User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,009
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Proposta di Giovanni Columbu

    Rilancio la lettera di Giovanni Columbu, attuale Presidente del Partito Sardo d’Azione, perché in questo momento rappresenta oltre ad una autocritica (non scontata) anche una proposta seria sulla quale riflettere e contribuire a dare corpo e sostanza. In particolare quando si riferisce a “un nuovo Manifesto politico che ristabilisca valori, obiettivi e linee d’azione”.
    Spero che lo stesso Giovanni Columbu espliciti ulteriormente il suo proposito, magari intervenendo su questo forum.

    Sito Ufficiale del Partidu Sardu - Partito Sardo d'Azione - Non esiste traversia per quanto sofferta che non possa trasformarsi in occasione di rinascita

    Non esiste traversia per quanto sofferta che non possa trasformarsi in occasione di rinascita

    Pubblicato Sabato, 21 Gennaio 2017 10:04
    Scritto da Giovanni Columbu

    Cari amici sardisti,
    vi scrivo per sottoporre alla vostra attenzione una risoluzione politica che credo possa dare un forte impulso al rinnovamento del Partito e soprattutto concorrere in modo decisivo a una causa di interesse generale. La risoluzione di cui dirò in questa lettera dà seguito al percorso a cui mi invitaste a concorrere nel marzo del 2015 e che nel Congresso Nazionale dello stesso anno ci portò alla decisione sostanzialmente unanime di promuovere il dialogo con le formazioni politiche che compongono la vasta area indipendentista, elaborare assieme un condiviso progetto di cambiamento della Sardegna e convergere in un fronte comune.
    Dopo che pervenimmo a definire i nuovi organi dirigenziali quel percorso si è progressivamente arrestato. Nonostante le attese e le condivise aspirazioni il Partito è ancora chiuso in sé stesso e privo di fiducia nelle proprie ragioni, non riesce a mobilitarsi e dare le necessarie risposte al disperato bisogno di cambiamento che emerge ovunque, resta esposto alla tentazione di deviare dagli obiettivi più importanti per trattare piccoli spazi di governo.
    So che qualcuno tra voi può giudicare severo il mio giudizio, ma nello stesso momento in cui lo formulo voglio ribadire che non esiste traversia per quanto sofferta che non possa trasformarsi in occasione di rinascita.
    Nel corso della sua lunga vita il Partito ha superato molte tempeste, ha conosciuto vittorie e sconfitte e si è spesso diviso, ma ha sempre trovato la forza per reagire perché gli ideali che stanno al fondamento della sua esistenza sono irrinunciabili. Anche il fatto che altre forze politiche si siano avvalse dei nostri valori è in definitiva un bene, perché ha permesso al sardismo di trovare altri interpreti e di crescere. La maggior parte di coloro che oggi si adoperano in formazioni politiche idealmente vicine alla nostra hanno in fondo i nostri stessi Padri. Noi dobbiamo riconoscere loro di essere nostri fratelli e fare in modo che nell’azione prevalgano le ragioni comuni.
    La prima condizione affinché questo sia possibile è che il Partito ritrovi la propria anima e la propria originaria vocazione.
    Questa presa di coscienza spetta in primo luogo a chi fino ad oggi ha avuto il merito di restare nel Partito, di avere mantenuto vivo un fuoco e di avere custodito la Storia e i simboli anche nei momenti più difficili. Ma può essere compiuta con successo solo attraverso il più ampio concorso di coloro che anche fuori dal Partito sono stati e continuano a essere ineludibili testimoni e protagonisti di una Storia condivisa.
    Per superare ogni trascorsa vicissitudine il Partito Sardo d’Azione deve produrre una risoluzione che abbia il rilievo e il valore di un atto di ricostituzione. Deve aprirsi a tutti coloro che a ragione o a torto se ne sono andati o sono stati espulsi, a chiunque condivida i nostri sentimenti pur avendo fino ad oggi dato il proprio apporto ad altre formazioni politiche e a tutti i sardi che trepidano per i destini della Sardegna. Accogliendo tutti come se fossero sempre stati con noi, con le nostre stesse responsabilità e uguale diritto di concorrere alla ricostituzione, sarà possibile convenire un nuovo Manifesto politico che ristabilisca valori, obiettivi e linee d’azione e quanto prima pervenire a un Congresso straordinario in cui eleggere nuovi organi dirigenziali a cui tutti possano candidarsi. A questo modo il Partito può risorgere. E con nuove forze vitali riprendere la battaglia per il riscatto della nostra terra.

