User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,480
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Lo Statuto speciale Siciliano

    Regionali: lo Statuto speciale Siciliano | Avanti!

    Mentre la Catalogna combatte la “madre di tutte le battaglie” per l’indipendenza da Madrid, rinverdendo così, anche l’epopea della Repubblica in lotta contro il fascismo franchista, si assiste al poco edificante spettacolo offerto dalla politica siciliana in vista delle prossime elezioni regionali, con deputati uscenti e candidati che saltellano da una lista all’altra, senza distinzione di schieramenti, i quali, a loro volta, non presentano alcuna indicazione programmatica, a partire dai temi del lavoro e dello sviluppo, della legalità, senza che nessuno parli, in un senso o in un altro, delle sorti dello Statuto speciale d’autonomia.
    Il mainstream dominante vuole la cancellazione della specialità autonomistica siciliana. E d’altronde, le polemiche vengono suffragate da una politica che nella nostra Regione ha prodotto sprechi, privilegi e incapacità di dare risposte alle domande dei siciliani.
    Se le motivazioni storico-politiche che condussero all’approvazione dello Statuto speciale appaiono in parte superate, almeno quelle che nel 1946 servirono ad accogliere le istanze “riparazioniste”, con la rivendicazione di una sovvenzione solidaristica “compensativa” sul terreno economico, rimane attuale la scelta di un’istituzione regionale di chiara derivazione dai sistemi giuridico-costituzionali di tipo “pattizio”, specie in una fase in cui in Europa è aperto il dibattito sulle “piccole patrie”, come nel caso di Catalogna e Scozia sull’orlo della secessione.
    In sessantanni di vita lo Statuto è stato quasi integralmente disatteso, come affermò un autorevole uomini politici siciliani del dopoguerra, l’indipendentista e repubblicano Salvatore Natoli Sciacca: “queste grandi speranze furono tutte deluse … Ci fu una non attuazione, uno svuotamento, una restaurazione dei poteri del governo centralista romano, con grandi responsabilità anche della stessa classe politica siciliana”.
    È opportuno ricordare che il tradimento nei confronti dello Statuto speciale è segnato da un avvenimento preciso: la sentenza della Corte costituzionale del 1957, la n.38, (che storicamente ha prodotto una giurisprudenza nient’affatto disponibile ad accogliere le eccezioni mosse dalla Regione Siciliana nei confronti dei provvedimenti del Parlamento e del Governo nazionali lesivi dell’Autonomia Speciale) che ha “caducato”, ma non abrogato, l’Alta Corte, che lo Statuto speciale prevedeva quale organo giurisdizionale competente in caso di controversie tra Stato e Regione siciliana. Tale sentenza provocò un vulnus insanabile al carattere pattizio dello Statuto autonomistico, pari soltanto a quello voluto da Crocetta con il “commissariamento” dei conti operato dal governo Renzi con l’invio di Baccei quale assessore all’Economia, e, quindi, al suo rango di parte della nostra Costituzione repubblicana.
    Ma si può rilanciare e attualizzare la funzione dello Statuto speciale siciliano? La risposta può essere positiva solo se legata ai principi di comunità e di responsabilità. Si tratta di andare oltre la visione panstatuale in favore di un sistema di rappresentanza basata sulla valorizzazione di comunità di soggetti territoriali, con vasti poteri sulle materie economiche, fiscali e sociali e sull’ordine pubblico contro le mafie e per la legalità, con l’affermazione del principio di responsabilità, sulla base di un comune patrimonio storico e culturale, esemplificato da un’unica politica in ambito europeo.
    Ma c’è da temere che partiti e liste siano troppo affaccendati su altre questioni, per pensare alle sorti dello Statuto, in una logica di ascarismo endemico.

    Maurizio Balllistreri

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Talebano
    Data Registrazione
    08 Feb 2011
    Messaggi
    7,328
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Regionali: lo Statuto speciale Siciliano

    L'alta corte non poteva che essere incostituzionale, solo la Corte costituzionale può dirimere i conflitti tra regioni e stato.

    Per il resto l'autonomia siciliana fu svuotata nella misura in cui la regione è sopravvissuta grazie ai sussidi erogati dal governo centrale, senza i quali praticamente chiuderebbe il sistema sanitario regionale e andrebbero a spasso tutti gli assistiti.

    I politici sono inefficienti perché le preferenze vengono date in cambio di favori immediati, il voto clientelare è più forte di quello d'opinione e d'altronde il sistema a preferenze è di per sé voto di scambio legalizzato.
    "la Le Pen col 40% avrà incassato una grande vittoria" (Candido)


 

 

Discussioni Simili

  1. Regionali: lo Statuto speciale Siciliano
    Di MaIn nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 06-10-17, 09:27
  2. In Sicilia addio Province e attuazione Statuto siciliano
    Di x_alfo_x nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 06-03-13, 22:40
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-07-06, 12:17

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226