User Tag List

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 20 di 20

Discussione: 500 anni fa la riforma

  1. #11
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    75,987
     Likes dati
    10,783
     Like avuti
    15,660
    Mentioned
    1280 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: 500 anni fa la riforma

    Citazione Originariamente Scritto da Berengario Visualizza Messaggio
    La storia del lutero omicida ben si attaglia alla sua personalità fumantina
    Peraltro legittima il massacro dei contadini, perché quando c'era da denunciare l'avarizia e il lusso di clero e papa era in prima fila, ma quando il nostro crapulone rischiava di perdere il cosciotto di montone che gli passava la grande nobiltà i poveracci dovevano deporre le armi
    Lutero fu costretto a nascondersi da chi lo voleva uccidere e a rifugiarsi sotto l'ala protettrice del duca di Sassonia, che semai fu lui l'omicida e quindi in quel momento non era libero delle sue azioni, i tempi erano quelli

    Ma vogliamo paragonare i milioni di morti a nome del cattolicesimo di fronte a questo periodo limitato nel tempo?

    Quanti furono i morti a nome del cattolicesimo e quanti quelli a nome del protestantesimo, e i massacri di protestanti perpetrati in quel periodo chi li ricorda?

  2. #12
    anti bufale
    Data Registrazione
    12 Jan 2011
    Messaggi
    43,645
     Likes dati
    52,065
     Like avuti
    26,958
    Mentioned
    152 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)

    Predefinito Re: 500 anni fa la riforma

    lutero fu un genio e un liberatore

  3. #13
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    29 Jul 2013
    Località
    Tegetthoffstraße
    Messaggi
    7,109
     Likes dati
    327
     Like avuti
    3,345
    Mentioned
    68 Post(s)
    Tagged
    57 Thread(s)

    Predefinito Re: 500 anni fa la riforma

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    Lutero fu costretto a nascondersi da chi lo voleva uccidere e a rifugiarsi sotto l'ala protettrice del duca di Sassonia, che semai fu lui l'omicida e quindi in quel momento non era libero delle sue azioni, i tempi erano quelli

    Ma vogliamo paragonare i milioni di morti a nome del cattolicesimo di fronte a questo periodo limitato nel tempo?

    Quanti furono i morti a nome del cattolicesimo e quanti quelli a nome del protestantesimo, e i massacri di protestanti perpetrati in quel periodo chi li ricorda?
    Le tesi eretiche di lutero aprono un secolo abbondante di guerre religiose in buona parte d'europa (spesso intrecciate a guerre civili) in cui cattolici massacrano protestanti, protestanti massacrano cattolici, protestanti massacrano altri protestanti e ovviamente di mezzo ci vanno anche gli ebrei, senza contare streghe e stregoni
    Peraltro i morti protestanti hanno migliore stampa, tutti conoscono il sacro macello e san bartolomeo, perché le stamperie olandesi dal seicento dominano l'europa libraria e i rivoluzionari francesi le usano nella campagna anticristiana ed ovviamente essendo propaganda ne ingigantiscono, mitizzandole, le dimensioni effettive
    Se vale il principio "i tempi erano quelli" tutti quei morti non dovrebbero sconvolgere, erano tempi ei violenza diffusa
    Garante del tessuto democratico del Paese

  4. #14
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    75,987
     Likes dati
    10,783
     Like avuti
    15,660
    Mentioned
    1280 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: 500 anni fa la riforma

