User Tag List

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 14 di 14
Like Tree2Likes

Discussione: Venezuela in ginocchio per la crisi, l'ultima guerra è quella del pan

  1. #11
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    14,816
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    71 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Venezuela in ginocchio per la crisi, l'ultima guerra è quella del pan

    Loading...
    Se solo il Venezuela di chiamasse Palestina


    HOME

    POLITICA

    ESTERI

    RADICALI

    SOCIAL
    Se solo il Venezuela di chiamasse Palestina
    18 maggio 2017 102 by Bianca M. Bertini
    Se solo il Venezuela si chiamasse Palestina e non fosse invece uno stato fondamentale per i loschi affari di Teheran e dei suoi alleati di Hezbollah, a quest’ora il mondo pacifista avrebbe messo sottosopra tutto il pianeta.

    Invece i poveri venezuelani non sono i privilegiati palestinesi, per loro il mondo pacifista non ci pensa proprio a muoversi, forse perché quello stesso mondo preferisce difendere i regimi corrotti e violenti ma anti-americani e anti-israeliani, forse perché prima con Hugo Chavez e adesso con Nicolas Maduro il mondo pacifista si è sempre schierato dalla parte del regime in Venezuela prendendolo addirittura ad esempio e infischiandosene delle sofferenze del popolo venezuelano. Forse perché se non c’è di mezzo Israele il cosiddetto mondo pacifista se ne infischia di tutto.

    Da settimane il popolo venezuelano scende in piazza per chiedere a Maduro di andarsene e lasciare libero il Paese, un Paese letteralmente alla fame nonostante le immense ricchezze di cui dispone. In questo lungo periodo di manifestazioni oceaniche una quarantina di persone sono state uccise dagli sgherri del regime, migliaia i feriti, centinaia di ragazzi e ragazze sono stati incarcerate, persino gli anziani vengono picchiati dalle squadre della morte di Maduro, eppure il mondo pacifista non se ne accorge o, peggio ancora, fa finta di non vedere. Preferisce star dietro al finto sciopero della fame dei terroristi palestinesi piuttosto che cercare di aiutare un popolo veramente oppresso.

    Non so nemmeno se sia più corretto chiamare questo strano mondo con l’appellativo di “pacifista” vista la loro predilezione per i dittatori e gli assassini di bambini.

    Dove sono i vari Vauro, le Morgantini, i Manlio Di Stefano? Dove sono le testate di estrema sinistra sempre pronte a condannare Israele se un palestinese scivola su una buccia di banana, sempre pronti a chiamare “resistenti” i terroristi palestinesi e a fare manifestazioni per difendere il loro diritto a uccidere innocenti?

    Il Venezuela, purtroppo per i poveri venezuelani, non è la Palestina e allora se l’idolo della sinistra estrema, Nicola Maduro, vuole massacrare (finire di massacrare) quei poveretti che protestano per un tozzo di pane lo può fare tranquillamente sicuro com’è che non ci sarà nessuna sollevazione internazionale, nessun movimento di boicottaggio, nessuna attenzione sui media fascio-sinistri.

    Il Venezuela è la prova vivente della ipocrisia e della malafede di coloro che dicono di lottare per i Diritti Umani ma difendono dittatori, terroristi e assassini di bambini, quelli che si autodefiniscono “pacifisti” e che qualcuno a giustamente ribattezzato “pacivendoli”.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #12
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    14,816
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    71 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Venezuela in ginocchio per la crisi, l'ultima guerra è quella del pan

    Alta tensione in Venezuela, oggi voto sulla Costituente - America Latina - ANSA.it

    Alla vigilia delle elezioni per l'Assemblea Costituente promossa da Nicolas Maduro - e respinta come antidemocratica dall'opposizione - in Venezuela regna un clima di timore e tensione, con strade bloccate da barricate in molte delle principali città del paese e nuove ondate di brutale repressione da parte delle forze dell'ordine. L'opposizione ha rilanciato la sua parola d'ordine di astensione alle elezioni - "Domenica, tutti a casa", è lo slogan più comune - mentre gruppi giovanili autonominatisi "La Resistenza" mantengono le mobilitazioni di piazza, affrontando la Guardia Nazionale e i "colectivos" (gruppi armati irregolari del chavismo) nelle strade del paese. Secondo l'ultimo sondaggio diffuso dalla Datanalisis, una maggioranza schiacciante (72,7%) dei venezuelani si oppone all'Assemblea Costituente, e solo il 20,4% la appoggia, ma come ha sottolineato il direttore dell'istituto demoscopico, Luis Vicente Leon, queste cifre probabilmente non danno un'indicazione certa sul tasso di affluenza di domenica. Si moltiplicano infatti le testimonianze sulle minacce e i ricatti a cui sono sottoposti gli elettori - a partire dagli impiegati pubblici - perché partecipino al voto. Sui social circolano per esempio le istruzioni date da uno dei vicepresidenti dell'azienda petrolifera statale Pdvsa, nelle quali avverte che qualsiasi dirigente che non partecipi alle elezioni e non si assicuri che anche i suoi dipendenti lo facciano sarà licenziato la settimana prossima. E' difficile valutare che percentuale dei circa 2,8 milioni di impiegati pubblici del paese finirà per cedere al timore o al ricatto, e che impatto avrà il sistema di monitoraggio creato del governo per controllare il voto dei gruppi più vulnerabili, che dipendono dall'assistenza sociale per la loro sussistenza. Garantire un'alta affluenza alle urne è diventata la priorità assoluta del governo, dopo che lo scorso 16 luglio l'opposizione ha organizzato un referendum contro la Costituente, senza valore legale, al quale hanno partecipato oltre 7,3 milioni di elettori.

