User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 51
Like Tree23Likes

Discussione: Perdiana, questa sarebbe una proposta intelligente, però

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Nov 2007
    Località
    Milano
    Messaggi
    13,926
    Mentioned
    64 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Perdiana, questa sarebbe una proposta intelligente, però

    Nel programma economico del M5S che Di Maio ha illustrato ieri ci sono alcune idee che mi trovano d'accordo anzi che io sesso sostengo da anni.
    Ecco qua la parte che mi interessa.

    Ridurre le giornate lavorative a 4 la settimana, e l'orario di lavoro a 35 ore max. E mandare la gente in pensione qualche anno prima di quel che succede oggi così da liberare posti di lavoro per i giovani
    .

    Se mi spiegassero come e dove trovare soldi per il Reddito di Cittadinanza e come riuscire a convincere le nostre imprese che, al contrario, continuano a cianciare di "fare maggior produzione" io garantisco che voterei per il M5S.

    Ho solo una perplessità molto seria: mandare la gente che lavora in pensione prima di oggi, perchè credo che sia impossibile equiparare tutti i lavoratori e togliere loro il lavoro che, ricordiamocelo è spesso una ragione di vita per molte persone, mi sembra un ipotesi non così felice, comunque...
    furioso2013 likes this.
    mai fidarsi di una mangusta, disse il cobra ai suoi cobrini



    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Jan 2013
    Messaggi
    16,584
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Perdiana, questa sarebbe una proposta intelligente, però

    Citazione Originariamente Scritto da cireno Visualizza Messaggio
    Nel programma economico del M5S che Di Maio ha illustrato ieri ci sono alcune idee che mi trovano d'accordo anzi che io sesso sostengo da anni.
    Ecco qua la parte che mi interessa.

    Ridurre le giornate lavorative a 4 la settimana, e l'orario di lavoro a 35 ore max. E mandare la gente in pensione qualche anno prima di quel che succede oggi così da liberare posti di lavoro per i giovani
    .

    Se mi spiegassero come e dove trovare soldi per il Reddito di Cittadinanza e come riuscire a convincere le nostre imprese che, al contrario, continuano a cianciare di "fare maggior produzione" io garantisco che voterei per il M5S.

    Ho solo una perplessità molto seria: mandare la gente che lavora in pensione prima di oggi, perchè credo che sia impossibile equiparare tutti i lavoratori e togliere loro il lavoro che, ricordiamocelo è spesso una ragione di vita per molte persone, mi sembra un ipotesi non così felice, comunque...
    Col nostro livello di debito e' molto difficile programmare riforme che hanno costi economici elevati.
    Quello del M5S e' un ottimo programma per prendere voti. Ce n'e' per tutti. Reddito di cittadinanza per chi non ha un lavoro o ce l'ha precario, diminuzione orario a parita' di salario per tutti (ovviamente meno che per chi lavora in proprio), pensioni anticipate.
    Ovviamente dove trovare le risorse e' un problema secondario.
    Faccio presente che a Roma il M5S strombazzo' ai quattro venti che, grazie al lavoro fatto all'opposizione, avrebbero in poco tempo recuperato un miliardo di minori spese. Ad oggi siamo a 60 milioni.
    Seyen likes this.
    Legenda: NCUC: non c'entra un cazzo, NRAC: non rispondo ai cazzari
    4 Dicembre 2016: Lutto Nazionale

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Jan 2013
    Messaggi
    14,368
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Perdiana, questa sarebbe una proposta intelligente, però

    è una cavolata questa proposta.
    mandare in pensione per dare lavoro e poi magari lamentarsi che si lavora per pagare le pensioni.
    invece diamo lavoro a chi se lo merita e puniamo con il licenziamento che fa il furbo (ad.es. timbra ma si imbosca).

    poi non vorrei offendere nessuno, ma siamo sicuri che acuni disoccuati vogliono lavorare ?
    la domanda penso sia legittima perchè: il venerdì sera, il sabato sera, la domenica "non si deve lavorare".
    il lunedi neppure perchè bisogna riposare dal "sbattuta" della domenica
    quindi si al laocoro ma solo se assunti a part-time, pagati come a tempo pieno ma si lavora il martedì, il mercoledì, il giovedi e il venerdì (ma al massimo fino alle 18).

    fare altri lavori magari in proprio che costerebbero poco più di zero per iniziare manco a parlarne, eppure non trovi chi ti possa "dipingere" casa, cambiare serrature, "tenere" un giardino, tingere un inferiata e mille altri "lavoretti".