    Citazione Originariamente Scritto da Berengario Visualizza Messaggio
    Le tesi eretiche di lutero aprono un secolo abbondante di guerre religiose in buona parte d'europa (spesso intrecciate a guerre civili) in cui cattolici massacrano protestanti, protestanti massacrano cattolici, protestanti massacrano altri protestanti e ovviamente di mezzo ci vanno anche gli ebrei, senza contare streghe e stregoni
    Peraltro i morti protestanti hanno migliore stampa, tutti conoscono il sacro macello e san bartolomeo, perché le stamperie olandesi dal seicento dominano l'europa libraria e i rivoluzionari francesi le usano nella campagna anticristiana ed ovviamente essendo propaganda ne ingigantiscono, mitizzandole, le dimensioni effettive
    Se vale il principio "i tempi erano quelli" tutti quei morti non dovrebbero sconvolgere, erano tempi ei violenza diffusa
    tesi eretiche secondo quale parametro scusa? papi bigotti che volevano mantenere la gente ignorante e sotto il loro controllo, senza dagli la possibilità di leggere loro stessi la Bibbia?

  5. #15
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    29 Jul 2013
    Località
    Tegetthoffstraße
    Messaggi
    7,109
     Likes dati
    327
     Like avuti
    3,345
    Mentioned
    68 Post(s)
    Tagged
    57 Thread(s)

    Predefinito Re: 500 anni fa la riforma

    Ecco la lettura privata della bibbia presso i protestanti è altamente mitizzata.
    In particolare dopo un iniziale entusiasmo per la lettura indiscriminata della scrittura c'è un generale richiamo all'ordine dopo le guerre contadine, che sono fomentate anche da letture eterodosse delle scritture, è lo stesso percorso che compie erasmo in ambito cattolico.
    lutero quando scrive i due catechismi li presenta come la bibbia dei laici, melantone da un ruolo centrale ai ministri del Vangelo che devono essere preparati a scuola secondo il volere divino, calvino usa la metafora del pane dalla crosta spessa che deve essere posto in bocca ai fedeli dopo attenta preparazione ...
    Addirittura in inghilterra il divieto di lettura per il popolo arriva 60 anni prima che a roma (in spagna e francia sono più rigorosi che a roma, ma lì di eretici ce ne sono di più).
    fanno eccezione gli anabattisti che ovviamente vengono perseguitati
    Il primo volgarizzamento italiano della bibbia a stampa è degli anni '70 del quattrocento e nel corso dei lavori del concilio di trento l'abitudine italiana alla lettura domestica della bibbia viene ricordata (a trento non si vietano le traduzioni volgari) ed elogiata. le maglie si restringono solo a fine secolo con il divieto nell'indice clementino.
    tra l'altro potevi facilmente ottenere una deroga su autorizzazione del vescovo, tramite mediazione del parroco, ed in generale il divieto viene applicato in modo fiacco e se avevi una copia in casa al massimo te la sequestravano
    più che da papi bigotti (tra parentesi meglio bigotti che un crapulone) le tesi di lutero sono stati condannati dai migliori teologi della cristianità
    Garante del tessuto democratico del Paese

  6. #16
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    75,987
     Likes dati
    10,783
     Like avuti
    15,660
    Mentioned
    1280 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: 500 anni fa la riforma

    la diatriba tra chi è piu' bello tra cattolici e protestanti per me è sterile

    Ci sono cattolici degni del massimo rispetto come ci sono altrettanti protestanti anche loro degni del massimo rispetto, credo meno nelle gerarchie religiose, anzi non ci credo affatto , ma nel prete in buona fede testimone di chiese sempre meno affollate

    Sita tra i protestanti che tra i cattolici ci vorrebbe un rilancio ma non quello del papa attuale

    I protestanti invece hanno una struttura molto locale: ogni parrocchia è a sè e agisce in ambito locale

    In un epoca di multimedia impossibile farsi conoscere

  7. #17
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,952
     Likes dati
    8,038
     Like avuti
    2,485
    Mentioned
    120 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: 500 anni fa la riforma

    ogni scisma non è da festeggiare, al massimo è da capire
    in realtà è un grossissimo danno che la cristianità è divisa, spero che si ritorni alla unità dell'Unica Chiesa come voluto da Cristo

    una divisione soprattutto se riguarda l'Unica fede è un cordoglio
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  8. #18
    Forumista
    Data Registrazione
    26 Jun 2016
    Messaggi
    118
     Likes dati
    0
     Like avuti
    38
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: 500 anni fa la riforma

