User Tag List

Pagina 1 di 16 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 158
Like Tree27Likes

Discussione: Anarco-patriottismo Bakuniano?

  1. #1
    LA MIA PATRIA E' LA TERRA
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    5,731
    Mentioned
    28 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Anarco-patriottismo Bakuniano?

    Lo Stato non è la Patria

    Lettera di Michail Bakunin indirizzata ai compagni anarchici italiani:

    "La gioventù mazziniano-garibaldina non s’era mai posta questa domanda: Che rappresenta effettivamente un tale Stato italiano pel popolo? Perché mai deve amarlo e tutto a lui sacrificare? Quando si faceva questa domanda a Mazzini - e ciò non accadeva che raramente, tanto sembrava semplice e facile - egli rispondeva con gran parole: <<Patria donata da Dio! Santa missione storica! Culto delle tombe! Ricordo solenne dei martiri! Lungo e glorioso sviluppo delle tradizioni! Roma antica! Roma dei papi! Gregorio VIII! Dante! Savonarola! Roma del popolo!>>. Tutto ciò era così nebuloso, così bello, e nel medesimo tempo sì assurdo, da essere sufficiente per abbagliare e stordire i giovani spiriti, più adatti d’altronde all’entusiasmo e alla fede che alla ragione e alla critica. E la gioventù italiana, mentre si faceva uccidere per questa Patria astratta, malediceva la brutalità e il materialismo delle masse, dei contadini in particolare, che mai si son mostrati disposti al sacrificio per la grandezza e per l’indipendenza di questa Patria politica, dello Stato.
    Se la gioventù si fosse data la briga di riflettere avrebbe capito, e forse da lungo tempo, che l’indifferenza ben netta delle masse popolari pel destino dello Stato italiano non solo non è un disonore per esse, ma prova, al contrario, d’una intelligenza istintiva che fa comprendere come questo Stato unitario e centralizzato sia, per sua natura, a loro estraneo, ostile, e proficuo solo, per le classi privilegiate di cui garantisce, a lor danno, il dominio e la ricchezza. La prosperità dello Stato è la miseria della nazione reale, del popolo; la grandezza e la potenza dello Stato è la schiavitù del popolo. Il popolo è il nemico naturale e legittimo dello Stato; e sebbene si sottometta - troppo sovente, ahimè - alle autorità, ogni forma di autorità gli è odiosa.
    Lo Stato non è la Patria; è l’astrazione, la finzione metafisica, mistica, politica, giuridica della Patria; ma si tratta di un amore naturale, reale; il patriottismo del popolo non è un’idea, ma un fatto; e il patriottismo politico, l’amore dello Stato, non è la giusta espressione di questo fatto, ma un’espressione snaturata per mezzo d’una menzognera astrazione, sempre a profitto di una minoranza che sfrutta. La Patria, la nazionalità, come l’individualità è un fatto naturale e sociale, fisiologico e storico al tempo stesso; non è un principio. Non si può definire principio umano che quello che è universale, comune a tutti gli uomini; ma la nazionalità li separa: non è, dunque, un principio. Principio è, invece, il rispetto che ognuno deve avere pei fatti naturali, reali o sociali. E la nazionalità, come l’individualità, è uno di questi fatti. Dobbiamo, dunque rispettarla. Violarla è un misfatto e , per parlare il linguaggio di Mazzini, diviene un sacro principio ogni volta che è minacciata e violata. Ed è per questo ch’io mi sento sempre e francamente il patriota di tutte le patrie oppresse. La Patria rappresenta il diritto incontestabile e sacro di tutti gli uomini, associazioni, comuni, regioni, nazioni, di vivere, pensare, volere, agire a loro modo e questo modo è sempre il risultato incontestabile di un lungo sviluppo storico.
    Patria e nazionalità
    Lo Stato non è la Patria; è l’astrazione, la finzione metafisica, mistica, politica, giuridica della Patria; ma si tratta di un amore naturale, reale; il patriottismo del popolo non è un’idea, ma un fatto; e il patriottismo politico, l’amore dello Stato, non è la giusta espressione di questo fatto, ma un’espressione snaturata per mezzo d’una menzognera astrazione, sempre a profitto di una minoranza che sfrutta. La Patria, la nazionalità, come l’individualità è un fatto naturale e sociale, fisiologico e storico al tempo stesso; non è un principio. Non si può definire principio umano che quello che è universale, comune a tutti gli uomini; ma la nazionalità li separa: non è, dunque, un principio. Principio è, invece, il rispetto che ognuno deve avere pei fatti naturali, reali o sociali. E la nazionalità, come l’individualità, è uno di questi fatti. Dobbiamo, dunque rispettarla. Violarla è un misfatto e, per parlare il linguaggio di Mazzini, diviene un sacro principio ogni volta che è minacciata e violata. Ed è per questo ch’io mi sento sempre e francamente il patriota di tutte le patrie oppresse.
