User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
Like Tree4Likes
  • 1 Post By Lord Attilio
  • 1 Post By MaIn
  • 2 Post By Kavalerists

Discussione: Sulle prossime elezioni politiche La posizione del Pdac

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,481
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Sulle prossime elezioni politiche La posizione del Pdac

    https://www.alternativacomunista.it/...t/view/2512/1/

    dichiarazione del Comitato centrale
    del Partito di Alternativa Comunista
    Siamo a poche settimane dall’inizio della campagna elettorale per le elezioni politiche della primavera del 2018 e il quadro dei contendenti al governo del Paese è ormai definito, nonostante sia difficile azzardare previsioni oggi su chi riuscirà a spuntarla.

    I quattro schieramenti che si contenderanno il governo del Paese per i prossimi anni sono anti-operai: si va dal centro-destra unito attorno alla figura egemone di Berlusconi, nonostante al momento non possa candidarsi e nonostante i malumori mai totalmente sopiti di Salvini, al Pd di Renzi post-scissione, che nei sondaggi è sceso ai suoi minimi storici e che tenta di arginare la perdita di voti verso Mdp cercando coperture a sinistra e trovando i resti di Verdi e Psi che si uniscono in una lista comune con i «civici» prodiani. La lista «Liberi e uguali» guidata da Pietro Grasso, ex-magistrato e attuale presidente del senato, e formata da Articolo 1-Mdp di D’Alema e Bersani, Sinistra italiana di Vendola e Fratoianni, oltre che Possibile di Civati, altro non è che la riproposizione del progetto politico del Pd senza Renzi: nonostante i sondaggi lo accreditino a percentuali piuttosto basse attualmente, pare che la Cgil, o almeno alcune delle sue componenti, possano mobilitarsi a sostegno della candidatura di Grasso, confermando peraltro ancora una volta come la direzione di questo sindacato sia totalmente subalterna alle politiche padronali. Da ultimo, ma non per importanza, il Movimento 5 stelle che in questa legislatura ha dimostrato quanto già sostenevamo, cioè che il suo progetto non è alternativo, ma è assolutamente compatibile con questo sistema economico, e anzi i suoi tratti reazionari divengono sempre più manifesti, così come il fallimento delle sue esperienze di governo locale come nel comune di Roma. Nulla di buono potrà venire dalla vittoria elettorale di nessuno di questi schieramenti.

    A sinistra dei contendenti «ufficiali» è nata una lista, chiamata «Potere al popolo», promossa dal centro sociale di Napoli Je so’ pazzo (storicamente alleato del sindaco De Magistris), ma ispirata dietro le quinte da Rifondazione comunista. A questa lista ha aderito anche Sinistra anticapitalista. Si tratta però dell’ennesima riproposizione di una lista riformista senza nessuna prospettiva, che si è formata per tutelare l’esistenza delle sue varie componenti: i centri sociali per contrattare meglio con le amministrazioni locali, Rifondazione per cercare disperatamente di rientrare in parlamento per ridare così ossigeno a un partito che è in agonia per aver per anni sostenuto governi e giunte di centrosinistra, e che vorrebbe utilizzare eventuali eletti per sostenere nuovamente il centrosinistra, a cui oggi si proclama alternativo.

    Di fronte a questo quadro, sarebbe necessaria una lista operaia, che parta dalle poche ma importanti lotte che ci sono nel Paese, con un programma classista e rivoluzionario, che serva ad aggregare i lavoratori alle avanguardie politiche e di lotta, a unificare il proletariato nella costruzione del partito che serve per lottare per quel programma. Sfortunatamente le norme elettorali restrittive ideate dal parlamento borghese non permettono la presentazione di tale lista, se non al prezzo di cessare completamente ogni altra attività nei prossimi mesi: non è questa la nostra concezione del momento elettorale, che deve essere un momento di propaganda per il programma, ma deve anche essere al servizio delle lotte reali, perciò cessare l’intervento nelle lotte per presentarsi alle elezioni per noi è, in questo contesto, inammissibile.

