User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,570
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Kattokomunismo di bassissima lega. E di pessimo gusto.

    Il Papa detta la linea sui migranti, banani in Piazza Duomo e quel bullismo radical sul figlio di Trump

    Di Mauro Bottarelli , il 24 gennaio 2017 0 Comment






    “Quanti fuggono dai propri Paesi a causa della guerra, delle violenze e delle persecuzioni hanno diritto di trovare adeguata accoglienza e idonea protezione nei Paesi che si definiscono civili”. Queste le parole pronunciate ieri da Papa Francesco durante l’incontro con la Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo, esortando i magistrati a “dedicare ogni sforzo, specialmente nel contrasto della tratta di persone e del contrabbando dei migranti”. Se poi vi avanza tempo per espellerne qualcuno o evitare che nascano ghetti tipo Molenbeek, meglio, altrimenti poco male.

    Cari laicisti dei miei coglioni, quelli che non appena arriva l’inizio di dicembre cominciano a rompere i coglioni contro presepi e recite scolastiche nelle scuole, in nome dello Stato laico, nulla da dire al riguardo? Tutto bene che un capo di Stato estero, perché tale è il Papa nella loro visione della cose, metta becco nell’amministrazione della giustizia italiana e nelle priorità del contrasto alla criminalità? Perché se così fosse, allora non è la laicità dello Stato a starvi a cuore, vi sta sui coglioni il Natale, perché dovete fare i Charlie Hebdo de noantri. Ma si sa, quando c’è di mezzo il migrante, va bene tutto, si fanno i patti anche con il diavolo. O con l’acquasanta, a scelta.

    Nel suo discorso, Bergoglio ha definito quelli legati alla tratta di essere umani “reati gravissimi che colpiscono i più deboli fra i deboli”. Al riguardo, stando al Santo Padre, sarebbe necessario “incrementare le attività di tutela delle vittime, prevedendo assistenza legale e sociale di questi nostri fratelli e sorelle in cerca di pace e di futuro”. Papa Francesco ha poi chiesto a Dio di toccare il cuore dei mafiosi “affinché si fermino, smettano di fare il male, si convertano e cambino vita. Il denaro degli affari sporchi e dei delitti mafiosi è denaro insanguinato e produce un potere iniquo. Tutti sappiamo che il Diavolo entra dalle tasche. È lì la prima corruzione”, le parole di Papa Francesco.

    E, in effetti, la gestione allegra dello Ior di Paul Casimir Marcinkus ci dimostra come in Vaticano sappiano bene di cosa parlano, quando trattano certi argomenti. Il problema è che il Papa, nel suo ruolo, è obbligato a dire certe cose, però compiendo un cortocircuito logico: non si può invocare lotta senza quartiere al fenomeno della tratta degli schiavi e, al tempo stesso, accoglienza per tutti. Se accogli tutti, creando spesso e volentieri false speranze, non solo inganni ma stimoli le partenze e, quindi, il traffico che si arricchisce su quei viaggi della speranza. Se poi pensiamo che la nostra Guardia Costiera, tanto per non lasciare nulla di intentato, va a prenderli direttamente in acque territoriali libiche, hai voglia a invocare la lotta contro il traffico di essere umani.


    Ma siccome lo dice il Papa, allora è sacrosanto. E la cosa divertente è che sono i mangiapreti i primi a farsi scudo delle parole che giungono dal Vaticano, quando fanno comodo alla loro causa. Io da un comunista non mi aspetto che citi Papa Bergoglio a sostegno delle sue tesi ma i comunisti non sono più quelli di una volta, sono qualcosa di ibrido: hanno svenduto la lotta al classe e l’internazionalismo al mondialismo globalista, hanno contrabbandato la spinta popolare della lotta con l’elitarismo della protesta a favore dello status quo, pur ammentandosi da ribelle anti-sistema.

    La sinistra, di fatto, è il custode e l’ascaro dell’establishment: lo è quando scende in piazza contro Donald Trump, mascherando il reale intento con un generico sostegno alla dignità femminile nel mondo (qualcuno dica loro che era la democraticissima e utero-munita Hillary Clinton a firmare i contratti di vendita delle armi all’Arabia Saudita, Paese dove Madonna o Miley Cyrus sarebbero già state lapidate all’età di 8 anni e che non ha avuto problemi, pur vantando una vagina, a farsi finanziare il 20% della campagna elettorale dai femministi convinti di Ryad) ma lo è anche quando spaccia per dovere di accoglienza un piano di rimozione del residuo di classe media esistente, proletarizzando ulteriormente la società e livellando al ribasso non solo i regimi salariali ma gli stessi standard di vita. A te non va bene questo contratto o questo affitto? Aziz ne è deliziato, quindi vai pure a fare in culo.

