User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 Apr 2009
    Messaggi
    562
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Direzione spirituale ed esicasmo

    'Alcuni autori come Guènon, Valsan, Coomaraswamy, Pallis ecc., trattano il tema dell'iniziazione esicasta quale forma "esoterica"(utilizzo il termine nel senso etimologico che gli è proprio).
    Esistono ancora tali possibilità nel mondo ortodosso? Ci sono dei padri spirituali che possono trasmettere questo tipo d'iniziazione, beninteso, da maestro a discepolo appartenenti entrambi alla Chiesa Ortodossa?
    Mi piacerebbe conoscere di più su questo argomento. Preciso che non voglio assolutamente sconfinare nel campo dell'occultismo o simili. M'interessa la vera tradizione esicasta, quella regolare e ortodossa, secondo gli insegnamenti dei Padri e dei Santi come San Gregorio Palamas.
    In Cristo

    Ein Tirol

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    18 Apr 2010
    Località
    Pistoia fraz.San Felice
    Messaggi
    2,445
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Direzione spirituale ed esicasmo

    "Guènon, Valsan, Coomaraswamy, Pallis ecc., trattano il tema dell'iniziazione esicasta quale forma "esoterica"(utilizzo il termine nel senso etimologico che gli è proprio)." Essi non hanno alcuna competenza nè storica nè tantomeno teologica oper parlare del Cristianesimo in genere, nè dell'Ortodossia in specie.
    Il Cristianesimo è di per se una religione iniziatica. L'iniziazione è data - per tutti i credenti - nel rito articolato nella recezione del Santo Battesimo, della Cresimazione col Sacro Myron e con la recezione dei Santi Mysteri del Corpo e del Sanguue di Cristo nostro vero Dio. Non si dà - in assoluto - iniziazione più alta nè più divina. Affermarlo sarebbe una grave eresia contro Cristo e la Rivelazione.
    All'interno di questa unica iniziazine divina ci possono essere "iniziaszioni particolari, a servizio ed in fynzione della prma, ed esse sono due: Gli Ordini Sacri e gli Ordini Monastici"
    Tutto ciò che vi è di più, non essendo compreso nella Rivelazione che la Chiesa ha ricevuto da Dio, viene dal Maligno.

  3. #3
    .
    Data Registrazione
    13 Apr 2009
    Messaggi
    7,906
    Mentioned
    36 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Direzione spirituale ed esicasmo

    Citazione Originariamente Scritto da vescovosilvano Visualizza Messaggio
    "Guènon, Valsan, Coomaraswamy, Pallis ecc., trattano il tema dell'iniziazione esicasta quale forma "esoterica"(utilizzo il termine nel senso etimologico che gli è proprio)." Essi non hanno alcuna competenza nè storica nè tantomeno teologica oper parlare del Cristianesimo in genere, nè dell'Ortodossia in specie.
    Il Cristianesimo è di per se una religione iniziatica. L'iniziazione è data - per tutti i credenti - nel rito articolato nella recezione del Santo Battesimo, della Cresimazione col Sacro Myron e con la recezione dei Santi Mysteri del Corpo e del Sanguue di Cristo nostro vero Dio. Non si dà - in assoluto - iniziazione più alta nè più divina. Affermarlo sarebbe una grave eresia contro Cristo e la Rivelazione.
    All'interno di questa unica iniziazine divina ci possono essere "iniziaszioni particolari, a servizio ed in fynzione della prma, ed esse sono due: Gli Ordini Sacri e gli Ordini Monastici"
    Tutto ciò che vi è di più, non essendo compreso nella Rivelazione che la Chiesa ha ricevuto da Dio, viene dal Maligno.
    Se non comprendo male, Lei confuta la prospettiva guenoniana sostenendo che l'esicasmo non è affatto un "esoterismo".

