User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    20 May 2009
    Messaggi
    36,552
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    114 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Passaporto Austriaco ai cittadini dell'Alto Adige .

    Il nazionalismo Pangermanico soffia alle porte di Silandro, concedere la cittadinanza Austriaca a cittadini italiani, vuole dire un'annessione mascherata, e un atto di guerra..., e il pd che fa... si assicura due collegi a maggioranza svp per fare eleggere al Boschi e Del Rio...


    Austria, il Fpoe insiste: "Doppio passaporto a italiani altoatesini dal 2018" - Repubblica.it




    Austria, il Fpoe insiste: "Doppio passaporto a italiani altoatesini dal 2018"Austria, il Fpoe insiste: "Doppio passaporto a italiani altoatesini dal 2018"
    A sinistra, il cancelliere socialista uscente Christian Kern e, a destra, il suo successore Sebastian Kurz, che è insediato ufficialmente (reuters)
    L'annuncio di Werner Neubaur, responsabile per i rapporti con l'Alto Adige del partito di ultradestra austriaco al governo. E gli atleti sudtirolesi potranno gareggiare per Vienna. Florian Planker, atleta paralimpico bolzanino: "I confini vanno bene così". A Vienna il nuovo esecutivo si insedia tra le proteste

    Invia per email
    Stampa
    18 dicembre 2017
    Articoli Correlati
    Austria, cittadinanza ai sudtirolesi: prima polemica del governo di centrodestra con l'Europa
    Austria, cittadinanza ai sudtirolesi: prima polemica del governo di centrodestra con l'Europa

    Il governatore altoatesino: "Vienna va a destra? Non è un pericolo per noi"
    "I sudtirolesi potranno richiedere la cittadinanza austriaca già nel 2018, al più tardi all'inizio del 2019". Lo ha annunciato a Bolzano il parlamentare austriaco Werner Neubaur, responsabile della Fpoe (il partito populista di ultradestra austriaco andato al governo col suo leader Strache) per i rapporti con l'Alto Adige. La richiesta, ha detto, potrà essere avanzata da chi si è dichiarato tedesco e dai suoi figli e sarà gratis "per non gravare sulle tasche delle famiglie". Secondo Neubauer, in futuro atleti altoatesini potranno gareggiare per la nazionale austriaca.

    Rep: Il governatore altoatesino: "Vienna va a destra? Non è un pericolo per noi"

    Con l'avvento del governo Kurz-Strache a Vienna è tornata così in auge un'antica questione che riemerge ciclicamente, quella di concedere ai cittadini italiani altoatesini appartenenti al gruppo linguistico tedesco anche la cittadinanza austriaca, così come annunciata ieri e già criticata da governo italiano e Ue

    L'ultimo fronte italiano si è aperto nel giorno in cui la nuova coalizione austriaca formata da conservatori ed estrema destra prestava giuramento nel palazzo presidenziale nel centro di Vienna. All'esterno, circa 6mila manifestanti si sono radunati per protestare contro il nuovo governo dopo dieci anni di un coalizione centrista con socialdemocratici e conservatori.

    Un ristretto gruppo di dimostranti ha esploso petardi e lanciato pomodori e uova contro la polizia antisommossa, e due persone sono state fermate, ma nell'insieme la manifestazione si è svolta senza troppi problemi. Tra gli striscioni esposti, alcuni avevano toni pesanti: "Non vogliamo maiali nazisti", "Non lasceremo che governino i nazisti", tutti in segno di forte dissenso contro la partecipazione al governo del partito nazionalista di estrema destra. E in piazza temovo la deriva autoritaria.
    Austria, il Fpoe insiste: "Doppio passaporto a italiani altoatesini dal 2018"
    Condividi
    Il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, in un messaggio d'augurio al nuovo governo, da una parte ha preferito adottare un tono rassicurante: "Sono sicuro che l'Austria continuerà a seguire una politica in grado di unire anzichè dividere, sostenendo anche la collaborazione transfrontaliera che sta dando buoni frutti in tanti settori..." ribadendo "i grandi passi avanti compiuti di recente, come testimoniato dallo scambio di note fra gli allora premier Renzi e Faymann in occasione del patto di garanzia che nel 2014 ha stabilito gli impegni finanziari dell'autonomia locale nei confronti dello Stato nazionale", e si dice "sicuro che anche il nuovo cancelliere si muoverà lungo gli stessi binari". Dall'altra però non chiude nessuna porta: "La funzione di tutela dell'Austria è uno dei pilastri fondamentali che garantiscono l'autonomia dell'Alto Adige e che la caratterizzano rispetto a tutte le altre in virtù dell'ancoraggio internazionale previsto dall'accordo di Parigi. Mi auguro di poter incontrare a breve il nuovo cancelliere Sebastian Kurz, a Bolzano o a Vienna".