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    la diatriba tra chi è piu' bello tra cattolici e protestanti per me è sterile
    E invece è proprio il punto focale, come in tutte le cose del resto: chi ha ragione e chi ha torto? Questa è la domanda che il pensiero umano pone ogni qualvolta c'è una questione da risolvere. Il fruttivendolo dice che questa mela è la migliore sul mercato, invece la guardia di finanza dice che è avvelenata. Che faccio? La mangio senza pensarci? Per non fare torto a nessuno, ne mangio metà (che è quello che fa la maggior parte della gente oggi)? Oppure indago su chi ha ragione?

    Il problema dell'uomo moderno è che non ha interesse per la verità, o se essa esista o meno. Si limita a raccogliere i fatti per amore dei fatti. Vive di comodi preconcetti invece che di dottrina come l'uomo antico. Qui si ragiona come gli atei, invece di chiedersi qual è la religione vera si discute su qual è la più tollerante. Per un ateo tutte le religioni sono false quindi digerisce più volentieri la religione che da meno noie, cioè la più tollerante. I massoni fanno lo stesso e la maggior parte delle persone contemporanee, che pur dicono di credere in una religione, idem. Ma non ha nessuna importanza, al fine di conoscere qual è la vera religione, sapere se e quanti ne ha ammazzati.

    Ma che, qualcuno di voi si mette a ragionare, per esempio, su mafia e polizia in questi termini: la mafia è cattiva perché usa le armi e ha ucciso 1.000 persone, però la polizia è più cattiva perché non solo usa le armi ma ha ucciso ben 2.000 persone, quindi entrambe non sono poi così buone come le loro propagande vorrebbero dare a bere ai più sprovveduti; invece, numeri alla mano, la mafia si è dimostrata meno violenta quindi, se proprio bisogna ingoiare il rospo, preferisco un vicino di casa mafioso ad un poliziotto.

    Facciamo un giochetto con alcuni post di questa discussione e di quest'altra https://forum.termometropolitico.it/...ei-pagani.html

    Post originali:

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    Lutero fu costretto a nascondersi da chi lo voleva uccidere e a rifugiarsi sotto l'ala protettrice del duca di Sassonia, che semai fu lui l'omicida e quindi in quel momento non era libero delle sue azioni, i tempi erano quelli

    Ma vogliamo paragonare i milioni di morti a nome del cattolicesimo di fronte a questo periodo limitato nel tempo?

    Quanti furono i morti a nome del cattolicesimo e quanti quelli a nome del protestantesimo, e i massacri di protestanti perpetrati in quel periodo chi li ricorda?
    Citazione Originariamente Scritto da Haxel Visualizza Messaggio
    Stark ha fatto un elenco dove gli imperatori, fino alla fine dell'impero stesso avevano non pochi collaboratori pagani
    sebbene ci fu il divieto del culto pagano, le violenze erano sporadiche e comunque il paganesimo continuò ad esistere fino al 6 secolo dc, l'accademia di Atene fu veramente un caso di tirannia in quanto in realtà la cultura pagana in particolare quella platonica era bene accetta ( vedesi Sant'Agostino) e la biblioteca di Alessandria venne distrutta in realtà dai musulmani, solo una parte venne distrutta, ma come danno indiretto perché dei libri stavano in un tempio pagano, ma tutto il resto venne tutelato.
    Ipazia venne uccisa quando il paganesimo ad Alessandria non era già più una minaccia e venne uccisa o per fanatismo di alcuni ( non è provato minimamente il mandato di Cirillo) o addirittura per ragioni politiche ( Ipazia appoggiava un esponente del cesaropapismo) .
    anche il cosidetto lager antipagano in realtà è una bufala dove erano rinchiusi persone accusate di magia e sedizione già utilizzata dai pagani
    Citazione Originariamente Scritto da Parsifal Corda Visualizza Messaggio
    ottima sintesi, aggiungo che c'era un Vescovo cristiano addirittura seguace di Ipazia.
    Citazione Originariamente Scritto da Haxel Visualizza Messaggio
    si infatti tra l'altro il film dedicato a Ipazia ( Agorà) è abbastanza fedele a livello storico, l'unica cosa è che enfatizza molto il fondementalismo che i cristiani avrebbero avuto all'epoca, che c'era, ma non proprio contro la cultura antica
    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    la diatriba tra chi è piu' bello tra cattolici e protestanti per me è sterile