    non parliamo poi di fare il falegname ad es. ne conosco che vorrebero torvare qualcuno per un paio d'anni e poi lasciargli il lavoro (compresi clienti ecc) ma nisba.
    si alvora in media più di 8 ore e talvolta pure sabato e domenica, scherziamo ?
    siamo oltre le 12 ore settimanali ammesse come accettabili.

    poi dove si trova il tempo per essere "social" (ma solo su internet ovvio), farsi uno spinello e bersi qualche birra.

    i nostri giovani sono tutti "anarchici" e "marxisti" ma non lo dicono e sopratutto non voteranno mai chi lo è davvero perchè poi si fregherebbero con le loro mani.
    Tiresia and Hockey like this.
    "Quello che io vedo nella natura, il suo ordine, la sua semplicità, la sua eleganza, mi avvicina all’idea di una mente ordinatrice dietro. La natura è bellissima." Dr Fabiola Gianotti

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Nov 2007
    Località
    Milano
    Messaggi
    13,926
    Mentioned
    64 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Perdiana, questa sarebbe una proposta intelligente, però

    Citazione Originariamente Scritto da chichibio Visualizza Messaggio
    Col nostro livello di debito e' molto difficile programmare riforme che hanno costi economici elevati.
    Quello del M5S e' un ottimo programma per prendere voti. Ce n'e' per tutti. Reddito di cittadinanza per chi non ha un lavoro o ce l'ha precario, diminuzione orario a parita' di salario per tutti (ovviamente meno che per chi lavora in proprio), pensioni anticipate.
    Ovviamente dove trovare le risorse e' un problema secondario.
    Faccio presente che a Roma il M5S strombazzo' ai quattro venti che, grazie al lavoro fatto all'opposizione, avrebbero in poco tempo recuperato un miliardo di minori spese. Ad oggi siamo a 60 milioni.
    so benissimo che da un movimento populista PER FORZA escono iniziative improntate a far breccia nella mente della gente, e il M5S non può essere diverso: qualsiasi idea possa far colpo sulla fantasia della gente è la benvenuta ma, in questo caso, siamo nel campo della logica che dice che produrre dieci per un mercato che può assorbire sette è quantomeno idiota, la stessa idiozia che vorrebbe che le coppie mettessero al mondo, in questo mondo guasto e sporco, più figli possibile così da aumentare il numero dei consumatori senza tener conto che il pianeta Terra è già, così come è oggi con questa popolazione, allo stremo, però un conto è avere una buona idea, e questa di ridurre le ore di lavoro e dei giorni lavorati E' UNA BUONA IDEA (non pensata da Grillo o da Casaleggio però, che da Latouche a Amartya Sen in avanti sono stati in molti a propugnarla...), un altro è non dirci come attuarla. Quindi, ripeto: se mi spiegano come farebbero io il voto glielo do subito, senza tentennamenti. Ma credo che risulterà loro molto difficile spiegarmelo.
    mai fidarsi di una mangusta, disse il cobra ai suoi cobrini



  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Jan 2013
    Messaggi
    16,584
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Perdiana, questa sarebbe una proposta intelligente, però

    Citazione Originariamente Scritto da cireno Visualizza Messaggio
    Quindi, ripeto: se mi spiegano come farebbero io il voto glielo do subito, senza tentennamenti. Ma credo che risulterà loro molto difficile spiegarmelo.
    Dovresti accompagnare questi provvedimenti con una scelta autarchica al 100%. Le nostre aziende si confrontano giornalmente con la competizione globale.
    Si tratta di utopie affascinanti che hanno una logica solo se si potessero concordare contemporaneamente a livello globale. Ma ci sono interi continenti che stanno correndo per uscire dalla fame e per conquistare condizioni di vita accettabili.
    Io credo sarebbe piu' opportuno colmare il gap di civilta' che ci separa dai piu' evoluti paesi europei. Riformiamo la PA, premiamo il merito, razionalizziamo la spesa e copiamo le cose che funzionano.
    Per l'Italia sarebbe gia' una grande rivoluzione.
    Legenda: NCUC: non c'entra un cazzo, NRAC: non rispondo ai cazzari
    4 Dicembre 2016: Lutto Nazionale

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Dec 2012
    Messaggi
    5,965
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Perdiana, questa sarebbe una proposta intelligente, però

    Citazione Originariamente Scritto da cireno Visualizza Messaggio
    Nel programma economico del M5S che Di Maio ha illustrato ieri ci sono alcune idee che mi trovano d'accordo anzi che io sesso sostengo da anni.
    Ecco qua la parte che mi interessa.