    A fine novembre aveva fatto discutere la lettera-appello di diciannove consiglieri della Provincia autonoma di Bolzano inviata all'allora cancelliere austriaco in pectore Kurz e a Strache che chiedeva che la concessione della doppia cittadinanza ai sudtirolesi fosse inserita nel programma di coalizione del nuovo governo di Vienna.

    La richiesta era stata firmata da rappresentanti di Svp, Suedtiroler Freiheit, Freiheitlichen, Buergenunion, Team Autonomia, e anche consiglieri M5S e ma da nessun membro della giunta provinciale. Si affermava, tra l'altro, che i sudtirolesi avevano perso la cittadinanza austriaca "contro la loro volontà con l'annessione dell'Alto Adige all'Italia" e che la concessione della doppia cittadinanza sarebbe un "gesto riparatore" a favore del "senso d'identità" dei sudtirolesi.

    Florian Planker, atleta paralimpico bolzanino, prende le distanze e minimizza: "Vecchia problematica che sinceramente non mi interessa. I confini vanno bene così".
    » Novella Maioriani 8, De reddito iure armorum, sul diritto a portare le armi

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    20 May 2009
    Messaggi
    36,552
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    114 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Passaporto Austriaco ai cittadini dell'Alto Adige Sud Tirol.

    Austria e Italia litigano per il passaporto austriaco ai sudtirolesi - Lettera43.it



    17 dicembre 2017
    Austria e Italia litigano per il passaporto austriaco ai sudtirolesi
    Il nuovo governo di Sebastian Kurz, alleato con l'ultradestra, ha lanciato la proposta di concedere il passaporto agli italiani di lingua tedesca. Ma Palazzo Chigi attacca: «La cittadinanza su base etnica è un fatto grave».


    CORRELATI
    Austria, la destra populista nei ministeri chiave
    Austria, trovata l'intesa per il nuovo governo
    Non è affatto piaciuta in Italia l'idea del nuovo governo austriaco di Sebastian Kurz, alleato con l'ultradestra di Heinz-Christian Strache, di concedere il passaporto austriaco agli italiani di lingua tedesca o ladina, cioè ai sudtirolesi che vivono in Trentino Alto Adige. Per il governo è intervenuto il sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova, che ha imputato all'ipotesi di Vienna di «avere il crisma del pugno di ferro etno-nazionalista».

    DELLA VEDOVA: «CITTADINANZA SU BASE ETNICA FATTO GRAVE». «Sdoganare la cittadinanza su base etnica», ha scritto su Facebook, «avrebbe effetti gravissimi, ad esempio in tutti i Balcani, minando la convivenza nei paesi, anche nell'Ue, caratterizzati dalla presenza di cittadini di molteplici culture». Ma è al Pd che Michela Biancofore di Forza Italia ha rimporverato il silenzio «assordante» di queste ore insinuando: «Non è che il governo tace sulla doppia cittadinanza per far eleggere Boschi e Del Rio in Trentino Alto Adige grazie alla Svp, visto che altrove li respingono?».

    La promessa di offrire unilateralmente la cittadinanza austriaca agli italiani di lingua tedesca o ladina, anche se...Geplaatst door Benedetto Della Vedova op zondag 17 december 2017
    L'idea del governo austriaco è sembrata «una mossa velleitaria, non una mossa distensiva» al presidente dell' Europarlamento, Antonio Tajani. «L'Europa ha chiuso la stagione dei nazionalismi», ha detto in un'intervista nella quale sottolineando l'importanza che «il programma di governo austriaco non preveda l'uscita dall'Ue, un 'Oexit', un referendum». Su questo Tajani ha detto di voler sentire direttamente Kurz: «Verrà a parlare con noi la prossima settimana a Bruxelles e ascolteremo il suo programma. L'importante è che si muova nella direzione del sostegno all' Europa».