    L’essenza della nazionalità. La Patria rappresenta il diritto incontestabile e sacro di tutti gli uomini, associazioni, comuni, regioni, nazioni, di vivere, pensare, volere, agire a loro modo e questo modo è sempre il risultato incontestabile di un lungo sviluppo storico. Pertanto, noi ci inchiniamo innanzi alla tradizione e alla storia; o meglio la rispettiamo, e non perché ci si presenta come astrazione elevata a metafisica, giuridicamente e politicamente per intellettuali e professori del passato, bensì perché essa ha incorporato di fatto la carne e il sangue, i pensieri reali e le volontà delle popolazioni. Se si parla di una certa regione - il Canton Ticino (in Svizzera) per esempio - essa apparterrebbe evidentemente alla famiglia italiana: la sua lingua, i suoi costumi e le sue particolarità sono identiche a quelli della popolazione della Lombardia e, di conseguenza, dovrebbe passare a far parte dello Stato Italiano unificato.
    Crediamo che si tratta di una conclusione radicalmente falsa. Se esistesse realmente una sostanziale identità tra il Canton Ticino e la Lombardia, non ci sarebbe dubbio alcuno che il Ticino si unirebbe spontaneamente alla Lombardia. Ma non è così, e se non si sente il grande desiderio di farlo, ciò dimostra semplicemente che la Storia reale - quella in vigore generazione dopo generazione nella vita reale del popolo del Canton Ticino, è la dimostrazione della sua contrarietà all’unione con la Lombardia - è cosa completamente distinta dalla storia iscritta nei libri.
    D’altra parte, bisogna dire che la storia reale degli individui e dei popoli non solo procede verso uno sviluppo positivo, bensì molto spesso verso la negazione del suo passato e per la ribellione contro di esso; e questo è il diritto della esistenza, l’inalienabile diritto di questa generazione, la garanzia della sua libertà.
    La nazionalità e la solidarietà universale. Non c’è niente di più assurdo e al tempo stesso più dannoso e mortifero per il popolo che erigere il principio fittizio della nazionalità come ideale di tutte le aspirazioni popolari. La nazionalità non è un principio umano universale. E’ un fatto storico e locale che, come tutti i fatti reali e innocui, ha diritto ad esigere la sua generale accettazione. Ogni popolo fino alla più piccola unità etnica o tradizionale possiede le proprie caratteristiche, il suo specifico modo di esistenza, la sua maniera di parlare, di sentire, di pensare, e di agire; e questa idiosincrasia costituisce l’essenza della nazionalità, risultato di tutta la vita storica e sommatoria totale delle condizioni vitali di questo popolo.
    Ogni popolo, come ogni persona è quello che è, e per questo ha un diritto ad essere se stesso. In questo consistono quelli chiamati diritti nazionali. Però se un popolo e una persona esistono di fatto in una determinata forma, non ne consegue che l’uno e l’altro abbiano il diritto ad elevare la nazionalità in un caso e l’individualità nell’altro, come principi specifici, e nemmeno si debba passare la vita discutendo sopra la questione. Al contrario, quanto meno pensano a se stessi e più acquisiscono valori umani universali, più si rivitalizzano e più si caricano di sentimento, tanto la nazionalità quanto l’individualità. La responsabilità storica di tutta la nazione. La dignità di tutta la nazione, come dell’individuo, deve consistere fondamentalmente nel fatto che ognuno accetta la piena responsabilità delle sue azioni, senza cercare di colpevolizzare altri. Non sono molto stupide le lamentele lacrimose di un fanciullo che protesta perché qualcuno lo ha corrotto e condotto nella cattiva strada? E quello che è improprio nel caso di un ragazzo lo è certamente anche nel caso di una nazione, cui lo stesso sentimento di autostima dovrebbe impedire qualunque intento di imputare ad altri la colpa dei propri errori.