    Ridurre le giornate lavorative a 4 la settimana, e l'orario di lavoro a 35 ore max. E mandare la gente in pensione qualche anno prima di quel che succede oggi così da liberare posti di lavoro per i giovani
    .

    Se mi spiegassero come e dove trovare soldi per il Reddito di Cittadinanza e come riuscire a convincere le nostre imprese che, al contrario, continuano a cianciare di "fare maggior produzione" io garantisco che voterei per il M5S.

    Ho solo una perplessità molto seria: mandare la gente che lavora in pensione prima di oggi, perchè credo che sia impossibile equiparare tutti i lavoratori e togliere loro il lavoro che, ricordiamocelo è spesso una ragione di vita per molte persone, mi sembra un ipotesi non così felice, comunque...
    Certo...come no...
    1) lavorare solo 35 ore a settimana
    2) andare in pensione a 55 anni
    3) reddito di 780€ a mese per chi non fa niente e non ha voglia di farlo
    4) dimezzare le tasse a tutti
    5) lo stato ti regala casa
    6) abbonamento alla tribuna per tutti

    Come no.. tanto noi non abbiamo alcun debito pubblico. Nè tantomeno uno da 2.300 miliardi accumulati proprio grazie a 40 anni di regalie di massa come quelle sopra citate...

    Alice nel paese delle meraviglie...
    Sparviero, WalterA, Hockey and 1 others like this.
    Per due anni hanno attaccato l'italicum perchè incostituzionale e possibile causa della "deriva autoritaria".. 24h dopo il referendum chiedono di estenderlo al Senato e andare a votare con esso.

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Nov 2007
    Località
    Milano
    Messaggi
    13,926
    Mentioned
    64 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Perdiana, questa sarebbe una proposta intelligente, però

    Mi sembra a questo punto opportuno riportare un pezzo del proponente

    Oggi discutiamo il quinto punto del #ProgrammaLavoro del MoVimento 5 Stelle. Il quesito che troverai nella votazione della settimana prossima sarà: Con quali modalità ritieni prioritario agire per ridurre l’orario di lavoro?
    di Marco Craviolatti – Attivista Sindacale

    Con quali modalità possiamo agire per ridurre l’orario di lavoro?

    Partiamo da una fotografia della realtà: i Paesi europei in cui si lavora di meno sono i Paesi ricchi del Nord, come Germania, Danimarca, Olanda. I Paesi europei in cui si lavora di più sono i Paesi dell’Est e del Sud, Polonia, Grecia… Un lavoratore greco lavora il 50% in più di un lavoratore tedesco: nella realtà le “cicale” sono ricche, e le “formiche” sono povere.
    Nei Paesi ricchi il tasso di occupazione è molto più elevato, e si lavora di meno. In Italia abbiamo il 57% di occupati, in Francia il 64%, sono in proporzione 3 milioni in più. “Lavorare meno lavorare tutti” non è quindi uno slogan o un auspicio, è una constatazione della realtà, una correlazione statistica. Facciamo un’altra fotografia in movimento: gli orari di lavoro medi in tutti i Paesi cosiddetti avanzati sono in costante diminuzione da decenni, a ritmi diversi, dalla Germania all’Italia, dal Giappone alla Corea. Quindi la riduzione degli orari è un dato di fatto, è già in corso!

