User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
Like Tree1Likes

Discussione: La Sinistra, l'Euro e l'Unione Europea

  1. #1
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    340 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito La Sinistra, l'Euro e l'Unione Europea

    Elezioni: le liste di sinistra e l'euro


    Quindi il prossimo 4 marzo gli italiani saranno chiamati a votare. Sarà bene monitorare profili e programmi delle liste in lizza — ammesso che tutte riescano effettivamente a presentarsi.
    Lo faremo mettendo a confronto quanto dicono sull'Unione europea e sull'euro poiché, come chi abbia sale in zucca sa, questi due punti, tra gli altri, sono di grandissima importanza, e quindi dicono molte cose sulla natura delle proposte in campo.

    Oggi iniziamo osservando quanto si dice sul fianco sinistro del variegato campo politico.

    Cominciamo da LIBERI E UGUALI CON PIETRO GRASSO.

    Il loro programma è in costruzione, ma è facile immaginare che per gente come Bersani, che affermò... "No, non è colpa dell'euro. Se non ci fosse l'euro gli italiani sarebbero in mezzo al Mediterraneo con della carta straccia in tasca", un politicante che ha sostenuto il governo Monti, che ha votato tutto, dal pareggio di bilancio fino al Jobs act, essi si attesteranno su una posizione europeista, salvo dire, per salvarsi la faccia, che i Trattati andrebbero cambiati — le posizioni più avanzate di Fassina e D'Attorre sono infatti ultra minoritarie. Una posizione di comodo, quella della modifica dei Trattati, che di fatto unisce tutti, dall'estrema sinistra all'estrema destra, passando per renziani, berlusconidi e salviniani vari.

    Come si spiega che pressoché tutte le liste si presenteranno come euro-critiche? Si spiega col fatto che passata la sbornia europeista la grande maggioranza degli italiani, se non è contro l'euro è di sicuro "euro-scettica". Quindi, se vuoi prendere i voti, quantomeno, devi far finta di essere eurocritico o addirittura simil-sovranista.


    Veniamo al MOVIMENTO CINQUE STELLE.
    I grillini, dopo aver fatto fuoco e fiamme contro l'euro, sentendo profumo di governo, camaleonticamente hanno adottato una posizione che più ambigua non si può.

    L'incarnazione perfetta di questa doppiezza è il Di Maio. Ricordiamo quanto ha recentemente affermato:
    «Non abbiamo mai detto che vogliamo lasciare l’Europa...vogliamo restare ma cambiare alcune regole. Ad esempio possiamo superare il parametro del 3% come hanno già fatto Germania e Francia, e poi bisogna rivedere alcuni trattati che stanno danneggiando la nostra agricoltura”... “L’idea originale dell’Ue era buona e per quanto mi riguarda va separato il tema Ue dal tema Euro. Il referendum sulla moneta unica per noi è una extrema ratio. Vogliamo sederci ai tavoli europei e parlare fra adulti con gli altri leader Ue, con lo scopo di rinegoziare i trattati che stanno bloccando la crescita italiana. Spero che le istituzioni europee siano disposte a negoziare un’altra Unione”».


    In un posizionamento di prossimità coi Cinque Stelle troviamo la LISTA DEL POPOLO, promossa da Giulietto Chiesa e Antonio Ingroia. Mentre Ingroia lasciatosi alle spalle la tragicomica esperienza di Rivoluzione Civile, pur se solo di recente ha espresso posizioni alquanto nette a favore dell'abbandono dell'eurozona, il primo (Chiesa) non ha mai fatto mistero del suo europeismo in versione eurasista.