    Fortza Paris
    Giovanni Columbu

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,009
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Proposta di Giovanni Columbu

    https://www.facebook.com/notes/infor...42090019336537

    COLUMBU APRE AI FRATELLI INDIPENDENTISTI Arrivano le prime adesioni

    INFORMA SARDO D'AZIONE·DOMENICA 22 GENNAIO 2017
    di redazione

    in seguito all’intervento di Giovanni Columbu apparso ieri sul sito ufficiale del PSd’Az. e rilanciato dalla nostra pagina, sono arrivate in redazione le prime adesioni delle sezioni sardiste. Pubblichiamo in forma integrale il documento del segretario della sezione di Perdasdefogu Marco Cabitza e la nota ufficiale della segreteria olbiese appena riunitasi.

    Perdasdefogu. Accogliamo con soddisfazione il discorso di Giovanni Columbu, certi che o il partito assume con coraggio la risoluzione congressuale di condividere un percorso identitario ed indipendentista con il vasto panorama isolano, oppure continueremo ad essere ancora testimoni di una imbarazzante politica del “restare immobili davanti alla deriva istituzionale, morale ed etica” ; svuotando il partito dei temi e valori cari al popolo sardo, in attesa soltanto che passi al più presto il carro dei vincitori sul quale salire dopo aver con tanta maestria stabilito il prezzo .“Chi non conosce la propria storia è destinato a riviverla”. (E. Lussu)
    Non oso pensare che nel partito ci siano persone che non conoscono la triste storia del nostro popolo. Storia a volte determinata anche da imbarazzanti atteggiamenti di noi stessi sardi. Penso sia giunto il momento che il partito si assuma il vero compito che i padri fondatori gli hanno assegnato, quello di essere la guida per il popolo sardo e portarlo a governare la propria terra. Marco Cabitza segretario sezione PSd'Az di Perdasdefogu.

    Olbia. La segreteria della sezione “sen. Luigi Oggiano,” riunitasi in data 22 gennaio 2017, dopo un’attenta valutazione della proposta del presidente Columbu apparsa sull’organo ufficiale del partito, delibera all’unanimità, la propria convinta adesione.
    Tale proposta non poteva non trovare che un pieno ed entusiastico accoglimento proprio nella sezione che per anni ha portato avanti un’operazione di dialogo col resto del mondo indipendentista. Fortza paris.
    Silvia Lidia Fancello segretaria sezione PSd’Az. “Luigi Oggiano” Olbia.

  3. #3
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,009
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Proposta di Giovanni Columbu

    https://www.facebook.com/alternativa...WSFEED&fref=nf

    Bustianu Cumpostu
    27 gennaio alle ore 12:25 ·

    COMUNICATO STAMPA - SNI RACCOGLIE E CONDIVIDE LA PROPOSTA DI CASA COMUNE AVANZATA DA GIOVANNI COLUMBU PRESIDENTE DEL PARTITO SARDO D’AZIONE

    Sardigna Natzione Indipendentzia raccoglie e condivide l’appello di Giovanni Columbu, presidente del Partidu Sardu “cercare di convergere in un fronte comune, condividendo, come è già stato proposto da altri, un tavolo o una “mesa” di confronto”, non poteva essere altrimenti perché quello è il progetto per cui è nata ed esiste SNI, è la realizzazione di quel progetto che Angelo Caria ha chiamato la Casa Comune dei Sardi. Solo con la Casa Comune dei Sardi si protrà fare sistema tra le espressioni politiche, culturali e civiche, della natzione.

    SNI ha già preso posto nella Mesa che propone Giovanni, insieme ad altri che hanno capito che solo con una Mesa aperta e libera si può iniziare insieme un arresonu e trovare le condivisioni necessarie per continuarlo. A quella mesa, Sa Mesa Natzionale, non ci si siede per inviti, nessuno è padrone di casa e nessuno è ospite, tutte le espressioni politiche, culturali e civiche, sanno che esiste e sanno anche che ci si può sedere in qualsiasi momento ed entrare in arresonu.

    SNI, riconosce al PSd’Az l’essere la radice del “sardismo”, inteso come pensiero universale (A.S. mossa), e ritiene che da sempre il sistema occupante abbia indotto in esso fratture strumentali per cui l’invito di rientro per quanti hanno perso temporaneamente la fiducia nel Partidu Sardu, è assolutamente opportuno e calca pienatamene quanto detto da Angelo Caria "Dare un deciso segnale a tutti i Sardi che avevano perso il senso di casa. Costruire fiducia e speranza per coloro che pensano d'esser stati inghiottiti e digeriti da società più ampie e che, considerando un destino ineluttabile quello d'essere subalterni".