    Ma allora perché non ce ne accorgiamo, perché non stiamo tutti meglio? Perché è una media statistica del pollo: da una parte alcuni sono costretti a lavorare sempre di più, dall’altra, altri non possono lavorare quanto vorrebbero.
    E poi, da una parte ci sono orari contrattuali che aumentano, straordinari obbligatori, taglio dei riposi; dall’altra i part time involontari che ormai sono due terzi del totale, i contratti usa e getta, la gig economy. Quindi è chiaro che gli orari si riducono da sé, come abbiamo visto, ed i motivi sono anche intuibili: l’evoluzione tecnologica che sostituisce -fortunatamente- il bisogno di lavoro umano. Più che ridurre gli orari in modo generico dobbiamo quindi pensare a come distribuirli bene, e quindi come far lavorare meno quelli che lavorano tanto e come far lavorare di più quelli che lavorano poco.
    I costi per lo Stato, per avviare la riduzione degli orari di lavoro, sono in genere molto limitati. In Francia le 35 ore sono costate circa un miliardo l’anno, mentre in Italia stiamo spendendo -per la decontribuzione dei neoassunti col jobact- ben 20 miliardi in tre anni, con ricadute occupazionali nulle, tra le peggiori in tutta Europa. Si può ad esempio spostare il carico fiscale e contributivo penalizzando gli orari lunghi e gli straordinari a favore della riduzione degli orari. Però rispetto ai costi dobbiamo assumere una prospettiva anche storica di lungo termine: le 8 ore in Italia sono state introdotte nel 1919, è passato un secolo; le 40 ore nel 1969, mezzo secolo da quando il sabato è diventato festivo; da allora la produttività del lavoro è aumentata enormemente, pensiamo che i computer dell’Apollo 13 erano meno potenti di una chiavetta USB di oggi. Quindi possiamo immaginare quale sia stato il progresso tecnologico. Questo cosa vuol dire? Che la produttività aumenta, e in un’ora di lavoro si produce molta più ricchezza. Ma se per un po’ di anni i salari sono aumentati, adesso da tanto sono fermi e stagnano, gli orari di lavoro sono rimasti fermi.

    Ma se si produce più ricchezza, i salari sono gli stessi, e gli orari sono gli stessi, allora dove finisce quella ricchezza supplementare? Finisce nelle tasche di pochissimi investitori e azionisti, di quell’1% o 10% di privilegiati che concentrano la ricchezza mondiale. Ridurre gli orari significa allora riappropriarsi di quei benefici, del progresso scientifico e tecnologico che in questo momento va ad alimentare solo i profitti di pochi.

    Avere tanto lavoro che costa poco per le imprese a prima vista sembra un vantaggio competitivo, ma è una logica di breve durata. Perché le imprese in tal modo galleggiano, fanno profitti, non sono motivate a investire e innovare, e nel giro di poco i prodotti e le tecnologie utilizzate diventano obsolete, la produttività si ferma, il valore prodotto non cresce più: e questo è il grosso problema dell’Italia, chiamata “la malata d’Europa” perché la produttività del lavoro è ferma da 15 anni mentre cresce in tutti gli altri Paesi europei. A quel punto non serve più dire al lavoratore di pedalare più veloce e più a lungo, a quel punto bisogna cambiare la bicicletta: cambiare le gomme, oliarla, magari montare un motore elettrico, con cui lo stesso lavoratore può pedalare facendo molta più strada con molta meno fatica.

    Ridurre gli orari incentiva questo: ridurre gli orari è un po’ come portare la bicicletta in officina, fare una revisione di tutta l’organizzazione del lavoro, stimolare gli investimenti, l’innovazione produttiva, e quindi l’evoluzione del sistema produttivo nazionale verso uno stadio un po’ più evoluto. La riduzione degli orari va organizzata pensando sia al piano individuale sia a quello collettivo. Intanto ci sono tantissime persone che lavorerebbero di meno anche guadagnando di meno se solo potessero farlo, penso ad esempio ad alcuni periodi della vita come la maternità, la malattia, l’età avanzata. Bisogna dare a queste persone la possibilità di farlo, ad esempio introducendo un diritto al part time: i part time oggi in gran parte sono imposti, ma chi li vorrebbe spesso non può accedervi. Si potrebbe istituire un diritto al part-time, magari lungo di 30 o 35 ore, che non può essere negato a meno di problemi organizzativi insormontabili. Ci sono poi i congedi di cura che vanno potenziati e meglio retribuiti, come i congedi parentali che oggi vengono retribuiti solo al 30%, quindi rimangono spesso diritti sulla carta, mentre le raccomandazioni europee suggeriscono di portare la retribuzione almeno al 60% per farli fruire anche agli uomini.

