User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Sep 2013
    Messaggi
    51,416
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    699 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito Roma. Raggi punta a far tornare pubblica ACEA e la gestione dell'acqua

    L'ambiente è la prima stella del MoVimento. Ed è per questo che il Comune di Roma si accinge a far tornare pubblica l'acqua della Capitale. Il costo dell'operazione potrebbe essere di 400 milioni di euro. Ma nessuna paura: per ora è stato solo aperto un "tavolo tecnico"
    GIOVANNI DROGO martedì 05 dicembre 2017 14:17
    244
    FacebookTwitterGoogle
    «Il percorso per l’Acqua Pubblica inizia e sono certa che avvereremo il sogno» così su Facebook la deputata del MoVimento 5 Stelel Federica Daga parlando della “rivoluzione gentile” della sindaca di Roma Virginia Raggi. A Roma infatti l’Amministrazione comunale ha intenzione di avviare le procedure per far tornare l’acqua della Capitale nuovamente pubblica. Una decisione storica della quale viene data notizia sul Blog di Grillo. Il tutto mentre il Comune continua ad avere un problema con il forum per l’Acqua pubblica della Capitale, da mesi sotto sfratto.

    Il Comune indebitato pronto a spendere 400 milioni per comprare una cosa che è già sua
    L’acqua è un bene prezioso, e l’ambiente è la prima delle cinque stelle del MoVimento. Ed è per questo che «a distanza di 17 anni dalla privatizzazione del gestore idrico della Capitale, su proposta di Roma Capitale, col voto unanime della Conferenza dei Sindaci, è stata approvata l’apertura di un tavolo tecnico di studio per la ripubblicizzazione, luogo fondamentale per verificare tempi e costi per la trasformazione del gestore idrico locale in azienda speciale di diritto pubblico». Al momento quindi nessuna decisione è stata presa. Il clamoroso risultato per ora è l’apertura di un tavolo (l’ennesimo..) per valutare i tempi e soprattutto i costi di un ritorno dell’acqua pubblica a Roma.virginia raggi roma acqua pubblica - 1

    Perché oggi il gestore idrico è Acea una multiutility quotata in borsa che è controllata al 51% da Roma Capitale. Questo significa che la maggioranza di Acea è già pubblica. Le altre quote sono così suddivise: 23,3% di Suez, , 5% è del gruppo Caltagirone, l’1,6% di Norges Bank e il 19,1% è suddiviso tra i piccoli azionisti. Di fatto quindi la maggioranza di Acea (che non si occupa solo di forniture idriche) è già di proprietà del Comune di Roma. La distribuzione dell’acqua è in capo alla società Acea Ato 2 che a sua volta è per il 96% di proprietà di Acea.

    Il MoVimento 5 Stelle non vuole acquisire completamente Acea ma solo Acea Ato 2 creando un’azienda pubblica e acquistando le quote in mano dei privati. Questo significa una spesa da parte del Comune che secondo alcuni oscilla tra i 275 e i 400 milioni di euro. Il che per un comune indebitato fino al collo come quello di Roma è una spesa significativa.

    Non è chiaro in che modo il Comune otterrà il controllo di Acea Ato 2
    C’è poi un ulteriore problema, dovuto proprio agli assetti societari di Acea. Perché per deliberare lo scorporo di Acea Ato 2 dovrà essere il consiglio di amministrazione della multiutility con voto a maggioranza qualificata. Questo significa che il 51% di azioni detenuto da Roma Capitale non sarà sufficiente ma che servirà il voto – determinante – degli altri azionisti. La volontà politica c’è, ed è dichiarata, ma in queste situazioni non basta. Senza contare che la questione del tradimento del referendum del 2011 è falsa.

    virginia raggi roma acqua pubblica acea - 3

    Anche perché il comparto idrico rappresenta una buona fetta dei ricavi del gruppo (ricavi dei quali il Comune riceve una parte importante). Infine non è chiaro in che modo le intenzioni della Raggi possano essere ricomprese nel piano dell’Ad Stefano Donnarumma che pochi giorni fa ha parlato di 3 miliardi di investimenti in cinque anni per il potenziamento delle infrastrutture. Investimenti che dovrebbero far crescere il valore societario.

