User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    20 Jan 2011
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    15,362
    Mentioned
    204 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito L’Italia come Costantinopoli nella sua ultima fase di caduta

    https://it.sputniknews.com/punti_di_...ase-di-caduta/


    Se un paragone storico è possibile azzardare, l’epoca in cui viviamo sembra presentare molte similitudini con gli ultimi giorni di Costantinopoli.



    Mentre l'Italia subisce l'invasione africana alimentata da organizzazioni straniere con la complicità dei potentati finanziari internazionali (da G. Soros al FMI e soci), il dileggio di tutta l'Europa che chiude i suoi porti e le frontiere per sottrarsi all'ondata migratoria che invade la penisola, la classe politica italiana, dominata da mondialisti e massoni di vario livello, riesce ad occuparsi del "sesso degli angeli" discettando sullo Ius soli, sulla necessità di un nuovo "antifascismo" e sulle alleanze pre elettorali.



    Italia in fiamme
    Sembra vivere il crepuscolo dell'Italia e di questa Repubblica nata storta, dietro occupazione straniera, venduta ai potentati finanziari e con la progressiva ma inevitabile perdita di sovranità a favore dell'oligarchia di Bruxelles e di Francoforte.

    La miseria cresce ma non è soltanto una miseria economica, molto più grave è la miseria morale in cui è precipitato il paese che diede i natali a Dante Alighieri, a Leonardo da Vinci, a Raffaello Sanzio, a Michelangelo Buonarroti ed a una schiera di artisti, letterati, scienziati e poeti che tutto il mondo ci ha invidiato e studiato per secoli.

    Possiamo dire che, se la Storia insegna qualche cosa, era inevitabile che finisse così, visto il livello di viltà, di corruzione dell' infame classe di politicanti che occupano le Istituzioni. Non poteva finire se non in maniera ignominosa ("a schifio", dicono in Sicilia). Nessuna società è sopravvissuta al degrado morale della sua classe dirigente ed all'inerzia della sua popolazione.

    Di fronte alla epocale ondata migratoria, gli esponenti della sinistra mondialista negano l'evidenza, contestano che si tratti di invasione, discettano sulla necessità di integrazione ed arrivano anche a parlare di arrivo di "risorse" necessarie per pagare le pensioni agli italiani. Un grave insulto all'intelligenza in un paese che può vantare il 40% circa di disoccupazione giovanile e spinge i suoi migliori ad emigrare per cercare quel lavoro che in patria non viene offerto se non a chi si trova invischiato nelle clientele politiche e familistiche in cui è specializzata la classe di politicanti al governo per contro terzi.



    L'ingerenza di Soros: il suo programma per l'Italia (lo dice lui)
    Nel frattempo, il "giullare fiorentino", Matteo Renzi, dopo esssere stato lui ad accollare all'Italia l'ondata migratoria che subiamo attualmente a compensazione di qualche strappo alle regole di bilancio fissate deall'oligarchia europea, si accinge a fare "qualcosa di sinistra". Come gli veniva richiesto dal popolo della sinistra, adeguandosi ai film di Nanni Moretti, Renzi ha tirato fuori dal suo cilindro lo ius soli, ovvero l'offerta della cittadinanza automatica a chiunque nasca in Italia. Un modo per far sembrare di riscattarsi dalla sudditanza al grande capitale finanziario internazionale, in nome dell'universalismo mondialista di cui il fiorentino è un fervente sostenitore in linea con la tradizione massonica a lui congeniale.

    Per il resto la classe dei politicanti italioti si diletta a parlare di tutto e di nulla pur di distrarre l'opinione pubblica dalla grave situazione che vive il paese e a tale scopo niente di meglio che ritirare fuori l'antifascismo d'annata, sempre buono come il vino invecchiato dopo 72 anni della scomparsa del fascismo.

    Così che si preannunciano nuove leggi contro i simpatizzanti postumi, veri o presunti, di un regime caduto e sepolto dalla Storia irrimediabilmente 72 anni fa.

    L'impareggiabile madama Boldrini, oltremodo sensibile, stigmatizza il fatto che i vecchi partigiani si sentano "infastiditi e turbati" quando passano al cospetto dei monumenti di quell'epoca che richiamano al Fascismo. Per quanto sia oltremodo strano che se ne accorgano soltnto adesso, quando i più "giovani" fra di loro non hanno meno di 90 anni, non dubitiamo che camminare a Roma all'EUR sotto il Colosseo Quadrato (Palazzo della Civiltà e del Lavoro) o passare dalla Stazione Centrale di Milano, dalla Stazione Termini a Roma, peggio ancora dal Foro Italico, con tutte quelle statue ed obelischi, procuri in loro un certo disagio. Opere realizzate dal regime fascista in tempo record (l'EUR un quartiere realizzato in 4 anni).