    Patriottismo e giustizia universale. Ognuno di noi dovrebbe elevarsi sopra questo patriottismo piccolo e meschino, per il quale, il proprio paese è il centro del mondo, e che considera grande una nazione quando è temuta dai suoi vicini. Dobbiamo porre la giustizia umana universale sopra tutti gli interessi nazionali e abbandonare una volta per tutte il falso principio della nazionalità, inventato recentemente dai despoti della Francia, Prussica e Russia per schiacciare il supremo principio della libertà. La nazionalità non è un principio, è un diritto legittimo come l’individualità. Ogni nazione, grande o piccola ha l’indiscutibile e medesimo diritto ad esistere, a vivere in accordo con la propria natura. Questo diritto è semplicemente il corollario del principio generale della libertà. Tutti quelli che desiderano sinceramente la pace e la giustizia internazionale devono rinunciare una volta per sempre a quello che si chiama la gloria, il potere la grandezza della Patria, a tutti gli interessi egoisti e vani del patriottismo.
    Sulla scuola
    I preti di tutte le chiese, lungi dal sacrificarsi al gregge confidato alle loro cure, lo hanno sempre sacrificato, sfruttato e mantenuto al livello di mandria, in parte per soddisfare le loro passioni personali, ed in parte per servire l’onnipotenza della Chiesa. Le stesse condizioni, le stesse cause producono sempre gli stessi effetti. Lo stesso accadrà dunque per i professori della Scuola moderna, divinamente ispirati e patentati dallo Stato. Diverranno necessariamente, alcuni senza saperlo, altri con piena conoscenza di causa, gli insegnanti della dottrina del sacrificio popolare alla potenza dello Stato e a profitto delle classi privilegiate. Occorrerà dunque eliminare dalla società ogni insegnamento ed abolire tutte le scuole? Tutt’altro. E’ necessario anzi diffondere a piene mani l’istruzione nelle masse, e trasformare tutte le chiese, tutti questi templi dedicati alla gloria di Dio e all’asservimento degli uomini, in altrettante scuole d’emancipazione umana. Ma, anzitutto, intendiamoci: le scuole propriamente dette, in una società normale, fondata sulla uguaglianza e sul rispetto della libertà umana, dovranno esistere solo per i fanciulli e non già per gli adulti, e, perché esse diventino scuole di emancipazione non di servitù, bisognerà eliminare, prima di tutto, questa finzione di Dio, l’oppressore eterno e assoluto; e bisognerà fondare tutta l’educazione dei fanciulli e la loro istruzione sullo sviluppo scientifico della ragione, non su quello della fede; sullo sviluppo della dignità e dell’indipendenza personale, non su quello della pietà e dell’obbedienza; sul culto della verità e della giustizia, e prima di tutto sul rispetto umano, che deve sostituire in tutto e ovunque il culto divino. Il principio dell’autorità, nell’educazione dei fanciulli, costituisce il punto di partenza naturale; esso è legittimo, necessario, allorché è applicato ai fanciulli in tenera età, allorché la loro intelligenza non è ancora in alcun modo sviluppata; ma appena lo sviluppo di ogni cosa, e per conseguenza anche dell’educazione, comporta la negazione successiva dei punti di partenza, questo principio deve ridursi gradualmente a misura che avanzano l’educazione e l’istruzione, per far posto alla libertà che ascende. Qualsiasi educazione razionale non è in fondo che la eliminazione progressiva dell’autorità a profitto della libertà giacché lo scopo finale dell’educazione dev’essere quello di formare degli uomini liberi e pieni di rispetto e d’amore per la libertà altrui. Così il primo giorno della vita di scuola, se la scuola prende i fanciulli di tenera età, quando essi cominciano appena a balbettare qualche parola, deve essere il giorno dell’autorità più severa e dell’assenza quasi completa della libertà; ma il suo ultimo giorno deve essere quello della più grande libertà e dell’abolizione assoluta di ogni traccia del principio animale o divino dell’autorità. Il principio d’autorità, applicato agli uomini che hanno sorpassato o raggiunto la maggiore età, diventa una mostruosità, una negazione intellettuale e morale. Sventuratamente, i governi paternalistici hanno lasciato marcire le masse popolari in una così profonda ignoranza, che sarà necessario fondare delle scuole non solamente per i figli del popolo, ma per il popolo stesso. Da queste scuole dovranno essere assolutamente bandite le più piccole applicazioni o manifestazioni del principio di autorità. Non saranno più scuole, saranno accademie popolari in cui non ci sarà più questione né di scolari, né di maestri, dove il popolo verrà liberamente a prendere, se lo trova necessario, un insegnamento libero, e nelle quali, ricco della sua esperienza, potrà insegnare, a sua volta, molte cose ai professori che gli apportano cognizioni che egli non ha. Questo sarà dunque un insegnamento scambievole, un atto di fraternità intellettuale tra la gioventù istruita e il popolo. "

