User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Parsifal Corda

Discussione: il falso mito della persecuzione dei pagani

  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito il falso mito della persecuzione dei pagani

    Qualche mese fa si è parlato di un ritorno al culto degli dèi in Grecia, con relativa diffusione del politeismo e della tradizione etnica. Ad accompagnare la notizia anche la segnalazione della distruzione di una chiesa ortodossa sull’isola di Creta da parte dei “seguaci di Zeus”: oltre ad atti di vandalismo sono state depositate feci al suo interno e sono comparsi messaggi contro il cristianesimo sulle pareti della chiesa.Questo perché i seguaci neo-pagani vedono il cristianesimo come una religione che ha sostituito le pratiche religiose degli antichi greci, e per certi versi, lo avrebbe fatto con la violenza. Ma è davvero andata così? Innanzitutto, bisognerebbe ricordare cosa accadde prima che il cristianesimo divenne religione predominante dell’impero romano.La più famosa e iniziale persecuzione ai danni dei cristiani originò dall’imperatore Nerone che, secondo la studiosa italiana Marta Sordi, ordinario di Storia greca e Storia romana all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha provocato «qualche centinaio di vittime» (M. Sordi, I cristiani e l’impero romano, Jaca Book 2011, p.31). L’oppressione continuò con l’imperatore Domiziano (81-96 d.C.), mentre sotto l’imperatore Traiano (98-117 d.C.) il cristianesimo venne considerato illecito. Nel 112 Plinio il Giovane, governatore della Bitinia, scrisse: «Io chiedo loro di persona se sono cristiani, e se loro ammettono, io ripeto la domanda una seconda e poi una terza volta, avvertendoli della punizione che li attende. Se persistono, ordino che vengano portati via per essere giustiziati» (Lettere, Rizzoli 2009, 10.96). Soltanto nel 260 venne abrogata la legge della trasgressione capitale, ma le persecuzioni ricominciarono sotto l’imperatore Galerio nel 305 d.C. che -secondo il prof. Timothy Barnes dell’University of Edinburgh-, era nientemeno che «un pagano fanatico» (T. Barnes, Constantine and Eusebius, Harvard Univeristy Press 1981, p.19), il quale fece pagare ai cristiani le avversità che avevano colpito l’impero.L’editto di Galerio (a nome di Diocleziano) del 303 «mise al bando tutti i raduni cristiani, comandò che tute le scritture cristiane fossero bruciate, estromise i cristiani dai pubblici uffici. In tutto, circa tremila capi e membri illustri furono giustiziati, e migliaia di altri furono condannati alla schiavitù e mandati in miniera» (M. Grant, “The History of Rome, Faber and Faber 1978, p.308). Nel 311, Galerio, sul letto di morte, revocò tutti i decreti che aveva fatto promulgare contro i cristiani e ordinò che essi pregassero per la sua guarigione. La cosa più incredibile è che, nonostante questa profonda persecuzione, «la rapida crescita della popolazione cristiana continuò!» (R. Stark, Il trionfo del cristianesimo, Lindau 2012, p.195). L’Editto di Milano, emanato nel 313 da Costantino, stabilì la libertà di culto per tutte le religioni e pose fine alle persecuzioni contro i cristiani nell’Impero romano.Come spiegato dal rinomato sociologo Rodney Stark, docente alla Baylor University, «moltissimi romani, sopratutto appartenenti all’èlite politica, credevano sinceramente che fossero stati gli dei a rendere Roma quel grandioso impero che era diventata. Stando così le cose, il cristianesimo costituiva un chiaro insulto nei confronti degli dei». I persecutori romani, ha proseguito, «prestarono attenzione anzitutto ai leader della Chiesa. I vescovi di Roma e Antiochia furono torturati e giustiziati quasi contemporaneamente, i vescovi di Gerusalemme e Antiochia morirono in prigione, diversi cristiani ordinari furono catturati, fra cui varie anziane inermi come Apollonia di Alessadria a cui furono rotti i pochi denti rimasti prima di essere arsa viva» (R. Stark, Il trionfo del cristianesimo, Lindau 2012, p.188-191).Da Costantino in poi, sopratutto quando i suoi figli presero il potere, la situazione politica si capovolse e l’opposizione antipagana arrivò con gradualità. La cosiddetta “persecuzione pagana” da parte dei cristiani si concretizzò in diversi templi e statue abbattute, testi bruciati e forte opposizione ai sacrifici cruenti, spesso umani, compiuti dai fedeli pagani e conseguente proibizione delle pratiche divinatorie che li contemplavano (l’ultimo editto dell’imperatore Teodosio, ad esempio, recitava: «È nostra volontà e piacere che nessuno dei nostri sudditi, sia magistrato o cittadino privato, nobile o plebeo, presuma in qualsiasi città o luogo, adorare un idolo inanimato col sacrificio di vittime innocenti»). Alcune cose sono però da puntualizzare: innanzitutto, la chiusura dell’Accademia di Atene da parte dell’imperatore Giustiniano nel 529, citata spesso come esempio dell’oppressione dei cristiani nei confronti dei pagani, è da ritenersi «l’azione isolata di un monarca tirannico, un evento significativo solo per i diretti interessati e ben lontano