    Due liste «comuniste» hanno dichiarato la loro intenzione di presentarsi alle prossime elezioni, nonostante gli ostacoli posti dalla legge. Il Partito comunista di Marco Rizzo (di orientamento stalinista) non ha in realtà nulla di comunista ed è guidato da un ex-parlamentare che ha sostenuto attivamente non solo il governo borghese di Prodi, ma che ha sostenuto D’Alema quando bombardava la Jugoslavia in una guerra imperialista voluta dalla Nato. Vi è poi il cartello elettorale denominato «Per la sinistra rivoluzionaria», inizialmente promosso da tre organizzazioni: Sinistra anticapitalista (Sa), Pcl e Sinistra classe rivoluzione (Scr). Queste tre forze avevano annunciato poche settimane fa di voler presentare un programma «rivoluzionario» a queste elezioni. Tuttavia, dopo una serie di comunicati congiunti, Sinistra anticapitalista ha abbandonato questo cartello per accodarsi alla lista «Potere al popolo», che Pcl e Scr definiscono correttamente come un tentativo di Rifondazione e altri di raccogliere forze per risalire sul carrozzone del centrosinistra. Non ci stupisce l'atteggiamento di Sinistra anticapitalista, dato che quando aveva parlamentari arrivò anche a dare un sostegno «critico» al secondo governo Prodi: ma l'accordo e poi la rapida rottura di Sa con Pcl e Scr, per andare a sostenere un progetto chiaramente riformista, dovrebbe far riflettere su quale è il programma effettivo che questo cartello, ora portato avanti solo da Pcl e Scr, intende presentare alle elezioni. In effetti, proprio sulla questione strategica centrale, quella che riassume il senso stesso del programma dei rivoluzionari, cioè la questione della prospettiva di potere, altrettanto ambigua è la posizione di Scr che da anni ha abbandonato il principio marxista dell'indipendenza di classe da qualsiasi governo nel capitalismo, arrivando a definire come «influenzabili» - e quindi da sostenere «criticamente» - la dittatura venezuelana di Chavez e Maduro o la giunta borghese di De Magistris a Napoli. Quanto al Pcl, diede nel 2011 il proprio sostegno al secondo turno elettorale tanto a De Magistris (candidato sindaco a Napoli) come a Pisapia (candidato sindaco a Milano). Per questo ci sembra che il programma di questa «sinistra rivoluzionaria» non sia nei fatti né rivoluzionario né funzionale, nell'immediato, allo sviluppo delle lotte: non casualmente Pcl e Scr da anni fanno insieme una invisibile «opposizione» alla burocrazia all’interno della Cgil, che nei fatti si traduce in un adattamento anche in ambito sindacale.

    Mancando l’alternativa rivoluzionaria in queste elezioni, il Partito di Alternativa Comunista inviterà ad astenersi dal voto, nella consapevolezza che le elezioni sono un momento secondario della lotta di classe e che è dalle mobilitazioni nei posti di lavoro e nei territori che deve ripartire il conflitto sociale che bisogna riaccendere per provare a rivoluzionare dalle fondamenta questa società capitalista basata sullo sfruttamento. In questo senso parteciperemo alla campagna elettorale propagandando un programma che parta dagli interessi immediati e storici della classe lavoratrice.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Centralista
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Friuli
    Messaggi
    13,937
    Mentioned
    232 Post(s)
    Tagged
    33 Thread(s)

    Predefinito Re: Sulle prossime elezioni politiche La posizione del Pdac

    Citazione Originariamente Scritto da MaIn Visualizza Messaggio
    https://www.alternativacomunista.it/...t/view/2512/1/

    dichiarazione del Comitato centrale
    del Partito di Alternativa Comunista
    Siamo a poche settimane dall’inizio della campagna elettorale per le elezioni politiche della primavera del 2018 e il quadro dei contendenti al governo del Paese è ormai definito, nonostante sia difficile azzardare previsioni oggi su chi riuscirà a spuntarla.