    Schulz: “Senza l’euro la Germania dovrebbe temere non la Cina, ma l’Italia”
    Le persone normali invece avvertono il disagio quando percorrono opere come l'autostrada Salerno Reggio Calabria che, da circa 40 anni, la Repubblica cerca di realizzare senza successo o quando vengono a sapere di viadotti e ponti che crollano dopo pochi mesi che siano stati realizzati.

    Ci sarebbero ben altre preoccupazioni che attanagliano i cittadini a cui dovrebbero dare seguito i rappresentanti delle Istituzioni, in un possibile ritorno alla realtà: la drammatica disoccupazione che non accenna a calare, le banche italiane a cui il Governo regala decine di miliardi di denaro pubblico, l'isicurezza che cresce nelle città e gli assassini e stupratori che fuoriescono dal carcere grazie a magistrati compiacenti e tornano a delinquere.

    Mentre Renzi si inserisce in tutti i programmi TV per autocelebrarsi e per pubblicizzare il suo libro, l'Istat ha appena pubblicato il suo rapporto annuale sulla povertà in Italia, con conclusioni che sarebbero gravi ma che poco vengono prese sul serio dai politici nostrani: la popolazione italiana diventa ogni anno più povera, affossata la classe media, il disagio si concentra adesso sugli anziani e soprattutto su giovani e giovanissimi.

    I numeri resi pubblici dovrebbero determinare una qualche reazione popolare ma la propaganda mediatica e la manipolazione delle coscienze sembrano aver cloroformizzato le masse di cittadini, sfiduciati ma inerti, mentre nelle classi dirigenti, che dovrebbero cogliere l'occasione per una riflessione, autocritica e progetti di lungo termine. Nulla di tutto questo. Si continua sulla stessa strada con attenzione esclusivamente ai mercati, alla stabilità finanziaria ed alle banche.

    Fascismo, nervo sensibile dell’Italia
    Le famiglie italiane in condizione di povertà assoluta sono oltre 1.600.000, e costituiscono il 6,3 di quelle residenti. La percentuale sale al 7,9 della popolazione se consideriamo gli individui. Si tratta in pratica di 4.762.000 persone, più dell'intera popolazione dell'Emilia Ronagna. L'aumento rispetto all'anno precedente è dello 0,3 per cento, un dato apparentemente non drammatico, ma si tratta di 180.000 persone in più schiacciate dall'indigenza e dal disagio. Prevalente il disagio nelle famiglie con bambini e la maggiore incidenza nel Mezzogiorno, desertificato grazie alle politiche europee. In compenso sono arrivati in Italia, negli ultimi due anni, circa 500.000 immigrati clandestini, in prevalenza africani.

    Quello che conta è il fatto incontrovertibile che il dato della povertà continui ad aumentare, segno evidente che non siamo affatto usciti dalla crisi, con buona pace di quanto ci narra il ministro Padoan che ha nuovamente iniziato a parlare di "luce in fondo al tunnel" come fece il prof. Monti 7 anni fa. Tanto meno si può credere alle dotte spiegazioni Mario Draghi, mentre appare chiaro che le politiche governative, a cominciare dalle finte riforme come il jobs act o la mancetta di 80 euro di qualche anno fa, che non hanno sortito alcuno effetto pratico.

    Il dato drammatico è anche quello dell'altissima percentuale di giovani che non studiano e non lavorano, i "disillusi" che rimagono a carico delle famiglie o che si "arrangiano" con lavoretti in nero ai margini della legalità, il dato più alto in Europa.

    Quello che si evince da queste statistiche, oltre al progressivo impoverimento della popolazione, è la mancanza di prospettive e la perdita di fiducia. Una società che non investe sui giovani se non in forme di facciata, nonostante la moltiplicazione delle Università (per motivi clientelari) e delle facoltà, fra le più improbabili, non è aumentato il livello della cultura e della conoscenza, anzi tende ad abbassarsi per il calo della lettura e per l'uso smodato di congegni elettronici e social media, in sostituzone dei libri: domina la pseudo cultura.


    L’UE come Ponzio Pilato. L’Italia da sola ad affrontare la via crucis dei flussi migratori
    D'altra parte curare ed investire sui propri giovani è un impegno che si riscontra nelle società sane ove le risorse giovanili (quelle si le vere risorse di un paese) vengano valorizzate con una scuola e formazione che siano all'altezza delle tradizioni culturali che l'Italia poteva vantare fino a quando non ha ceduto alla pseudo cultura massificata ed americanizzata del consumismo e delle ideologie liberiste.