    Posso chiederLe cosa pensa delle seguenti affermazioni del Guenon (tratte dalla sua opera "L'esoterismo cristiano"):

    "Nell'esicasmo l'iniziazione propriamente detta è essenzialmente costituita dalla trasmissione regolare di certe formule, esattamente confrontabili con la comunicazione dei mantra nella tradizione indù e con quella del wird nelle turuq islamiche; esiste tutta una "tecnica" dell'invocazione quale mezzo proprio del lavoro interiore, mezzo ben distinto dai riti cristiani exoterici, anche se tale lavoro può nondimeno trovare un altro punto d'appoggio in questi ultimi come abbiamo spiegato, dal momento in cui, con le formule richieste, l'influenza alla quale esse servono da veicolo sia stata trasmessa in modo valevole, ciò che implica naturalmente l'esistenza di una catena iniziatica ininterrotta, giacché non si può evidentemente trasmettere se non quel che si è Ricevuto."

    "C'è da osservare come fra i moderni interpreti dell'esicasmo, molti si sforzino di "minimizzare" l'importanza del suo aspetto propriamente "tecnico", vuoi perché questo corrisponde realmente alle loro tendenze, vuoi perché pensano di distogliere così dall'esicasmo certe critiche che provengono da un disconoscimento completo delle cose iniziatiche; è questo, in ogni caso, un esempio delle diminuzioni di cui dicevamo poc'anzi. "
    Ultima modifica di donerdarko; 17-08-10 alle 12:57

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    18 Apr 2010
    Località
    Pistoia fraz.San Felice
    Messaggi
    2,445
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Direzione spirituale ed esicasmo

    Secondo il punto di vista su cui ci si colloca il cristianesimo o è tutto esoterico o è tutto exoterico.
    Dal mio punto di vista dal momento che si diviene cristiani attraverso una iniziazione è preferibile la prima formula.
    Ma non si può, pena dire un insieme di sciocchezze, che esiste un cristianesimo esoterico ed uno exoterico. Questa distinzione Guenoniana è inapplicabile. D'altra parte basta leggere con attenzione le opere del citato scrittore per rendersi conto che del cristianesimo e - meglio - di Cristo e del suo messaggio, non ha capito assolutamente nulla, sbagliando, di conseguenza prospettiva.
    Non ti curar di lor ma guarda e passa.

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    18 Apr 2010
    Località
    Pistoia fraz.San Felice
    Messaggi
    2,445
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Direzione spirituale ed esicasmo

    Dimenticavo: tutta la Tradizione della Chiesa è trasmessa perchè è stata ricevuta. Il Garante e l'iniziatore di e a questa Tradizione è il Vescono: "Iniziatore di ogni iniziazione" come è definito nel Corpus Areopagiticum.

    Cioò che è inammissibile è che "nel" cristianesimo ci siano "Tradizioni" segrete e misteriose, quelle che picevano tanto a Guenon. Qualunque cristiano ortodosso può rivevere la Preghiera Esicasta dal suo Anziano, una volta che sia sufficentemente maturo spiritualmente e creda fermamente nella Rivelazione e nella Tradizione della Chiesa.
    Se cerca "correnti segrete" ha sbagliato strada,
    Si può discutere se, nel nostro mondo secolarizzato è ancora opportuno iniziare ai Mysteri i bambini, ma non si può discutere sul fatto che possano esistere iniziazioni all'interno della iniziazione, se non quella degli Ordini Sacri e quella del Monachesimo.

