Londra, stop a minigonne e tacchi a spillo: una legge contro discriminazioni sessuali in materia di abbigliamento - Repubblica.it

LONDRA - E' cominciato tutto con il licenziamento di una segreteria della City che rifiutava di indossare scarpe con il tacco alto. Adesso la questione è approdata al parlamento britannico e potrebbe finire con una nuova legge per mettere al bando le discriminazioni sessuali in materia di abbigliamento. Il rapporto della Women for Equalities Commission, presentato ieri alla camera dei Comuni, rivela che il caso di Nicola Thorp, la segretaria sospesa dal lavoro in una società londinese di consulenze finanziarie perché insisteva per portare scarpe basse, è tutt'altro che unico. I legislatori sono stati inondati di proteste e segnalazioni da donne a cui i datori di lavoro imponevano non soltanto i tacchi a spillo ma anche di mettere la minigonna, usare abbondante trucco, avere lo smalto alle unghie e perfino sbottonare la camicetta davanti ai clienti uomini durante lo shopping pre-natalizio.

Imposizioni di questo tipo, afferma il rapporto, sono già di fatto proibite dall'Equality Act, una legge del 2010, ma le disposizioni in materia vengono spesso ignorate dalle aziende e le dipendenti, oltre a sentirsi umiliate, non sempre hanno il coraggio di sporgere denuncia per il timore di perdere il posto. Come è successo nel dicembre 2015 a Nicola Thorp, che tuttavia il coraggio lo ha avuto, ha protestato aprendo una petizione online che ha raccolto in breve 150 mila firme, costringendo il parlamento ad aprire un dibattito e il governo a occuparsi della vicenda. Le possibili conseguenze sono emerse questa settimana con il risultato dell'indagine della camera dei Comuni.

"Dalle testimonianze che abbiamo raccolto è chiaro che bisogna fare di più per impedire simili imposizioni", afferma la deputata Helen Jones, presidente della commissione parlamentare. "Il sistema attualmente in vigore finisce per favorire il datore di lavoro a scapito dei diritti delle dipendenti". La commissione propone perciò una campagna nazionale per riaffermare i doveri delle aziende, i diritti delle donne che lavorano e un ruolo più attivo dei tribunali per applicare sanzioni punitive più severe ai violatori. Se questo non bastasse, tuttavia, il parlamento ritiene che sarà necessario approvare una nuova legge specificatamente diretta al problema dell'abbigliamento femminile sul posto di lavoro. Il rapporto nota che, oltre a risultare psicologicamente offensivo, l'ordine di indossare tacchi alti espone le donne a dolori e rischi per la salute. Un portavoce di Theresa May commenta che i "codici di abbigliamento"




sul lavoro devono essere "ragionevoli", rispettare norme equivalenti per uomini e donne e non discriminare: "Casi come quelli riportati sono inaccettabili e il governo si impegnerà affinché la legge sia rispettata nel pieno senso della normativa".