User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    17,319
    Mentioned
    35 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Il gioiello Save in mani franco-tedesche.

    Il gioiello Save in mani franco-tedesche - Focus - Il Mattino di Padova


    Il gioiello Save in mani franco-tedesche

    Con il divorzio dei soci storici Enrico Marchi e Andrea de Vido e il riassetto della controllante Finint, un altro pezzo pregiato e strategico del Veneto finirà in mani straniere di Roberta Paolini

    di Roberta Paolini

    Enrico Marchi con il ministro Delrio...
    Enrico Marchi con il ministro Delrio e il sindaco Brugnaro all'inaugurazione della nuova Darsena

    VENEZIA. I cieli di Venezia diventano più francesi. Dopo le utilities, le banche, le autostrade e i grandi marchi della nostra industria, sta per andarsene un altro pezzo di Veneto. Un pezzo pregiato.

    L’aeroporto della Laguna è uno dei migliori d’Italia, ha tassi di crescita doppi rispetto agli altri, è ben gestito e ha orizzonti molto promettenti. Fa un sacco di soldi. E proprio per questo presto non sarà più nostro.

    In questi giorni si definiscono gli ultimi dettagli della fine del sodalizio imprenditoriale tra Enrico Marchi e Andrea de Vido, soci di Finanziaria Internazionale, l’azionista di controllo di Save, concessionario dell’aeroporto di Venezia.

    La loro separazione ha conseguenze sull’assetto azionario dello scalo, come scritto da tempo sul nostro giornale: un cambio di controllo in Finint pretende il lancio di un'opa sul piano sotto, Save appunto.

    Marchi liquiderà de Vido, con circa 120 milioni e poi resterà azionista del concessionario aeroportuale con nuovi partner finanziari: il fondo francese InfraVia e un fondo di Deutsche Bank. Ma la quota che resterà a Marchi sarà meno della metà di quella attuale.

    Finint tra partecipazioni dirette e indirette ha oggi il 33% di Save e ne è a tutti gli effetti l'azionista di maggioranza e dunque di controllo. Alla fine dell’operazione resterà con un 12% circa, molto sotto ai partners InfraVia e DB.

    Il capitale Save oggi e l'evoluzione...
    Il capitale Save oggi e l'evoluzione con l'opa

    Sembra un gioco di scatole cinesi, si cambiano pesi e misure, c’è chi entra e chi esce, si smontano castelli societari e se ne montano di nuovi. Ma al netto della noia contabile resta che, alla fine di tutti questi arabeschi finanziari, l'aeroporto intercontinentale di Venezia sarà molto meno veneto.

    Molto meno italiano.Magari il timoniere di Save sarà ancora per una stagione Marchi, magari la governance resterà italica, ma la Città di Cristallo aperta al mondo attraverso il cielo vestirà, presto, i colori di Francia e Germania.
    leggi anche:

    save
    Finint il riassetto è vicino ma Save frena: "Impossibile prevedere l'evoluzione"

    Tra debito e equity la manovra dovrebbe avere un controvalore di oltre 1,7 miliardi. Il 22 marzo a Milano nella sede di Banca Finint, i soci azionisti hanno intanto nominato Gianluca Vidal amministratore unico della finanziaria

    «L’aeroporto di Venezia deve restare italiano”». Sembra ancora di sentirlo Enrico Letta, quando da premier passeggiava nel Marco Polo, affermando «ho letto su alcuni giornali qualcosa di poco sintonico con l'interesse del Paese».

    Pronunciò queste parole quattro anni fa durante uno dei momenti più difficili per la storia del finanziere Enrico Marchi. Anche allora la sua Finint rischiava di perdere il controllo dell’aeroporto della Laguna. Un gioiello che lui (e non si può negare) ha trasformato da piccolo scalo di provincia nel terzo scalo italiano.

    Al tempo gli avversari avevano altri volti. Si disse che Mediobanca stava studiando un’operazione per il gigante dei cieli Fraport, la società che gestisce il più importante aeroporto europeo, Francoforte. Letta durante un vertice trilaterale arrivò a Venezia mettendo in chiaro le cose, insomma la posizione del governo e la protezione verso la "italianità" di Save.

    Un endorsement che fece gioco a Marchi, che in quella fase doveva chiudere la partita con Generali (allora azionista di Save), mentre alle porte c’erano pretendenti pronti ad aggredire il suo gioiello. Quella volta vinse lui.

    Accadde anche grazie a un provvidenziale e inaspettato appoggio della Popolare di Vicenza, che acquisì sul mercato l’8% del capitale di Save e all'arrocco con la Fondazione di Venezia. Insomma, un pacchetto di mischia veneto.

    Al tempo le popolari avevano ruolo e potere, oggi no. Non si può dimenticare che de Vido e Marchi sono insieme in Finint da 36 anni. Un rapporto che ha iniziato a vacillare nel 2015, quando Veneto Banca chiede a de Vido di rientrare dalla sua micidiale esposizione debitoria. Circa 80 milioni di euro con un collaterale-spazzatura: le azioni di PopEtruria, una delle quattro banche finite in risoluzione.

    A quel punto de Vido chiede al socio Marchi di essere liquidato delle sue quote in Finint, in modo da chiudere il suo debito con la popolare di Montebelluna. Qui sta l’innesco della fine del sodalizio tra i due soci. La crisi della Finanziaria di Conegliano è dunque lo specchio della fine di un’epoca. Di un capitalismo di relazione di matrice locale, che aveva contribuito a dare a questo pezzo di Italia un suo equilibrio.

    La vicenda Save costituisce un altro capitolo della fine di un’epoca, sta calando il sipario su una stagione del Nordest arrembante e protagonista. E su una delle mete turistiche per eccellenza del nostro paese verrà issato il tricolore francese.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    17,319
    Mentioned
    35 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Il gioiello Save in mani franco-tedesche.

    Citazione Originariamente Scritto da Maxadhego Visualizza Messaggio


    Il gioiello Save in mani franco-tedesche


    VENEZIA.

    I cieli di Venezia diventano più francesi.
    Dopo le utilities, le banche, le autostrade e i grandi marchi
    della nostra industria, sta per andarsene un altro pezzo di Veneto.
    Un pezzo pregiato.

    L’aeroporto della Laguna è uno dei migliori d’Italia,
    ha tassi di crescita doppi rispetto agli altri, è ben gestito
    e ha orizzonti molto promettenti. Fa un sacco di soldi.
    E proprio per questo presto non sarà più nostro.


    dunque,
    un aeroporto tra i primi in italia,
    ben gestito,
    alti tassi di crescita,
    fa un sacco di soldi,

    allora che si fa?

    si vende, e quei soldi
    si investono nella quarta sponda.

 

 

Discussioni Simili

  1. Cagliari, la città gioiello
    Di Murru nel forum Fondoscala
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 14-03-17, 01:02
  2. Cagliari la città gioiello
    Di Murru nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-03-17, 20:00
  3. Il forum fila come un gioiello
    Di Betelgeuse nel forum Supporto tecnico e news dall'Amministrazione
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17-04-13, 00:28
  4. Nokia E52, un gioiello
    Di Alessandro nel forum Fondoscala
    Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 23-05-09, 21:44
  5. Il nostro futuro nelle mani di Franco Giordano
    Di Paolo Arsena nel forum Repubblicani
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 19-05-07, 15:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226