User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 23
Like Tree8Likes

Discussione: L’annullamento del demos”, ossia del “popolo” come entità politica.

  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    32,963
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L’annullamento del demos”, ossia del “popolo” come entità politica.

    COME SFUGGIRE DAL GOVERNO ZOOTECNICO MONDIALE?

    Maurizio Blondet 28 agosto 2017

    Ogni tanto ripenso ai 220 mila che ai primi di luglio sono andati a Modena per ascoltare Vasco Rossi. Non solo hanno pagato i biglietti per riascoltare dal vivo un settantenne trasgressivo di paese, rendendolo ancora più ricco; si sono mossi da tutta Italia in gruppo pagandosi il treno, la benzina, il pedaggio autostradale,per convergere a Modena; hanno mangiato panini, hanno dormito sulle panchine o pernottato in qualche nelle stazioni, o all’addiaccio; hanno accettato di correre rischi persino mortali, come sapevano era avvenuto poco prima durante l’adunata di piazza Cavour a Torino.

    Hanno sopportato insomma i disagi – eh sì – da soldati in marcia, e senza un lamento, anzi contenti, perfino spontaneamente disciplinati.

    Dico: pensate se fossero capaci di farlo per uno scopo politico. Se arrivassero in 220 mila a Roma, una volta, per protestare contro la sottrazione di diritti come cittadini, lavoratori, elettori. Che so, contro le vaccinazioni come inaudita “pretesa dello stato, giuridicamente obbligatoria, di metterci dentro sostanze di cui non sappiamo la composizione” manco fossimo animali; contro l’immigrazione senza limiti al costo di 4,5 miliardi l’anno mentre “in Italia gli indigenti sono passati in 5 anni da 1,5 e 4 milioni”, per un insieme scelte politico economiche “assurde” ostinatamente imposte dalle oligarchie nonostante i “risultati rovinosi”, il che “non può essere accidentale ma il prodotto di un sistema progettato, implementato e difeso”. Per gridare che le mitiche speranze dell’europeismo sono state tradite. Per urlare che”nel mondo reale, il liberismo di mercato non ha gli effetti promessi dal modello ideale, ossia che il mercato non è “libero” ma gestito da cartelli; non tende ad evitare o assorbire le crisi, ma le genera e amplifica; non tende a massimizzare la produzione di ricchezza reale ma quella di ricchezza finanziaria, non tende a distribuire le risorse ma a concentrarle in mano a pochi monopolisti”, insomma che il sistema “dissolve la società invece di renderla più efficiente”, anzi “dissolve l’idea stessa dell’uomo”.

    Se i giovani per una volta dormissero all’addiaccio, pagassero i trasporti verso Roma, si comportassero per qualche giorno da soldati politici, farebbero paura al governo che ci è stato imposto dalla Banca Centrale e da Bruxelles, ai parlamentari che dipendono dalle lobbies e comitati d’affari, e che hanno svenduto l’Italia, le sue industrie e la sua sovranità agli interessi stranieri.

    Quelle che cito fra virgolette sono frasi dall’ultimo saggio di Marco Della Luna, Oltre l’agonia – Come fallirà il dominio tecnocratico dei potere finanziari, Arianna Editrice, 9,8 euro.



    Della Luna è stato il primo in Italia ad avvertirci che per il capitalismo terminale globale, il quale fa soldi non più producendo merci ma producendo bolle finanziarie per poi farle scoppiare, non ha più bisogno di lavoratori, produttori, operai, eserciti di massa – né quindi di mantenere sani, efficienti, istruiti , men che meno prosperi e soddisfatti i popoli, di cui non ha più bisogno (nemmeno come consumatori). Risale infatti al 2010 il suo saggio “Oligarchie per popoli superflui”, il titolo dice già l’essenziale.

    In questo nuovo saggio, Della Luna ci avverte che il sistema è entrato in una fase ulteriore e più letalmente anti-umana.