    La realtà che viene fuori inevitabilmente da questo specchio sociale è quella che i giovani sono un tremendo problema, un costoso impegno ereditario: sono una categoria di persone che richiede processi lunghi di formazione e di crescita, diventano poi esigenti e richiedono molte attenzioni e costi sempre più sorbitanti. Nel sistema sociale sono poi una zavorra: necessitano formazione lunga e costosa, inesperienza, provengono da un sistema scolastico che non insegna né a vivere né a operare, scartano i lavori di fatica. Meglio, molto meglio quindi, ricorrere agli eserciti di riserva di manodopera, quella degli immigrati: sono già adulti, si accontentano di poco, lavorano in nero e senza protezione sociale.

    Il grande capitale ha già fatto le sue scelte: questa è la nuova mano d'opera di cui ha necessità e la classe politica si adegua, acconsente e favorisce (come sempre) in vista di ottenere da questa una nuova base dei suoi consensi. Che vengano pure, c'è posto per tutti. Gli altri che si arrangino.

    Avvenne in modo simile anche a Costantinopoli, nel 1453, quando finalmente cadde, l'ultimo bastione dell'Impero romano d'Oriente e fu travolto dall'arrivo dei turchi e dell'Impero bizantino.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista per hobby
    Data Registrazione
    04 Dec 2012
    Messaggi
    17,775
    Mentioned
    65 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: L’Italia come Costantinopoli nella sua ultima fase di caduta

    il retroscena all'origine dell'italia odierna

    gli infami dell'ignore list sono invitati a starsene alla larga dai miei threads

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,913
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia come Costantinopoli nella sua ultima fase di caduta

    Citazione Originariamente Scritto da MarinoBuia Visualizza Messaggio
    il retroscena all'origine dell'italia odierna

    Il grosso del lavoro fu fatto più di 70 anni fa , da allora molto si è ammazzato per tenere su la commedia che è la società nostra .
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Oct 2010
    Messaggi
    2,306
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia come Costantinopoli nella sua ultima fase di caduta

    Citazione Originariamente Scritto da Freezer Visualizza Messaggio
    Il grosso del lavoro fu fatto più di 70 anni fa , da allora molto si è ammazzato per tenere su la commedia che è la società nostra .
    E hanno aperto le porte agli inferi dell'inferno.

  5. #5
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,585
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia come Costantinopoli nella sua ultima fase di caduta

    In parte OT, o forse no, chi lo sa?.
    Un altro caso "itagliano" sempre deviato volutamente dalla verità.

    Mostro Firenze: indagato ex legionario
    Conosceva Pacciani,omicidi sarebbero legati 'strategia tensione'


    (ANSA) - FIRENZE, 26 LUG - Per i delitti del mostro di Firenze ci sarebbe una nuova pista che legherebbe gli 8 duplici omicidi alla 'strategia della tensione', a una 'pista nera'. Il pm che ha sempre indagato sui delitti del mostro, Paolo Canessa, ora procuratore capo a Pistoia, avrebbe indagato secondo quanto scritto sui quotidiani locali, un ex legionario, Giampiero Vigilanti, 86 anni, residente a Prato. L'inchiesta sarebbe condotta in collaborazione con il procuratore aggiunto di Firenze Luca Turco. L'uomo, secondo quanto spiegato, conosceva Pietro Pacciani: come lui nel 1951 abitava a Vicchio, nel Mugello, quando quest'ultimo uccise l'ex rivale sorpreso con la sua ragazza. Vigilanti sarebbe stato sentito da Canessa più volte negli ultimi mesi e condotto nei luoghi dove vennero uccise le coppiette. Era già stato coinvolto marginalmente dalle indagini. La pista nera era stata già emersa 30 anni fa e poi ripresa dopo un esposto dell'avvocato Vieri Adirani, legale dei familiari di Nadine Mauriot, una delle vittime del mostro.
    Mostro Firenze: indagato ex legionario - Ultima Ora - ANSA.it
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  6. #6
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    48,929
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia come Costantinopoli nella sua ultima fase di caduta

    ... e tre! 2017.
    Incomincia a trapelare la luce.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,585
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia come Costantinopoli nella sua ultima fase di caduta

    Non ci conterei troppo.
    Non so se sia la luce vera.
    Sempre in itaglia siamo!
    E se fosse quella vera troverebbero mille interruttori per spegnerla.
    Il problema itaglia si risolve solo con l'atomica.
    O il taglio, sempre più urgente.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  8. #8
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,585
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia come Costantinopoli nella sua ultima fase di caduta

    Comunque come Costantinopoli non vedo solo l'itaglia, punta dell'iceberg, ma l'intero impero occidentale.
    Gestito da Satana è destinato ad una bruttissima fine.
    Si salvi chi può!
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 07-06-11, 21:42
  2. ultima e forse "ultima" messa che seguo nella mia parrocchia.
    Di catholikos nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 23-10-07, 15:37
  3. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 21-11-06, 21:23
  4. Aegean : l'ultima compagnia "caduta" nella rete di LH!
    Di landingFCO nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24-03-05, 14:49
  5. Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 18-01-04, 15:08

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226