User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
Like Tree3Likes
  • 3 Post By Amati75

Discussione: Economia USA 2016: Redditi medi al massimo storico e diminuzione ella poverta'

  1. #1
    Viva la piadina!!!
    Data Registrazione
    20 Nov 2009
    Località
    Miami, FL, USA
    Messaggi
    76,173
    Mentioned
    157 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Economia USA 2016: Redditi medi al massimo storico e diminuzione ella poverta'

    U.S. Household Incomes Rose to Record in 2016 as Poverty Fell

    The U.S. median household income rose to a record last year and the poverty rate fell, as steady economic growth helped improve the lot of more Americans, according to annual data from the U.S. Census Bureau released Tuesday.

    HIGHLIGHTS OF INCOME AND POVERTY (2016)
    Median, inflation-adjusted household income increased 3.2% to $59,039 last year, from $57,230 in 2015
    Median incomes for black and Hispanic households rose at more than double the rate of white households; female householders outpaced males
    Poverty rate declined to 12.7% from 13.5%; represented 40.6 million Americans
    The results show improving incomes helped to make a further dent in poverty in 2016, which was President Barack Obama’s final year in office.

    Strength in the labor market likely played a role. The economy added 2.2 million jobs last year and the unemployment rate had declined to 4.7 percent by year end. It’s fallen further in recent months to a 16-year low.



    While poverty is declining gradually, a sustained acceleration in wages remains elusive in this expansion. Last year’s poverty rate wasn’t “statistically different” from the 12.5 percent pre-recession level in 2007, according to the Census Bureau on Tuesday.

    The annual report gives a more comprehensive, though less timely, snapshot than the Labor Department’s monthly employment report, which shows average hourly earnings of workers on private nonfarm payrolls, or the Commerce Department’s monthly personal income report.

    Other Details

    Share of people without health insurance coverage for 2016 declined to 8.8 percent, or 28.1 million people, from 29 million in 2015
    Real median incomes for family households increased 2.7 percent to $75,062; for nonfamily
    households the gain was 4.5 percent to $35,761 last year
    Gini index for money income of 0.481 in 2016 was “not statistically different from 2015”

    https://www.bloomberg.com/news/artic...s-poverty-fell
    Globalizzazione..... si grazie.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Rifugiato politico
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Gottardo (Tessin)
    Messaggi
    17,131
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Economia USA 2016: Redditi medi al massimo storico e diminuzione ella poverta'

    Stati Uniti, i poareti sono un terzo de la populasiün, ma non si devono vedere

    Un libro accorto e dettagliato svela uno dei più scuraggianti lati oscuri del Paese delle grandi opportunità per tutti: "Guai ai Poveri. La faccia triste dell’America" (GruppoAbele, 2017, 14 euro), di Elisabetta Grande, affronta la storia di 40 anni di crescita inesorabile della povertà più crudele
    di MARTA RIZZO

    13 marzo 2017


    ROMA – Il diritto americano, dagli anni ’70 fino a oggi, ha sistematicamente e scientemente ostacolato, e poi nascosto, i suoi poveri. Nessuno sconto a chi dorme, mangia, vive per strada. I senzatetto negli Stati Uniti sono 1/3 dell’intera popolazione americana, ma nessuno li deve vedere.

    Nessun diritto per gli homeless. Si chiama “Reato contro la qualità della vita”, in Usa, la colpa di chi non ha nulla e vive per strada. E gli homeless d’America, ostacolati da leggi e società, vivono la loro condizione in uno stato psicologico spesso autolesionista, per il quale alcuni credono di meritare l’ostracismo perché “colpevoli” di aver perso lavoro, casa, famiglia, vita. Elisabetta Grande insegna Sistemi giuridici Comparati all’Università del Piemonte Orientale e pubblica un libro dalla forma maneggevole. Il contenuto, però, affronta dati, cifre, una serie infinita di emendamenti giuridici e storie personali che testimoniano la povertà crescente, inarrestabile, preoccupante degli Usa. Nel Paese dove vive il 41% delle persone più ricche dell’intero pianeta, 1/3 della popolazione (105.303.000 di persone) fa fatica a far fronte ai bisogni più elementari. Un sistema sociale drammatico e farraginoso, quello americano.