    Ci sono cattolici degni del massimo rispetto come ci sono altrettanti protestanti anche loro degni del massimo rispetto, credo meno nelle gerarchie religiose, anzi non ci credo affatto

    Sita tra i protestanti che tra i cattolici ci vorrebbe un rilancio ma non quello del papa attuale
    Modifichiamo i protagonisti:

    Totò Riina fu costretto a nascondersi da chi lo voleva uccidere e a rifugiarsi sotto l'ala protettrice del sindaco di Palermo, che semmai fu lui l'omicida e quindi in quel momento non era libero delle sue azioni, i tempi erano quelli

    Ma vogliamo paragonare i milioni di morti a nome della polizia di fronte a questo periodo limitato nel tempo? (Logico)

    Quanti furono i morti a nome della polizia e quanti quelli a nome della mafia, e i massacri della mafia perpetrati in quel periodo chi li ricorda? (perdinci!)


    Stark ha fatto un elenco dove gli imperatori, fino alla fine dell'impero stesso avevano non pochi collaboratori mafiosi (accidenti) sebbene ci fu il divieto della mafia (davvero un peccato), le violenze erano sporadiche e comunque la mafia continuò ad esistere fino al 6 secolo dc (menomale) , il covo mafioso di Atene fu veramente un caso di tirannia in quanto in realtà la mafia in particolare quella pacifica era bene accetta ( vedesi Ciancimino) e il covo di Alessandria venne distrutto in realtà dai musulmani (allora qualcosa di buono l'hanno fatto pure loro), solo una parte venne distrutto, ma come danno indiretto perché dei libri stavano in un covo mafioso, ma tutto il resto venne tutelato (perbacco!) .
    Totò Riina venne ucciso quando la mafia ad Alessandria non era già più una minaccia e venne ucciso o per fanatismo di alcuni ( non è provato minimamente il mandato del procuratore) o addirittura per ragioni politiche ( Totò appoggiava un esponente del Pdd) .
    anche il cosidetto carcere duro in realtà è una bufala (sospiro di sollievo) dove erano rinchiuse persone accusate di magia e sedizione già utilizzata dai mafiosi


    ottima sintesi (davvero), aggiungo che c'era un Vescovo cristiano addirittura seguace di Totò(Scoop) .


    si infatti tra l'altro il film dedicato a Riina ( Il capo dei capi)) è abbastanza fedele a livello storico, l'unica cosa è che enfatizza molto il fondamentalismo che la polizia avrebbero avuto all'epoca, che c'era, ma non proprio contro la mafia (ma senti)


    la diatriba tra chi è piu' bello tra polizia e mafiosi per me è sterile (OK…)

    Ci sono poliziotti degni del massimo rispetto come ci sono altrettanti mafiosi anche loro degni del massimo rispetto, credo meno nel dipartimento di pubblica sicurezza, anzi non ci credo affatto

    Sia tra i poliziotti che tra i mafiosi ci vorrebbe un rilancio ma non quello attuale (più collaborazione?)


    Ora, dubito che qualcuno ragioni così e perché? Perché si crede che la polizia sia sinonimo di giustizia, sia il bene e non importa se il poliziotto che sventa la rapina o custodisce la banca ha nella fondina la pistola. E non ci importa un fico secco se la usa contro un rapinatore anche lui armato di pistola.