    Il combinato disposto vorrebbe essere una sintesi delle due posizioni, prevale tuttavia, anche in questo caso una improbabile variante di altreuropeismo. Dopo avere adombrato alla necessità del recupero della sovranità nazionale leggiamo al punto 7) del programma:
    «Non siamo anti-europei. Al contrario vogliamo che l’Italia contribuisca a creare una entità europea capace di svolgere un ruolo cruciale in un mondo multipolare in difesa della pace. Se isolati, gli attuali stati europei saranno travolti dall’azione dei giganti mondiali, senza poter opporre resistenza. Vogliamo un’Europa democratica dei Popoli. Ogni limitazione della sovranità nazionale dovrà essere subordinata alla assoluta ed effettiva parità di tutti i contraenti e in nessun caso dovrà essere realizzata a spese delle garanzie democratiche previste dalla Costituzione. Occorre una nuova Costituzione europea da sottoporre mediante referendum popolari all’approvazione dei cittadini, liberi nel pieno esercizio delle prerogative costituzionali e della propria sovranità nazionale».


    Passando in rassegna la lista che raccoglie i rimasugli della sinistra radicale che fu ci imbattiamo in POTERE AL POPOLO.
    Riguardo all'Unione europea leggiamo nel programma elettorale:
    «Rompere l’Unione Europea dei trattati; costruire un’altra Europa fondata sulla solidarietà tra lavoratrici e lavoratori, sui diritti sociali, che promuova pace e politiche condivise con i popoli della sponda sud del Mediterraneo; rifiutare l’ossessione della “governabilità”, lo svuotamento di potere del Parlamento, il rafforzamento degli esecutivi, l’imposizione di decisioni dall’alto perché “ce lo chiede l’Europa”».

    Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Abbiamo la riproposizione dell'altreuropeismo, in una versione solo più urlata di quella dell'Altra Europa con Tsipras, per la precisione nella versione paracula di Rifondazione comunista (che è a tutti gli effetti il dominus della lista in questione). L'innesto di Eurostop sembra servito a ben poco visto che della moneta unica, sembrerà assurdo, non si fa menzione. Lo stesso riferimento a "politiche condivise con i popoli della sponda Sud del Mediterraneo", visto l'orizzonte alla "altra Europa" è solo fuffa demagogica.

    Ovviamente guai a rivendicare la "sovranità nazionale" che per i promotori di questa lista sarebbe una parola d'ordine "nazionalista", se non addirittura fascistoide.


    Si attesta su una linea del tutto simile la lista PER UNA SINISTRA RIVOLUZIONARIA, messa su dai trotskysti, ovvero la coalizione elettorale tra Partito comunista dei lavoratori e Sinistra classe e rivoluzione (ex-Falce e martello).
    Leggiamo nel programma elettorale della lista in questione:
    «Abolizione del pareggio di bilancio nella Costituzione. Rifiuto del pagamento del debito, tranne che ai piccoli risparmiatori. Rottura unilaterale dei trattati europei, NO all’Unione europea capitalista».

    Una formulazione sciatta e telegrafica — anche in questo caso, del regime della moneta unica nessuna menzione —, a dimostrazione, oltre che dell'imperdonabile ritardo con cui certa sinistra estrema ha compreso la centralità strategica della questione della rottura con l'Unione, di una imperdonabile superficialità. Ma, come dire, meglio tardi che mai. Come per i loro cugini di cui sopra, vige il tabù della sovranità nazionale.

    La sola voce fuori dal coro, l'unica lista che rivendichi l'uscita dalla Ue e dall'euro è quella dello staliniano PARTITO COMUNISTA di Marco Rizzo. Leggiamo da un loro manifesto:
    «Fuori dalla UE, dall’euro e dalla Nato è la parola d’ordine che i comunisti pronunciano, senza chiudersi in nessuna visione nazionalistica, senza prospettare un semplice ritorno al passato. Insieme a noi lottano in questa direzione i comunisti di tutta Europa, per la liberazione comune delle classi lavoratrici dei nostri Paesi dallo sfruttamento capitalistico, dal potere dei grandi monopoli».

    Solo che, in maniera del tutto simile ai fratelli-coltelli trotskysti, la rottura dell'Unione e l'uscita dall'euro è spostata nell'orizzonte lontano del socialismo. Il che implica, siccome non ci si deve chiudere ".. in nessuna visione nazionalistica", e si rifiuta ogni "ritorno al passato", che senza rivoluzione socialista tanto vale restare nella gabbia eurocratica. Che è come dire: "Caro dottore, sapesse quanto piango bene in questa valle di lacrime..."
    C'è chi ricorda che Marco Rizzo, in quanto dirigente di Rifondazione stava coi governi Prodi che ci portarono nell'euro, e poi, esponente di punta del cossuttiano Partito dei comunisti italiani era addirittura nel governo D'Alema che bombardava la Iugoslavia.
    Di acqua ne è passata sotto i ponti...