    Gli anni ’70, il punto di non ritorno per i poveri in Usa. Ma quando inizia, più o meno, il tracollo dei poveri d’America? L'autrice parte dagli anni ’70, con la trasformazione e la crisi dell’industria manifatturiera statunitense, che in alcuni Stati porta a un vero sfacelo per i lavoratori, cui il sistema sindacale non ha fatto fronte. Da qui, la Grande individua altri campanelli d’allarme della crescita della povertà Usa nella selvaggia liberalizzazione del mercato, (con la trasformazione da economia industriale a economia di servizi, a scapito dei lavoratori meno qualificati) e nell’abbassamento delle barriere tariffarie del commercio. E' così che il Paese più ricco del pianeta ha cresciuto un numero altissimo di poveri e poverissimi, in un sistema sociale che teme, rifiuta, nasconde ai suoi stessi occhi chi non ha nulla, perché la legge glielo consente.

    Un diritto che agevola i ricchi. Il sistema legislativo americano, dunque, invece di tutelare l’intera società che dirige, ha sistematicamente penalizzato i suoi homeless (termine nato nel 1981, racconta il libro, o visible poors, poveri di strada), fino a renderli i primi “nemici” dell’America. “Il diritto americano - spiega Elisabetta Grande - offre aiuti e sconti ai più ricchi, sotto forma di impressionanti riduzioni fiscali o di agevolazioni per l’acquisto della prima casa, che sono tanto più consistenti quanto più alto è il valore dell’abitazione. Un sistema giuridico al servizio del più forte, al funzionamento del quale (per via della sostanziale regressività del sistema fiscale) egli contribuisce poco, ma di cui fa ampio uso ai danni del più debole. Chi più ha, infatti, più si rivolge al diritto e alle sue istituzioni per ottenere tutela dei suoi averi, a differenza di chi non ha nulla”.

    Il diritto alla casa escluso ai poveri. “Volendo rimanere sulla cruciale questione della possibilità di mantenere un tetto sulla propria testa - continua l’autrice - la recente storia degli sfratti negli Stati Uniti (che oggi, a differenza di un tempo, vengono eseguiti non in ragione di centinaia o di migliaia, ma addirittura di milioni all’anno), lo testimonia. Sono i proprietari di casa (nel 90 % dei casi possono far conto su di un avvocato) a far ampio uso delle corti di giustizia per mandare via gli inquilini più deboli (che invece per il 90 %non possono permettersi una difesa). E sono sempre i proprietari, vieppiù coincidenti con potenti attori globali, a girare a proprio favore le mille pieghe delle norme, nel cui spazio si annidano le vie più subdole per liberare gli alloggi che saranno così pronti per essere riaffittati a cifre più alte ad attori del mercato più abbienti. E che cos’è d’altronde la teoria statunitense della blighted property, che consente di espropriare, magari a vantaggio di una grande corporation, chi non ha la possibilità di ristrutturare la propria casa, che quindi si degrada, se non una dottrina che consente al forte di usare il diritto e le sue istituzioni contro il debole?”.

    Le persone, le famiglie, i bambini senzatetto aumentano. Il libro è denso d’informazioni sul crescente degrado sociale che l’America occulta a se stessa e al mondo, dal momento che pochi Media si occupano della questione povertà negli Stati Uniti, mentre trascorrono settimane a domandarsi perché non siano stati in grado di prevedere la vittoria di Trump. Il libro di Elisabetta Grande, al contrario, affronta in modo sistematico una questione che non riguarda solo principii e concetti, ma persone reali, come Jennifer, Scott, Rae, homeless per necessità: “A differenza del clochard ubriacone, maschio, bianco e vecchio che rispecchiava lo stereotipo non solo letterario dell’ homeless, la popolazione dei senzatetto è oggi formata in grande misura da famiglie e la categoria di homeless in maggior crescita è quella dei bambini”. Il libro dice che sono 2 milioni e mezzo i putei senzatetto minori: 1 ogni 30 bambini americani, in aumento, dal 2007 del 64%.
    Felice di non vivere in quel paese di palta chiamato I-taglia