    Se vediamo un noto mafioso con un sorriso 48 denti, con in mano un mazzo di rose rosse, vestito di bianco, su di un cavallo bianco fuggiamo via, magari da un noto poliziotto vestito di nero con una pistola nera e lo sguardo nero.

    Tutto questo succede perché viviamo in una società che è letteralmente massonica per cui l'unica cosa obbligatoria e che deve essere accettata da tutti (con martellante propaganda) è questa:

    oggi peraltro si reputa più conveniente obbligarli soltanto a quella Religione nella quale tutti gli uomini convengono, lasciando ad essi le loro particolari opinioni; ossia, essere uomini buoni e sinceri o uomini di onore e di onestà, quali che siano le denominazioni o le persuasioni che li possono distinguere; per cui la Muratoria diviene il Centro di Unione, e il mezzo per conciliare sincera amicizia fra persone che sarebbero rimaste perpetuamente distanti.

    Antichi Doveri - Grande Oriente d'Italia - Sito Ufficiale

  9. #19
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    75,987
     Likes dati
    10,783
     Like avuti
    15,660
    Mentioned
    1280 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: 500 anni fa la riforma

    Citazione Originariamente Scritto da galvrian Visualizza Messaggio
    E invece è proprio il punto focale, come in tutte le cose del resto: chi ha ragione e chi ha torto? Questa è la domanda che il pensiero umano pone ogni qualvolta c'è una questione da risolvere. Il fruttivendolo dice che questa mela è la migliore sul mercato, invece la guardia di finanza dice che è avvelenata. Che faccio? La mangio senza pensarci? Per non fare torto a nessuno, ne mangio metà (che è quello che fa la maggior parte della gente oggi)? Oppure indago su chi ha ragione?

    Il problema dell'uomo moderno è che non ha interesse per la verità, o se essa esista o meno. Si limita a raccogliere i fatti per amore dei fatti. Vive di comodi preconcetti invece che di dottrina come l'uomo antico. Qui si ragiona come gli atei, invece di chiedersi qual è la religione vera si discute su qual è la più tollerante. Per un ateo tutte le religioni sono false quindi digerisce più volentieri la religione che da meno noie, cioè la più tollerante. I massoni fanno lo stesso e la maggior parte delle persone contemporanee, che pur dicono di credere in una religione, idem. Ma non ha nessuna importanza, al fine di conoscere qual è la vera religione, sapere se e quanti ne ha ammazzati.

    Ma che, qualcuno di voi si mette a ragionare, per esempio, su mafia e polizia in questi termini: la mafia è cattiva perché usa le armi e ha ucciso 1.000 persone, però la polizia è più cattiva perché non solo usa le armi ma ha ucciso ben 2.000 persone, quindi entrambe non sono poi così buone come le loro propagande vorrebbero dare a bere ai più sprovveduti; invece, numeri alla mano, la mafia si è dimostrata meno violenta quindi, se proprio bisogna ingoiare il rospo, preferisco un vicino di casa mafioso ad un poliziotto.

    Facciamo un giochetto con alcuni post di questa discussione e di quest'altra https://forum.termometropolitico.it/...ei-pagani.html

    Post originali:











    Modifichiamo i protagonisti:

    Totò Riina fu costretto a nascondersi da chi lo voleva uccidere e a rifugiarsi sotto l'ala protettrice del sindaco di Palermo, che semmai fu lui l'omicida e quindi in quel momento non era libero delle sue azioni, i tempi erano quelli

    Ma vogliamo paragonare i milioni di morti a nome della polizia di fronte a questo periodo limitato nel tempo? (Logico)

    Quanti furono i morti a nome della polizia e quanti quelli a nome della mafia, e i massacri della mafia perpetrati in quel periodo chi li ricorda? (perdinci!)