    SNI è disponibile, non pone pregiudiziali tranne quelle dell'essere assolutamente alternativi al sistema politico occupante e dell'essere contro le ideologie basate, su violenza, prevaricazione e razzismo. L’ambito di riferimento è vasto e molto forte, sarà le espressioni politiche, civiche, culturali, sociali natzionali o locali e tutti i sardi che si riconoscono nella natzione sarda. Indipendentisti, sardisti, sovranisti, autonomisti e tutti i sardi di qualunque fede politica o religiosa i cui valori condivisi sono, il riconoscimento dell'esistenza della nazione sarda e il suo diritto a decidere; il diritto all'autodeterminazione del popolo sardo.

    Sardigna 27-01-2017 annu 156° Dominazione Italiana
    Bustianu Cumpostu ( Sardigna natzione Indipendentzia)

  4. #4
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,009
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Proposta di Giovanni Columbu

    Acque agitate nel Psd'Az. E Columbu si appella agli indipendentisti: "Uniamoci" - Sardiniapost.it

    Acque agitate nel Psd’Az. E Columbu si appella agli indipendentisti: “Uniamoci”


    14 febbraio 2017

    “Ritrovare gli ideali e i sentimenti unificanti del sardismo e dare soluzione a una lunga storia di divisioni”. Giovanni Columbu, il regista prestato alla politica, attuale presidente del Psd’Az, lo dice a Sardinia Post dopo la lettera-appello pubblicata lo scorso 21 gennaio sul sito dei Quattro Mori. “Ho scritto – spiega Columbu – a tutti gli amici sardisti, a quelli che ancora animano il partito, ma pure ai tanti che lo hanno lasciato o non sono mai entrati. Serve un atto coraggioso di apertura e di ricostituzione del partito che ristabilisca valori, obiettivi e linee d’azione e porti, quanto prima, alla convocazione di un congresso straordinario in cui eleggere nuovi organi dirigenziali a cui tutti possano candidarsi”.

    Presidente Columbu, ha scritto che bisogna “ristabilire valori, obiettivi e linee d’azione”: il j’accuse è servito?

    Per ora ho registrato consensi e dissensi, ma soprattutto scetticismo, cosa che non deve sorprendere se si considerano le tante traversie subìte dal sardismo. Quando parlo di apertura e riunificazione alcuni pensano subito ai loro vicini di casa, al tale o al talaltro con cui in passato hanno avuto dei contrasti. E riaffiorano quei micidiali sentimenti di ostilità che hanno sempre e tanto nuociuto ai sardi e che rimandano a quella amara letteratura umoristica secondo cui sarebbe preferibile il male del prossimo piuttosto che un bene condiviso. D’altra parte la soluzione che io prospetto può essere presa in considerazione solo alla luce di un interesse generale, del partito e soprattutto della Sardegna. Per invertire la rotta occorre una presa di coscienza collettiva che spetta in primo luogo a chi fino ad oggi ha avuto il merito di restare nel Psd’Az, ma anche ai tanti sardisti e alle tante menti preziose che stanno fuori dal partito. Non si potrebbe immaginare una rinascita che non sia anche catarsi e rimedio alle tante autodistruttive divisioni.

    Crede che un appello all’unità basti per mettere ordine nella galassia autonomista e indipendentista?

    È evidente che non basta. In un processo di questo genere io credo che il Psd’Az possa e debba svolgere un ruolo importante, ma per farlo deve essere credibile. E ormai non basta più esibire i simboli o le gloriose ascendenze. Per questo ho proposto che il partito dia una prova importante e concreta delle proprie volontà. Assumersi la responsabilità della diaspora sardista e aprirsi a tutti coloro che, a ragione o a torto, se ne sono andati o sono stati espulsi, aprirsi a quanti condividono i nostri sentimenti pur avendo dato il proprio apporto ad altre formazioni politiche e comunque a tutti i sardi che trepidano per i destini della Sardegna. Se il partito avrà il coraggio di adottare questa risoluzione, allora avrà anche l’autorevolezza e la forza politica per promuovere la convergenza con le altre formazioni politiche idealmente più vicine.

    Sapeva che a dicembre, con lo stesso obiettivo di costituire un polo sovranista, il suo segretario Christian Solinas ha aperto il dialogo col leader dei RossoMori, Gesuino Muledda, un transfugo del Psd’Az?

    Mi è giunta voce.

    Ecco, il suo non le sembra un doppione?