  3. #3
    Rifugiato politico
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Gottardo (Tessin)
    Messaggi
    17,131
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Economia USA 2016: Redditi medi al massimo storico e diminuzione ella poverta'

    disinforma$ia disinforma$ia in pasta D'Amato!
    Felice di non vivere in quel paese di palta chiamato I-taglia

  4. #4
    Rifugiato politico
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Gottardo (Tessin)
    Messaggi
    17,131
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Economia USA 2016: Redditi medi al massimo storico e diminuzione ella poverta'

    emmo' contatela con chi vuoi pirül...traduci un po' questa
    Felice di non vivere in quel paese di palta chiamato I-taglia

  5. #5
    Viva la piadina!!!
    Data Registrazione
    20 Nov 2009
    Località
    Miami, FL, USA
    Messaggi
    76,173
    Mentioned
    157 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Economia USA 2016: Redditi medi al massimo storico e diminuzione ella poverta'

    Citazione Originariamente Scritto da animal Visualizza Messaggio
    Stati Uniti, i poareti sono un terzo de la populasiün, ma non si devono vedere

    Un libro accorto e dettagliato svela uno dei più scuraggianti lati oscuri del Paese delle grandi opportunità per tutti: "Guai ai Poveri. La faccia triste dell’America" (GruppoAbele, 2017, 14 euro), di Elisabetta Grande, affronta la storia di 40 anni di crescita inesorabile della povertà più crudele
    di MARTA RIZZO

    13 marzo 2017


    ROMA – Il diritto americano, dagli anni ’70 fino a oggi, ha sistematicamente e scientemente ostacolato, e poi nascosto, i suoi poveri. Nessuno sconto a chi dorme, mangia, vive per strada. I senzatetto negli Stati Uniti sono 1/3 dell’intera popolazione americana, ma nessuno li deve vedere.

    Nessun diritto per gli homeless. Si chiama “Reato contro la qualità della vita”, in Usa, la colpa di chi non ha nulla e vive per strada. E gli homeless d’America, ostacolati da leggi e società, vivono la loro condizione in uno stato psicologico spesso autolesionista, per il quale alcuni credono di meritare l’ostracismo perché “colpevoli” di aver perso lavoro, casa, famiglia, vita. Elisabetta Grande insegna Sistemi giuridici Comparati all’Università del Piemonte Orientale e pubblica un libro dalla forma maneggevole. Il contenuto, però, affronta dati, cifre, una serie infinita di emendamenti giuridici e storie personali che testimoniano la povertà crescente, inarrestabile, preoccupante degli Usa. Nel Paese dove vive il 41% delle persone più ricche dell’intero pianeta, 1/3 della popolazione (105.303.000 di persone) fa fatica a far fronte ai bisogni più elementari. Un sistema sociale drammatico e farraginoso, quello americano.

    Gli anni ’70, il punto di non ritorno per i poveri in Usa. Ma quando inizia, più o meno, il tracollo dei poveri d’America? L'autrice parte dagli anni ’70, con la trasformazione e la crisi dell’industria manifatturiera statunitense, che in alcuni Stati porta a un vero sfacelo per i lavoratori, cui il sistema sindacale non ha fatto fronte. Da qui, la Grande individua altri campanelli d’allarme della crescita della povertà Usa nella selvaggia liberalizzazione del mercato, (con la trasformazione da economia industriale a economia di servizi, a scapito dei lavoratori meno qualificati) e nell’abbassamento delle barriere tariffarie del commercio. E' così che il Paese più ricco del pianeta ha cresciuto un numero altissimo di poveri e poverissimi, in un sistema sociale che teme, rifiuta, nasconde ai suoi stessi occhi chi non ha nulla, perché la legge glielo consente.

