosso della “piccola impresa” è fatta di commercianti, esercenti, semiartigiani (officine di riparazione e manutenzione, ecc). Figure sociali insomma immerse nel “popolo” e abituate ad orientarne gli umori con la semplice, economicamente fisiologica, presenza quotidiana.

    Figure sociali senza visione, nostalgiche del buon tempo andato, quando potevano guadagnare relativamente molto “mettendo il dito sulla bilancia”. Ora, invece, sono costrette allo sconto, incalzate dalla grande distribuzione multinazionale. Figure sociali dalla visione angusta, individualiste (quindi “anticomuniste” viscerali) e invidiose del grande capitale che le annienta.

    Tutto molto vecchio e conosciuto… Ma come si sottrae il nostro blocco sociale – lavoratori dipendenti con qualsiasi tipo di contratto (voucher compresi), partite iva monocommittenti, disoccupati, pensionati, senza casa, ecc – a questa egemonia di destra?

    La via facile, offerta immediatamente dai grandi media mainstream del grande capitale, è quella di chiamare a raccolta tutti e chiunque per arrestare “i populismi”, senza più nemmeno distinguere tra quelli di destra, quelli di sinistra (non necessariamente “radicalissimi”) e quelli social-confusi (i grillini, per restare in Italia). E' la via sempre accettata dalle sinistre mosce e senza più idee (da Bertinotti a Sel, agli epigoni di Toni Negri), ed è una via senza uscita. Il traguardo finale è quello di ritrovarsi a difendere l'ordine messo in crisi, e quindi – nel quadro geopolitico attuale, dominato da Usa, Cina e Russa – a sostenere un'integrazione più stretta dell'Unione Europea, la difesa dell'euro, delle politiche di austerità (magari appena un po' addolcite) e della Nato (magari sotto forma di “esercito comune europeo”, per cui del resto stanno già lavorando). Ci si ritrova insomma a mettersi contro il proprio blocco sociale (massacrato dall'integrazione europea ordoliberista, dall'austerità e dal differenziale di produttività che rende l'euro un vantaggio per l'industria tedesca e una maledizione per tutti gli altri) facendo da spalla al capitale multinazionale neoliberista, ricco di plusvalenze ma povero di “truppe sociali”.

    Volete un esempio più chiaro? Volete un'immagine? Eccola: Bertinotti seduto sulla poltrona di presidente della Camera, conteso da tutti i salotti della Roma bene, mentre i suoi elettori venivano maciullati dal “pacchetto Treu”, prima falla legislativa nella diga dei diritti dei lavoratori in questo paese.

    La destra estrema si combatte a livello sociale, costruendo un movimento di massa esplicitamente contro i nemici veri: Unione Europea, euro e Nato. E' una via faticosa e difficile? Certamente. Ma storicamente si è dimostrata l'unica in grado di contrastare e sconfiggere i fascismi storici.

    Soprattutto è l'unico modo di organizzare i nostri in modo indipendente e razionale, con una visione internazionalista e non “da piccolo cortile”. E' l'unico modo di non ritrovarsi ancora una volta con il nemico che marcia alla nostra testa.

    E' l'esperienza positiva che abbiamo fatto con il no sociale alla controriforma costituzionale. E' la strada che cerchiamo di percorrere partecipando alla Piattaforma sociale Eurostop. C'è bisogno della partecipazione di tutti, ma si parte dalla chiarezza. Le scorciatoie, in territori impervi, portano quasi sempre nel baratro…

    Destre europee in marcia. Come si combattono? | Contropiano
    MaIn and amaryllide like this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    31,175
    Mentioned
    591 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Re: Destre europee in marcia. Come si combattono?

    Citazione Originariamente Scritto da Josef Scveik Visualizza Messaggio
    omettono – tutti – di ricordare l'Oxi al memorandum della Troika in Grecia
    su questo, non vedo cosa dovrebbero ricordare, il "compagno" Tsipras che piscia in testa alla volontà popolare? Possono anche farlo, così prendono ancora più voti.
    l rischio: che si formi davvero un movimento di massa di estrema destra per la prima volta in Europa dalla caduta del nazifascismo.
    E poi che ci fanno? I fascismi di 80 anni fa "dovettero" (per i problemi economici che ogni fascismo porta inevitabilmente con se) guerreggiare, questi contro chi, e con quali truppe combattono, che non hanno nemmeno le palle per cacciare la Nato? Contro gli immigrati? E poi i padroncini che votano FN and co chi sfruttano in nero?
    "Una vecchia barzelletta sovietica, diceva, cos’è il deviazionismo? È andare dritti quando la linea va a zig zag. Ecco, io sono un deviazionista"

 

 

Discussioni Simili

  1. Per molti, ma non per tutti. L’università secondo le destre europee
    Di Monsieur nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 60
    Ultimo Messaggio: 01-09-12, 11:37
  2. Convegno delle destre radicali europee a Milano
    Di C@scista nel forum Destra Radicale
    Risposte: 132
    Ultimo Messaggio: 27-04-09, 14:18
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-09-06, 17:25
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-06-04, 20:26
  5. Austria, Haider: sogno di unire le destre europee
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 31-07-02, 01:05

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226