    Fonti:

    stato_non_patria
    https://forum.termometropolitico.it/...l-bakunin.html
    Qui sulla Terra vige un ordinamento di tipo dispotico/opuscratico, di matrice gerontocratico-patriarcale/eterocisessuale (gerarchico e autoritarista). In alcune zone del pianeta matri-patriarcale.

    Per molti è "Civiltà"

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Trollino
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    26,247
    Mentioned
    155 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Anarco-patriottismo Bakuniano?

    Gilanico, non scrivere titoli stupidi....

    Basta questo:
    Ognuno di noi dovrebbe elevarsi sopra questo patriottismo piccolo e meschino, per il quale, il proprio paese è il centro del mondo, e che considera grande una nazione quando è temuta dai suoi vicini. Dobbiamo porre la giustizia umana universale sopra tutti gli interessi nazionali e abbandonare una volta per tutte il falso principio della nazionalità, inventato recentemente dai despoti della Francia, Prussica e Russia per schiacciare il supremo principio della libertà.

  3. #3
    LA MIA PATRIA E' LA TERRA
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    5,731
    Mentioned
    28 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Anarco-patriottismo Bakuniano?

    La nazionalità non è un principio, è un diritto legittimo come l’individualità. Ogni nazione, grande o piccola ha l’indiscutibile e medesimo diritto ad esistere, a vivere in accordo con la propria natura. Questo diritto è semplicemente il corollario del principio generale della libertà.

    Lo Stato non è la Patria; è l’astrazione, la finzione metafisica, mistica, politica, giuridica della Patria; ma si tratta di un amore naturale, reale; il patriottismo del popolo non è un’idea, ma un fatto; e il patriottismo politico, l’amore dello Stato, non è la giusta espressione di questo fatto, ma un’espressione snaturata per mezzo d’una menzognera astrazione, sempre a profitto di una minoranza che sfrutta.

    La Patria, la nazionalità, come l’individualità è un fatto naturale e sociale, fisiologico e storico al tempo stesso; non è un principio. Non si può definire principio umano che quello che è universale, comune a tutti gli uomini; ma la nazionalità li separa: non è, dunque, un principio. Principio è, invece, il rispetto che ognuno deve avere pei fatti naturali, reali o sociali.

    E la nazionalità, come l’individualità, è uno di questi fatti. Dobbiamo, dunque rispettarla. Violarla è un misfatto e , per parlare il linguaggio di Mazzini, diviene un sacro principio ogni volta che è minacciata e violata.

    La Patria rappresenta il diritto incontestabile e sacro di tutti gli uomini, associazioni, comuni, regioni, nazioni, di vivere, pensare, volere, agire a loro modo e questo modo è sempre il risultato incontestabile di un lungo sviluppo storico.


    il Canton Ticino (in Svizzera) per esempio - essa apparterrebbe evidentemente alla famiglia italiana: la sua lingua, i suoi costumi e le sue particolarità sono identiche a quelli della popolazione della Lombardia e, di conseguenza, dovrebbe passare a far parte dello Stato Italiano unificato.

    La nazionalità non è un principio umano universale. E’ un fatto storico e locale che, come tutti i fatti reali e innocui, ha diritto ad esigere la sua generale accettazione. Ogni popolo fino alla più piccola unità etnica o tradizionale possiede le proprie caratteristiche, il suo specifico modo di esistenza, la sua maniera di parlare, di sentire, di pensare, e di agire; e questa idiosincrasia costituisce l’essenza della nazionalità, risultato di tutta la vita storica e sommatoria totale delle condizioni vitali di questo popolo.

    Josef, un po' contraddittorio le fu in questa lettera, al di là delle tue personali opinioni sul titolo che ho dato a questa discussione.
    Qui sulla Terra vige un ordinamento di tipo dispotico/opuscratico, di matrice gerontocratico-patriarcale/eterocisessuale (gerarchico e autoritarista). In alcune zone del pianeta matri-patriarcale.