    Un diritto che agevola i ricchi. Il sistema legislativo americano, dunque, invece di tutelare l’intera società che dirige, ha sistematicamente penalizzato i suoi homeless (termine nato nel 1981, racconta il libro, o visible poors, poveri di strada), fino a renderli i primi “nemici” dell’America. “Il diritto americano - spiega Elisabetta Grande - offre aiuti e sconti ai più ricchi, sotto forma di impressionanti riduzioni fiscali o di agevolazioni per l’acquisto della prima casa, che sono tanto più consistenti quanto più alto è il valore dell’abitazione. Un sistema giuridico al servizio del più forte, al funzionamento del quale (per via della sostanziale regressività del sistema fiscale) egli contribuisce poco, ma di cui fa ampio uso ai danni del più debole. Chi più ha, infatti, più si rivolge al diritto e alle sue istituzioni per ottenere tutela dei suoi averi, a differenza di chi non ha nulla”.

    Il diritto alla casa escluso ai poveri. “Volendo rimanere sulla cruciale questione della possibilità di mantenere un tetto sulla propria testa - continua l’autrice - la recente storia degli sfratti negli Stati Uniti (che oggi, a differenza di un tempo, vengono eseguiti non in ragione di centinaia o di migliaia, ma addirittura di milioni all’anno), lo testimonia. Sono i proprietari di casa (nel 90 % dei casi possono far conto su di un avvocato) a far ampio uso delle corti di giustizia per mandare via gli inquilini più deboli (che invece per il 90 %non possono permettersi una difesa). E sono sempre i proprietari, vieppiù coincidenti con potenti attori globali, a girare a proprio favore le mille pieghe delle norme, nel cui spazio si annidano le vie più subdole per liberare gli alloggi che saranno così pronti per essere riaffittati a cifre più alte ad attori del mercato più abbienti. E che cos’è d’altronde la teoria statunitense della blighted property, che consente di espropriare, magari a vantaggio di una grande corporation, chi non ha la possibilità di ristrutturare la propria casa, che quindi si degrada, se non una dottrina che consente al forte di usare il diritto e le sue istituzioni contro il debole?”.

    Le persone, le famiglie, i bambini senzatetto aumentano. Il libro è denso d’informazioni sul crescente degrado sociale che l’America occulta a se stessa e al mondo, dal momento che pochi Media si occupano della questione povertà negli Stati Uniti, mentre trascorrono settimane a domandarsi perché non siano stati in grado di prevedere la vittoria di Trump. Il libro di Elisabetta Grande, al contrario, affronta in modo sistematico una questione che non riguarda solo principii e concetti, ma persone reali, come Jennifer, Scott, Rae, homeless per necessità: “A differenza del clochard ubriacone, maschio, bianco e vecchio che rispecchiava lo stereotipo non solo letterario dell’ homeless, la popolazione dei senzatetto è oggi formata in grande misura da famiglie e la categoria di homeless in maggior crescita è quella dei bambini”. Il libro dice che sono 2 milioni e mezzo i putei senzatetto minori: 1 ogni 30 bambini americani, in aumento, dal 2007 del 64%.



    Ma che puttanate di roba legge lei ?

    Cioe'... i senza tetto:

    ". I senzatetto negli Stati Uniti sono 1/3 dell’intera popolazione americana"

    Sarebbero piu' di 100 milioni?


    E poi se la prende quando le si dice che lei e' un idiota...

    Lasci perdere su, che al massimo lei riesce a capire che 1+1 non fa 11, ma dopo svariati tentativi.
    -Duca-, Lego and Heß like this.
    Globalizzazione..... si grazie.

  6. #6
    Rifugiato politico
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Gottardo (Tessin)
    Messaggi
    17,131
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Economia USA 2016: Redditi medi al massimo storico e diminuzione ella poverta'

    Poereto e soffia soffia il vento...

    Felice di non vivere in quel paese di palta chiamato I-taglia

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-08-15, 10:30
  2. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 06-09-08, 12:05
  3. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 05-09-08, 21:49
  4. Redditi Parlamentari E Poverta' Delle Masse
    Di un bolscevico nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-04-05, 12:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225