dalla fine della filosofia antica», come ha scritto lo storico inglese James Hannam, il cui lavoro è entrato nella rosa dei candidati per il premio della British Society for the History of Science. Al contrario, per quanto riguarda la distruzione della biblioteca di Alessandria, «la storia che l’imperatore cristiano Teodosio la abbia distrutta», ha scritto sempre Hannam, «è chiaramente una finzione».Anzi, sempre lo storico inglese Hannam ha ricordato che se conosciamo la letteratura latina, «dobbiamo ringraziare la Chiesa per quello che abbiamo». Furono infatti i monaci cristiani a ricopiare i testi classici, conservandoli nel tempo e permettendo la loro sopravvivenza. La sua conclusione è che «non è mai avvenuta una distruzione indiscriminata della letteratura antica da parte del cristianesimo istituzionale; non c’è stato alcun tentativo di sopprimere la scrittura pagana di per sé, le opere magiche ed esoteriche sono state trattate esattamente nello stesso modo di come lo erano sotto gli imperatori pagani, che non le apprezzavano molto; con alcune eccezioni, il rispetto per la cultura pagana era diffuso tra i cristiani; la sopravvivenza della letteratura classica è quasi interamente attribuibile agli sforzi dei monaci cristiani che hanno laboriosamente copiando a mano i testi».Effettivamente durante il governo degli imperatori “cristiani” (bisognerebbe poi aprire un capitolo sulla loro reale devozione, al di là della convenienza politica) non sembra si siano affatto verificate le violente stragi che hanno invece caratterizzato il dominio pagano sui cristiani. Ci fu certamente un conflitto politico-religioso -caratterizzato da azioni certamente condannabili, oggi- ma nessun dilagante spargimento di sangue. Lo storico Giovanni Filoramo, ordinario di Storia del Cristianesimo all’Università di Torino, ha infatti scritto che il cristianesimo tentò di eliminare l’errore, non coloro che erravano. Al di là di singoli episodi violenti, riconducibili ad una forma di guerriglia urbana, la legislazione degli imperatori “cristiani” imponeva e rendeva legittimo il contrasto alla religione pagana ma mai autorizzava la lotta armata per la loro eliminazione fisica (G. Filoramo, La croce e il potere, Mondadori 2011, pag. 361). Nel periodo costantinopolitano, ha spiegato ancora lo storico italiano, «l’appoggio ai cristiani non si tradusse in persecuzione antipagana, né Costantino si indusse mai a rifiutare la collaborazione dei pagani e la loro presenza a corte e nelle cariche più alte» (G. Filoramo, Storia del cristianesimo. L’antichità, Laterza 2008, p. 292). Il paganesimo venne maggiormente osteggiato dai figli di Costantino, ma le loro «non numerose leggi» a vantaggio della chiesa cristiana «non costituirono in nessun caso una dichiarazione di guerra alla vecchia religione» (p. 302). In particolare, «non avevano contenuti specificamente antipagani, ma risentivano della moralità cristiana le leggi che condannavano la pederastia (alla pena capitale) e il matrimonio tra consanguinei» (p. 303). E ancora: «il processo di cristianizzazione fu lento e talvolta desultorio», vi furono tentativi di ristabilire il vecchio culto (noto quello di Giuliano, in particolare) ma «il nuovo mondo cristiano mostrò di avere vitalità sufficiente per superare ritardi e battute di arresto» (p. 303).Tra il 361 e il 365 d.C. si inasprirono le sanzioni imperiali verso il culto pagano, ma «neanche in questo caso si trattò di una persecuzione antipagana» (p. 312), ha precisato ancora Filoramo. Più controverso, infine, il governo di Teodosio dove vennero promulgate durissime pene (anche la condanna a morte) verso chi celebrava i sacrifici pagani: fu «proibita ogni forma di culto non cristiano», in particolare «adorare gli idoli, innalzare loro degli altari e immolare vittime in loro onore» (p. 323). Tuttavia, uno dei pochi casi realmente cruenti verso i pagani fu la strage in seguito alla ribellione di Tessalonica (generata per non aver permesso i giochi annuali): il vescovo di Milano Ambrogio, venutone a conoscenza, scrisse sdegnato a Teodosio chiedendo di umiliarsi davanti a Dio e invitandolo a chiedere pubblicamente perdono (cfr. Epistola 51). «Ambrogio insorse a condannare l’inumano massacro e scomunicò l’imperatore», scrive Filoramo. «Abbandonò Milano e annunziò che non vi avrebbe fatto ritorno fino a quando l’imperatore non avesse fatto pubblica penitenza. Anche questa volta Teodosio cedette e, sconfessando il proprio operato, fece pubblico atto di riparazione» (p. 329).Parlare di “persecuzione” violenta dei pagani è altamente scorretto dal punto di vista storico, sopratutto quando si finge di dimenticare la vera persecuzione, fatta di morte e sangue, che subirono sistematicamente i cristiani fino all’arrivo dell’imperatore Costantino (indipendentemente dalla veridicità o meno della sua conversione).
    Il falso mito dei pagani perseguitati dai cristiani | UCCR
    aspetto chi dirà: e allora Ipazia? (ovviamente deplorevole, ma parte di una vulgata antistorica)
    Haxel likes this.
    ϟ qualis vibrans


