User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
Like Tree5Likes
  • 2 Post By MaIn
  • 2 Post By Scipione
  • 1 Post By lucy.

Discussione: Inquisizione a Milano, censurata la campagna Uaar sul diritto alla libertà di pensier

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,483
    Mentioned
    89 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Inquisizione a Milano, censurata la campagna Uaar sul diritto alla libertà di pensier

    https://left.it/2018/01/30/inquisizi...a-di-pensiero/

    uoi lanciare una campagna che sfiori argomenti religiosi sui mezzi pubblici? A Milano, l’Azienda trasporti milanese non te lo permette. A meno che non li tocchi dalla parte “giusta”, quella dei cattolici. Figuriamoci quindi se il referente fa dell’ateismo la propria cultura di riferimento e lancia un messaggio che, velatamente, mette in discussione, ad esempio, il battesimo dei neonati e l’iscrizione “coatta” all’ora di Insegnamento della religione cattolica. «Posso scegliere da grande?», è la domanda che si pone una bimba di due anni nel manifesto inoltrato dalla Unione degli atei e degli agnostici razionalisti (Uaar) all’agenzia pubblicitaria Igpdecaux per farla circolare sui mezzi pubblici del capoluogo lombardo. Sì? No? Non importa. Che si sia d’accordo o no con il messaggio della campagna, poco interessa. È la censura che fa riflettere, ora. L’Atm infatti si è rifiutata di veicolare il messaggio elaborato dalla più grande associazione italiana di atei.

    Perché? «È questione di argomento, non di immagine», ha spiegato il referente di Igpdecaux al suo scomodo cliente. «La campagna sta girando in 54 città italiane: a Roma non ci sono ma Milano è l’unica metropoli in cui abbiamo avuto problemi di questo genere. A Bologna, Padova e Palermo, ad esempio i manifesti circolano tranquillamente», racconta a Left Alessandra Stevan, coordinatrice del circolo Uaar di Milano. E continua: «Noi ci siamo presentati subito come Uaar, non ci siamo nascosti. Teoricamente viviamo in un Paese laico, ma nei fatti non sembra essere così. Promuoviamo la libertà di scelta, che è una cosa positiva – per noi – ma penso che possa essere vista come un po’ fastidiosa, da alcuni».

    Ma andiamo per ordine: l’Uaar contatta Igpdecaux per comprare spazi pubblicitari sui mezzi pubblici milanesi. Non sembra esserci alcun problema, all’inizio. Offerta e via libera. Ma c’è un “ma”: «Apprendo ora che trattandosi ovviamente di una campagna legata alla vostra associazione, entrerà nella sfera del controllo Atm attraverso i loro organi preposti». Chiede celerità, quindi, il referente: «Vi chiedo di avere al più presto almeno una bozza di quella che sarà la vostra comunicazione».
    Si vuole far partire la campagna a gennaio perché è il periodo in cui si fanno le iscrizione scolastiche e «per promuovere l’ora alternativa a quella di religione cattolica», chiarisce Alessandra Stevan: «L’Uaar ha deciso di lanciare in questo periodo la campagna “Posso scegliere da grande” sulla libertà di scelta dei bambini. A Milano abbiamo contattato Igp decaux. Il nostro obiettivo era far girare la campagna sugli autobus. Nel momento in cui noi abbiamo mandato l’immagine della campagna, ci è stato risposto che, essendo la campagna dell’associazione, avrebbe dovuto essere sottoposta al vaglio degli organi di Atm, al loro consiglio per stabilire se fosse idonea».

    Di idoneità, si parla. L’Igpdecaux dichiara quindi che il manifesto dovrà essere giudicato dall’Atm, azienda con la quale l’Uaar non è mai riuscita a entrare in contatto: «Noi non abbiamo mai avuto contatti diretti con Atm, abbiamo sempre parlato con Igp come intermediari. Quindi ci è arrivata una comunicazioni in cui ci chiariscono che Atm confermava il divieto di manifesti a carattere religioso sui mezzi di superficie. Ho parlato a voce con il referente di Igp per provare a spiegare che in realtà questa campagna non ha assolutamente nulla di religioso». Nel manifesto, sopra alla domanda che si pone la bambina, sono elencate le religioni tra cui potrà scegliere da grande, in ordine decrescente di fedeli. Ma non solo: alle religioni, in seconda e terza posizione nell’elenco sono aggiunti anche “ateismo” e “agnosticismo”. Non si mina quindi ad attaccare una fede – quella cattolica ad esempio – ma a garantire il diritto al bambino di scegliere tra le varie: induismo, ateismo, buddismo, islamismo.

    «La campagna è equidistante da tutte le religioni, nella campagna citiamo anche l’ateismo e l’agnosticismo. Non c’è stata possibilità di parlare direttamente con Atm. Allora Igpdecaux ci ha fatto un’altra proposta: visto che sugli autobus non era possibile esporre questa campagna, ci hanno proposto le giostre in metropolitana (gli spazi tra un vagone e l’altro). Noi abbiamo accettato, anche se eravamo rimasti molto colpiti da questo rifiuto». Ma c’è un però. Continua Alessandra Stevan: «In una seconda mail, ci hanno detto che il divieto si estendeva anche sulla pubblicità dinamica, quella in movimento. Niente da fare, quindi. Ci hanno proposto la pubblicità statica (cartelloni fissi). Solo che quando ho chiesto se c’erano degli spazi disponibili, mi è stato comunicato che non ce ne erano, neanche in periodi successivi».
    L’Uaar storce il naso, ma icassa. Pensa quindi di proporre un manifesto nuovo «più soft»: «Abbiamo pensato di proporre un altro manifesto, impossibile da rifiutare. Ho scritto a Igpdecaux dicendo che la nostra associazione aveva realizzato un altro manifesto, senza però allegarglielo». La risposta è inequivocabile: «Non è questione di immagine, ma di argomento».