    Queste patetiche figure mitologiche dello show-business, metà sacerdote vestale del potere e metà ribelle maledetto, mi fanno tornare alla mente un passo di “L’Imparfait du présent” di Alain Finkielkraut: “E’ schiumando di rabbia contro il fascismo in piena ascensione che l’arte contemporanea fa man bassa delle istituzioni culturali… Vivono come una sfida eroica all’ordine delle cose la loro adesione piena di sollecitudine alla norma del giorno. Il dogma, sono loro; la bestemmia pure. E per darsi arie da emarginati insultano urlando i loro rari avversari. In breve, coniugano senza vergogna l’euforia del potere con l’ebbrezza della sovversione”. Touché.

    In compenso, in nome del Dio denaro che – formalmente – dovrebbe contrastare, la sinistra è pronta non solo a scendere a patti con quelle multinazionali che condanna all’ora dell’aperitivo per fare bella figura ma anche a fottersene dei sentimenti religiosi e di appartenenza dei propri concittadini, oltre che della storia stessa, permettendo scempi a cielo aperto come quello che sta per perpetrarsi nella mia Milano. Già, perché se bisogna ascoltare il Papa quando si tratta di migranti, i dollari di Starbucks porteranno in Piazza Duomo palme e banani, tipiche piante ambrosiane, come d’altronde cous cous e kebab rappresentano le eccellenze gastronomiche, altro che osso buco e risotto giallo. Già, perché Milano ospiterà il primo punto vendita italiano del caffè annacquato globale, il quale elargirà moccaccini e frappuccini a una banda di decerebrati dal prossimo mese di aprile nel cuore spirituale e civico della città.

    L’arrivo di Starbucks porterà in dote una accordo con il Comune per il rifacimento della aiuole verdi di piazza Duomo: “Una collaborazione tra pubblico e privato”, per citare la nota dell’assessore al Verde, Pierfrancesco Maran, che si augura possa essere un modello proficuo “nel trovare soluzioni che rendano più belle e curate le aree verdi della città”. Con l’idea di dare “un tocco esotico alla piazza”. Ora, solo per questo andrebbe preso e cacciato da Milano con il foglio di via, perché di esotico sotto la Madonnina non c’è mai stato niente e mai dovrà esserci. E invece no, perché pur di garantirsi i verdoni di Starbucks, il progetto è quello di portare “in uno dei luoghi simbolo della città palme, banani e fioriture alternate durante le stagioni, in modo da garantire sempre vivacità e colore”. E c’è poco da fare, almeno a livello ufficiale: la soprintendenza ha detto di sì al progetto, fanno sapere dal Comune. Quindi, banani e palme in Piazza Duomo. Beppe Sala sarà ricordato, oltre che per Expo, anche per aver portato la giungla a Milano. Progetto coerente, in effetti, vista la quantità d risorse che la mia città sta ospitando e continuerà ad ospitare, anche in ossequio ai desiderata del Vaticano (dove, che io sappia, di centri profughi ce ne sono pochini). Dagli orti di guerra del fascismo ai banani di Starbucks: evviva il progresso.

    Non c’è nulla da fare, l’ipocrisia governa il mondo e il politicamente corretto ne detta i tempi e i modi. E, oltretutto, succedono cose con timing straordinario. Venerdì, come immagino saprete, ricorrerà la Giornata della Memoria e il martellamento mediatico è già iniziato, anche con qualche sgradevole accostamento tra l’arrivo di Donald Trump alla Casa Bianca e il fatto che il mondo possa sperimentare una nuova stagione d’odio. Indovinate chi è stato il primo ad azzardare il parallelo? Proprio Papa Francesco. Ma si può fare, perché se attacchi chi attacca l’establishment vale la legge del beduino (il nemico del mio nemico è mio amico), quindi qualsiasi puttanata viene derubricata a libera espressione. E applaudita.

