Cari populisti, ridatemi la Boldrini - Il Foglio

La presidente della Camera rappresenta molto di quello che i terroristi temono (e quindi odiano)
di Benedetto Della Vedova*
22 Agosto 2017 alle 10:26Slogan pericolosi
Laura Boldrini (foto LaPresse)


Al direttore - Non ho mai votato a sinistra, tantomeno molto a sinistra come sicuramente ha fatto Laura Boldrini. Ho invece votato, anzi, di più, da radicale ho sostenuto e sono stato eletto nel centrodestra quando l’alternativa, pur comprendendo la Rosa nel Pugno, era il governo con Bertinotti, Diliberto e Ferrero, mentre Berlusconi ancora diceva di voler capitanare una rivoluzione liberale purtroppo poi neppure tentata. Trovo anche per questo un moto di rabbia quando vedo la stampa legata al centrodestra e personalità di spicco non solo della Lega salviniana, ma di Forza Italia, tirare in ballo esplicitamente la presidente della Camera, Laura Boldrini, accostandone il nome agli attentati folli e sanguinari commessi da fanatici nichilisti in nome di Allah. Un comportamento assurdo e virulento, che trascende qualsiasi polemica politica, anche durissima, per sconfinare nell’attacco sadico e compiaciuto; un modo per additare al pubblico ludibrio una donna perché professa idee diverse sull’immigrazione, lucrando sulle disgrazie, lo sconcerto e il dolore di tanti.



Un piccolo, grottesco revival da caccia alle streghe in versione social. Laura Boldrini, piaccia o no, è una donna laica, femminista, gay friendly, tollerante, internazionalista, multilateralista, democratica, libera: l’esatto opposto dei terroristi e della loro cultura identitaria, maschilista, religiosamente fanatica, autoritaria, omofobica, imperialista, bigotta, razzista. Laura Boldrini rappresenta molto di quello che i terroristi temono e quindi odiano. Il politically correct vissuto come ideologia irrita i laici che, come me, hanno imparato anche a difendere l’indifendibile, a cercare di capire prima di giudicare. Ma cosa c’entra il politically correct nella polemica faziosa contro la presidente della Camera sui terroristi macellai? Per non essere vittime del politically correct bisogna, come Trump, essere neutrali tra qualche eccesso di trasporto dei liberal ed il Ku Klux Klan?



Attenzione, perché se le donne votano e divorziano, se i neri non hanno più autobus separati negli Stati Uniti e i gay non finiscono (quasi) più in prigione è perché il politically correct, sempre con qualche eccesso, ha vinto e sconfitto i Trump di allora. Questo politically correct dovremmo trovare il modo di promuoverlo nel mondo (anche) per contrastare il terrore che i fanatici della conservazione, reazionaria e maschilista, vogliono imporci. Mi si dice: altro che integrazione, è un’invasione che porta i terroristi di domani, una guerra da chiamare con il suo nome e combattere. Evviva! E quindi? Me li vedo quelli che tuonano contro noi “buonisti” pronti a mandare i loro figli a morire nel deserto di Libia o Sudan o Yemen o Mali o Niger, perché bombe e droni non bastano senza una strategia, un obiettivo concreto e sostenibile, ma solo per dimostrare che loro la guerra la combattono. Ma non siamo al tavolo con il Risiko: servono strategie, perseveranza e alleanze, un po’ come ha fatto in questi anni, senza proclami ma lavorando sodo, l’Italia di Renzi e Gentiloni in Libia, per rimediare a una guerra probabilmente giusta, ma improvvisata e lasciata meno che a metà. Non sarà “spezzando le reni” alle ong amiche della Boldrini che si risolverà la questione degli sbarchi (cioè delle partenze irregolari), ma con la visione di insieme del governo che alcuni risultati, pur contraddittori, comincia a darli. Sui terroristi si indaga, si scopre, si arresta, si condanna e si incarcera: mettendo più mezzi e strumenti. Noi lo abbiamo fatto con i brigatisti, con leggi speciali e pentiti, quando centinaia di migliaia di italiani fiancheggiavano la rivoluzione armata e omicida che in molti praticavano. Ma con i migranti che già vivono a Roma o Milano cosa fare? Mostrare la faccia feroce? Ripetere tutti i giorni alla badante magrebina di nostra nonna e al pizzaiolo sotto casa che la festa è finita? Che quando vinceranno Salvini e Meloni le cose cambieranno? Che loro figlio, che non ha mai lasciato l’Italia, la cittadinanza se la deve (forse) straguadagnare, mica come il bisnipote di un povero lombardo emigrato oltre un secolo fa in Argentina che l’Italia non l’ha mai vista ma otterrà il passaporto italiano per vivere in Spagna? E poi? Chiederemo loro, contro il Papa, di scegliere o la conversione alla nostra fede o l’esilio? Cosa viene, per gli antiboldriniani, dopo l’urlo impotente: “Ora basta!”?



Se mai al governo, più di Gentiloni e Minniti, farebbero quello che giustamente hanno fatto in passato accanto a qualche grida manzoniana: una pragmatica sanatoria per gli irregolari che lavorano nelle case, nelle fabbriche e nei campi dei loro elettori. Torno al punto. Donne e uomini del centrodestra mediatico e parlamentare, dove ormai Salvini ha imposto con efficacia la sua egemonia: smettete questo assurdo e disonorevole attacco personale, furibondo e immotivato, alla presidente Boldrini. Non ve lo chiedo per “buonismo”, ma perché voglio ritrovare la libertà di non doverla difendere e di poterla attaccare quando spara sulla globalizzazione, il Ttip e il Ceta esattamente come fate voi; quando, come voi, critica la Bce e “l’Europa delle banche”; quando si mobilita contro la ricerca Ogm e, come voi, difende una filiera agroalimentare autarchica che non esiste perché mai esistita; quando, come fate voi, straparla contro il Jobs act e vuole ridurre l’età per la pensione; quando difende l’acqua pubblica e ostacola gli investimenti privati nei servizi pubblici; quando… Liberate l’ostaggio delle vostre ossessioni e restituitemi un avversario politico.



*Benedetto Della Vedova è sottosegretario del ministero degli Esteri