    Elezioni: le liste di sinistra e l'euro

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    340 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Re: La Sinistra, l'Euro e l'Unione Europea

    Ma perché noi che siamo i più bistrattati dall'associazione a delinquere Unione Europea non abbiamo una sinistra anti-europeista decente (con l'eccezione del PC)? Eh sì che Rete dei Comunisti e PCI stavano andando benino ma poi si sono suicidati entrando in quel guazzabuglio di posizioni alter-europeiste, trozkiste, anarchiche ecc. che è Potere al Popolo.
    Sparviero likes this.

  3. #3
    bronsa querta
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    56,556
    Mentioned
    265 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Re: La Sinistra, l'Euro e l'Unione Europea

    Citazione Originariamente Scritto da Lord Attilio Visualizza Messaggio
    Ma perché noi che siamo i più bistrattati dall'associazione a delinquere Unione Europea non abbiamo una sinistra anti-europeista decente (con l'eccezione del PC)? Eh sì che Rete dei Comunisti e PCI stavano andando benino ma poi si sono suicidati entrando in quel guazzabuglio di posizioni alter-europeiste, trozkiste, anarchiche ecc. che è Potere al Popolo.
    Lo si fa perchè ci si rende conto che l'antieuropeismo è concettualmente insostenibile sia sotto il profilo oggettivo sia sotto il profilo politico, checchè si dica.
    Oggettivamente in quanto non solo non se ne capiscono i costi immediati (i costi dell'uscita dall'euro!) sia le conseguenze nel lungo periodo sull'elettorato di riferimento. Che senso ha dirsi dalla parte del popolo quando si propone qualcosa che evidentemente colpirà proprio i redditi di questo?
    Politicament, poi, ormai è evidente che l'antieuropeismo è una maschera dietro il quale c'è un nazionalismo buzzurro e sciocco ed un pò di identitarismo, ovvero battaglie evidentemente di destra.

    Quello che tu chiami l'altereuropeismo è l'unica soluzione accettabile a sinistra della questione europea.
    C. De Gaulle: "l'Italia non è un paese povero. E' un povero paese".

  4. #4
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    340 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Re: La Sinistra, l'Euro e l'Unione Europea

    Citazione Originariamente Scritto da Garat Visualizza Messaggio
    Lo si fa perchè ci si rende conto che l'antieuropeismo è concettualmente insostenibile sia sotto il profilo oggettivo sia sotto il profilo politico, checchè si dica.
    Oggettivamente in quanto non solo non se ne capiscono i costi immediati (i costi dell'uscita dall'euro!) sia le conseguenze nel lungo periodo sull'elettorato di riferimento. Che senso ha dirsi dalla parte del popolo quando si propone qualcosa che evidentemente colpirà proprio i redditi di questo?
    Politicament, poi, ormai è evidente che l'antieuropeismo è una maschera dietro il quale c'è un nazionalismo buzzurro e sciocco ed un pò di identitarismo, ovvero battaglie evidentemente di destra.

    Quello che tu chiami l'altereuropeismo è l'unica soluzione accettabile a sinistra della questione europea.
    Ma no, sono i leader che non lo sostengono perché hanno paura di quei 4 elettori di sinistra che vanno a votare. Se poi però vedi l'astensione scopri che i ceti popolari sono tutti anti-europeisti.

    Garat, non siamo più negli anni 90' dove potevi paventare costi altissimi per obbligarci ad entrare in UE. Adesso i ceti popolari si sono subiti tutti quegli alti costi per starci dentro, inoltre i media che sostengono l'UE hanno subito il più totale discredito. Insomma sostenere l'UE per la sinistra è una posizione politicamente suicida, infatti quanti voti prende la sinistra europeista? Magari prendi voti dalla borghesia cittadina progressista ma non a livello popolare.