    La costruzione di un polo sovranista è un obiettivo di cui si parla da tempo e per il quale molti stanno lavorando, sia pure con discontinuità. Il senso dell’apertura che io auspico, se ci sarà, si affianca all’azione di convergenza delle diverse sigle politiche e non è cosa che avrebbe senso praticare con riservatezza. È un’apertura che riguarda in primo luogo il Psd’Az, ma che può essere in grado di coinvolgere e illuminare il cuore di tutti i sardi. Si tratta, a mio avviso, di produrre un esempio e un messaggio di significato tanto politico quanto culturale. Essere disposti a tornare uniti per la Sardegna, così come furono uniti e tra loro solidali i sardi che fondarono il partito. Un’idea che forse susciterà il sorriso di chi si è arreso al pessimismo. Eppure resta evidente e inconfutabile quanto quell’evento spaventoso che fu la prima guerra mondiale, oltre a generare morte e atrocità, abbia avuto l’effetto di far prevalere la comune appartenenza dei sardi e l’immedesimazione in una causa comune. Non credo che sia il caso di aspettare un’altra catastrofe perché i sardi tornino a essere uniti. Per sconfiggere quello che sembra essere il sortilegio della eterna divisione, serve un atto di coraggio, di lungimiranza e di amore per la nostra terra. Noi possiamo farlo. Dobbiamo farlo per le responsabilità che ci derivano dalla nostra storia. Sta a noi scegliere tra il piacere distruttivo d’essere sempre gli uni contro gli altri, oppure l’orgoglio e la felicità di fare prevalere una causa condivisa.

    Lo scontro con Sanna l’avete vinto. Ma la sensazione è che nel Psd’Az ci sia una nuova frattura: stavolta tra lei e il segretario Solinas.


    Abbiamo attitudini e caratteri diversi, ma sarebbe paradossale se non prevalesse la ragione e finissimo per non collaborare neppure tra noi. Lo dico pur essendomi trovato in dissenso ben più di una volta sulla sua conduzione, nonostante la mia stima personale nei suoi confronti. In particolare alle scorse elezioni amministrative, quando si è deciso di entrare nella coalizione di Massimo Zedda senza rendere pubblico un programma politico, senza rivolgerci ai cittadini e mettendo assieme uomini politici già provvisti di voti. Anche in quella occasione, per estrema lealtà e spirito collaborativo e forse sbagliando, ho manifestato il mio dissenso solo all’interno del partito.

    Adesso cosa è cambiato?

    È sotto gli occhi di tutti che nella nostra Isola esiste una disperata domanda di cambiamento di cui quasi nessuno si fa interprete. La via a cui i più ambiscono è quella della vecchia politica, entrare nelle istituzioni per ottenere e concedere favori. Ma il Partito Sardo, se non vuole essere marginale e gregario anche in questa biasimevole via, dovrebbe soprattutto rappresentare coloro che dai favori sono esclusi. Questi, che sono la stragrande maggioranza, devono essere i nostri principali interlocutori. Ci sono tante cose di cui bisognerebbe discutere. Dobbiamo rimetterci in cammino ristabilendo indirizzi politici e valori morali. Il Psd’Az sta per compiere un secolo di vita e ha una grande opportunità per reagire a ogni errore commesso e a ogni trascorsa vicissitudine: ricostituire le proprie forze intellettuali e ideali pervenendo a un congresso straordinario aperto a tutti coloro che sono disposti a concorrere.

    La galassia autonomista e indipendentista è popolata di ego robusti: materialmente come si fa a metterli insieme?

    Le contrapposizioni sono promosse soprattutto dagli ego più deboli, quelli di chi teme il confronto. Il coraggio e la forza stanno nell’affrontare imprese condivise. Se quegli ego fossero davvero forti o robusti, non si chiuderebbero ognuno nella propria nicchia, né fuggirebbero ognuno in una direzione diversa, ma affronterebbero le primarie per decidere a chi affidare la leadership. Pensiamo a quali divisioni, di ben altro tenore e non solo caratteriali, hanno superato in Corsica: lì perfino il movimento che simpatizzava per la lotta armata ha accettato di confrontarsi e di unirsi alla componente democratica.

    Questo ragionamento richiama l’appello lanciato lo scorso dicembre da Pietrino Soddu in occasione del referendum costituzionale: l’ex presidente della Regione propose di annullare la scheda per riportare la questione sarda al centro della politica.