    Per molti è "Civiltà"

  4. #4
    Trollino
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    26,247
    Mentioned
    155 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Anarco-patriottismo Bakuniano?

    Citazione Originariamente Scritto da GILANICO Visualizza Messaggio
    La nazionalità non è un principio, è un diritto legittimo come l’individualità. Ogni nazione, grande o piccola ha l’indiscutibile e medesimo diritto ad esistere, a vivere in accordo con la propria natura. Questo diritto è semplicemente il corollario del principio generale della libertà.

    Lo Stato non è la Patria; è l’astrazione, la finzione metafisica, mistica, politica, giuridica della Patria; ma si tratta di un amore naturale, reale; il patriottismo del popolo non è un’idea, ma un fatto; e il patriottismo politico, l’amore dello Stato, non è la giusta espressione di questo fatto, ma un’espressione snaturata per mezzo d’una menzognera astrazione, sempre a profitto di una minoranza che sfrutta.

    La Patria, la nazionalità, come l’individualità è un fatto naturale e sociale, fisiologico e storico al tempo stesso; non è un principio. Non si può definire principio umano che quello che è universale, comune a tutti gli uomini; ma la nazionalità li separa: non è, dunque, un principio. Principio è, invece, il rispetto che ognuno deve avere pei fatti naturali, reali o sociali.

    E la nazionalità, come l’individualità, è uno di questi fatti. Dobbiamo, dunque rispettarla. Violarla è un misfatto e , per parlare il linguaggio di Mazzini, diviene un sacro principio ogni volta che è minacciata e violata.

    La Patria rappresenta il diritto incontestabile e sacro di tutti gli uomini, associazioni, comuni, regioni, nazioni, di vivere, pensare, volere, agire a loro modo e questo modo è sempre il risultato incontestabile di un lungo sviluppo storico.


    il Canton Ticino (in Svizzera) per esempio - essa apparterrebbe evidentemente alla famiglia italiana: la sua lingua, i suoi costumi e le sue particolarità sono identiche a quelli della popolazione della Lombardia e, di conseguenza, dovrebbe passare a far parte dello Stato Italiano unificato.

    La nazionalità non è un principio umano universale. E’ un fatto storico e locale che, come tutti i fatti reali e innocui, ha diritto ad esigere la sua generale accettazione. Ogni popolo fino alla più piccola unità etnica o tradizionale possiede le proprie caratteristiche, il suo specifico modo di esistenza, la sua maniera di parlare, di sentire, di pensare, e di agire; e questa idiosincrasia costituisce l’essenza della nazionalità, risultato di tutta la vita storica e sommatoria totale delle condizioni vitali di questo popolo.

    Josef, un po' contraddittorio le fu in questa lettera, al di là delle tue personali opinioni sul titolo che ho dato a questa discussione.
    Non è contraddittorio se leggi bene l'articolo e se studi altrettanto bene la sua vita.
    Non c'è discussione, a meno che tu non ti voglia inserire nell'alveo dei provocatori fascisti che osano chiamarsi anarco-nazionalisti.

  5. #5
    Socialista pragmatico
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Bacino del Mediterraneo
    Messaggi
    17,272
    Mentioned
    126 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito Re: Anarco-patriottismo Bakuniano?

    Hai visto, Gilanico? Hai osato manifestare un'idea discordante dalle sacre scritture della bibbia raimondinica, l'unica autoriconosciutasi come depositaria esclusiva della Verità Anarchica? E ora beccati pure tu gli anatemi: fascista, provocatore, infiltrato...
    Lars likes this.
    "Il nemico principale oggi è il capitalismo sul piano economico, il liberalismo sul piano politico, l'individualismo sul piano filosofico, la borghesia sul piano sociale, e gli U.S.A. sul piano geopolitico." - A. de Benoist
    Je suis Saint-Pétersbourg

  6. #6
    Trollino
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    26,247
    Mentioned
    155 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Anarco-patriottismo Bakuniano?

    Citazione Originariamente Scritto da Kavalerists Visualizza Messaggio
    Hai visto, Gilanico? Hai osato manifestare un'idea discordante dalle sacre scritture della bibbia raimondinica, l'unica autoriconosciutasi come depositaria esclusiva della Verità Anarchica? E ora beccati pure tu gli anatemi: fascista, provocatore, infiltrato...
    Sì, c'è un'unica e sola verità, Bakunin era un anarchico internazionalista.