    Tra l'altro non quella del nazionalismo di destra dietro l'antieuropeismo è una stupidaggine dato che molti partiti di sinistra o comunisti sono antieuropeisti e molti da prima che diventasse di moda.

    Inoltre è una questione eminentemente pratica. Una politica popolare e progressista è totalmente in contrasto con la natura austeritaria e deflattiva dell'UE. E anche il temere embarghi o robe è stupido perché se usciamo noi crolla l'intera UE.

    Inviato dal mio SM-G355HN utilizzando Tapatalk
    Venezuela e Zimbabwe nei nostri cuori!

  5. #5
    bronsa querta
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    56,556
    Mentioned
    265 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Re: La Sinistra, l'Euro e l'Unione Europea

    Citazione Originariamente Scritto da Lord Attilio Visualizza Messaggio
    Ma no, sono i leader che non lo sostengono perché hanno paura di quei 4 elettori di sinistra che vanno a votare. Se poi però vedi l'astensione scopri che i ceti popolari sono tutti anti-europeisti.

    Garat, non siamo più negli anni 90' dove potevi paventare costi altissimi per obbligarci ad entrare in UE. Adesso i ceti popolari si sono subiti tutti quegli alti costi per starci dentro, inoltre i media che sostengono l'UE hanno subito il più totale discredito. Insomma sostenere l'UE per la sinistra è una posizione politicamente suicida, infatti quanti voti prende la sinistra europeista? Magari prendi voti dalla borghesia cittadina progressista ma non a livello popolare.

    Tra l'altro non quella del nazionalismo di destra dietro l'antieuropeismo è una stupidaggine dato che molti partiti di sinistra o comunisti sono antieuropeisti e molti da prima che diventasse di moda.

    Inoltre è una questione eminentemente pratica. Una politica popolare e progressista è totalmente in contrasto con la natura austeritaria e deflattiva dell'UE. E anche il temere embarghi o robe è stupido perché se usciamo noi crolla l'intera UE.

    Inviato dal mio SM-G355HN utilizzando Tapatalk
    In primo luogo mi rendo perfettamente conto che non siamo negli anni '90. Infatti è esattamente per questo che scrivevo quello che scrivevo. Oramai ci siamo dentro e uscire dall'Unione avrebbe prezzi e conseguenze imprevedibili e che ricadrebbero principalmente sui ceti più deboli.
    Inoltre non è affatto vero che l'antieuropeismo è forte tra i ceti popolari. O meglio: è vero solo in minima parte. Guardiamo all'Italia? I partiti antierupeisti "ufficiali", lega ed in parte FI sono espressione di TUTTO fuorchè dei ceti popolari. Sono espressione di una certa imprenditoria ciaciona, arrogante e imbrogliona. Solo un piccolo pezzo dei ceti deboli, spesso per mancanza di informazione, si aggrega a questi. Inoltre, come ti scrissi già in passato, l'europa non è affatto antisociale di per se. Pensa anche solo alle raccomandazioni su reddito di cittadinanza, tassazione sulle case ecc ecc.
    Il punto è che l'europa è stata percepita come antisociale solo perchè alcune forze (ahimè...anche quelle della "sinistra" alla renzi) l'hanno usata come alibi per introdurre determinate riforme (job act).

    Infineo di partiti di sinistra antieuropeisti di successo non ne vedo. Malanchon, come tu stesso mi hai fatto notare ha una posizione "altereuropeista". Idem con la linke. Il problema è che la sinistra è stata schiacciata tra il riformismo a tutti i costi che ha usato l'UE come alibi ed il populismo alla grillo che usa l'europa come spauracchio.
    C. De Gaulle: "l'Italia non è un paese povero. E' un povero paese".