    Ormai persino “il profitto finanziario ha perso importanza sia come scopo che come mezzo per l’elite finanziaria”; e se ciò sembra paradossale, essendo il profitto puro e a breve lo scopo radicale del capitalismo, basta ricordare le migliaia di miliardi che le banche centrali (appartenenti alla finanza privata) creano dal nulla per mantenere a galla il sistema, mettendoli a disposizione di chi comanda in misura illimitata; basti pensare alle banche che creano denaro dal nulla con il che “genera un flusso di cassa positivo, ossia un redito, che la banca incassa, ma su cui non paga le tasse”, perché “gli Stati” sono “privatizzati “ e sono orientati nelle loro politiche dai “mercati anziché dai o ai popoli”.

    Per lorsignori, il profitto “ha perso importanza come movente” perché lo ha già, garantito, esentasse; banche centrali e stati già gli forniscono tutti i fiumi di denaro necessari e superflui, indebitando e tassando i contribuenti. Sicché l’autore giunge a preconizzare perfino “il tramonto della finanza”, beninteso come “sistema di dominio della società”. Un tramonto che non coinciderà con la nostra liberazione, anzi al contrario: lo stanno già sostituendo con il nuovo: “il dominio diretto e materiale sulla società”, attraverso la “gestione coercitiva del demos, potente e unilaterale e insieme non responsabile delle scelte verso i suoi amministrati , non diversamente dalla zootecnia non è responsabile verso gli animali di allevamento”.

    Eco la nuova fase che ci hanno preparato: il governo zootecnico, “l’allevamento-condizionamento di masse umane per l’utilità degli allevatori”. Già lo fanno per via mediatica “restringendo e omogeneizzando le rappresentazioni che gli umani hanno della realtà” e “tabuizzando e psichiatrizzando il dissenso e la contro-informazione”, fino a renderla penalmente perseguibile. Lo fanno con “la Buona Scuola”, l’attuale sistema educativo congegnato in modo da non sviluppare facoltà cognitive, né l’attenzione sostenuta, né la capacità di auto dominio né di differire le gratificazioni e sopportare le frustrazioni”: il metodo perfetto per “produrre persone deboli, dipendenti, condizionabili, incapaci di opporsi”.

    Non si tratta di risultati cattivi divergenti da intenzioni buone, e da ideologie erronee anche se benintenzionate: no, dice Della Luna: sono effetti perseguiti deliberatamente per “semplificare” l’uomo, standardizzarlo in vista dell’allevamento zootecnico.

    Impressionante l’esempio che fa della scomparsa della borghesia produttiva, culturalmente vivace, e reattiva, rovinata dalle crisi deflattive continue e dal fisco rapacissimo. Non è un caso malaugurato. E’ che “la piramide sociale va interrotta lasciando uno spazio vuoto sotto il suo apice [il famigerato 1% che concentra l’80% delle ricchezze] , così che l’apice sia al sicuro dalle scalate (mobilità verticale) dagli attacchi delle classi intermedie erudite”.

    Ciò a cui punta è “realizzare tra l’oligarchia e i popoli la medesima distanza e differenziazione qualitativa che c’è tra l’allevatore e gli animali allevati”, secondo il modello zootecnico.

    Nella chiave del governo zootecnico diventano perfettamente spiegabili la plurivaccinazione obbligatoria dei cuccioli, volevo dire dei bambini. Al di là di ogni polemica sulla pericolosità o innocuità dei vaccini, quel che esseri umani, cittadini e non dei polli da allevamento dovevano rigettare è che “il potere costituito ha la potestà giuridica di immettere nel corpo della gente sostanze attive”, fra cui tante disponibili “in base alle nanotecnologie e biotecnologie, e molte di esse coperte da segreto militare o commerciale”, nota Della Luna.

    Nella prospettiva dell’allevamento zootecnico acquista senso anche “il dogma dell’accoglienza e della mescolanza dei popoli”, imposto come “evidente, dimostrato, e tale che chi li contraddice è irragionevole, malintenzionato, pericoloso, immorale”. La verità è che esso, oltre ad essere in Italia un business “attraverso l’inclusione degli immigrati nel circuito dell’affarismo parassitario” che succhia denaro pubblico, ha perfettamente senso dal punto di vista dell’allevatore: “la trasformazione dall’alto del popolo” , il popolo-bestiame, “imponendo l’immigrazione sostitutiva delle popolazioni nazionali”; allo stesso modo l’allevatore inserisce nella stalla nuovi tori e nuove fattrici, per “migliorare la razza”.

