User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Hatshepsut

Discussione: Cucinelli: tecnologia e responsabilità sociale dell'impresa

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    05 Mar 2015
    Messaggi
    18,331
    Mentioned
    1115 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Cucinelli: tecnologia e responsabilità sociale dell'impresa

    Cucinelli: «L’innovazione non va temuta. Ma deve recuperarsi la responsabilità sociale d’impresa» - Il Sole 24 ORE


    «La tecnologia è un fenomeno che non va temuto bensì governato”. Brunello Cucinelli, fondatore e presidente dell'omonima azienda del lusso, nella sua società ha sviluppato e concretizzato un modello di business che lui stesso definisce di “capitalismo umanistico”. Un sistema dove l’obiettivo «è tenere sempre al centro l'uomo e dare la giusta dignità alla produzione manifatturiera».

    Questo significa che l'innovazione hi-tech viene rigettata?
    Assolutamente no. Io non sono contrario al progresso o all’innovazione. I nostri sarti, ad esempio, in alcuni casi utilizzano il laser per tagliare i tessuti. Tuttavia è fondamentale, almeno nel nostro settore, mantenere il focus sulle abilità artigianali; sulle competenze, manuali e non, che si sono tramandate di padre in figlio. Ovviamente, aggiornandole anche in funzione dei nuovi strumenti della tecnica.

    Tuttavia la tecnologia aumenta la produttività. Non c'è il rischio, per l'impresa, di perdere competitività?
    Si tratta di capire di cosa si parla quando usiamo il vocabolo produttività. In una catena di montaggio industriale la considerazione ha un senso. La digitalizzazione, che è il vero nuovo fenomeno trasversale all’economia, impone invece valutazioni differenti. Siamo realmente sicuri che, ad esempio, l’uso delle e-mail implichi l’incremento della produttività? Io quando ho bisogno che i miei collaboratori si confrontino preferisco lo facciano a “vis a vis”. Il confronto umano tra le persone è essenziale. Certo: nel nostro settore, quello della moda e del lusso dove la creatività è una parte essenziale, l’approccio descritto può essere facilitato. E però: in un mondo dove la connessione in rete, sempre ed ovunque, è diventata la normalità il tema, ad esempio, della concentrazione sul posto del lavoro non può essere messo in un angolo. Lo ribadisco: la tecnologia è importante ma, da una parte, non deve imporre cambi di business model; e, dall'altro, deve essere governata.

    Già: governare la digitalizzazione, l'automazione. Facile a dirsi difficile a farsi…
    Non sono d’accordo. La mia azienda ne è un esempio. Noi lavoriamo con un indotto di circa 330 tra piccole e micro imprese che impiegano intorno a 3.700 persone. Realtà che si sono tramandate, di padre in figlio, competenze ed abilità antiche. Essenziale è riconoscere loro i giusti profitti in modo tale che le nuove generazioni considerino quell’attività come economicamente favorevole e dignitosa. Si tratta di un tassello importante di quello che per me deve essere presente tra le caratteristiche dell’attività aziendale: la responsabilità sociale d’impresa.

    Vale a dire?
    Parlo del legame con il territorio, della tutela dell’occupazione. Di scegliere la strada di uno sviluppo economico-imprenditoriale sostenibile. Proprio attraverso l'uso maggiore della tecnologia potrei, ad esempio, trarre maggiore profittabilità dall’attività d’impresa. Così facendo, tuttavia, rischio di distruggere l’indotto industriale che ho descritto sopra. Io, lo ripeto, non sono contro l’innovazione tecnologica. Credo, però, fermamente nella necessità di un suo corretto utilizzo.

    Il suo discorso, tuttavia, può obiettarsi che sia adatto soprattutto al settore della moda…
    Non sono d’accordo. Certo: alcuni comparti, sotto questo profilo, possono essere agevolati. E, tuttavia, il tema è più a monte: bisogna anche decidere quale modello di sviluppo si vuole adottare. In Italia, ad esempio, il settore dei servizi, in cui la digitalizzazione ha indubbiamente maggiore impatto, è cresciuto molto. Al contrario quello industriale-manifatturiero ha perso terreno. Sono consapevole che si tratta di dinamiche più globali, non governabili solamente al livello di singoli Stati. Ciò detto sono convinto che bisogna recuperare maggiore dignità all'attività manuale in senso lato.

    Può spiegarsi meglio?
    I lavori a basso valore aggiunto avranno maggiore probabilità di essere avvicendati dai robot. Seppure anche in questi casi, voglio ricordarlo, la robotica tende a sostituire singole mansioni e non il mix d’attività che costituiscono un lavoro. Quindi la sua sostituzione non è così automatica. Ciò detto: altre attività saranno create, seppure, nell’immaginario collettivo, potranno essere considerate non di prestigio. E qui è l’errore. Cioè: bisogna recuperare l’idea che gli stessi piccoli lavori, magari manuali, hanno sempre la loro dignità. Ritorno quindi alla mia idea di base: è fondamentale, da un lato, dare rilevanza all’attività manifatturiera; e, dall’altra, spingere sempre di più sul miglioramento della sua qualità.

    Un obiettivo, quest'ultimo, da raggiungere in che modo?
    Essenziale è la formazione dei lavoratori. Un compito di cui l’impresa deve farsi carico. E che, eventualmente, può essere sostenuta attraverso agevolazioni fiscali. Si tratta di un’attività necessariamente continua e costante che permetta la contaminazione tra l’innovazione e la tradizione manuale-manifatturiera.

    In concreto?
    Pensiamo a una fabbrica che produce torni. Ebbene: da un lato è necessaria la presenza, e competenza, di ingegneri che gestiscano ad esempio la meccatronica. Cioè: il controllo algoritmico dello strumento. Dall’altro, però, ci deve essere lo stesso operaio o artigiano che conosce i segreti dell’attrezzo e del suo utilizzo. A fronte di ciò si riesce a fare incontrare, e mescolare, le due esperienze. L'innovazione viene gestita al fine di valorizzare l’uomo, l'individuo. E non viceversa.
    22gradi likes this.
    La morte significava ben poco per me. Era l'ultimo scherzo in una serie di pessimi scherzi. Charles Bukowski
    {;,;}

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Flexitariano
    Data Registrazione
    16 Jul 2014
    Località
    Italia. Land of Brodi.
    Messaggi
    34,282
    Mentioned
    746 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Cucinelli: tecnologia e responsabilità sociale dell'impresa

    Spero che Cucinelli sia uno di quegli imprenditori illuminati che oltre a parlare bene, ogni giorno dimostrino il loro pensiero sul campo.
    Innovare va bene, automatizzare va bene ma sostituire l'essere umano a chi può essere utile? Anche perché se viene sostituito come lavoratore alla fine deve essere anche sostituito in qualità di acquirente.
    "La Gloria non la cerco per me stesso ma per la mia Nazione" (22gradi)

 

 

Discussioni Simili

  1. Un nuovo Occasional Paper sulla responsabilità sociale d’impresa
    Di Abbott (POL) nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 20-08-08, 18:38
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-02-08, 11:00
  3. David Henderson: responsabilità sociale d’impresa. Bella, ma dannosa
    Di westminster nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-02-08, 10:59
  4. responsabilità sociale delle imprese
    Di benfy nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-11-04, 14:53

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226