    Peccato che il primo emendamento non valga per Trump, ad esempio. O anche per chi ha un pensiero difforme da quello generalmente accettato e con il bollo di ceralacca del politicamente corretto. In compenso, le anime belle della sinistra possono permettersi di sbertucciare in Rete il figlio minore di Donald Trump, Barron, definendolo autistico e coprendolo di contumelie degne dei bulli scolastici, gli stessi contro cui si scagliano un giorno sì e uno pure ma soltanto se a farne le spese è uno studente gay o un immigrato. E invece, Barron non è autistico, è semplicemente un bambino che ha il marchio d’infamia di non essere figlio di Barack Obama ma di Donald Trump. Eh già, se sei la progenie di uno che ha bombardato mezzo mondo sei bello e intelligente, se invece discendi da uno che vuole riportare il lavoro in America e chiudere un po’ le porte di casa, allora sei autistico.

    A far partire il tiro al bersaglio è stato un collage su Youtube, visto da 3 milioni di persone, con momenti in cui il giovane rampollo del Tycoon, per caso, sbadigliava, faceva linguacce, sonnecchiava e strabuzzava all’improvviso gli occhi, si divertiva a fare “bu bu settete” al nipotino, mentre a pochi centimetri padre e madre erano impettiti e assorti in importanti atti istituzionali. E’ un bambino, mi pare normale, cosa dovrebbe fare? Leggere Tolstoj? Discutere con gli agenti del Secret Service se è meglio la Glock o la Beretta? E invece no, non va bene: è sicuramente autistico. Strano, perché quando si mettevano in discussione le condizioni di salute di Hillary Clinton in campagna elettorale si scomodava subito lo sciacallaggio, qui invece va benissimo, è un linciaggio politicamente corretto. Di un bambino di 10 anni. Dunque, se per caso si apostrofa come “frocio” un omosessuale o come “negro” un senegalese, la Boldrini apre il tribunale speciale, l’inquisizione del politically correct e vieni mangiato vivo. Se invece copri di insulti il figlio di Trump, arrivando al cattivo gusto di diagnosticare malattie solo per colpire politicamente il padre, sei parte della nuova resistenza, per citare quel coglione di Bruce Springsteen.





    Il tutto è cominciato un paio di mesi, quando l’attrice (garbato eufemismo, visto che è passata alla storia per la sua magistrale interpretazione nel film sui Flinstones) Rosie O’Donnell lanciò il seguente tweet: “Barron Trump autistico? Nel caso lo fosse quale straordinaria opportunità per portare l’attenzione sull’epidemia di autismo”. Peccato che andando a vedere i suoi tweet dall’8 novembre in poi, si scopre una sequela di contumelie contro Donald Trump: detto fatto, tweet cancellato e scuse del caso. “Non volevo offendere nessuno, a settembre scorso anche a mia figlia hanno diagnosticato una forma di autismo, da quel giorno mi sono immersa in quel mondo. E un’epidemia”. Peccato che le statistiche dicano che si ammala un bimbo su 55. Scusate, com’era la faccenda della post-verità?

    Il Papa detta la linea sui migranti, banani in Piazza Duomo e quel bullismo radical sul figlio di Trump - Rischio Calcolato | Rischio Calcolato
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,570
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Kattokomunismo di bassissima lega. E di pessimo gusto.

    Milano, cambia look il verde al Duomo con palme e banani - Vivere Green - ANSA.it

    Milano, cambia look il verde al Duomo con palme e banani

    Ok dalla soprintendenza. Sponsor dell'operazione Starbucks




    Redazione ANSA MILANO 23 gennaio 201715:04



    © ANSA+CLICCA PER INGRANDIRE


    Cambia look piazza Duomo a Milano con il restyling delle aiuole dove appariranno palme, banani, e piante con la fioritura che si alterna nelle diverse stagioni.

    Sponsor dell'operazione Starbucks, che a Milano aprirà il suo primo caffè e che ha vinto il bando del Comune.

    Il progetto, ha sottolineato l'assessore al Verde Pierfrancesco Maran, "ha ricevuto il benestare della Soprintendenza". "Le piante sempreverdi daranno un tocco esotico alla piazza, mentre gli alberi attualmente presenti verranno ripiantati in altre aree di Milano", ha aggiunto.