    Voi obietterete: ma oltretutto è anti-economico, crea disordine, diminuisce l’efficienza della società, costa moltissimo. Infatti, conferma l’autore: ciò dimostra che “la comprensione economicista del divenire attuale è palesemente scavalcata”.

    Quando la casta politica-amministrativa “lascia senza tetto e senza cibo i cittadini italiani mentre alloggia gli immigrati in alberghi a tre e quattro stelle”, quel che attua “è l’annullamento programmatico del concetto di cittadino come titolare di diritti specifici verso la sua polis. L’annullamento del demos”, ossia del “popolo” come entità politica, padrone collettivamente delle proprie scelte.

    E’ la riduzione del cittadino a pollame.

    Tale modello “non implica affatto pace, sicurezza, efficienza per le popolazioni, esattamente come non le implica il modello zootecnico”. Per gli allevatori, gli animali allevati “sono solo fonte di utilità; non hanno diritti né dignità riconosciuta”.

    Né diritti né dignità riconosciuta, si prenda nota. Ora che ogni nuovo robot introdotto nella produzione elimina 6,2 posti di lavoro, i governi mai eletti, con la copertura della “austerità “ tedesca perché “dobbiamo rientrare dal debito” (ignobile menzogna, se la BCE stampa tutti i miliardi che vuole, o meglio che vogliono le banche che la possiedono), e il denaro è scarso e costoso (altra ignobile menzogna) e non ce n’è per voi – vi stanno riducendo – deliberatamente, coscientemente – a “un corpo sociale saldamente in mano all’oligarchia dominante” proprio perché sempre più “costituito da masse miste di indigenti, disoccupati, immigrati, clandestini, pensionati che sopravvivono grazie ad interventi emergenziali del governo e di agenzie pseudo-sociali e pseudo-religiose ampiamente finanziate dal governo”, ossia dai contribuenti ridotti a indigenti.

    Pensate agli 80 euro di Renzi, elemosina che poi un milione e mezzo ha dovuto pur e restituire, un “bonus” che non si sa se durerà, se i poveri l’avranno anche l’anno prossimo (dunque non è un diritto, men che meno “acquisito”). Questo è voluto:

    “La mancanza di redditi e servizi sicuri, la dipendenza da interventi anno per anno, rende queste masse sempre più passive, remissive”, dunque “politicamente inattive”: questo è lo scopo.


    Vascodipendenti.
    Perché è chiaro che se il capitalismo finanziario terminale “tende a togliere alla gente tutto il reddito e tutti i risparmi disponibili”, finisce anche per “togliere il motivo di pagare i debiti anziché infischiarsene”. Se non si è già diventati pollame, non si è tenuti ad obbedire né a rispettare simili “autorità”, “non ha senso pratico né morale pagare le tasse e versare i contributi ad un siffatto sistema sociale”. Lorsignori sanno però come scongiurare la rivolta.

    Contrariamente a quel che fa credere la narrativa holllywwodiana, le rivoluzioni non le fanno gli affamati – questi hanno da far la fila alla Caritas e agli uffici di collocamento, a fare le pratiche per il “bonus”, razzolare fra la spazzatura dei mercati di frutta e verdura – ma le classi emergenti nella prosperità; a fare la Rivoluzione fu la borghesia che, sicura dei suoi mezzi economici ed intellettuali, strappò i diritti politici.

    Quelli con la pancia vuota sono passivi e remissivi, aspettano il bonus da 80 euro, i giovani passano da un precariato all’altro e non avranno mai una pensione sufficiente a farli sopravvivere: dunque piatiranno dallo stato interventi, che saranno anno per anno, incerti, caritativi. Su questa strada, ci hanno trasformati da cittadino, “prima a mero prestatore d’opera sul mercato, poi a semplice consumatore privato, e infine a una vera e propria precarietà ontologica”.