  6. #6
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    340 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Re: La Sinistra, l'Euro e l'Unione Europea

    Citazione Originariamente Scritto da Garat Visualizza Messaggio
    In primo luogo mi rendo perfettamente conto che non siamo negli anni '90. Infatti è esattamente per questo che scrivevo quello che scrivevo. Oramai ci siamo dentro e uscire dall'Unione avrebbe prezzi e conseguenze imprevedibili e che ricadrebbero principalmente sui ceti più deboli.
    Inoltre non è affatto vero che l'antieuropeismo è forte tra i ceti popolari. O meglio: è vero solo in minima parte. Guardiamo all'Italia? I partiti antierupeisti "ufficiali", lega ed in parte FI sono espressione di TUTTO fuorchè dei ceti popolari. Sono espressione di una certa imprenditoria ciaciona, arrogante e imbrogliona. Solo un piccolo pezzo dei ceti deboli, spesso per mancanza di informazione, si aggrega a questi. Inoltre, come ti scrissi già in passato, l'europa non è affatto antisociale di per se. Pensa anche solo alle raccomandazioni su reddito di cittadinanza, tassazione sulle case ecc ecc.
    Il punto è che l'europa è stata percepita come antisociale solo perchè alcune forze (ahimè...anche quelle della "sinistra" alla renzi) l'hanno usata come alibi per introdurre determinate riforme (job act).

    Infineo di partiti di sinistra antieuropeisti di successo non ne vedo. Malanchon, come tu stesso mi hai fatto notare ha una posizione "altereuropeista". Idem con la linke. Il problema è che la sinistra è stata schiacciata tra il riformismo a tutti i costi che ha usato l'UE come alibi ed il populismo alla grillo che usa l'europa come spauracchio.
    C'è perfetta identità tra UE e politiche anti-popolari. Basta leggersi i trattati, che sono la vera e propria costituzione europea, dove il fine principale dello stato non è garantire il lavoro e l'occupazione ma la stabilità monetaria e il pareggio di bilancio, puntello di ogni politica deflattiva neoliberista che si rispetti.

    Partiti come la Lega, opposizione reazionaria, cavalcano questo tema proprio per sottrarlo ad una vera opposizione, approfittando del fatto che la sinistra è diventata collaboratrice dei padroni, sia quella moderata (Hollande, Bersani ecc.) che quella antagonista (Tsipras). Che poi venga cavalcato l'antieuropeismo dagli esponenti di partiti destrorsi non proprio popolari non è importante, dato che il loro intento è pescare proprio dall'elettorato popolare, anche se il fenomeno è più evidente in Francia con il Fronte National che pesca a piene mani dai quartieri operai.

    La differenza di Melenchon con l'altereuropeismo è che almeno nel suo caso si è almeno tenuto conto di un piano B nel caso di immodifabilità dei trattati. Il che non è una cosa da poco rispetto agli altri.

    Inviato dal mio SM-G355HN utilizzando Tapatalk
    Venezuela e Zimbabwe nei nostri cuori!

  7. #7
    bronsa querta
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    56,556
    Mentioned
    265 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Re: La Sinistra, l'Euro e l'Unione Europea

    Citazione Originariamente Scritto da Lord Attilio Visualizza Messaggio
    C'è perfetta identità tra UE e politiche anti-popolari. Basta leggersi i trattati, che sono la vera e propria costituzione europea, dove il fine principale dello stato non è garantire il lavoro e l'occupazione ma la stabilità monetaria e il pareggio di bilancio, puntello di ogni politica deflattiva neoliberista che si rispetti.

    Partiti come la Lega, opposizione reazionaria, cavalcano questo tema proprio per sottrarlo ad una vera opposizione, approfittando del fatto che la sinistra è diventata collaboratrice dei padroni, sia quella moderata (Hollande, Bersani ecc.) che quella antagonista (Tsipras). Che poi venga cavalcato l'antieuropeismo dagli esponenti di partiti destrorsi non proprio popolari non è importante, dato che il loro intento è pescare proprio dall'elettorato popolare, anche se il fenomeno è più evidente in Francia con il Fronte National che pesca a piene mani dai quartieri operai.

    La differenza di Melenchon con l'altereuropeismo è che almeno nel suo caso si è almeno tenuto conto di un piano B nel caso di immodifabilità dei trattati. Il che non è una cosa da poco rispetto agli altri.