  6. #6
    .
    Data Registrazione
    13 Apr 2009
    Messaggi
    7,906
    Mentioned
    36 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Direzione spirituale ed esicasmo

    Ringrazio cortesemente, le risposte sono molto chiare

  7. #7
    Becero Reazionario
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Königreich beider Sizilien
    Messaggi
    18,031
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Direzione spirituale ed esicasmo

    nel caso si possono leggere i "Racconti di un Pellegrino Russo".

    cmq ovviamente concordo col vescovo Silvano nel dire che non si tratta di un esoterismo nel senso gnostico del termine, ma di una pratica che chiunque può compiere.

    ricordo sempre la descrizione che Solov'ev fa dell'anticristo e della sua superbia che lo porta a rifiutare l'ipotesi di poter recitare "Signore Gesù Cristo abbi pietà di me" come "una qualsiasi stupida donnicciola polacca"...

    il "segreto" del cristianesimo è l'umiltà, dunque tutto il contrario di certi c.d. esoterismi...

    se c'è un "esoterismo" cristiano, esso non è "gnostico" ma è "pragmatico": và, vendi tutti i tuoi beni, dà il ricavato ai poveri e seguimi... non c'è nessuna sapienza occulta che debba essere manifestata, ma solo la necessità (difficile) di fare ciò che Gesù ci ha detto e che sappiamo molto bene...

  8. #8
    .
    Data Registrazione
    13 Apr 2009
    Messaggi
    7,906
    Mentioned
    36 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Direzione spirituale ed esicasmo

    Citazione Originariamente Scritto da codino Visualizza Messaggio
    nel caso si possono leggere i "Racconti di un Pellegrino Russo".

    cmq ovviamente concordo col vescovo Silvano nel dire che non si tratta di un esoterismo nel senso gnostico del termine, ma di una pratica che chiunque può compiere.

    ricordo sempre la descrizione che Solov'ev fa dell'anticristo e della sua superbia che lo porta a rifiutare l'ipotesi di poter recitare "Signore Gesù Cristo abbi pietà di me" come "una qualsiasi stupida donnicciola polacca"...

    il "segreto" del cristianesimo è l'umiltà, dunque tutto il contrario di certi c.d. esoterismi...

    se c'è un "esoterismo" cristiano, esso non è "gnostico" ma è "pragmatico": và, vendi tutti i tuoi beni, dà il ricavato ai poveri e seguimi... non c'è nessuna sapienza occulta che debba essere manifestata, ma solo la necessità (difficile) di fare ciò che Gesù ci ha detto e che sappiamo molto bene...

    Il Guenon rispondeva alle vostre obiezioni nella seguente maniera;

    Premesso che:

    "[...] dobbiamo confessare che non abbiamo mai provato alcuna inclinazione a trattare in modo particolare questo argomento, e ciò per svariati motivi, primo fra tutti l’oscurità pressoché impenetrabile che avvolge tutto quanto concerne le origini ed i primi anni del Cristianesimo, oscurità che, a ben riflettere, sembra non possa essere semplicemente considerata come accidentale, ma piuttosto come espressamente voluta; tale considerazione, del resto, è da collegare con quanto diremo in seguito."

    lo stesso autore scrive ne "L'esoterismo cristiano":

