User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14
Like Tree2Likes

Discussione: Theodor Adorno

  1. #1
    J. e K. incel
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    6,043
    Mentioned
    274 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Theodor Adorno

    Theodor Adorno nacque a Francoforte nel 1903, in una famiglia colta e benestante. Suo padre, un commerciante di vini, era di origine ebraica ma si convertì al protestantesimo all'università. Fino all'età di circa vent'anni Adorno pensava di intraprendere la carriera di compositore, ma alla fine si concentrò sulla filosofia. Nel 1934 gli fu impedito, per motivi "razziali", di insegnare in Germania. Perciò si trasferì ad Oxford e, più tardi, a New York e poi a Los Angeles. Era nello stesso tempo affascinato e disgustato dalla cultura dei consumi californiana, e rifletté con insolita profondità sull'abbronzatura e sui drive-in. Adorno aveva uno stretto rapporto con il pioneristico Istituto di ricerca sociale, noto anche come Scuola di Francoforte, fondato e finanziato dal suo amico Felix Weil. L'Istituto mirava a elaborare un'interpretazione psicologica dei problemi creati dal capitalismo moderno, soprattutto quelli riguardanti la cultura e la mentalità che genera. Adorno ha attirato l'attenzione su tre specifiche modalità con cui il capitalismo ci corromperebbe e ci degraderebbe:

    1. Il tempo libero diventa tossico. Adorno riteneva che un obiettivo fondamentale dei filosofi progressisti dovesse essere lo studio dei pensieri e dei sentimenti delle classi lavoratrici e medie dei paesi sviluppati e, in particolare, del modo in cui passano le serate e i fine settimana. Adorno aveva un'idea molto ambiziosa di quale dovesse essere lo scopo del tempo libero. Anziché un modo per rilassarsi e distrarsi, il tempo libero dovrebbe essere la nostra principale opportunità per espandere e sviluppare noi stessi, per conquistare la nostra natura migliore e per acquisire gli strumenti con cui cambiare la società. È il tempo in cui potremmo guardare film che possano aiutarci a comprendere le nostre relazioni con nuova chiarezza o leggere libri che ci diano intuizioni nuove sulla politica o ascoltare musica che ci dia il coraggio di riformare noi stessi e la vita collettiva. Ma, nel mondo moderno, secondo Adorno il tempo libero è caduto nelle mani di una macchina dell'intrattenimento onnipresente e profondamente maligna, che chiamò "industria culturale". I film moderni, la tv, la radio, le riviste (e oggi i social media) agli occhi di Adorno sembravano concepiti per renderci distratti, incapaci di comprendere noi stessi e privi di volontà di modificare la realtà politica. Le notizie, per esempio, ci danno in pasto un misto di stupidaggini volgari e cronache politiche che confonde qualunque possibilità di comprendere la prigione a cielo aperto in cui viviamo. Il cinema ci mostra le avventure di un'invasione aliena, mentre le vere calamità del nostro mondo vengono trascurate. La musica pop si concentra senza tregua sulle emozioni dell'amore romantico, suggerendo che la felicità possa arrivare soltanto dall'incontro con una persona molto speciale, anziché sensibilizzarci sui piaceri della comunità e di un'empatia umana più generale e diffusa. Vaghiamo in musei e gallerie intimamente incerti sul loro vero significato e sul perché dovremmo interessarcene. L'industria culturale ama tenerci in questo stato: distratti, docili, confusi e leggermente intimiditi. Adorno definì acutamente Walt Disney l'uomo più pericoloso degli Stati Uniti.