    I quattro schieramenti che si contenderanno il governo del Paese per i prossimi anni sono anti-operai: si va dal centro-destra unito attorno alla figura egemone di Berlusconi, nonostante al momento non possa candidarsi e nonostante i malumori mai totalmente sopiti di Salvini, al Pd di Renzi post-scissione, che nei sondaggi è sceso ai suoi minimi storici e che tenta di arginare la perdita di voti verso Mdp cercando coperture a sinistra e trovando i resti di Verdi e Psi che si uniscono in una lista comune con i «civici» prodiani. La lista «Liberi e uguali» guidata da Pietro Grasso, ex-magistrato e attuale presidente del senato, e formata da Articolo 1-Mdp di D’Alema e Bersani, Sinistra italiana di Vendola e Fratoianni, oltre che Possibile di Civati, altro non è che la riproposizione del progetto politico del Pd senza Renzi: nonostante i sondaggi lo accreditino a percentuali piuttosto basse attualmente, pare che la Cgil, o almeno alcune delle sue componenti, possano mobilitarsi a sostegno della candidatura di Grasso, confermando peraltro ancora una volta come la direzione di questo sindacato sia totalmente subalterna alle politiche padronali. Da ultimo, ma non per importanza, il Movimento 5 stelle che in questa legislatura ha dimostrato quanto già sostenevamo, cioè che il suo progetto non è alternativo, ma è assolutamente compatibile con questo sistema economico, e anzi i suoi tratti reazionari divengono sempre più manifesti, così come il fallimento delle sue esperienze di governo locale come nel comune di Roma. Nulla di buono potrà venire dalla vittoria elettorale di nessuno di questi schieramenti.

    A sinistra dei contendenti «ufficiali» è nata una lista, chiamata «Potere al popolo», promossa dal centro sociale di Napoli Je so’ pazzo (storicamente alleato del sindaco De Magistris), ma ispirata dietro le quinte da Rifondazione comunista. A questa lista ha aderito anche Sinistra anticapitalista. Si tratta però dell’ennesima riproposizione di una lista riformista senza nessuna prospettiva, che si è formata per tutelare l’esistenza delle sue varie componenti: i centri sociali per contrattare meglio con le amministrazioni locali, Rifondazione per cercare disperatamente di rientrare in parlamento per ridare così ossigeno a un partito che è in agonia per aver per anni sostenuto governi e giunte di centrosinistra, e che vorrebbe utilizzare eventuali eletti per sostenere nuovamente il centrosinistra, a cui oggi si proclama alternativo.

    Di fronte a questo quadro, sarebbe necessaria una lista operaia, che parta dalle poche ma importanti lotte che ci sono nel Paese, con un programma classista e rivoluzionario, che serva ad aggregare i lavoratori alle avanguardie politiche e di lotta, a unificare il proletariato nella costruzione del partito che serve per lottare per quel programma. Sfortunatamente le norme elettorali restrittive ideate dal parlamento borghese non permettono la presentazione di tale lista, se non al prezzo di cessare completamente ogni altra attività nei prossimi mesi: non è questa la nostra concezione del momento elettorale, che deve essere un momento di propaganda per il programma, ma deve anche essere al servizio delle lotte reali, perciò cessare l’intervento nelle lotte per presentarsi alle elezioni per noi è, in questo contesto, inammissibile.

    Due liste «comuniste» hanno dichiarato la loro intenzione di presentarsi alle prossime elezioni, nonostante gli ostacoli posti dalla legge. Il Partito comunista di Marco Rizzo (di orientamento stalinista) non ha in realtà nulla di comunista ed è guidato da un ex-parlamentare che ha sostenuto attivamente non solo il governo borghese di Prodi, ma che ha sostenuto D’Alema quando bombardava la Jugoslavia in una guerra imperialista voluta dalla Nato. Vi è poi il cartello elettorale denominato «Per la sinistra rivoluzionaria», inizialmente promosso da tre organizzazioni: Sinistra anticapitalista (Sa), Pcl e Sinistra classe rivoluzione (Scr). Queste tre forze avevano annunciato poche settimane fa di voler presentare un programma «rivoluzionario» a queste elezioni. Tuttavia, dopo una serie di comunicati congiunti, Sinistra anticapitalista ha abbandonato questo cartello per accodarsi alla lista «Potere al popolo», che Pcl e Scr definiscono correttamente come un tentativo di Rifondazione e altri di raccogliere forze per risalire sul carrozzone del centrosinistra. Non ci stupisce l'atteggiamento di Sinistra anticapitalista, dato che quando aveva parlamentari arrivò anche a dare un sostegno «critico» al secondo governo Prodi: ma l'accordo e poi la rapida rottura di Sa con Pcl e Scr, per andare a sostenere un progetto chiaramente riformista, dovrebbe far riflettere su quale è il programma effettivo che questo cartello, ora portato avanti solo da Pcl e Scr, intende presentare alle elezioni. In effetti, proprio sulla questione strategica centrale, quella che riassume il senso stesso del programma dei rivoluzionari, cioè la questione della prospettiva di potere, altrettanto ambigua è la posizione di Scr che da anni ha abbandonato il principio marxista dell'indipendenza di classe da qualsiasi governo nel capitalismo, arrivando a definire come «influenzabili» - e quindi da sostenere «criticamente» - la dittatura venezuelana di Chavez e Maduro o la giunta borghese di De Magistris a Napoli. Quanto al Pcl, diede nel 2011 il proprio sostegno al secondo turno elettorale tanto a De Magistris (candidato sindaco a Napoli) come a Pisapia (candidato sindaco a Milano). Per questo ci sembra che il programma di questa «sinistra rivoluzionaria» non sia nei fatti né rivoluzionario né funzionale, nell'immediato, allo sviluppo delle lotte: non casualmente Pcl e Scr da anni fanno insieme una invisibile «opposizione» alla burocrazia all’interno della Cgil, che nei fatti si traduce in un adattamento anche in ambito sindacale.