    Inviato dal mio SM-G355HN utilizzando Tapatalk
    Come già scritto: i trattati non sono incisi nella pietro. Si modificano. La battaglia politica sta esattamente in quello.
    Quanto al resto, scusami, ma mi tocca ricordarti che l'antieuropeismo non è "cavalcato" da destra. E' NATO a destra, da sempre.

    PS: Non vedo come il piano B di melanchon cambi qualcosa a riguardo del suo europeismo. Io stesso condivido quella sua posizione, e ormai mi dovresti conoscere abbastanza da sapere che, entro i tuoi criteri, io sono un biechissimo europeista.
    C. De Gaulle: "l'Italia non è un paese povero. E' un povero paese".

  8. #8
    Socialcapitalista
    Data Registrazione
    01 Sep 2002
    Località
    -L'Italia non è un paese povero è un povero paese(C.de Gaulle)
    Messaggi
    89,493
    Mentioned
    337 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Re: La Sinistra, l'Euro e l'Unione Europea

    Citazione Originariamente Scritto da Lord Attilio Visualizza Messaggio
    Elezioni: le liste di sinistra e l'euro


    Quindi il prossimo 4 marzo gli italiani saranno chiamati a votare.
    Mandati a votare
    Addio Tomàs
    siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti i 5 stelle

  9. #9
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    12 Dec 2015
    Località
    Arciconfraternita di Santo Manganello
    Messaggi
    37,849
    Mentioned
    651 Post(s)
    Tagged
    40 Thread(s)

    Predefinito Re: La Sinistra, l'Euro e l'Unione Europea

    Citazione Originariamente Scritto da Garat Visualizza Messaggio
    Come già scritto: i trattati non sono incisi nella pietro. Si modificano.
    Ci vuole l'unanimità, puoi considerarli scritti nella pietra.


    Citazione Originariamente Scritto da Garat Visualizza Messaggio
    I partiti antierupeisti "ufficiali", lega ed in parte FI sono espressione di TUTTO fuorchè dei ceti popolari.
    FI di antieuropeista non ha nulla, e la Lega pesca bene anche tra i ceti popolari (non a caso).

  10. #10
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    340 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Re: La Sinistra, l'Euro e l'Unione Europea

    Citazione Originariamente Scritto da Garat Visualizza Messaggio
    Come già scritto: i trattati non sono incisi nella pietro. Si modificano. La battaglia politica sta esattamente in quello.
    Quanto al resto, scusami, ma mi tocca ricordarti che l'antieuropeismo non è "cavalcato" da destra. E' NATO a destra, da sempre.

    PS: Non vedo come il piano B di melanchon cambi qualcosa a riguardo del suo europeismo. Io stesso condivido quella sua posizione, e ormai mi dovresti conoscere abbastanza da sapere che, entro i tuoi criteri, io sono un biechissimo europeista.
    Beh se il piano B di Melenchon non ti crea problemi mi sembra strano. Praticamente non c'è nessun movimento di sinistra che abbia mai osato fare una cosa simile. Le posizioni simili di Fassina e Dattorre in Sinistra Italiana sono state bellamente ignorate, così che abbiamo l'acritico europeismo di LeU e quello un po' più simile a Podemos di PRC e Potere al Popolo (eh sì che hanno dentro Eurostop e PCI che mica sono teneri con l'UE).

    L'antieuropeismo è cavalcato dalla destra. Non penso che Lega e Forza Italia che hanno firmato tutti i trattati europei possano essere considerati veramente antieuropeisti (soprattutto FI che è europeista).

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Marine Le Pen su Unione Europea, Euro e Immigrazione
    Di AgnusDei nel forum Politica Europea
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 14-10-13, 22:01
  2. Marine Le Pen su Unione Europea, Euro e Immigrazione
    Di AgnusDei nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-10-13, 14:24
  3. Unione Europea, Euro: sfida vincente sui mercati globali.
    Di amerigodumini nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 05-03-13, 21:42
  4. Attacco all’Euro e smantellamento dell’Unione Europea
    Di Ottobre Nero nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-10-10, 14:06
  5. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 03-06-05, 11:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226