    PAURA PER IL SISTEMA DELLA QUOTE. La coalizione di popolari e nazionalisti preoccupa infatti gli europeisti più convinti, come Sandro Gozi, soprattutto in materia di solidarietà e migranti: «Per noi è fondamentale che l'Europa si attrezzi con politiche per governare immigrazione e asilo. Il minimo sindacale dell'Italia è che ogni Paese rispetti le quote di rifugiati loro assegnati. Ribadiremo questa posizione anche al nuovo governo austriaco», ha scritto su Twitter il sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

    SALVINI: «NON SONO ESTREMISTI». Nessuno spauracchio da Vienna invece per Matteo Salvini, al contrario un modello da seguire: «Strache non è assolutamente estremista. Se controllare i confini è estremista, allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io, come Lega, lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto, ma anche in Puglia o in Campania».
    » Novella Maioriani 8, De reddito iure armorum, sul diritto a portare le armi

  3. #3
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    56,476
    Mentioned
    1071 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: Passaporto Austriaco ai cittadini dell'Alto Adige Sud Tirol.

    non mi stupisce piu' di tanto quando vedo che in certe zone non sanno l'italiano e non si puo' forzarli a diventarlo
    quindi se vogliono il passaporto austriaco che se lo prendano

    Per me è il riconoscimento di un dato di fatto, quindi nulla di drammatico

  4. #4
    Buonista
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    55,435
    Mentioned
    773 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Passaporto Austriaco ai cittadini dell'Alto Adige Sud Tirol.

    Cvd, i sudtirolesi preferiscono l'Italia all'Austria

    L’unico che sembra davvero interessato è un ragazzotto evidentemente sportivo che sfotte divertito: «Ci rimetterete un sacco di medaglie».

    Se davvero gli sportivi altoatesini potranno scegliere la bandiera per la quale gareggiare, quelle sui palmarès italiano nello slittino o nello sci potrebbero davvero essere le conseguenze più gravi del passaporto austriaco che Vienna vuol concedere a tutti i sudtirolesi di lingua tedesca. O almeno questa è l’impressione al mercatino di Natale davanti al Duomo, che come tutto il resto di Bressanone dà l’impressione di essere appena uscito dal Dixan. L’offensiva revanscista del nuovo governo neroblù di Vienna non sembra causare molta emozione, nemmeno fra i montanari appena scesi dal maso per vendere in città lo speck e il vin brûlé (però bio, qui sono tutti verdi, anche quelli che i Verdi non li votano).



    Il disinteresse è perfettamente bipartisan, giovani e vecchi, sinistra e destra unite nel ritenere la sparata viennese una trovata politica meno solida della panna montata sulla Sachertorte. «Passaporto, quale passaporto? Al Brennero non ce n’è bisogno, non è più tempo di dogane. Noi siamo esseri umani del pianeta terra, e stop», spiegano Manuel, meccanico, e Benjamin, imprenditore, che per l’utopia hanno almeno l’attenuante dell’età, rispettivamente 26 e 28 anni. «Io sono italiana da 46 anni, perché dovrei diventare austriaca?», chiede Martha, macellaia, sistemando cataste di salsicce dall’aria appetitosa. «Io non ci vedo nessun vantaggio, sinceramente non abbiamo di che lamentarci», questo è Joseph, verdure bio. «Più che il passaporto austriaco, io aspetto quello europeo», dice Reinhold, custode del Duomo. E Helga, dal suo banco dove vende addobbi di Natale in vetro ammiratissimi dai bambini (il Natale è la festa dei bambini e dei tedeschi, figuriamoci dei bambini tedeschi), mette il dito nella piaga: «Pagare le tasse a Vienna o a Roma? Preferisco farlo a Roma. Almeno so che ne tornano indietro di più».



    Ecco il punto. Gli italiani saranno pure in Alto Adige per diritto di conquista, una volta che vinciamo una guerra, e senza nemmeno essere passati da uno dei soliti plebisciti taroccati specialità di Casa Savoia. Però non c’è minoranza più autonoma, foraggiata, rispettata e insomma coccolata di quella tedesca. E gli autoctoni lo sanno benissimo. Riassume la situazione Gregor, che studia Storia a Innsbruck, ma per arrotondare vende in piazza un vino caldo buonissimo e micidiale: «Siamo italiani da un secolo, non scenderei mai per le strade per un passaporto. Macché sovranità. Qui, sulla questione, di sovrana c’è solo l’indifferenza». Un passante commenta cinico (infatti è chiaramente italiano): «Meglio fare i settentrionali dell’Italia che i terroni dell’Austria».