    Mancando l’alternativa rivoluzionaria in queste elezioni, il Partito di Alternativa Comunista inviterà ad astenersi dal voto, nella consapevolezza che le elezioni sono un momento secondario della lotta di classe e che è dalle mobilitazioni nei posti di lavoro e nei territori che deve ripartire il conflitto sociale che bisogna riaccendere per provare a rivoluzionare dalle fondamenta questa società capitalista basata sullo sfruttamento. In questo senso parteciperemo alla campagna elettorale propagandando un programma che parta dagli interessi immediati e storici della classe lavoratrice.
    Sì va beh, se per loro è criminale sostenere la "dittatura"(sic!) di Chavez e Maduro, con chi stiamo parlando? Ma tra l'altro, sono trozkisti?

    Inviato dal mio SM-G355HN utilizzando Tapatalk

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,481
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Sulle prossime elezioni politiche La posizione del Pdac

    Citazione Originariamente Scritto da Lord Attilio Visualizza Messaggio
    Sì va beh, se per loro è criminale sostenere la "dittatura"(sic!) di Chavez e Maduro, con chi stiamo parlando? Ma tra l'altro, sono trozkisti?

    Inviato dal mio SM-G355HN utilizzando Tapatalk
    si sono trotskisti

  4. #4
    Socialista
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Enotria, il cuore del Mediterraneo
    Messaggi
    24,575
    Mentioned
    326 Post(s)
    Tagged
    78 Thread(s)

    Predefinito Re: Sulle prossime elezioni politiche La posizione del Pdac

    Citazione Originariamente Scritto da Lord Attilio Visualizza Messaggio
    Sì va beh, se per loro è criminale sostenere la "dittatura"(sic!) di Chavez e Maduro, con chi stiamo parlando? Ma tra l'altro, sono trozkisti?

    Inviato dal mio SM-G355HN utilizzando Tapatalk
    Sì, e come tali i migliori servitori dell'imperialismo e della reazione.
    Lord Attilio and amaryllide like this.
    Liberali: non sottovalutare quanto siano disgustosi, o ti stupiranno. (Hermes)
    "Israele è il male per il gusto del male"
    Patriarcato e maschilismo, contro nazifemminismo e radicalfrocismo!
    Razzismo Anti-Polentoni

  5. #5
    Arci-italiano
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Località
    Villa Malaparte
    Messaggi
    46,093
    Mentioned
    747 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Sulle prossime elezioni politiche La posizione del Pdac

    ma ancora col dissidio Trotsky-Stalin?
    "Quella sudicia folla aveva quel che s'era meritato. Era una folla non di vittime innocenti, ma di complici". (C.Malaparte, "Muss")
    La mia evoluzione politica {;,;}

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 07-03-13, 15:56
  2. con chi si alleerà il PD per le prossime elezioni politiche?
    Di HOTDOG nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 11-06-09, 13:16
  3. le prossime elezioni politiche
    Di ascaro41 nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 56
    Ultimo Messaggio: 06-03-08, 18:42
  4. Chiarimenti sulla posizione dell'UCS alle prossime elezioni
    Di Popolare nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 10-12-07, 20:08

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226