User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Fini contro il federalismo? Il vero problema è "questo" federalismo

    - Circa un mese fa Luca Ricolfi consegnò ai lettori de La Stampa una curiosa equazione: le critiche dei “finiani” (allora non ancora confluiti nel gruppo Futuro e Libertà) sul ddl intercettazioni avrebbero minato alle fondamenta il federalismo fiscale. “Fra tutti gli scambi possibili, – scriveva l’ottimo sociologo – il più perverso (…) sarebbe quello fra intercettazioni e federalismo. E cioè che i finiani accettassero un cattivo compromesso sulle intercettazioni, in cambio di un gesto di clemenza nei confronti delle Regioni meridionali in dissesto”.

    La cronaca ha in qualche modo smentito l’ipotetico scambio, anche all’epoca in verità poco realistico. E’ invece particolarmente diffusa tra gli analisti la convinzione che Fini e i suoi siano ostili alla riforma federale (tanto da considerarla, nelle parole di Ricolfi, “come una minaccia alla coesione sociale, se non come un attentato all’unità nazionale”) o comunque troppo prudenti rispetto ad essa. Così lascia intendere, per fare un altro esempio, Alessandro De Nicola sul Sole 24 Ore di domenica scorsa.

    A Fini non si perdonano il suo passato (il “sostrato” di destra nazionale della sua iniziativa politica), le recenti perplessità su aspetti specifici della riforma (la tempistica del passaggio dalla spesa storica al costo standard, per dirne una) e l’aver posto l’accento sull’unità nazionale e sulla coesione territoriale come condizioni irrinunciabili.

    In realtà, più che avversità al federalismo fiscale, le osservazioni del primo inquilino di Montecitorio appaiono mosse dal metodo politico adottato dai principali artefici della riforma (i leghisti, stante il sostanziale silenzio del PdL). Difficile su questo punto dare torto a Fini, che si sia tiepidi o ferventi sostenitori del federalismo (e il sottoscritto s’iscrive tra questi ultimi).

    In troppe occasioni la Lega Nord ha mostrato scarsa attenzione alla ragion d’essere del federalismo, vale a dire l’assunzione di responsabilità finanziaria e politica delle regioni e degli enti locali per le proprie scelte. Sul federalismo demaniale ha prevalso una logica da “spartizione del bottino”, accompagnata da un malcelato desiderio di lanciare messaggi simbolici e galvanizzanti, tipo “le Dolomiti al Veneto”. Sul riordino della tassazione, il Carroccio non sempre mira alla riduzione della pressione fiscale e a un maggior legame tra funzione impositiva e responsabilità di spesa, ma ad accrescere la capacità delle Regioni di spendere le risorse raccolte dallo Stato (insomma, dal “basta Roma, basta tasse”, la Lega è passata al solo “basta Roma”). L’atteggiamento di Bossi e compagnia sui servizi pubblici locali denota una preferenza per uno “statalismo locale”, nemmeno lontano parente di un autentico sistema di sussidiarietà, autonomia e competizione.

    Infine, l’inganno di fondo: “questo” federalismo fiscale a trazione calderoliana promette vantaggi a tutti e svantaggi a nessuno. Dovrebbe invece essere ben chiaro ciò che un federalismo responsabilizzante dovrebbe colpire: quella classe politico-burocratica meridionale che fa dell’assistenzialismo e della costante intermediazione l’arma per il proprio consenso e l’autoconservazione. Intervistato qualche tempo fa da Lucia Annunziata, Gianfranco Fini lo riconobbe: per sanare la profonda frattura Nord-Sud c’è da convincere l’opinione pubblica meridionale che – per appropriarsi del proprio futuro – occorre liberare il presente da quella Casta che lo ha catturato. E questo nel breve periodo costa.

    Non è possibile quadrare il cerchio per decreto, e soprattutto con “questi” decreti: si potranno anche chiudere nottetempo i rubinetti dei trasferimenti statali, ma rebus sic stantibus si finirà presto per aprire le cisterne dei salvataggi, sul modello di Catania. D’altro canto, le vicende della Grecia – con l’Europa che ha infine preferito un costoso salvataggio al default ellenico, socialmente e politicamente inaccettabile – dovrebbero mettere in guardia: un riordino approssimativo e ideologico della finanza pubblica della “Magna Grecia” rischierebbe di provocare più di un default locale. Chi crede che, a quel punto, lo Stato si possa astenere dall’intervenire?