    Stark ha fatto un elenco dove gli imperatori, fino alla fine dell'impero stesso avevano non pochi collaboratori mafiosi (accidenti) sebbene ci fu il divieto della mafia (davvero un peccato), le violenze erano sporadiche e comunque la mafia continuò ad esistere fino al 6 secolo dc (menomale) , il covo mafioso di Atene fu veramente un caso di tirannia in quanto in realtà la mafia in particolare quella pacifica era bene accetta ( vedesi Ciancimino) e il covo di Alessandria venne distrutto in realtà dai musulmani (allora qualcosa di buono l'hanno fatto pure loro), solo una parte venne distrutto, ma come danno indiretto perché dei libri stavano in un covo mafioso, ma tutto il resto venne tutelato (perbacco!) .
    Totò Riina venne ucciso quando la mafia ad Alessandria non era già più una minaccia e venne ucciso o per fanatismo di alcuni ( non è provato minimamente il mandato del procuratore) o addirittura per ragioni politiche ( Totò appoggiava un esponente del Pdd) .
    anche il cosidetto carcere duro in realtà è una bufala (sospiro di sollievo) dove erano rinchiuse persone accusate di magia e sedizione già utilizzata dai mafiosi


    ottima sintesi (davvero), aggiungo che c'era un Vescovo cristiano addirittura seguace di Totò(Scoop) .


    si infatti tra l'altro il film dedicato a Riina ( Il capo dei capi)) è abbastanza fedele a livello storico, l'unica cosa è che enfatizza molto il fondamentalismo che la polizia avrebbero avuto all'epoca, che c'era, ma non proprio contro la mafia (ma senti)


    la diatriba tra chi è piu' bello tra polizia e mafiosi per me è sterile (OK…)

    Ci sono poliziotti degni del massimo rispetto come ci sono altrettanti mafiosi anche loro degni del massimo rispetto, credo meno nel dipartimento di pubblica sicurezza, anzi non ci credo affatto

    Sia tra i poliziotti che tra i mafiosi ci vorrebbe un rilancio ma non quello attuale (più collaborazione?)


    Ora, dubito che qualcuno ragioni così e perché? Perché si crede che la polizia sia sinonimo di giustizia, sia il bene e non importa se il poliziotto che sventa la rapina o custodisce la banca ha nella fondina la pistola. E non ci importa un fico secco se la usa contro un rapinatore anche lui armato di pistola.

    Se vediamo un noto mafioso con un sorriso 48 denti, con in mano un mazzo di rose rosse, vestito di bianco, su di un cavallo bianco fuggiamo via, magari da un noto poliziotto vestito di nero con una pistola nera e lo sguardo nero.

    Tutto questo succede perché viviamo in una società che è letteralmente massonica per cui l'unica cosa obbligatoria e che deve essere accettata da tutti (con martellante propaganda) è questa:

    oggi peraltro si reputa più conveniente obbligarli soltanto a quella Religione nella quale tutti gli uomini convengono, lasciando ad essi le loro particolari opinioni; ossia, essere uomini buoni e sinceri o uomini di onore e di onestà, quali che siano le denominazioni o le persuasioni che li possono distinguere; per cui la Muratoria diviene il Centro di Unione, e il mezzo per conciliare sincera amicizia fra persone che sarebbero rimaste perpetuamente distanti.

    Antichi Doveri - Grande Oriente d'Italia - Sito Ufficiale
    francamente non capisco dove vuoi arrivare con questi paagoni

  10. #20
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,952
     Likes dati
    8,038
     Like avuti
    2,485
    Mentioned
    120 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: 500 anni fa la riforma

    quello che voleva intendere credo che bisogna andare a cercare cosa è vero, senza scadere nel relativismo
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

 

 
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-09-16, 15:20
  2. Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 01-06-16, 14:28
  3. Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 05-09-15, 14:41
  4. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 06-01-15, 22:42
  5. Scusate, mi dite almeno una riforma fatta dal berlusconismo in 15 anni?
    Di TiziusMCMLXVI nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 64
    Ultimo Messaggio: 27-09-09, 14:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •