User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
Like Tree6Likes
  • 1 Post By Rotwang
  • 4 Post By Maxadhego
  • 1 Post By Maria Vittoria

Discussione: Un neo-puritanesimo laico è possibile

  1. #1
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    2,925
    Mentioned
    61 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)

    Predefinito Un neo-puritanesimo laico è possibile

    Loading...
    La Stampa

    Una volta si diceva che l’amicizia vera e profonda non poteva essere tale se non ci si era mai visti nudi. Ora nei Paesi del Nord Europa sono diventati timidi. Negli spogliatoi delle scuole e nelle piscine municipali è in corso una guerra di valori. Lo chiamano neo puritanesimo. Eppure un anno fa è stata approvata una legge in Danimarca che stabilisce che è permesso andare senza vestiti «nei boschi e su qualsiasi spiaggia», purché non si dia fastidio ad altri. Disposizioni analoghe sono presenti in Norvegia e Svezia. Ma ormai di gente nuda se ne vede in giro poca.

    Vedersi nudi fa ancora parte dello spirito libero dei Paesi nordici? Secondo Jan T. Støckel, dell’Università della Danimarca del Sud, «non è un elemento innato nei popoli ex vichinghi. È anzi frutto di un processo storico che ha avuto un inizio e, adesso, forse anche una fine». Negli anni '20 nacque una cultura incentrata sul corpo sano, dove i tuffi nel mare gelido e le gite in mezzo alla natura erano di moda tra la borghesia nordica. Questa cultura, unita alle ideologie degli anni '60, ha avuto un impatto sul sistema scolastico. Gli alunni dovevano avere una relazione serena e sana con il proprio corpo.

    Accanto alle lezioni di ginnastica, quelle dedicate alla sessualità sono diventate obbligatorie in Svezia dal 1955, in Danimarca dal 1970 e in Norvegia nel 1974. I bambini piccoli, dopo le attività sportive, facevano la doccia insieme, e l’insegnante si cambiava con i ragazzi dello stesso sesso.

    Secondo la storica Rikke Andreassen, professoressa all’Università di Roskilde, «l’attuale timidezza è il prodotto delle tante immagini che si trovano su internet e negli spazi pubblicitari pubblici dove il nudo come messaggio erotico è quasi onnipresente. È troppo, l’individuo si copre come una sorta di difesa. Tanto che oggi il topless in spiaggia non esiste». Jan T. Støckel è d’accordo: «C’è un’abbondanza di immagini di corpi iper atletici, magri e sessualmente quasi aggressivi. In 40 anni siamo andati da un estremo a un altro. Negli anni '70 fare la doccia insieme a scuola era una gara a chi riusciva a essere il più naturale possibile».

    Ma ora non più. Presso il liceo norvegese di Gjøvik, cittadina 140 chilometri a Nord di Oslo, dopo delle precise richieste, di recente sono state costruite delle pareti che separano le docce femminili l’una dall’altra. «La pressione dei media sui giovani è troppo forte - racconta l’insegnante Tommy Hansen -. Si sentono a disagio».

    Con la legge che permette di andare senza abiti in spiaggia e nei boschi, si insiste sul fatto che la nudità non è necessariamente legata alla sessualità. Ma soprattutto le famiglie di cultura musulmana - sempre più presenti nella società scandinava - la pensano diversamente. Nelle zone con un alto tasso d’immigrati, gli insegnanti che preservano l’insegnamento di sport e sessualità, a volte si trovano senza alunni di origine musulmana. Assenti per volontà dei genitori.

    Nella principale piscina di Copenaghen, DGI -Byen, si dà ascolto a queste esigenze. Diverse volte alla settimana diventa off limits per maschi di qualsiasi età. Le finestre vengono coperte con teli scuri e scendono in acqua donne e bambine che, altrimenti, non avrebbero avuto la voglia o il permesso di nuotare in un ambiente pubblico. La gestione della struttura va fiera di questa scelta. «Così diamo a una gran parte degli abitanti locali l’opportunità di praticare sport». Non tutti i cambiamenti sono popolari. In Svezia, un servizio sul canale privato TV4 ha raccontato con disdegno di una scuola paritaria musulmana, alla periferia di Stoccolma, dove maschi e femmine sono separati anche sugli autobus.

    Ma invece di facilitare l’integrazione, non si finisce per mantenere donne e bambine relegate in una cultura arcaica e contraria alle norme scandinave? «La soluzione deve arrivare dall’interno delle realtà locali e non dall’alto - risponde Jan T. Støckel -. Senza grandi gesti simbolici. Siamo gente pragmatica». La globalizzazione dell’immagine, in pratica, sta alterando la cultura scandinava e, aggiunge la Andreassen, «uno dei compiti più importanti è preservare uno spazio per i bambini, affinché possano stare nudi insieme senza le nostre sovraimpostazioni e paure. Questo, volendo, è l’ultimo bastione per l’idea del corpo naturale, non sessualizzato».
    Jared New likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    11,825
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Un neo-puritanesimo laico è possibile

    ancora qualche milionata di ospiti,
    e poi vedrai i nudi, le piscine miste, l'educazione sessuale,
    il gender e altre amenità simili.

    alla fine, gli scandinavi verranno adeguatamente ri-educati
    e rimpiangeranno di essere stati così co.....i da credere che
    i nuovi arrivati, fossero neutrali, rispetto alle
    dinamiche culturali e politiche locali.

    l'unica cosa consolante, sarà quella di vedere i progressisti,
    convertirsi al burka e barracani, nonché promoter delle nuove frontiere
    della libertà senza se e senza ma.

    te la do io la scandarabia.