    2. Il capitalismo non ci vende le cose di cui abbiamo veramente bisogno. A causa della vasta gamma di beni di consumo disponibili nel capitalismo moderno, tendiamo a credere che tutto ciò che potremmo desiderare sia disponibile. L'unico problema (se ce n'è uno) è che non possiamo permettercelo. Ma Adorno osservò che i nostri bisogni reali ci vengono accuratamente occultati dall'industria capitalistica, in modo che finiamo per dimenticare di che cosa abbiamo veramente bisogno e ci accontentiamo invece di desideri fabbricati per noi da aziende che non sono affatto interessate al nostro vero benessere. Anche se pensiamo di vivere in un mondo di abbondanza, le cose di cui abbiamo veramente bisogno per prosperare - tenerezza, comprensione, calma, intuizione, comunità - sono tutte dolorosamente scarse e del tutto slegate dall'economia attuale. Quando cercano di venderci qualcosa i pubblicitari ci fanno vedere la cosa che vogliamo veramente e poi la collegano a un'altra cosa di cui in realtà non abbiamo bisogno. Così, possiamo vedere uno spot che mostra un gruppo di amici che camminano su una spiaggia e chiacchierano amabilmente, o una famiglia che fa un picnic in cui tutti ridono felici. Questi spot ci mostrano cose del genere perché sanno che bramiamo la comunità e lo stare insieme. Ma l'economia industriale preferisce farci stare soli e consumare. Alla fine dello spot, quindi, saremo spinti a comprare un whisky di 25 anni o una macchina così potente che non ci sarà mai una strada in cui sia permesso guidarla alla velocità massima.

    3. Ci sono protofascisti ovunque. Adorno scriveva all'inizio dell'era dei questionari psicologici. Negli Stati Uniti erano molto utilizzati per valutare gli atteggiamenti dei consumatori e i comportamenti commerciali. Adorno era affascinato dal concetto di base del questionario e quindi, con alcuni colleghi, si dedicò all'elaborazione di un questionario di tipo molto diverso, concepito per individuare i fascisti. Il questionario da lui elaborato chiedeva agli intervistati di valutare il loro grado di accordo con affermazioni come: "L'obbedienza e il rispetto per l'autorità sono le virtù più importanti che i bambini dovrebbero imparare", "Se la gente parlasse meno e lavorasse di più tutti starebbero meglio", "Quando una persona ha un problema o una preoccupazione, farebbe meglio a non pensarci e a tenersi occupata con cose più allegre". Dati i traumi che la Germania aveva appena vissuto, non sorprende che Adorno abbia dedicato al questionario, e a quella che chiamò "scala F" o scala di fascismo, tanta attenzione. Il suo team mandò addirittura la scala F a tutte le scuole della Germania Ovest. Ma una lezione dell'applicazione più vasta che si può trarre da questo esperimento è la psicologia che viene prima della politica. Molto prima di essere razzista, omofoba o autoritaria, una persona, suggerì acutamente Adorno, ha problemi psicologici di fragilità e immaturità che una buona società ha il compito di imparare a individuare e affrontare. Anziché lasciare che i problemi si inaspriscano tanto che alla fine non c'è modo di gestirli se non con la forza, dovremmo imparare a comprendere la psicologia della follia quotidiana sin dai primi momenti.

    Adorno è stato un pensatore di sinistra che ha riconosciuto che gli ostacoli principali al progresso sociale sono culturali e psicologici e non strettamente politici ed economici. Abbiamo già il denaro, le risorse, il tempo e le capacità per fare in modo che tutti possano dormire in una casa, smettano di distruggere il pianeta, abbiano un lavoro soddisfacente e si sentano supportati dalla comunità. Perciò la ragione per cui continuiamo a soffrire e a ferirci a vicenda è principalmente che le nostre menti sono malate. Questa è la costante provocazione offerta dal lavoro affascinante e serenamente furioso di Theodor Adorno.
    amaryllide and MaIn like this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Sep 2015
    Messaggi
    2,911
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Theodor Adorno

    Rotwang Amadeus Adorno: sua unica maestra fu la madre. Presenza ingombrante e controllo maniacale vs relative, astiose libertá maestre di dissonanze (sue, non della realtà).
    l'azzardo è basato sulla comprensione, sulla democrazia e la discussione.

  3. #3
    Venezuela resiste!
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Caracas
    Messaggi
    12,985
    Mentioned
    202 Post(s)
    Tagged
    32 Thread(s)

    Predefinito Re: Theodor Adorno

    Sicuramente uno dei più grandi geni del Novecento: ovviamente da prendere molto criticamente ma essenziale. Il suo metodo "negativo" è sicuramente intelligente, tra l'altro anticipa tutte le riflessioni poi volgarizzatesi sulla Differenza nella filosofia francese, ma è spesso piuttosto pedante, ripetitivo e difficoltoso, soprattutto da seguire: e lo dico con cognizione di causa, dopo aver letto la Dialettica Negativa.