    C’è da evitare che l’opinione pubblica meridionale, drogata da decenni di assistenzialismo, non capisca il senso del federalismo e si aggrappi (anche elettoralmente) a qualche profeta del meridionalismo straccione. E allora, alla logica della “secessione del gettito” e alla retorica della “chiusura dei rubinetti” va opposta un disegno graduale ed una visione di medio-lungo periodo. Occorre offrire ai meridionali uno scambio reale tra minori risorse pubbliche e maggiori opportunità, dimostrando loro che il federalismo può essere quel sistema che consente alle aree a basso reddito di essere più competitive, di offrire un ambiente normativo-burocratico più snello ed una tassazione più leggera. E il sistema politico dovrà accompagnare al riordino della finanza pubblica un’operazione di “bonifica” del suo ceto locale e degli apparati amministrativi.

    La sfida del federalismo fiscale si combatte al Sud. Verrà vinta se si sapranno separare gli interessi della società da quelli del ceto politico e delle sue “periferie” (più o meno legali), avendo in mente l’Italia ed il Mezzogiorno che vorremmo tra dieci anni. Verrà persa se la si condurrà con un occhio ai sondaggi elettorali del Nord.

    Fini contro il federalismo? Il vero problema è ‘questo’ federalismo | Libertiamo.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Fini contro il federalismo? Il vero problema è "questo" federalismo

    un altro genio.
    L'occasione fa l'uomo italiano

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,321
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Fini contro il federalismo? Il vero problema è "questo" federalismo

    Non deve passare neppure il principio dello stato federale.

    A prescindere che si tratti di federalismo reale o di facciata.
    Ultima modifica di Eridano; 04-08-10 alle 12:36
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  4. #4
    hus
    hus è offline
    Forumista
    Data Registrazione
    25 Jul 2010
    Messaggi
    104
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Fini contro il federalismo? Il vero problema è "questo" federalismo

    Leggendo l'articolo postato da Furlan non si sa se ridere o piangere. Nello scontro tra i "titani" ( Fini, Bossi, Berlusconi, e roba simile ) della politica (?) italiota, si gioca - come d'altronde si è sempre fatto - a spararla più grossa. L'uso gratuito, inutile, vuoto, ipocrita della parola fine a se stessa, è il loro mestiere. Adesso arriva un "similpoliticante" di "peso" (?), quale Fini, che spiega, a noi poveri idioti, che " la classe politica -burocratica meridionale fa dell'assistenzialismo e della costante intermediazione l'arma per il proprio consenso e l'autoconservazione ", aggiungendo poi che " per sanare la frattura Nord-Sud c'è da convincere l'opinione pubblica meridionale che - per appropriarsi del proprio futuro - occorre liberare il presente da quella Casta che lo ha catturato". Ovviamente, Fini non fa parte della Casta, così come non è una delle massime espressioni della classe politica-burocratica meridionale che si pasce beatamente di assistenzialismo, clientelismo, malaffare, disvalori etico-morali, qualità, queste, che informano le genuine componenti strutturali della società meridionale, come oggi noi la percepiamo ed esperiamo, purtroppo. Per essere ancora più chiaro, caro Fini, mi permetta - da amante della filosofia quale sono - un piccolo sillogismo: a) La società meridionale-romana vive di assistenzialismo, clientelismo, malaffare; b) Tutti i politici italioti sono espressione di quella società; c) Tutti i politici italioti vivono di assistenzialismo, clientelismo, malaffare. Ergo ... . Saluti

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 833
    Ultimo Messaggio: 04-10-11, 10:41
  2. Governo, Fini: "Federalismo non solidale rischio per la Calabria"
    Di Sax78 (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 04-06-08, 16:53
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-10-04, 11:21
  4. Massimo Fini: "Il vero problema è la lunghezza del processo"
    Di Tomás de Torquemada nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 21-11-02, 17:40
  5. "Bello" questo federalismo
    Di Dragonball (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 19-04-02, 21:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226