    Ecco: il “Precario ontologico” è quello a cui puntano a ridurvi. A cui vi hanno già ridotto, voi giovani. “La precarietà assunta a paradigma normativo”, ormai è la vostra condizione, a cui siete invitati dai media e dai politici pagati da lorsignori a abituarvi gioiosamente, ottimisticamente, come elemento essenziale della giovinezza, oggi qui domani là a 450 al mese, andate in Europa, emigrate, è bello cambiare lavoro….Ovviamente, “precario ontologico”, precario per essenza è l’animale di allevamento, che dipende giorno per giorno dal mangime distribuito. Ma almeno, non lo sa.

    Per questo mi rivolgo a voi, giovani e quarantenni, avete dormito all’addiaccio e mangiato al sacco, avete corso dei rischi, avete sborsato quattrini, benché molti di voi siano sicuramente precari. Siete già precari ontologici? Per Vasco l’avete fatta, la marcia su Modena. Ne rifarete mi un’altra per rifiutare il governo zootecnico?

    COME SFUGGIRE DAL GOVERNO ZOOTECNICO MONDIALE? - Blondet & Friends
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    32,963
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’annullamento del demos”, ossia del “popolo” come entità politica.

    Ci aggiungerei solo la diffusione della droga, l'abitudine all'alcol come al panino e la pornografia gratuita imperante.
    Il quadro credo sia completo.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  3. #3
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    32,963
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’annullamento del demos”, ossia del “popolo” come entità politica.

    Un commento all'articolo che riassume la triste realtà del momento.

    Breve analisi del giovane medio che va al concerto.
    1)A parte i quarantenni essi ignorano la differenza della qualità della vita tra l’epoca della lira e quella dell’euro
    2) Oltre alla pessima educazione scolastica non han potuto effettuare il servizio militare che pur qualcosa di utile ci aveva.
    3) Il passatempo preferito di cui “godono” è la movida con il rigore del bicchiere di alcool in mano.
    4) Socializzazione informatica di tipo prevalentemente frivolo, “gossipparo”
    5) Uso di farmaci ,anfetamine, pillole blu, fumo ecc. ecc. per avere il “diritto alla felicità”.
    6)Il tutto condito da una informazione di massima assorbita come vuole il “padrone del discorso”
    Caro Direttore , mi sa tanto che l’unica marcia a Roma possibile potrebbe essere quella dei pensionati o pensionandi a breve. Ci sarebbero ottime chances di successo
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  4. #4
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    42,915
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’annullamento del demos”, ossia del “popolo” come entità politica.

    Annullamento dell'ethnos.
    Il demos (meltin pot) mai verrà annullato.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  5. #5
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    42,915
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’annullamento del demos”, ossia del “popolo” come entità politica.

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio
    Un commento all'articolo che riassume la triste realtà del momento.

    Breve analisi del giovane medio che va al concerto.
    1)A parte i quarantenni essi ignorano la differenza della qualità della vita tra l’epoca della lira e quella dell’euro
    2) Oltre alla pessima educazione scolastica non han potuto effettuare il servizio militare che pur qualcosa di utile ci aveva.
    3) Il passatempo preferito di cui “godono” è la movida con il rigore del bicchiere di alcool in mano.
    4) Socializzazione informatica di tipo prevalentemente frivolo, “gossipparo”
    5) Uso di farmaci ,anfetamine, pillole blu, fumo ecc. ecc. per avere il “diritto alla felicità”.
    6)Il tutto condito da una informazione di massima assorbita come vuole il “padrone del discorso”
    Caro Direttore , mi sa tanto che l’unica marcia a Roma possibile potrebbe essere quella dei pensionati o pensionandi a breve. Ci sarebbero ottime chances di successo
    In italia il servizio militare NON aveva alcun risvolto positivo. Solo merda su merda.

    Forse in Svizzera.

    Sono contento che mio figlio lo abbia evitato.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  6. #6
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    32,963
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’annullamento del demos”, ossia del “popolo” come entità politica.

    Su questo non sono d'accordo.
    Era merda su merda, ma il senso dell'ubbidienza e, al limite, un minimo di sofferenza interiore nel ricevere e dover eseguire ordini, per quando dementi, anzi soprattutto in quanto tali, erano un'ottima scuola di vita, che oggi come oggi manca ai giovani a tutti i livelli, soprattutto nella squola, poi nella famiglia e in tutta la società.
    Poveretti! Non vorrai mica che ci rimangano male o che debbano soffrire?
    E così viva il mollacciume che ci circonda ovunque.
    Non dico quindi che fosse LA soluzione, ma in un merdaio come la società itagliota di oggi, sarebbe stata almeno una piccola ancora di ... speranza.
    Non a caso annullata.
    carter likes this.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    32,963
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’annullamento del demos”, ossia del “popolo” come entità politica.