    D'altra parte, le elezioni si svolgeranno senza alcun monitoraggio esterno e in condizioni che permetterebbero una manipolazione dei risultati: si ignora, per esempio, chi ha confezionato le liste degli aventi diritto al voto per le elezioni "settoriali", che di fatto voteranno due volte, perché voteranno anche in quelle per criterio territoriale. Dopo la violenza che ha segnato lo sciopero nazionale convocato dall'opposizione la settimana scorsa - 8 morti, decine di ferite e oltre un centinaio di arresti in 48 ore - cresce anche il timore di nuovi scontri di piazza: tanto la polizia come i ragazzi della "Resistenza" sembrano ormai pronti a tutto e fuori da ogni controllo. E così, mentre altre linee aeree - oggi Air France e Iberia - annunciano la sospensione dei loro voli su Caracas "per motivi di sicurezza", l'ultimo appello al dialogo lanciato dall'ex premier spagnolo José Luis Rodriguez Zapatero è caduto nel vuoto. Sembra chiuso definitivamente il tempo della trattativa, ma nessuno sa dove potrebbe portare una nuova fase di radicalizzazione della crisi.

  3. #13
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    14,816
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    71 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Venezuela in ginocchio per la crisi, l'ultima guerra è quella del pan

    Venezuela, l'assemblea Costituente rimuove la procuratrice generale Luisa Ortega Dìaz - Rai News


    Venezuela, l'assemblea Costituente rimuove la procuratrice generale Luisa Ortega Dìaz "La sede della procura generale di Caracas è assediata dai militari", aveva postato su Twitter la Ortega, che respinge la propria rimozione e denuncia: "E' in atto un golpe" Tweet Venezuela, i sostenitori di Maduro festeggiano l'insediamento dell'Assemblea Costituente Anche l'opposizione in piazza a Caracas Scontri con la polizia Venezuela, il Vaticano: "Il Governo sospenda la Costituente" Venezuela: oggi Maduro insedia l'Assemblea Costituente, opposizione in piazza Venezuela, la Procura: la Costituente non si può insediare Venezuela: il leader dell'opposizione Ledezma torna agli arresti domiciliari Mogherini: "La Ue non riconosce l'Assemblea Costituente venezuelana" 06 agosto 2017 La nuova Assemblea Costituente venezuelana ha rimosso dal suo incarico la procuratrice generale Luisa Ortega Diaz. Per ore le forze della sicurezza venezuelana hanno circondato l'ufficio della procuratrice a Caracas. Una trentina di soldati della guardia nazionale sono giunti in mattinata chiudendo ogni accesso all'edificio. Ortega su Twitter ha parlato di "assedio" arbitrario e ha diffuso le foto dei soldati. "Rifiuto questo assedio al ministero pubblico - scrive Ortega - denuncio questa arbitrarietà di fronte alla comunità nazionale e internazionale". Ortega respinge la rimozione: "E' in atto un golpe" E Luisa Ortega Diaz respinge la decisione della Costituente che oggi l'ha rimossa dal ruolo di procuratrice generale del Venezuela, precisando di "non riconoscere" tale misura. "Nel Paese è in pieno corso un golpe contro la Costituzione, combatterò fino all'ultimo respiro", ha precisato in una nota. "Sono stata aggredita dalla Guardia Nacional Bolivariana" La procuratrice generale del Venezuela è anche stata aggredita dalla 'guardia nacional bolivariana' mentre cercava di entrare nel suo ufficio a Caracas. "Sono stata spintonata, mi hanno attaccato con gli scudi per impedire" l'ingresso nell'ufficio, ha detto ai media. Tarek William Saab come nuovo procuratore generale L'Assemblea nazionale costituente del Venezuela ha incaricato il difensore civico Tarek William Saab come nuovo procuratore generale, dopo aver rimosso Luisa Ortega Diaz. "Non può restare vacante perché si creerebbe un problema che già avevamo con l'inazione della procura", ha detto nella sessione della Costituente Diosdado Cabello. L'opposizione considera Saab un fedele alleato del governo che non esita a ignorare abusi da parte del potere. Venezuela sospeso dal Mercosur Il Venezuela è stato sospeso dal Mercosur (il mercato comune dell'America meridionale) per il mancato rispetto della 'clausola democratica' del gruppo sudamericano. Lo hanno deciso i ministri degli esteri di Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay durante una riunione a San Paolo, applicando così la "clausola democratica" dell'organismo. - See more at: Venezuela, l'assemblea Costituente rimuove la procuratrice generale Luisa Ortega Dìaz - Rai News

  4. #14
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    14,816
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    71 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Venezuela in ginocchio per la crisi, l'ultima guerra è quella del pan

    altri due 3d sul venezuela su TP:

    in politica estera:
    https://forum.termometropolitico.it/...venezuela.html

    in anticapitalismo, sovranità, socialismo:
    https://forum.termometropolitico.it/...venezuela.html

 

 
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Discussioni Simili

  1. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 05-09-14, 15:34
  2. Venezuela, la crisi non ha limiti
    Di POL nel forum Politica Estera
    Risposte: 178
    Ultimo Messaggio: 26-03-14, 15:43
  3. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 19-06-13, 15:27
  4. ULTIMA ORA: Gheddafi è fuggito in Venezuela
    Di Max69 nel forum Politica Estera
    Risposte: 162
    Ultimo Messaggio: 21-02-11, 23:25
  5. Crisi Venezuela-Colombia.
    Di Lucio nel forum Politica Estera
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 08-03-08, 04:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225