User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Klauss Von Grebur Paiton

Discussione: Niente tasse per i petrolieri, tartassiamo i cittadini, cioè noi

  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    29 Apr 2015
    Messaggi
    721
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Niente tasse per i petrolieri, tartassiamo i cittadini, cioè noi

    Il governo italiano riduce le tasse. Si, proprio così: anni e anni che se ne parla, fiumi di promesse elettorali e impegni mai tradotti in qualcosa di concreto… ma da oggi no, da oggi si passa ai fatti. È cominciata l’inversione di tendenza della pressione fiscale, grazie al governo Gentiloni. E siccome le politiche tributarie devono essere selettive — devono cioè, per rivelarsi efficaci ed eque, essere mirate a specifiche categorie economiche o a specifiche fasce della popolazione — nella bozza della così detta “manovrina” economica correttiva il governo ha introdotto una misura chirurgica: un’esenzione retroattiva, per le società proprietarie delle piattaforme di estrazione nel mare italiano, dal pagamento di Ici, Imu e Tasi.
    Niente tasse per i petrolieri. Non da oggi, ma da sempre, per sempre.
    Se si pensa che il sistema fiscale è in realtà un sistema redistributivo, qui siamo al caso di uno Stato Robin Hood alla rovescia, che tassa tutti salvo i ricchi.

    E, così facendo, risolve contenziosi in corso da anni, dai quali molti comuni della penisola contavano di ricavare centinaia di milioni di euro, linfa vitale per i loro esigui bilanci. Non sono pochi, infatti, gli amministratori locali che hanno cominciato ad esigere il pagamento di imposte comunali da parte delle compagnie petrolifere. Ci sono quindi contenziosi in atto; e ci sono anche precedenti giurisprudenziali favorevoli ai governi locali, come la sentenza 3618 della Cassazione del 24 febbraio 2016 dove si stabiliva che le piattaforme petrolifere sono assoggettabili all’imposta comunale sugli immobili “nonostante la loro allocazione nel mare territoriale”. Quella sentenza, nello specifico, premiava il Comune di Pineto che, per una piattaforma situata di fronte alla sua costa, aveva chiesto all’Eni 33 milioni di Ici, più sanzioni e interessi, dovuti per gli anni 1993–1998. Per la Cassazione esiste una potestà degli enti locali nell’ambito del mare territoriale (fino alle 12 miglia marine), pari a quella esercitata sul proprio territorio; e le piattaforme sarebbero soggette a Ici in quanto “ascrivibili in catasto nella categoria D/7”.

    Di esempi come il contenzioso tra il comune del teramano e la società petrolifera ve ne sono altri. Dalla loro somma, e dal potenziale di analoghe richieste che potrebbero essere sollevate da tutti i comuni nelle cui acque ricadano strutture di estrazione di idrocarburi, escono fuori cifre a otto zeri. Non briciole.

    Secondo l’articolo della manovra anticipata in bozza dal ministro Padoan, “Non rientrano nel presupposto impositivo dell’imposta comunale sugli immobili (ICI), dell’imposta municipale propria (IMU) e del tributo per i servizi indivisibili (TASI), le costruzioni ubicate nel mare territoriale, in quanto non costituiscono fabbricati iscritti o iscrivibili nel catasto fabbricati”.

    Non è questo il primo tentativo di mettere al riparo le compagnie petrolifere dalla fiscalità generale. Questa norma è solo l’ultimo episodio di una querelle lunga, fatta tutta di lana caprina, ma al fondo assai semplice: in un Paese in cui i petrolieri pagano le royalties più basse al mondo, dove esistono franchigie per azzerare le aliquote di prodotto al di sotto di una soglia “minima” di idrocarburi estratti, dove i controlli ambientali sono scarsi e non risulta comportino mai sanzioni, si raggiunge l’apoteosi esentando strutture talvolta gigantesche, poste in aree demaniali, da qualsiasi imposta.
    Dietro tutto ciò c’è una solida consapevolezza: la pretesa dei petrolieri di essere diversi da ogni altro soggetto produttivo, in questo Paese. Come nella novella di Orwell in cui “tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri”.

    ’Italia continua a rivendicare, in tutte le sedi internazionali, il suo impegno per la salvaguardia del clima. In realtà sulla decarbonizzazione dell’economia sta facendo poco più di nulla. In attesa di una nuova Strategia Energetica Nazionale, che probabilmente confermerà il nostro Paese nella sua vocazione fossile, l’ennesima regalia alle aziende nemiche del clima (e in questo caso anche dei nostri mari) è servita.
    Regina di Coppe likes this.
    http://entrainfantasia.blogspot.it/

    "In tempi passati alberi e uomini erano buoni amici" Hayao Miyazaki

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    comunque andare
    Data Registrazione
    09 Jul 2009
    Messaggi
    7,377
    Inserzioni Blog
    9
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Niente tasse per i petrolieri, tartassiamo i cittadini, cioè noi

    .


    Non è questo il primo tentativo di mettere al riparo le compagnie petrolifere dalla fiscalità generale. Questa norma è solo l’ultimo episodio di una querelle lunga, fatta tutta di lana caprina, ma al fondo assai semplice: in un Paese in cui i petrolieri pagano le royalties più basse al mondo, dove esistono franchigie per azzerare le aliquote di prodotto al di sotto di una soglia “minima” di idrocarburi estratti, dove i controlli ambientali sono scarsi e non risulta comportino mai sanzioni, si raggiunge l’apoteosi esentando strutture talvolta gigantesche, poste in aree demaniali, da qualsiasi imposta.
    Dietro tutto ciò c’è una solida consapevolezza: la pretesa dei petrolieri di essere diversi da ogni altro soggetto produttivo, in questo Paese. Come nella novella di Orwell in cui “tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri”.
    .

    Il paradosso è che proprio il ministero dell'ambiente a tutelare i petrolieri, autorizzando la devastazione ecologica a prezzi stracciati...
    ... Senza contare le spese dei danni ambientali...


    .
    - Corpo sano in ambiente sano.

    - Ciò che più conta nella vita non si può contare.

    - Tacere è la virtù dei morti.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 52
    Ultimo Messaggio: 13-07-15, 00:09
  2. Hong Kong restituisce le tasse ai suoi cittadini perché non gli servono!
    Di Mister Libertarian nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 131
    Ultimo Messaggio: 29-03-15, 11:52
  3. I cittadini del sud pagano più tasse in termini di peso sul pil
    Di dedelind nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 12-06-12, 23:40
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-07-07, 18:54
  5. Petrolieri e riduzione delle tasse
    Di Gallo Senone nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-12-04, 17:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
// mettere condizione > 0 per attivare popup
Clicca per votare

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224