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    22 Jan 2013
    Messaggi
    2,642
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Theodor Adorno

    nel trio (lui marcuse e horkheimer) è senz'altro il meno peggio. ma anche lui è a un passo dal diventare un cane morto...

  5. #5
    J. e K. incel
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    6,043
    Mentioned
    274 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Theodor Adorno

    Se il Papa è andato via, buon viaggio e così sia! Non morirem d'affanno, perché fuggì un tiranno, perché si ruppe il canapo che ci legava il piè!

    (Repubblica Romana, 1849)

  6. #6
    J. e K. incel
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    6,043
    Mentioned
    274 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Theodor Adorno

    Citazione Originariamente Scritto da Lord Attilio Visualizza Messaggio
    Sicuramente uno dei più grandi geni del Novecento: ovviamente da prendere molto criticamente ma essenziale. Il suo metodo "negativo" è sicuramente intelligente, tra l'altro anticipa tutte le riflessioni poi volgarizzatesi sulla Differenza nella filosofia francese, ma è spesso piuttosto pedante, ripetitivo e difficoltoso, soprattutto da seguire: e lo dico con cognizione di causa, dopo aver letto la Dialettica Negativa.
    A me piace molto Adorno, non concordo al 100% su tutto, ma al 98% sì. Gli voglio molto bene, cosa che non gli vuole @Jerome.
    Se il Papa è andato via, buon viaggio e così sia! Non morirem d'affanno, perché fuggì un tiranno, perché si ruppe il canapo che ci legava il piè!

    (Repubblica Romana, 1849)

  7. #7
    ....
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    43,002
    Mentioned
    647 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)

    Predefinito Re: Theodor Adorno

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    A me piace molto Adorno, non concordo al 100% su tutto, ma al 98% sì. Gli voglio molto bene, cosa che non gli vuole @Jerome.
    Se piace a te non piace a me.

    P.S. Luttazzi va a p.
    Scientists search for truth. Philosophers search for morality. A criminal trial searches for only one result: proof beyond a reasonable doubt. - A. Dershowitz

  8. #8
    J. e K. incel
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    6,043
    Mentioned
    274 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Theodor Adorno

    Citazione Originariamente Scritto da Jerome Visualizza Messaggio
    Se piace a te non piace a me.

    P.S. Luttazzi va a p.
    Te l'ha detto lui? Ma non tutti sono perfetti.
    Se il Papa è andato via, buon viaggio e così sia! Non morirem d'affanno, perché fuggì un tiranno, perché si ruppe il canapo che ci legava il piè!

    (Repubblica Romana, 1849)

  9. #9
    ....
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    43,002
    Mentioned
    647 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)

    Predefinito Re: Theodor Adorno

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    Te l'ha detto lui? Ma non tutti sono perfetti.
    solo io sono un mostro perché sostengo la "legalità", tutto il resto passa in secondo piano.
    Scientists search for truth. Philosophers search for morality. A criminal trial searches for only one result: proof beyond a reasonable doubt. - A. Dershowitz

  10. #10
    J. e K. incel
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    6,043
    Mentioned
    274 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Theodor Adorno

    Citazione Originariamente Scritto da Jerome Visualizza Messaggio
    solo io sono un mostro perché sostengo la "legalità", tutto il resto passa in secondo piano.
    Sei tu che ce l'hai con me perché voglio che la schiavitù sia vietata. W Adorno
    Se il Papa è andato via, buon viaggio e così sia! Non morirem d'affanno, perché fuggì un tiranno, perché si ruppe il canapo che ci legava il piè!

    (Repubblica Romana, 1849)

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Adorno
    Di pietro lo iacono nel forum Fondoscala
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 07-09-16, 19:23
  2. Adorno e l'interpretazione sociologica/politica della musica
    Di are(a)zione nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 27-08-07, 02:20
  3. E' ora di rileggere Adorno
    Di Giovanni Diamanti nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-04-07, 00:39
  4. Ce stanno pe tutti - Theodor John Kaczynski
    Di Secondo Premio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 06-09-06, 12:32
  5. Austria: inaugurata a Vienna piazza dedicata a Theodor Herzl
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-07-04, 17:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225