  3. #3
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    2,925
    Mentioned
    61 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)

    Predefinito Re: Un neo-puritanesimo laico è possibile

    Citazione Originariamente Scritto da Maxadhego Visualizza Messaggio
    ancora qualche milionata di ospiti,
    e poi vedrai i nudi, le piscine miste, l'educazione sessuale,
    il gender e altre amenità simili.

    alla fine, gli scandinavi verranno adeguatamente ri-educati
    e rimpiangeranno di essere stati così co.....i da credere che
    i nuovi arrivati, fossero neutrali, rispetto alle
    dinamiche culturali e politiche locali.

    l'unica cosa consolante, sarà quella di vedere i progressisti,
    convertirsi al burka e barracani, nonché promoter delle nuove frontiere
    della libertà senza se e senza ma.

    te la do io la scandarabia.
    Gli islamisti devono tornarsene a casa loro.

  4. #4
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,100
    Inserzioni Blog
    172
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)

    Predefinito Re: Un neo-puritanesimo laico è possibile

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    La Stampa

    Una volta si diceva che l’amicizia vera e profonda non poteva essere tale se non ci si era mai visti nudi. Ora nei Paesi del Nord Europa sono diventati timidi. Negli spogliatoi delle scuole e nelle piscine municipali è in corso una guerra di valori. Lo chiamano neo puritanesimo. Eppure un anno fa è stata approvata una legge in Danimarca che stabilisce che è permesso andare senza vestiti «nei boschi e su qualsiasi spiaggia», purché non si dia fastidio ad altri. Disposizioni analoghe sono presenti in Norvegia e Svezia. Ma ormai di gente nuda se ne vede in giro poca.

    Vedersi nudi fa ancora parte dello spirito libero dei Paesi nordici? Secondo Jan T. Støckel, dell’Università della Danimarca del Sud, «non è un elemento innato nei popoli ex vichinghi. È anzi frutto di un processo storico che ha avuto un inizio e, adesso, forse anche una fine». Negli anni '20 nacque una cultura incentrata sul corpo sano, dove i tuffi nel mare gelido e le gite in mezzo alla natura erano di moda tra la borghesia nordica. Questa cultura, unita alle ideologie degli anni '60, ha avuto un impatto sul sistema scolastico. Gli alunni dovevano avere una relazione serena e sana con il proprio corpo.

    Accanto alle lezioni di ginnastica, quelle dedicate alla sessualità sono diventate obbligatorie in Svezia dal 1955, in Danimarca dal 1970 e in Norvegia nel 1974. I bambini piccoli, dopo le attività sportive, facevano la doccia insieme, e l’insegnante si cambiava con i ragazzi dello stesso sesso.

    Secondo la storica Rikke Andreassen, professoressa all’Università di Roskilde, «l’attuale timidezza è il prodotto delle tante immagini che si trovano su internet e negli spazi pubblicitari pubblici dove il nudo come messaggio erotico è quasi onnipresente. È troppo, l’individuo si copre come una sorta di difesa. Tanto che oggi il topless in spiaggia non esiste». Jan T. Støckel è d’accordo: «C’è un’abbondanza di immagini di corpi iper atletici, magri e sessualmente quasi aggressivi. In 40 anni siamo andati da un estremo a un altro. Negli anni '70 fare la doccia insieme a scuola era una gara a chi riusciva a essere il più naturale possibile».

    Ma ora non più. Presso il liceo norvegese di Gjøvik, cittadina 140 chilometri a Nord di Oslo, dopo delle precise richieste, di recente sono state costruite delle pareti che separano le docce femminili l’una dall’altra. «La pressione dei media sui giovani è troppo forte - racconta l’insegnante Tommy Hansen -. Si sentono a disagio».

    Con la legge che permette di andare senza abiti in spiaggia e nei boschi, si insiste sul fatto che la nudità non è necessariamente legata alla sessualità. Ma soprattutto le famiglie di cultura musulmana - sempre più presenti nella società scandinava - la pensano diversamente. Nelle zone con un alto tasso d’immigrati, gli insegnanti che preservano l’insegnamento di sport e sessualità, a volte si trovano senza alunni di origine musulmana. Assenti per volontà dei genitori.

