https://www.associazionelucacoscioni...he-alle-spese/

Caro Direttore,
lo scontro tra radicali non ha bisogno di falsità che lo avvelenino ulteriormente. Laura Arconti – una delle 4 persone che fanno parte dell`associazione “Lista Pannella, titolare del patrimonio radicale (radio e sede) – ha scritto sul vostro giornale: “L`attività indipendente – e via via sempre più antitetica nei confronti del Partito radicale – condotta dal Movimento Radicali italiani e dall`Associazione Luca Coscioni, e da altre organizzazioni minori, non è stata seguita da analoga assunzione di responsabilità finanziaria. Tutto si è sempre svolto a spese del Partito radicale e di Lista Pannella.
Premesso che l`Associazione Luca Coscioni, sul piano politico prima ancora che economico, deve tutto alla galassia radicale e a Marco Pannella, sostenere che “tutto ciò che ha fatto lo ha fatto” a spese di Partito radicale e Lista Pannella” è semplicemente falso. La nostra associazione, in quanto soggetto costituente del Partito radicale, ha certamente tratto forza dell`essere parte della galassia radicale, alla quale deve la propria esistenza. Abbiamo però anche, nel nostro piccolo, contribuito in modo rilevante sia con iniziativa politi autofinanziata che sostenendo spese per servizi comuni.
Essendo la nostra vita associativa, al contrario di quella della Lista Pannella, pubblicamente rendicontata e democraticamente deliberata, possiamo rimandare alla lettura dei nostri bilanci sul sito Home Page - Associazione Luca Coscioni.
A parte la contabilità, la questione di fondo rimane comunque la convergenza delle lotte per la libertà di ricerca e autodeterminazione avviate da Coscioni e Welby e la pluridecennale azione radicale per la vita del diritto e il diritto alla vita. Provare ora, a posteriori, a rifare la storia esercitandosi nel conto del dare e dell`avere rispetto ad azioni che erano rivendicate come comuni, è una operazione peggio che arbitraria (e in questo caso falsificatrice): è una operazione inutile.