User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree1Likes
  • 1 Post By AlanGiulio

Discussione: Nozze gay, quella torta che divide l'America

  1. #1
    Moderato con i moderati
    Data Registrazione
    04 May 2005
    Località
    Bolzano/Bozen
    Messaggi
    39,437
    Mentioned
    107 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)

    Predefinito Nozze gay, quella torta che divide l'America

    Il pasticciere rifiutò di preparare il dolce nuziale per i fidanzati omosessuali. Ora la Corte suprema dovrà decidere su una vicenda che ha una forte valenza politica.

    "Let them eat cake", lasciate che mangino la torta. La rivendicazione riguarda una torta di nozze, che due fidanzati volevano ordinare per il loro matrimonio, ma che il pasticciere a cui si erano rivolti, ha rifiutato di preparare: "Non posso creare un dolce per un'unione gay". Così si sono sentiti rispondere Charlie Craig e David Mullins quando, organizzando il giorno del loro "sì, lo voglio" si sono rivolti a Jack Phillips, titolare del "Masterpiece cakeshop" di Denver. Adesso quella torta negata sta dividendo gli Stati Uniti e la Corte suprema dovrà pronunciarsi il prossimo 5 dicembre su una causa iniziata nel 2012.

    I ragazzi (che nel frattempo si sono sposati e hanno tagliato una torta a strati arcobaleno) erano entrati nella pasticceria della loro città il 19 luglio 2012, per ordinare quel wedding cake che avrebbe addolcito il loro giorno più bello, e invece si sono ritrovati a distanza di cinque anni davanti alla massima assise degli Stati Uniti, protagonisti di una vicenda che ha forti connotazioni politiche e che sta dividendo il Paese.

    "Quel giorno ci sedemmo a tavolino col proprietario di Masterpiece e lui ci chiese per chi fosse la torta. Quando dicemmo che era per noi due, ci disse che non avrebbe preparato una torta per un matrimonio omosessuale", ha raccontato il musicista e poeta Mullins al giornale Denver Westword. "Quello che seguì - ha continuato - fu un orribile silenzio denso di significato, e noi ci sentimmo mortificati e umiliati".

    "Immediatamente - è il suo racconto - ci alzammo e ce ne andammo e, lo dico con imbarazzo, ci dirigemmo verso il parcheggio e io scoppiai a piangere".

    Il pasticciere Jack Phillips, che in tutte le interviste tv appare cordiale e sereno, nonostante abbia nel frattempo affrontato numerosi gruppi di boicottaggio nati contro il suo negozio, sostiene di aver declinato la richiesta con educazione e ha giustificato la sua decisione con la sua profonda fede cristiana.



    La faccenda si sarebbe fermata lì, se non fosse stato per un post pubblicato su Facebook dai due sposi per sfogare la loro frustrazione. Proprio su quella bacheca, tra un commento e l'altro, gli amici fecero notare come una legge dello Stato vieti ogni forma di discriminazione nei locali pubblici.


    Da qui la decisione di affidare alla giustizia la vicenda. Dapprima hanno vinto nei tribunali del Colorado, ma la querelle è andata avanti per i diversi gradi di giudizio, fino ad arrivare alla massima assise federale. Il 5 dicembre è prevista l'udienza presso la Corte suprema degli States. "Presentando la denuncia, abbiamo realizzato che non stiamo combattendo solo per noi, ma per tutti coloro che subiscono discriminazione", sostiene il 37enne interior designer Craig.

    Il caso è tutt'altro che banale perché mette in contrapposizione due diritti fondamentali: quello della libertà religiosa e quello della non discriminazione sulla base dell'orientamento sessuale.

    Pan di spagna e crema al burro diventano allora ingredienti che i giudici dovranno mixare ai diversi valori della società americana. Inoltre, gli avvocati del pasticcere hanno anche deciso di appellarsi al primo emendamento, che stabilisce la libertà d'espressione. Per loro Philips è un artista che, rifiutando di fare la torta, ha esercitato la sua libertà di esprimere opinioni.

    In vista del "redde rationem" del 5 dicembre intanto, c'è stata una massiccia mobilitazione di legali e di gruppi di pressione cristiani, oltre che membri del congresso. A favore del pasticciere si è schierato anche il presidente Donald Trump.

    Sull'altro fronte si sono mossi i gruppi per i diritti civili. Il Center For American Progress ha avvertito che una decisione a favore del pasticciere "potrebbe far tornare indietro le lancette dell'orologio di 50 anni". Può un'azienda di pompe funebri rifiutare il corpo di una persona gay? Un fiorista rifiutare di fare bouquet per certe categorie di persone?

    Craig e Mullins hanno anche il sostegno della potente Aclu, l'American Civil Liberties Union. "Non è un caso su una torta", ha spiegato Louise Melling, tra i legali dell'Aclu. "Questa è una domanda sul fatto che la Costituzione possa o meno sancire il diritto di discriminare. La domanda è se una pasticceria posssa mettere in vetrina il cartello: torte di nozze solo per eterosessuali".

    FONTE

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    23 May 2017
    Messaggi
    485
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Nozze gay, quella torta che divide l'America

    Se la logica del "il negozio è mio e ci faccio quello che voglio" passa, proprietari di negozi capaci si tenere fuori dal mercato la concorrenza potranno usare la loro forza economica in senso politico, discriminando chi gli pare, non facendo accedere a servizi e prodotti chi non fa come dicono loro.

    Se il servizio richiesto rispetta la legge ed è conforme all'attività ordinaria del negoziante, non sta al proprietario decidere se una cosa è giusta o sbagliata e non è di certo giusto che chi ha un potere economico ne abusi in modo politico.

    Se al negoziante non sta bene come si comportano alcuni membri della comunità, non apra un negozio pubblico; molto semplice.
    Scipione likes this.

 

 

Discussioni Simili

  1. Quella torta da 300 miliardi che ha spaccato l'Europa
    Di Razionalista nel forum Politica Europea
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 23-02-16, 09:05
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 22-02-15, 11:36
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-10-06, 10:40
  4. L'Unità si lamenta:l'America illiberale ha detto no alle nozze gay
    Di Dragonball (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 83
    Ultimo Messaggio: 11-11-04, 23:58
  5. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 16-12-02, 19:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226