    Rispetto a quella che è invece la riduzione collettiva degli orari le strade sono molteplici: ad esempio una riduzione orizzontale in cui le ore giornaliere vengono ridotte, o una riduzione verticale delle giornate lavorate, ad esempio la settimana corta di 4 giorni; oppure un modello nuovo di organizzazione dell’orario ordinario, ad esempio una fascia ampia che vada dalle 25 alle 35 ore. Questa fascia potrebbe essere lasciata poi alla contrattazione e alla libera organizzazione delle imprese, per garantire sia la necessaria riduzione che i margini di flessibilità, adattandoli ai diversi contesti lavorativi.
    A un secolo dal 1919 e a mezzo secolo del 1969, cioè dai grandi salti della storia dell’orario di lavoro, la struttura economica è pronta a un salto nuovo e ambizioso: il 2019 potrebbe rappresentare una scadenza simbolica molto motivante. E poi abbiamo la responsabilità, l’onore, e l’onere di avere a che fare con la più grande risorsa che esista sulla faccia della terra, la risorsa più preziosa e più democratica: il tempo di vita delle persone.
    mai fidarsi di una mangusta, disse il cobra ai suoi cobrini



  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Feb 2016
    Messaggi
    2,618
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Perdiana, questa sarebbe una proposta intelligente, però

    Citazione Originariamente Scritto da cireno Visualizza Messaggio
    Nel programma economico del M5S che Di Maio ha illustrato ieri ci sono alcune idee che mi trovano d'accordo anzi che io sesso sostengo da anni.
    Ecco qua la parte che mi interessa.

    Ridurre le giornate lavorative a 4 la settimana, e l'orario di lavoro a 35 ore max. E mandare la gente in pensione qualche anno prima di quel che succede oggi così da liberare posti di lavoro per i giovani
    .

    Se mi spiegassero come e dove trovare soldi per il Reddito di Cittadinanza e come riuscire a convincere le nostre imprese che, al contrario, continuano a cianciare di "fare maggior produzione" io garantisco che voterei per il M5S.

    Ho solo una perplessità molto seria: mandare la gente che lavora in pensione prima di oggi, perchè credo che sia impossibile equiparare tutti i lavoratori e togliere loro il lavoro che, ricordiamocelo è spesso una ragione di vita per molte persone, mi sembra un ipotesi non così felice, comunque...
    ce li mettono i migranti ...
    gran gnocca . ma andare con lei e' come lanciare una salame in un corridoio

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Feb 2016
    Messaggi
    2,618
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Perdiana, questa sarebbe una proposta intelligente, però

    chi era quello con 170 di iq ??
    Hockey likes this.
    gran gnocca . ma andare con lei e' come lanciare una salame in un corridoio

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Nov 2007
    Località
    Milano
    Messaggi
    13,926
    Mentioned
    64 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Perdiana, questa sarebbe una proposta intelligente, però

    sempre per una miglior valutazione della proposta 5S...

    Riduzione orizzontale delle ore giornaliere. Riduzione verticale delle giornate lavorate, ad esempio la settimana corta di 4 giorni. O un modello nuovo di organizzazione dell’orario ordinario, ad esempio una fascia ampia che vada dalle 25 alle 35 ore. Sono i tre modelli di riduzione degli orari di lavoro sui quali nei prossimi giorni gli iscritti al Movimento 5 Stelle voteranno.
    La domanda che sarà posta sulla piattaforma Rousseau, come si legge in un post pubblicato sul blog di Beppe Grillo (in fondo il testo integrale) nell’ambito del programma Lavoro in fieri, è la seguente: “Con quali modalità ritieni prioritario agire per ridurre l’orario di lavoro?”.
    Ma la direzione di marcia per il Movimento fondato da Grillo e Gianroberto Casaleggio è segnata, come si evince dal post introduttivo al programma Lavoro in fieri dei Pentastellati. Nel post firmato giorni fa da tre parlamentari dei Cinque Stelle in cui annunciavano le tesi che si stanno susseguendo, si sintetizzava con lo slogan “lavorare meno lavorare tutti” uno dei punti fondamentali del programma con echi bertinottiani alle 35 ore
    mai fidarsi di una mangusta, disse il cobra ai suoi cobrini



 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Una proposta intelligente: aboliamo il corsivo!
    Di TEBELARUS nel forum Fondoscala
    Risposte: 39
    Ultimo Messaggio: 08-07-16, 13:17
  2. Sarebbe una buona proposta questa del Carroccio
    Di L'Europeo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 01-05-09, 18:44
  3. Sarebbe una buona proposta questa del Carroccio
    Di L'Europeo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 28-04-09, 21:25
  4. nuova proposta! chi è intelligente capirà!
    Di Pippo1 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 03-07-07, 17:39
  5. Cosa Sua; che però sarebbe nostra; che però è Sua
    Di MrBojangles nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 05-08-05, 21:45

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
// mettere condizione > 0 per attivare popup
Clicca per votare

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224