  7. #7
    Trollino
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    26,247
    Mentioned
    155 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Anarco-patriottismo Bakuniano?

    Tutti quelli che desiderano sinceramente la pace e la giustizia internazionale devono rinunciare una volta per sempre a quello che si chiama la gloria, il potere la grandezza della Patria, a tutti gli interessi egoisti e vani del patriottismo.

    Bisogna aggiungere qualcos'altro?

  8. #8
    Bucaniere
    Data Registrazione
    15 Aug 2013
    Località
    Libertalia
    Messaggi
    8,136
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Anarco-patriottismo Bakuniano?

    Ne avevamo parlato gia' nel thread dedicato agli anarco-nazionalisti, che senso ha aprirne un altro?

    detto ciò, io mi espressi già in passato sul tema. Teorici come Bakunin e Proudhon, mostrarono CERTAMENTE influenze patriottiche (nel caso di Proudhon anche conservatrici, per altri aspetti), ma ciò era tipico di un 'epoca di grandi fermenti popolari (e pre populisti) e nazionali, dove non vi era ancora una precisa caratterizzazione politica (poteva essere nazionalista anche un socialista e un liberale, senza che ciò destasse scandalo; dopo, poi, con le internazionali socialiste e comuniste le cose si sono definite meglio).
    Oggi, asserire che la corretta interpretazione dell'anarchismo sia quella nazionalista, è certamente errato.
    Che un libertario, poi, si voglia considerare 'nazionalista', a me, non scandalizza. Certamente è contraddittorio essere nazionalisti in senso ottocentesco, dato che l'Ottocento vede la nascita dello "Stato-Nazione", come noi oggi lo conosciamo, e di conseguenza una nazione omogenea come quella, è antitetica ad un'organizzazione federale come quella anarchica.
    ...pensando che ho in mano il destino dell'umanità: lo spezzo invisibilmente in due parti, prima di me, dopo di me...
    (FP, 25[5], 1888)

  9. #9
    Trollino
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    26,247
    Mentioned
    155 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Anarco-patriottismo Bakuniano?

    Citazione Originariamente Scritto da Dean M. Visualizza Messaggio
    Ne avevamo parlato gia' nel thread dedicato agli anarco-nazionalisti, che senso ha aprirne un altro?