    Nella principale piscina di Copenaghen, DGI -Byen, si dà ascolto a queste esigenze. Diverse volte alla settimana diventa off limits per maschi di qualsiasi età. Le finestre vengono coperte con teli scuri e scendono in acqua donne e bambine che, altrimenti, non avrebbero avuto la voglia o il permesso di nuotare in un ambiente pubblico. La gestione della struttura va fiera di questa scelta. «Così diamo a una gran parte degli abitanti locali l’opportunità di praticare sport». Non tutti i cambiamenti sono popolari. In Svezia, un servizio sul canale privato TV4 ha raccontato con disdegno di una scuola paritaria musulmana, alla periferia di Stoccolma, dove maschi e femmine sono separati anche sugli autobus.

    Ma invece di facilitare l’integrazione, non si finisce per mantenere donne e bambine relegate in una cultura arcaica e contraria alle norme scandinave? «La soluzione deve arrivare dall’interno delle realtà locali e non dall’alto - risponde Jan T. Støckel -. Senza grandi gesti simbolici. Siamo gente pragmatica». La globalizzazione dell’immagine, in pratica, sta alterando la cultura scandinava e, aggiunge la Andreassen, «uno dei compiti più importanti è preservare uno spazio per i bambini, affinché possano stare nudi insieme senza le nostre sovraimpostazioni e paure. Questo, volendo, è l’ultimo bastione per l’idea del corpo naturale, non sessualizzato».

    Ogni corpo, nelle specie mammifere, al naturale è sessuato.
    Il resto è solo un esercizio retorico.
    Guy Fawkes likes this.
    di necessità virtù

  5. #5
    Liberista selvaggio
    Data Registrazione
    18 Dec 2014
    Località
    Roma, (purtroppo ancora) Italia
    Messaggi
    8,117
    Mentioned
    26 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Un neo-puritanesimo laico è possibile

    Io faccio sempre lo stesso esempio: il topless. In Italia negli anni 80 spopolava. (Io non sono amante del mare, ma andavo con il motorino a Ostia esclusivamente per questo motivo. E facevamo a gara, chi attaccava bottone con una bella gnocca in topless, valeva doppio).

    Oggi, per vedere una bella gnocca in topless ti devi comprare un giornale porno. Quindi, o ci siamo tutti islamizzati oppure è cambiata la sensibilità/cultura (chiamtela come vi pare) delel donne al riguardo.

    Quale che sia il motivo di questo gravissimo danno al panorama delle nostre spiagge estive, le donne devono essere libere di mettersi o no in topless. Io lo metterei obbligatorio per legge, ma da liberale, se una donna vuole "sbagliare", e se questo "sbaglio" non danneggia terzi, purtroppo, la donna deve essere libera perfino di andare al mare con il pezzo di sopra.

    Quanto vale per il topless vale per tuto il resto. Se la scelta è libera, deve essere sempre garantita. Non spetta allo stato decidere se le donen debbano andare in topless, oppure mischiate agli uomini in piscina, a scuola, nelle docce, negli autobus, etc.
    L'Italia deve essere commissariata.

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Feb 2016
    Messaggi
    1,696
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Un neo-puritanesimo laico è possibile

    Sei liberista selvaggio pure nella patonza ?

    Sai quanta patonza ci sta a Roma? Basta solo pagare altro che giornali ( anacronistici porno )....

  7. #7
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    2,925
    Mentioned
    61 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)

    Predefinito Re: Un neo-puritanesimo laico è possibile


  8. #8
    卐 One-Man Klan 卐
    Data Registrazione
    12 Dec 2015
    Località
    Arciconfraternita di Santo Manganello
    Messaggi
    8,583
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Un neo-puritanesimo laico è possibile

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    Gli islamisti devono tornarsene a casa loro.
    Razzista! Islamofobo!!!!1
    Quando parlano di diritti umani,
    a me poi prudono le mani.

  9. #9
    卐 One-Man Klan 卐
    Data Registrazione
    12 Dec 2015
    Località
    Arciconfraternita di Santo Manganello
    Messaggi
    8,583
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Un neo-puritanesimo laico è possibile

    Comunque un puritanesimo laico non ha molto senso.
    Quando parlano di diritti umani,
    a me poi prudono le mani.

  10. #10
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    2,925
    Mentioned
    61 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)

    Predefinito Re: Un neo-puritanesimo laico è possibile

    Citazione Originariamente Scritto da Sparviero Visualizza Messaggio
    Comunque un puritanesimo laico non ha molto senso.
    Ha più senso di tutto il resto.

 

 

Discussioni Simili

  1. Condividete la cultura del Puritanesimo?
    Di Cattivo nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 07-12-12, 19:04
  2. Puritanesimo e Conservatorismo
    Di Candido nel forum Conservatorismo
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 02-05-11, 15:09
  3. Puritanesimo
    Di alfredoibba nel forum Destra Radicale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 26-08-07, 01:45
  4. Puritanesimo made in U$A... (ah-ah-ah)
    Di codino nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-06-07, 14:52
  5. 20 - Laico e Monarchico, è possibile ?
    Di lele15 nel forum Monarchia
    Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 01-08-05, 17:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225