    "Veniamo adesso all’obiezione che ci è stata sollevata ed alla quale alludevamo prima: dal momento che i riti cristiani, ed in particolare i sacramenti, ebbero un carattere iniziatico, com’è possibile che lo abbiano potuto perdere per diventare dei semplici riti exoterici? Ci è stato detto che ciò è impossibile ed anche contraddittorio, poiché il carattere iniziatico è permanente ed immutabile e non potrebbe mai essere cancellato, per cui è possibile ammettere solamente che, a causa delle circostanze e dell’ammissione di un grande maggioranza di individui non qualificati, ciò che originariamente era una iniziazione effettiva finì col limitarsi ad avere solo il valore di una iniziazione virtuale. In tutto ciò vi è un errore che ci sembra abbastanza evidente: l’iniziazione, così come abbiamo spiegato a più riprese, conferisce effettivamente, a coloro che la ricevono, un carattere acquisito una volta per tutte e che è veramente incancellabile, ma questa nozione della permanenza del carattere iniziatico si applica agli esseri umani che lo possiedono e non ai riti o all’azione dell’influenza spirituale a cui questi ultimi sono destinati a servire da veicolo; è assolutamente ingiustificato il volerla trasporre da un caso all’altro, cosa che equivarrebbe in realtà ad attribuirle un significato del tutto diverso, e noi siamo certi di non aver mai detto nulla che possa aver dato luogo ad una simile confusione.
    A sostegno di questa obiezione, si fa valere il fatto che l’azione esercitantesi a mezzo dei sacramenti cristiani è riferita allo Spirito Santo, cosa che è perfettamente esatta, ma del tutto fuori questione. Per altro, è ugualmente vero che l’influenza spirituale, sia essa designata in questo modo, in conformità col linguaggio cristiano, o in qualunque altro, a seconda della terminologia propria di tale o tal’altra tradizione, è per sua natura essenzialmente trascendente e sopraindividuale, poiché se così non fosse non è tanto di un’influenza spirituale che si tratterebbe, quanto di una semplice influenza psichica. Ma, fermo restando tutto ciò, cos’è che potrebbe impedire che la medesima influenza, o un’altra della stessa natura, agisca secondo modalità differenti ed in domini pur essi differenti?
    Ed inoltre, dal momento che questa influenza è di ordine trascendente, anche i suoi effetti devono esserlo necessariamente in ogni circostanza [Facciamo incidentalmente notare che questo comporterebbe, di conseguenza. la interdizione alle influenze spirituali della produzione di effetti che riguardano il semplice ordine corporale, come, per esempio, le guarigioni miracolose]? Non si capisce affatto perché dovrebbe essere così, ed anzi noi siamo certi del contrario; in effetti, abbiamo sempre avuto la massima cura nell’indicare che un’influenza spirituale interviene nei riti exoterici così come nei riti iniziatici, ma è ovvio che gli effetti da essa prodotti non potrebbero essere minimamente dello stesso ordine in entrambi i casi, pena l’annullamento della distinzione stessa fra i due domini [Se l’azione dello Spirito Santo si esercita solo nel dominio esoterico, poiché esso è il solo veramente trascendente, chiediamo ai nostri contraddittori, che sono cattolici, cosa bisogna allora pensare della dottrina secondo la quale Egli interviene nella formulazione dei dogmi, i più manifestamente exoterici]. Non comprendiamo inoltre perché sarebbe inammissibile che l’influenza che opera per mezzo dei sacramenti cristiani, dopo aver agito in un primo tempo nell’ordine iniziatico, abbia poi, in presenza di circostanze diverse e per le ragioni da esse derivanti, fatto intervenire la sua azione nel semplice dominio religioso ed exoterico, di modo che, da allora, i suoi effetti si siano limitati ad alcune possibilità di ordine esclusivamente individuale e aventi come fine la «salvezza»; e tutto ciò pur conservando, in quanto alle apparenze esterne, gli stessi supporti rituali, dal momento che questi erano di istituzione cristica e che quindi senza di essi non si sarebbe potuto trattare di una tradizione propriamente cristiana.
    In realtà è questo che si è verificato e, di conseguenza, allo stato attuale delle cose ed anche a partire da una certa epoca ben più lontana, non è più possibile considerare, in maniera alcuna, i riti cristiani come dei riti a carattere iniziatico; e su questo punto pensiamo che sia necessario insistere con maggiore precisione. Dobbiamo però far notare che, in realtà, è presente una certa improprietà di linguaggio allorché si dice che essi abbiano «perduto» questo carattere, come se questo fatto fosse avvenuto in maniera puramente accidentale. In verità, noi pensiamo che, al contrario, si sia trattato di un adattamento, il quale, malgrado le spiacevoli conseguenze venutesi a determinare inevitabilmente sotto certi aspetti, fu pienamente giustificato ed anche necessario, date le circostanze di tempo e di luogo."
    Ultima modifica di donerdarko; 20-08-10 alle 13:21

  9. #9
    da ortodosso per Paolo VI
    Data Registrazione
    04 Aug 2009
    Località
    palermo parrocchia san Marco d'Efeso
    Messaggi
    614
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Direzione spirituale ed esicasmo