    Ho molto apprezzato la proposta fatta dal presidente Soddu, a cui riconosco di essere uno degli intellettuali più lucidi, dotato di una visione lungimirante della Sardegna e per il quale ho grande stima, pur essendo stato lui protagonista di una stagione politica che, a mio parere, è stata disastrosa per la Sardegna. Quella sua proposta sul referendum, però, è stata respinta dal partito, a mio parere giustamente, perché la riforma costituzionale incideva anche sulla nostra specialità statutaria. E comunque, lo dico in generale, senza riferirmi al referendum, essere sardi e sardisti non ci deve impedire di sostenere una causa giusta anche qualora non riguardi direttamente la Sardegna.

    Nella sua lettera-appello pubblicata sul sito del Psd’Az, chiama “fratelli” gli altri sovranisti e indipendentisti. Non le sembra un eccesso di ottimismo?

    Proprio per niente. Loro sono obiettivamente nostri fratelli perché hanno i nostri stessi padri ideali. Sono la parte mancante del Partito Sardo. Le divergenze tra noi e loro non sono maggiori di quelle che esistono in seno al Psd’Az. Per questo auspico un’apertura del partito rivolta a tutti. Soprattutto ai giovani. E che tutti possano essere accolti come se fossero sempre stati con noi, con uguale diritto di concorrere alla ricostituzione. La discriminante va riposta esclusivamente nelle idee, nei valori e nei programmi, ovvero in un nuovo manifesto politico per l’indipendenza della Sardegna.

    Mettiamo che movimenti e partiti indipendentisti riescano a fare fronte comune: dovranno poi correre da soli alle prossime Regionali?

    Certamente sì. La convergenza deve avere come primo obiettivo elaborare un progetto credibile e condiviso di cambiamento della Sardegna, il fondamento per competere assieme alle Regionali.

    Se invece l’unità non verrà raggiunge, il Psd’Az continuerà a preferire il centrodestra nelle alleanze di governo per la Regione?

    Il Psd’Az non ha mai preferito il centrodestra. Quando nel 2015 ho accettato di candidarmi alla presidenza del partito (contro l’uscente Giacomo Sanna), democraticamente abbiamo scelto di abbandonare il metodo delle ‘mani libere’, per privilegiare la convergenza dell’area indipendentista. Già allora era chiaro che non aveva più senso continuare ad andare una volta con la destra e l’altra con la sinistra, a seconda della convenienza. Oltre a comportare forti esposizioni all’opportunismo, questo ci avrebbe condannato a essere sempre e solo dei gregari. Ciò non toglie che i valori sociali del sardismo, come difesa dei deboli, pari opportunità, rifiuto di ogni forma di razzismo, abbiano una connotazione che, per usare vecchie definizioni, può dirsi di sinistra. Non di meno è vero che con la sinistra storica, da sempre propensa alle omologazioni, c’è sempre stato un forte contrasto sui valori dell’identità.

    Crede che l’indipendentismo sardo abbia la forza per eleggere propri rappresentanti in Sardegna anche senza stringere alleanze con i ‘partiti italiani”?

    Se l’indipendentismo converge, pur con quelle varie accezioni che a volte sembrano rimandare a differenze teologiche piuttosto che politiche, diventa forza determinante e forse preminente. Sicuramente non più esposta a essere gregaria. Ecco perché unirsi e fare prevalere le ragioni comuni non è un’opzione possibile ma una necessità irrinunciabile.

    Quale Europa serve alla Sardegna o sul modello francese di Le Pen bisogna cavalcare il vento dell’antieuropeismo?

    Il Partito Sardo è convintamente europeista, ma questa Europa non ci va bene per tanti motivi. Ne dico solo uno che mi sta particolarmente a cuore: ha reso possibile un libero scambio di merci e servizi che, per molti aspetti, dovrebbe essere più propriamente definito aggressione alla nostra economia e alla nostra civiltà. Fino al paradosso dei prodotti adulterati che mettono fuori gioco quelli genuini. Se la sinistra fosse realmente tale, dovrebbe essere in prima linea contro questa falsa libertà degli scambi che, oltre all’economia, è destinata a mettere sempre più in crisi lo stato di diritto, proprio come sta già avvenendo.

    Al. Car.
    (@alessacart on Twitter)

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-06-15, 14:00
  2. Michele Columbu: “Lettera ai Sardisti” (1974).
    Di Su Componidori nel forum Sardismo
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 22-06-08, 10:35
  3. G. Columbu su “Il Sardegna”.
    Di Su Componidori nel forum Sardismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24-03-07, 10:55
  4. Columbu, per lo Statuto sardo.
    Di Su Componidori nel forum Sardismo
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 04-07-06, 14:49
  5. Columbu botzau...
    Di Lutzianu nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 06-08-05, 16:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226