    E allora la questione è davvero tutta e solo politica. Peggio: di politica austro-austriaca, con i liberali dell’Fpö che, da bravi populisti, fanno a chi le spara più grosse. «Ma così il rischio è quello di spaccare la nostra società, di mettere i sudtirolesi gli uni contro gli altri, e Vienna contro Roma», accusa Hans Heiss, storico, consigliere provinciale dei Verdi, della famiglia che gestisce dal 1773 il meraviglioso albergo cittadino, l’Elephant. «A Vienna i popolari avevano valutato se inserire nel programma la richiesta del doppio passaporto e avevano deciso di no. È uno dei prezzi che hanno dovuto pagare ai loro nuovi alleati. Ma ai sudtirolesi queste manovre interessano poco».



    Interessano invece alla Svp. L’impressione è che il partito storico della minoranza tedesca sia stato spiazzato dalla mossa austriaca, che è subito diventata uno spot per i due tosti partitini alla sua destra, la Süd-Tiroler Freiheit e Die Freiheitlichen. L’eurodeputato Herbert Dorfmann, ovviamente, non ci sta: «Non è vero, la Svp è da sempre favorevole al doppio passaporto. Del resto, l’Italia concede il suo a chiunque possa dimostrare di avere un antenato italiano dal 1861 in poi, quindi non ci sarebbe nulla di strano». Il problema è come procedere. «A differenza dei liberali austriaci e della destra sudtirolese, noi pensiamo che non abbia senso dire: lo facciamo l’anno prossimo. Bisogna farlo invece in uno spirito di collaborazione, in ambito europeo e dopo un accordo bilaterale italo-austriaco. Da Vienna vorremmo semmai che venga inserito nella Costituzione austriaca il diritto e dovere di vegliare sulla minoranza di lingua tedesca del Südtirol».



    Insomma, con tutta l’umana perfettibilità del caso, quello dell’Alto Adige è un modello di convivenza che funziona. Vale davvero la pena di metterlo a rischio per dare a metà degli altoatesini un altro passaporto, oltretutto dello stesso colore di quello che hanno già?
    Nel Sud Tirolo che volta le spalle a Vienna: ?Le tasse pagate a Roma tornano qui? - La Stampa

    Teniamoci stretti, che c'è vento forte.

    Io sono per la chirurgia etica: bisogna rifarsi il senno.

    {;,;}

  5. #5
    Forumista storico
    Data Registrazione
    20 May 2009
    Messaggi
    36,552
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    114 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Passaporto Austriaco ai cittadini dell'Alto Adige Sud Tirol.

    Citazione Originariamente Scritto da Malandrina Visualizza Messaggio
    Ettore Tolomei ne sarebbe orgoglioso dopo un secolo abbiamo italianizzato i Sud Tirolesi, almeno nel portafoglio, quanto si sentono toccare il portafoglio diventano italianissimi e ti tirano fuori un italiano fluido e impeccabile, e ti pronunciano Bolzano, Vipiteno, e magari ti dicono pure, "noi non parliamo tedesco ma dialetto tirolese" e di fatti e così...., la passionaria del bombarolo rischia di prendersi un sfanculata pazzesca.. Per carità non ci crucciamo per il fatto che non ci amino, per caso il Corsi amano i francesi..?? per niente sono francesi per convenienza, però ad un grado superiore perché nessuno ha mai chiesto di parlare italiano, ma perché mai, "c'è già il corso tenuto in terapia intensiva"...
    Però se ti vengono a dire "siamo italiani" oh Dio...... qui si esagera..., direi "cittadini italiani"...
    » Novella Maioriani 8, De reddito iure armorum, sul diritto a portare le armi

 

 

Discussioni Simili

  1. Passaporto Austriaco ai cittadini dell'Alto Adige Sud Tirol.
    Di scomunista nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 223
    Ultimo Messaggio: 22-12-17, 10:50
  2. Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 17-10-17, 02:04
  3. Il governo tedesco finanziava i separatisti dell'Alto Adige
    Di Sedizione nel forum Destra Radicale
    Risposte: 63
    Ultimo Messaggio: 24-03-08, 00:50
  4. Sull'italianità dell'Alto Adige
    Di Arancia Meccanica nel forum Destra Radicale
    Risposte: 78
    Ultimo Messaggio: 07-01-06, 23:21
  5. Romanità e italianità dell'Alto Adige
    Di Ichthys nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-09-04, 01:03

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226