    Una domanda al Vescovo Silvano

    concordo pienamente e nel tutto e nel particolare delle articolazioni date in risposta.
    E mi preme sottolineare quanto Silvano in ultimo scrive

    "non si può discutere sul fatto che possano esistere iniziazioni all'interno della iniziazione, se non quella degli Ordini Sacri e quella del Monachesimo"

    per chiedergli

    l'evento misterico del matrimonio non può essere esso stesso e in pienezza letto e vissuto come iniziazione all'interno dell'iniziazione?

    Un caro saluto nel Signore e nella speranza della piena comunione

    Padre Giovanni Festa
    vado verso i 60 cinico disincantato perfido e quindi cristiano ed ovviamente ortodosso a Palermo sperare nell'unità dei cristiani e sconfiggere l'ecumenismo
    Cercamo d'esse preti, io solo questo ve chiedo: d'esse preti, che nun ce perdemo niente".

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    18 Apr 2010
    Località
    Pistoia fraz.San Felice
    Messaggi
    2,445
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Direzione spirituale ed esicasmo

    Caro padre Giovanni,
    non ho alcuna difficoltà a mettere il Matrimonio come un rito tendente ad "iniziare" il cristiano alla vita "sponsale" cristiana.
    Così avremmo un "Ordo" degli Sposati. Non lo ho fatto esclusivamente perchè, mentre la Scrittura e la Tradizione hanno sempre insegnato che le Nozze sono un "magnum Mysterium", per dirla con san Paolo, non ho memoria che mai si sia parlato di un Ordo specifico degli Sposati nel contesto della Comunità Ecclesiale. Si parla degli "Ordines Sacri" per indicare le iniziazioni clericali", di un "Ordo monachorum", di un "Ordo Virginum", di un "Ordo Viduarum", ma non mi viene in mente nemmeno un nome per l'Ordo delle persone sposate. Forse è meglio dire che non sminuisce gli sposi Cristiani che essi restano nell'Ordo Fidelium ma con uno specifico carisma conferito loro della loro vocazione squisitamente "laica" seppure così altamente consacrata.

    Anche perchè tutti gli altri Ordines sono all'interno del tessuto dell'"Ordo Fidelium", altrimenti daremmo ragione a Genon e compagnia e verrebbe fuori un tessuto dei Fedeli che non ha più quasi nessuno che appartenga ad esso esclusivamente e ribadisca così che la Iniziazione Cristiana resta l'unica e le altre non ne sono che specificazioni ed articolazioni "funzionali" alla Chiesa. Nell'Italia Meridionale Ortodossa vigeva un uso che a Lungro si è conservato fino all'inizio del 900 (era un bel po' che non erano più ortodossi ) : il Chierico si presentava al Matrimonio con l'anderil e sopra a questo il Felonio (che in antico era comune a tutti i gradi dell'ordine eccetto Diaconi e suddiaconi), mentre il laico si presentava cingendo la spada come "Difensore della Cristianità".

    Comunque se si vuol parlare di un "Ordine degli Sposati" io non ho nulla in contrario, solo che lo vedo scisso dalla Tradizione della Chiesa.
    +Silvano

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Esicasmo e yoga
    Di RAYO nel forum Filosofie e Religioni d'Oriente
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 21-09-12, 00:04
  2. LA TEOLOGIA DELL’ESICASMO: GREGORIO PALAMAS
    Di AgnusDei nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-03-10, 17:56
  3. L'Esicasmo
    Di Tomás de Torquemada nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 30-10-09, 19:12
  4. Esicasmo e sufismo.
    Di Eymerich (POL) nel forum Filosofie e Religioni d'Oriente
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 06-12-06, 01:02
  5. L'Unità, cambia direzione o cambia la direzione?
    Di benfy nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 104
    Ultimo Messaggio: 02-03-04, 22:17

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226