Sondaggi elettorali, per Ipr-Tecné gli elettori di sinistra vogliono Bersani leader della formazione scissionista
La scissione del Pd è ormai un dato di fatto. Massimo D’Alema, Pier Luigi Bersani, Roberto Speranza ed Enrico Rossi non si presenteranno oggi alla Direzione Pd in cui si insedierà la commissione congressuale. L’unico a rimanere a metà del guado è Michele Emiliano. Il governatore della Puglia è ancora indeciso. Tenterà un’ultima mediazione ma difficilmente i renziani concederanno qualcosa. Se sarà presente alla Direzione Pd prevista questo pomeriggio vorrà dire che tenterà di giocarsi le sue carte all’interno del Partito Democratico. Interrogato sull’argomento, il governatore della Toscana è apparso piuttosto rassegnato: “Emiliano? Faccia un po’ quello che crede”.
Intanto gli scissionisti già pensano al dopo. I parlamentari che diranno addio al Pd e formeranno un gruppo autonomo sia alla Camera che al Senato sono quasi sessanta. Il nome  del gruppo è in via di definizione. Tra i conciliabili ne emerge uno: Uguaglianza e libertà per il centrosinistra. Nomi e numeri a parte, quanto varrà questa nuova formazione politica?
Sondaggi elettorali, ecco quanto vale la Cosa Rossa

Secondo il sondaggio congiunto Ipr Tecné per Porta a Porta, la Cosa Rossa di Bersani e D’Alema potrebbe contare su un bacino elettorale compreso tra l’8% e il 10,5%. Alla guida del partito la maggioranza degli elettori vorrebbe Bersani (42% – Ipr; 37% – Tecné), seguito a ruota da Emiliano (35% – Ipr; 31% – Tecné), Speranza (12% – Ipr; 15% – Tecné) e Rossi (8% sia Ipr che Tecné).





Scritto da: Andrea Turco
----------------------------------------------------------------
|Clicca qui per leggere l'articolo|
----------------------------------------------------------------
|Clicca qui per leggere gli articoli riguardanti gli ultimi Sondaggi Politici|