    detto ciò, io mi espressi già in passato sul tema. Teorici come Bakunin e Proudhon, mostrarono CERTAMENTE influenze patriottiche (nel caso di Proudhon anche conservatrici, per altri aspetti), ma ciò era tipico di un 'epoca di grandi fermenti popolari (e pre populisti) e nazionali, dove non vi era ancora una precisa caratterizzazione politica (poteva essere nazionalista anche un socialista e un liberale, senza che ciò destasse scandalo; dopo, poi, con le internazionali socialiste e comuniste le cose si sono definite meglio).
    Oggi, asserire che la corretta interpretazione dell'anarchismo sia quella nazionalista, è certamente errato.
    Che un libertario, poi, si voglia considerare 'nazionalista', a me, non scandalizza. Certamente è contraddittorio essere nazionalisti in senso ottocentesco, dato che l'Ottocento vede la nascita dello "Stato-Nazione", come noi oggi lo conosciamo, e di conseguenza una nazione omogenea come quella, è antitetica ad un'organizzazione federale come quella anarchica.
    Si potrebbe liquidare la questione di patria e patriottismo ricorrendo a uno dei versi più famosi del canzoniere anarchico, quel “nostra patria è il mondo intero” che racchiude, nella semplicità di una sola frase, tutto un programma. Ma la lettera di Fabio è interessante e articolata, e merita, quindi, una risposta un po’ più approfondita.
    Indubbiamente la distinzione fra Stato e Patria, come scrive Fabio, ha una sua oggettività: semplificando al massimo i concetti, si potrebbe dire che Stato è solamente una istituzione autoritaria, benefica, asettica o opprimente a seconda delle interpretazioni che se ne danno, mentre Patria (o Nazione) è un sentimento, un insieme di rappresentazioni ed emozioni che fanno capo al vissuto individuale e collettivo. Quindi, se il primo, da buoni anarchici, è da combattere, la seconda è da prendere in considerazione, senza fermarsi al significato letterale del termine, ma facendo attenzione a come questo concetto, indubbiamente legittimo ma né asettico né neutro, è stato utilizzato in passato, a come è utilizzato oggi, a come si presta volentieri a interpretazioni strumentali, e spesso pericolose, almeno per noi che ancora sentiamo forte il concetto della fratellanza internazionalista.
    Innanzitutto, per “giustificare” le affermazioni di Bakunin, si deve pensare al contesto storico nel quale il russo esprimeva il proprio favore per la cosiddetta Europa delle patrie, contrapposta a quella soggetta al tetro dominio degli imperi e delle autocrazie ottocentesche. L’affermazione di un sentimento patrio, infatti, coincideva principalmente con l’anelito di libertà che contagiava tutti i popoli europei, era un’affermazione di autodeterminazione, di volontà di emancipazione, di lotta alla massima espressione dell’autorità di quei tempi, quali erano, allora i regimi assolutisti che rendevano schiava l’Europa. In questa ottica, credo, Bakunin affermava, con la sua abituale lucidità, che “La Patria rappresenta il diritto incontestabile e sacro di tutti gli uomini”, caricandola, di conseguenza, di significati positivi.
    Però la storia procede e i concetti e le espressioni della società e della politica evolvono, si modificano, assumono connotazioni differenti. A volte, addirittura contrarie. La patria, ad esempio, da espressione di libertà collettiva è diventata molto spesso, troppo spesso, simbolo di coercizione, di inclusione ed esclusione. Inclusione per quanti si riconoscono in una stessa lingua e in una stessa, ahimé, tradizione. Esclusione per gli alieni, i diversi, coloro che non godono il privilegio di farne parte e che quindi sono considerati, se non nemici, sicuramente estranei.
    Non credo sia necessario, a questo punto, ricordare come, in nome della patria, della difesa della patria, della grandezza della patria, della conservazione dei valori della patria, siano state commesse alcune delle peggiori infamie che hanno disonorato buona parte della storia dei popoli europei. Di quegli stessi popoli che, pochi decenni prima, facevano coincidere la nascita della patria con la massima aspirazione alla libertà. Quando poi la nozione di patria viene tirata in ballo, come spesso accade di questi tempi, anche per coprire meschini interessi improntati al più volgare egoismo, verrebbe voglia di cancellare questo termine dal vocabolario della storia.
    Un conto quindi è il concetto naturale e filosofico, in poche parole astratto, di patria e nazione, quello stesso a cui si richiamava Bakunin, altro conto è come questo concetto, per la sua ineliminabile ambiguità, si presti troppo facilmente a interpretazioni ed azioni inaccettabili. Inaccettabili per il più elementare senso di umanità e non certo per… “insensato settarismo”. Ecco perché la ostile diffidenza degli anarchici rimane tutta.

    Massimo Ortalli






    A-Rivista Anarchica

  10. #10
    Bucaniere
    Data Registrazione
    15 Aug 2013
    Località
    Libertalia
    Messaggi
    8,136
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Anarco-patriottismo Bakuniano?

    Si, ma tu devi capire una cosa. O leggi male, o hai lo speck davanti gli occhi.

    BAKUNIN non fa discorsi nazionalisti identitari alla Salvini o alla Mussolini. Bakunin dice una cosa essenziale (influenzato dal pensiero del Mazzini): Per organizzare la società in senso libertario e socialista, dovremo fare i conti sol sentimento patriottico di ogni popolo, che non è estirpabile, senza questo passaggio fondamentale non potremo mai condurli ad un sentimento internazionale che è condizione essenziale per una società libera e armoniosa.
    Dov'è che vedi l'elogio dello sciovinismo da parte di Bakunin?
    Kavalerists and Lars like this.
    ...pensando che ho in mano il destino dell'umanità: lo spezzo invisibilmente in due parti, prima di me, dopo di me...
    (FP, 25[5], 1888)

 

 
Pagina 1 di 16 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. ANARCO-CAPITALISMO E ANARCO-SINDACALISMO
    Di Domenico Letizia nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-08-11, 23:59
  2. L'anarco-patriottismo Di Michail Bakunin
    Di Sabotaggio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 58
    Ultimo Messaggio: 25-04-08, 19:16
  3. L'anarco-patriottismo Di Michail Bakunin
    Di Sabotaggio nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-04-08, 14:09
  4. Anarco POL
    Di vlad84 nel forum Fondoscala
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 25-02-05, 18:14

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224