    La Uaar chiede di visionare il regolamento in cui viene espresso il divieto di pubblicità religiosa. Nulla da fare: «Poi però ci siamo ricordati che l’anno scorso, in occasione della visita di Papa Francesco, c’erano degli autobus che giravano a Milano in cui veniva promossa la santa messa. L’Uaar non può circolare sui mezzi di superficie, il papa sì. Questa è censura. Ed è discriminazione», conclude Alessandra Stevan.

    «Questa è una campagna di promozione sociale. Non religiosa».

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderato con i moderati
    Data Registrazione
    04 May 2005
    Località
    Bolzano/Bozen
    Messaggi
    38,616
    Mentioned
    71 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Inquisizione a Milano, censurata la campagna Uaar sul diritto alla libertà di pen

    Citazione Originariamente Scritto da MaIn Visualizza Messaggio
    ....«La campagna è equidistante da tutte le religioni, nella campagna citiamo anche l’ateismo e l’agnosticismo.....
    Nella città che ha dato i natali a "comunione e disperazione", mica pretenderai che accettino una pubblicità dove il cristianesimo è messo assieme a induismo e ateismo...
    Giordi and MilleMosche like this.
    L’uomo veramente libero è colui che rifiuta un invito a pranzo senza sentire il bisogno di inventare una scusa. (Jules Renard).

    La metà della vita di un uomo è passata a sottintendere, a girare la testa e a tacere.(Albert Camus)

  3. #3
    Giacobino
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    4,427
    Mentioned
    110 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito Re: Inquisizione a Milano, censurata la campagna Uaar sul diritto alla libertà di pen

    L'UAAR mi piaceva, ora non più, è un'associazione goliardica anti-religiosa e irreligiosa. Qualsiasi pensatore ateo serio se ne vergognerebbe. Non difendono la laicità dello Stato, difendono la necessità di fare gli irreligiosi trasgressivi, come dei ragazzini ignoranti.

  4. #4
    Moderato con i moderati
    Data Registrazione
    04 May 2005
    Località
    Bolzano/Bozen
    Messaggi
    38,616
    Mentioned
    71 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Inquisizione a Milano, censurata la campagna Uaar sul diritto alla libertà di pen

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    L'UAAR mi piaceva, ora non più, è un'associazione goliardica anti-religiosa e irreligiosa. Qualsiasi pensatore ateo serio se ne vergognerebbe. Non difendono la laicità dello Stato, difendono la necessità di fare gli irreligiosi trasgressivi, come dei ragazzini ignoranti.
    Cita uno o più esempi...
    L’uomo veramente libero è colui che rifiuta un invito a pranzo senza sentire il bisogno di inventare una scusa. (Jules Renard).

    La metà della vita di un uomo è passata a sottintendere, a girare la testa e a tacere.(Albert Camus)

  5. #5
    Giacobino
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    4,427
    Mentioned
    110 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito Re: Inquisizione a Milano, censurata la campagna Uaar sul diritto alla libertà di pen

    Citazione Originariamente Scritto da Scipione Visualizza Messaggio
    Cita uno o più esempi...
    Qualsiasi loro battaglia del momento, ad esempio?

  6. #6
    Forumista junior
    Data Registrazione
    04 Jan 2018
    Messaggi
    20
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: Inquisizione a Milano, censurata la campagna Uaar sul diritto alla libertà di pen

    In effetti si sta facendo molto poco, bisogna ammetterlo. Davanti a tanta emergenza, occorre un maggiore impegno da parte dei laici e degli atei. Non è possibile che ancora nel 2018 la RAI, per mezzo del suo esercito di giornalisti cattolici, continui a diffondere in maniera martellante la sua propaganda pro-Francesco con tutto il carrozzone di buonisti-volontari che infilano il naso dappertutto, dalla politica alla scuola.
    anton likes this.

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    45,797
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Inquisizione a Milano, censurata la campagna Uaar sul diritto alla libertà di pen

    Citazione Originariamente Scritto da lucy. Visualizza Messaggio
    In effetti si sta facendo molto poco, bisogna ammetterlo. Davanti a tanta emergenza, occorre un maggiore impegno da parte dei laici e degli atei. Non è possibile che ancora nel 2018 la RAI, per mezzo del suo esercito di giornalisti cattolici, continui a diffondere in maniera martellante la sua propaganda pro-Francesco con tutto il carrozzone di buonisti-volontari eva che infilano il naso dappertutto, dalla politica alla scuola.
    notanto più che nessun politico cattolico segue le istruzioni del papa... anzi... fanno il contrario... salvo che per le scelte classiche sugli argomenti sessuali,

    sessuali ai quali peraltro il papa fa scarso riferimento..

    quanto alla uaar fa tante storie per avere la scusa di non far nulla.... anxzichè regalare soldi ai tranvieri,,, poteva stampare un po cartelli e farli esporre sulle macchine dei soci che circolano nelle città...o esporli nelle strade.
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

 

 
Correlati:

Discussioni Simili

  1. A Milano si lotta per il diritto alla casa
    Di Fronte Popolare nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-10-17, 15:11
  2. Beni comuni. Un diritto alla libertà
    Di Muntzer nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-11-10, 19:14
  3. Mozione per il testamento biologico e il diritto alla libertà di cura
    Di robertoguidi nel forum Parlamento Virtuale
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 04-12-08, 14:05
  4. Firmiamo l' appello per il diritto alla libertà di cura
    Di Neva nel forum Salute e Medicina
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02-12-08, 13:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225