    https://www.nextquotidiano.it/acea-g...a-lacqua-roma/
    Le plus grand soin d’un bon gouvernement devrait être d’habituer peu à peu les peuples à se passer de lui.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Jan 2013
    Messaggi
    22,386
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: ACEA e il geniale piano della Raggi per far tornare pubblica l’acqua a Roma

    l'acqua DEVE essere pubblica
    come tante altre cose come le infrastutture telefonia e dati che i "vostro" ha svenduto ai soliti noti
    Il saggio sa di essere stupido,è lo stupido invece che crede di essere saggio
    Per ricordare:"Non è consentito utilizzare un linguaggio inappropriato al comune vivere civile"
    D.Bonhoeffer http://www.gliscritti.it/preg_lett/a.../stupidita.htm

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Sep 2013
    Messaggi
    51,416
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    699 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito Roma. Raggi punta a far tornare pubblica ACEA e la gestione dell'acqua

    È bastato un semestre, al nuovo cda di Acea, per trasformare la multiutility di Piazzale Ostiense nel fortino del M5S. Dove - in barba alla policy aziendale che impone di procedere a nuove assunzioni mediante comparazione dei curricula o selezione affidata a specialisti esterni - è appena sbarcato un gruppo di manager di provata fede e sicura obbedienza, capace di tenere la bocca cucita sui dossier più delicati e incutere perfino terrore sulla truppa, laddove occorre.

    Campione di specialità, il neo-capo della Comunicazione Massimiliano Paolucci, che è riuscito ad acquisire anche le Relazioni Istituzionali, costringendo in un angolo i due ex responsabili (Maurizio Sandri e Giuseppe Argirò) e ottenendo l'allontanamento di ben 12 addetti stampa, che sono stati messi a disposizione del Personale: prendono cioè lo stipendio, ma senza lavorare. Al loro posto Paolucci - si dice sponsorizzato dall'ex potentissimo Fabrizio Palenzona - ha fatto arrivare cinque persone, alcune delle quali hanno avuto la fortuna di lavorare con lui: chi in Telecom, chi a Condotte.

    Tutti pressoché assunti per chiamata diretta: alla faccia dei principi di merito e trasparenza sempre sbandierati dai 5S. E non solo loro, in realtà. Basta guardare l'organigramma Acea per accorgersi di quanto il turnover di questi mesi abbia ormai travalicato il fisiologico spoil system, stravolgendo - a furia di epurazioni e retrocessioni - l'intera prima linea della società.

    Se difatti era tutto sommato naturale, per il nuovo ad Stefano Donnarumma, disfarsi del predecessore Alberto Irace, liquidato con lauta buonuscita per lasciare il ruolo da direttore generale, non altrettanto può dirsi ad esempio per il Cfo - ovvero il direttore Amministrazione, Finanza e Controllo - costretto a fare le valigie a settembre, dopo appena un anno e 9 mesi di permanenza (sostituito da Giuseppe Gola). Una defenestrazione costata all'azienda parecchie centinaia di migliaia di euro. Le stesse sborsate per accompagnare alla porta altri tre super manager: il capo delle Risorse umane Paolo Zangrillo (al suo posto Pierluigi Palmegiani); il capo del Servizio informatico Marco Poggi ( a cui è subentrato Massimiliano Garri); da ultimo pure il responsabile delle Relazioni Industriali Fulvio Bufano.

    Ancora più lunga la lista dei dirigenti promossi dall'ex ad Irace e retrocessi dall'attuale. Tiziana Buonfiglio, dalla gestione del Personale della capogruppo è stata
    spedita in Umbra Acque; Silvia Frachey, capo della " rivoluzione digitale", è scivolata nello staff di Giovanni Papaleo, responsabile delle Infrastrutture Energetiche; Paolo Carta, ex capo del Regolatorio, è stato mandato in Utilitalia; Lorenzo Bianchi, già capo di Logistica e Acquisti, è finito alle dipendenze di Del Villano; Emanuela Cartoni, da ad di Publiacqua è rientrata nello staff dell'ad. Tutti ridimensionati. A favore dei fedelissimi.
    Le plus grand soin d’un bon gouvernement devrait être d’habituer peu à peu les peuples à se passer de lui.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 08-12-17, 13:25
  2. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 30-07-17, 05:52
  3. Virginia Raggi avvelena i pozzi dell'acqua di Roma
    Di trash nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 97
    Ultimo Messaggio: 26-03-16, 08:59
  4. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 24-03-16, 21:38
  5. La gestione fallimentare dell'acqua pubblica
    Di Python nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 39
    Ultimo Messaggio: 29-04-12, 19:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226