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    Annullamento dell'ethnos.
    Il demos (meltin pot) mai verrà annullato.
    Se hai fatto caso, per dare il titolo ho copiato una frase dall'articolo.
    Di Blondet.
    Noi su questo la sappiamo più lunga.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  8. #8
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,543
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’annullamento del demos”, ossia del “popolo” come entità politica.

    il popolo itagliano è sempre stata una massa di pecoroni, altro che cittadini, demos e altro
    han sempre corso dietro al "capò" di turno, sempre bisognosi di un mito inventato (roma, valentino rossi, mussolini, totti, pertini, verdi, maradona, berluskoni, renzi, vasco, ecc...) e questo avviene a tutti i livelli dalla politica, al cibo, alla cultura, alla musica.... potrei andare avanti per ore citando nullità che sono diventate famose solo in itaglia, delle usanze meridionali fatte diventare "nazionali" anche da noi, dello stereotipo TV imposto a forza senza che nessuno abbia mai potuto dire di essere diverso ...

    il militare si faceva perchè se no arrivavano i carabbbbbbinieri a casa, il voto per il posto di lavoro in comune/stato o seguendo le indicazioni del Papa... franza e spagna purchè se magna

    ma quando NELLA STORIA DEGLI ULTIMI 200 ANNI gli itagliani NON si sono comportati come una massa di capre?
    Freezer likes this.

  9. #9
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    32,963
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’annullamento del demos”, ossia del “popolo” come entità politica.

    Non scomodare gli itagliani, parla pure per i Padani.
    O per qualsiasi popolo.
    Ma qui l'articolo riportato vuol dire altre cose, i libri riportati nell'articolo sono magistrali come veduta del futuro. Di tutti.
    Un futuro che nulla ha a che fare coi ... "pecoroni", anche se di bestie si parla.
    Sul servizio militare è ovvio che, essendo un obbligo, lo si doveva fare.
    Il commentatore ne rileva solo gli aspetti positivi sull'individuo, che a mio avviso c'erano. A meno che ci si voglia schierare con l'approvazione del mollismo delle attuali generazioni, abituate a vivere solo nella bambagia e incapaci di superare la prima qualsivoglia difficoltà. Perchè non temprati dalla vita, della quale la leva, come la famiglia, la scuola (con la c) e la società erano parti integrate.
    Noi, mi pare tutti, la leva l'abbiamo fatta e ne parliamo avendola fatta, dandole tutte le negatività risapute, ma guardate il risultato delle generazioni attuali che non l'hanno fatta (insieme ovviamente a tanti altri fattori) e poi giudicate pure.
    Comunque questo , lo ripeto, è un aspetto marginale della discussione.
    E questo è un MIO pensiero in proposito.
    Io, per inciso, la naja l'ho fatta. Non mi è piaciuta. Ne riconosco però gli aspetti positivi.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  10. #10
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,543
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’annullamento del demos”, ossia del “popolo” come entità politica.

    sono favorevole al servizio militare ... ma non itagliano perché come tutte quello che tocca questo stato di menta le rovina e noi lo sappiamo, avendolo fatto
    che siamo nati come "animali coltivati in batteria" lo dice anche Biglino

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Correlati:

Discussioni Simili

  1. Di Pietro mente ancora al popolo, è la sua pratica politica
    Di QUINTO nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-12-10, 17:52
  2. La strada meta-politica del nostro popolo
    Di Ochtopus (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 01-12-06, 21:58
  3. Politica a favore del Popolo Italiano, non solo dei Partiti
    Di flash14 nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 30-07-06, 16:17
  4. Politica a favore del Popolo Italiano, non solo dei Partiti
    Di flash14 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-07-06, 14:44
  5. Politica a favore del Popolo Italiano, non solo dei Partiti
    Di flash14 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-07-06, 14:40

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225