    L'installazione, ideata dall'architetto Marco Bay, che prevede un impianto di irrigazione automatica, resterà nella piazza per tre anni. Dove già ora si trovano le aiuole, cioè di fronte al Duomo, dietro al monumento a Vittorio Emanuele II, ci saranno filari in cui si alternano palme e banani, che sono piante sempreverdi. A completare l'opera piante che fanno fiori di diverse tonalità di rosa: a primavera bergenie, d'estate ortensie ed hibiscus, in autunno canne cinesi giganti. A terra ghiaia scura.

    "Siamo molto orgogliosi - ha aggiunto il presidente di Starbucks EMEA Martin Brok - di regalare alla città di Milano un bellissimo giardino".



    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    48,815
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Kattokomunismo di bassissima lega. E di pessimo gusto.

    Mallah, del sindaco Youssef Salah.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  4. #4
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,663
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Kattokomunismo di bassissima lega. E di pessimo gusto.

    i milanesi dovrebbero far qualcosa di concreto... in primis non metter piede da Starbucks

    ma si sa già che ci sarà la coda per correr dietro all'ultima americanata

    è successo anche quando il rimbambimento dei ciulaPadani era su percentuali più basse di adesso

  5. #5
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,570
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Kattokomunismo di bassissima lega. E di pessimo gusto.

    I giovani e anche quelli non più tali non vedono l'ora di poter girare col bicchiere di schifezza-beverozzo in mano.
    Farà in.
    Si sentiranno all'avanguardia.
    Del rincoglionimento.
    Questo è inquietante.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  6. #6
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    25,565
    Mentioned
    400 Post(s)
    Tagged
    29 Thread(s)

    Predefinito Re: Kattokomunismo di bassissima lega. E di pessimo gusto.

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio
    In compenso, le anime belle della sinistra possono permettersi di sbertucciare in Rete il figlio minore di Donald Trump, Barron, definendolo autistico
    vista l'ossessione yankee per l'ADHD, dire che sia autistico non è necessariamente un insulto, eh...
    "Una vecchia barzelletta sovietica, diceva, cos’è il deviazionismo? È andare dritti quando la linea va a zig zag. Ecco, io sono un deviazionista"

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    20 Jan 2011
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    15,362
    Mentioned
    204 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito Re: Kattokomunismo di bassissima lega. E di pessimo gusto.

    Concordo con quanto avete scritto, ma a rischio di diventare noioso, tutto dipende dal fatto che la stragrande maggioranza dei milanesi (ma anche in altri posti) è arci-convinta di essere italiana. E, lo sappiamo, l'Italia è una non-Nazione, quindi è inevitabile che si idolatrino tutte le schifezze straniere.

    Prima che i milanesi tornino a pensarsi lombardi sarà necessario che la situazioni si deteriori ulteriormente, il che ovviamente non è per nulla piacevole.

  8. #8
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,570
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Kattokomunismo di bassissima lega. E di pessimo gusto.

    Citazione Originariamente Scritto da carter Visualizza Messaggio
    Concordo con quanto avete scritto, ma a rischio di diventare noioso, tutto dipende dal fatto che la stragrande maggioranza dei milanesi (ma anche in altri posti) è arci-convinta di essere italiana. E, lo sappiamo, l'Italia è una non-Nazione, quindi è inevitabile che si idolatrino tutte le schifezze straniere.

    Prima che i milanesi tornino a pensarsi lombardi sarà necessario che la situazioni si deteriori ulteriormente, il che ovviamente non è per nulla piacevole.
    Si.
    Peccato che quando la situazione si sarà deteriorata ulteriormente dei milanesi faranno hamburger se va bene.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  9. #9
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,570
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Kattokomunismo di bassissima lega. E di pessimo gusto.

    E' sparito l'intervento di amaryllide sui Bananos.
    Qualcuno sa spiegare il perchè?
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  10. #10
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,570
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Kattokomunismo di bassissima lega. E di pessimo gusto.

    E' sparito l'intervento di amaryllide sui Bananos.
    Qualcuno sa spiegare il perchè?
    E non è scomparso solo qui, ma pure dall'elenco dei suoi messaggi.
    Forse è possibile cancellarsi i propri messaggi?
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 31-08-14, 12:31
  2. Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 13-12-08, 15:15
  3. Attacco a FC, pessimo gusto e senza fine
    Di SibriumCenobita nel forum Cattolici
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 10-06-07, 16:02
  4. Pochi figli in Sardegna,media bassissima!
    Di Pisittu nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 13-04-07, 20:34
  5. Forza italia, pessimo gusto
    Di L'Uomo Tigre nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 06-03-03, 10:03

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226