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,953
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: il falso mito della persecuzione dei pagani

    Stark ha fatto un elenco dove gli imperatori, fino alla fine dell'impero stesso avevano non pochi collaboratori pagani
    sebbene ci fu il divieto del culto pagano, le violenze erano sporadiche e comunque il paganesimo continuò ad esistere fino al 6 secolo dc, l'accademia di Atene fu veramente un caso di tirannia in quanto in realtà la cultura pagana in particolare quella platonica era bene accetta ( vedesi Sant'Agostino) e la biblioteca di Alessandria venne distrutta in realtà dai musulmani, solo una parte venne distrutta, ma come danno indiretto perché dei libri stavano in un tempio pagano, ma tutto il resto venne tutelato.
    Ipazia venne uccisa quando il paganesimo ad Alessandria non era già più una minaccia e venne uccisa o per fanatismo di alcuni ( non è provato minimamente il mandato di Cirillo) o addirittura per ragioni politiche ( Ipazia appoggiava un esponente del cesaropapismo) .
    anche il cosidetto lager antipagano in realtà è una bufala dove erano rinchiusi persone accusate di magia e sedizione già utilizzata dai pagani
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: il falso mito della persecuzione dei pagani

    Citazione Originariamente Scritto da Haxel Visualizza Messaggio
    Stark ha fatto un elenco dove gli imperatori, fino alla fine dell'impero stesso avevano non pochi collaboratori pagani
    sebbene ci fu il divieto del culto pagano, le violenze erano sporadiche e comunque il paganesimo continuò ad esistere fino al 6 secolo dc, l'accademia di Atene fu veramente un caso di tirannia in quanto in realtà la cultura pagana in particolare quella platonica era bene accetta ( vedesi Sant'Agostino) e la biblioteca di Alessandria venne distrutta in realtà dai musulmani, solo una parte venne distrutta, ma come danno indiretto perché dei libri stavano in un tempio pagano, ma tutto il resto venne tutelato.
    Ipazia venne uccisa quando il paganesimo ad Alessandria non era già più una minaccia e venne uccisa o per fanatismo di alcuni ( non è provato minimamente il mandato di Cirillo) o addirittura per ragioni politiche ( Ipazia appoggiava un esponente del cesaropapismo) .
    anche il cosidetto lager antipagano in realtà è una bufala dove erano rinchiusi persone accusate di magia e sedizione già utilizzata dai pagani
    ottima sintesi, aggiungo che c'era un Vescovo cristiano addirittura seguace di Ipazia.
    ϟ qualis vibrans


  4. #4
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,953
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: il falso mito della persecuzione dei pagani

    Citazione Originariamente Scritto da Parsifal Corda Visualizza Messaggio
    ottima sintesi, aggiungo che c'era un Vescovo cristiano addirittura seguace di Ipazia.
    si infatti tra l'altro il film dedicato a Ipazia ( Agorà) è abbastanza fedele a livello storico, l'unica cosa è che enfatizza molto il fondementalismo che i cristiani avrebbero avuto all'epoca, che c'era, ma non proprio contro la cultura antica

    basti pensare che dove si diffuse il neoclassicismo ( quindi proprio gli stili di quel paganesimo che tanto la vulgata odierna enfatizza sia stata distrutta dal cattolicesimo) era proprio nel mondo cattolico, altrimenti passati nell'oblio

    altra questione di critica furono la negazione delle Olimpiadi, ma bisogna considerare degli aspetti:

    era una forma sportiva che già era in crisi, in quanto i romani imposero la loro partecipazione, quando era solo un evento greco, era un evento per gli dei pagani, c'erano usanze pagane, il fuoco acceso non era solo un simbolo di un inizio delle attività ma era rivolta alle divinità, in più si gareggiava nudi una pratica che era considerata sconveniente, perché non c'era neanche più motivo che le donne non potessero partecipare ad eventi ludici o parteciparvi come già in alcuni casi era accaduto
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

 

 

Discussioni Simili

  1. La persecuzione dei pagani per mano cristiana
    Di GILANICO nel forum Fondoscala
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 18-09-14, 09:53
  2. Società civile, naufraga il falso mito della sinistra
    Di salvo.gerli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-06-13, 16:55
  3. IL FALSO MITO DELLA RAZZA ARIANA!
    Di GILANICO nel forum Storia
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 03-06-13, 12:00
  4. IL FALSO MITO DELLA RAZZA ARIANA
    Di GILANICO nel forum Padania!
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 16-04-13, 13:54
  5. Il FALSO Mito Del Valore forte Della Famiglia Ispanica
    Di Jenainsubrica nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 19-02-06, 18:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226