User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 27
Like Tree23Likes

Discussione: PCL analisi del voto

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,483
    Mentioned
    91 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito PCL analisi del voto

    Un pessimo risultato per i lavoratori - Partito Comunista dei Lavoratori

    Un pessimo risultato per i lavoratori

    5 Marzo 2018
    Il voto del 4 marzo ha espresso un risultato estremamente negativo per i lavoratori e il movimento operaio. La crisi del renzismo è precipitata, ma è stata capitalizzata da forme diverse di populismo reazionario: dal Movimento 5 Stelle, in particolare nel Sud e nelle Isole, dove realizza un autentico sfondamento; da un centrodestra a trazione Salvini, in particolare nel Nord. La sinistra, nel suo insieme, è pesantemente marginalizzata dal nuovo scenario



    Il voto del 4 marzo ha espresso un risultato estremamente negativo per i lavoratori e il movimento operaio. La crisi del renzismo è precipitata, ma è stata capitalizzata da forme diverse di populismo reazionario: dal Movimento 5 Stelle, in particolare nel Sud e nelle Isole, dove realizza un autentico sfondamento; da un centrodestra a trazione Salvini, in particolare nel Nord. La sinistra, nel suo insieme, è pesantemente marginalizzata dal nuovo scenario.


    IL SUCCESSO DEL POPULISMO REAZIONARIO

    Il PD di Renzi consuma una disfatta. Il duplice fallimento del renzismo - mancato sfondamento nel blocco sociale di centrodestra e insuccesso dell'operazione diga verso il grillismo sul terreno della competizione populista - era già inscritto da tempo nello scenario politico, come ha mostrato la stessa sconfitta referendaria del 4 dicembre 2016. Il voto del 4 marzo l'ha sanzionato nei termini più pesanti. Una legge elettorale concepita per penalizzare il M5S nei collegi uninominali e consentire la campagna del voto utile per il PD ha favorito, nelle condizioni date, una dinamica opposta, a partire dal Meridione.

    Il M5S ha riportato un successo elettorale e politico molto rilevante. Nel Meridione ha capitalizzato la combinazione dello sfaldamento dei vecchi potentati clientelari e del richiamo della bandiera del cosiddetto reddito di cittadinanza, sino a raggiungere risultati da plebiscito. Nel Nord ha consolidato un blocco elettorale che tiene insieme voto operaio e settori di piccola borghesia. Nei fatti il M5S ha sommato l'eredità del “voto contro” i partiti dominanti con l'immagine di possibile carta di ricambio sul terreno del governo, quale nuovo garante e protettore sociale di interessi compositi. Il trasformismo governista del nuovo corso di Di Maio non solo - al momento - non ha penalizzato il M5S, ma ha allargato la sua capacità di presa.

    Il centrodestra ha complessivamente conseguito l'obiettivo di coalizione di maggioranza relativa, ma il netto sorpasso della Lega su Forza Italia segna un successo indiscutibile del salvinismo. La campagna centrale per la cacciata degli immigrati (“prima gli italiani”), combinandosi con l'impegno ad abolire la legge Fornero, ha connotato un richiamo politico fortemente caratterizzato capace di polarizzare attorno a sé un blocco sociale reazionario molto eterogeneo. I risultati della Lega nel Sud incoraggiano a loro volta la nuova linea della Lega nazionale. Parallelamente, la sconfitta di Forza Italia, che fallisce il recupero sulla Lega nei collegi del Sud a vantaggio del M5S, va molto al di là del dato elettorale e può sancire il tramonto politico definitivo del berlusconismo, ridisegnando in prospettiva la stessa geografia del centrodestra.


    LA SCONFITTA DELLA SINISTRA

    La sinistra, nel suo insieme, esce pesantemente sconfitta dalla prova elettorale.

    Liberi e Uguali ha totalmente fallito l'obiettivo di ricomposizione attorno a sé del popolo della sinistra. Prima una scissione del PD molto tardiva e senza riconoscibilità sociale, poi una campagna elettorale attorno a Grasso giocata su una disponibilità alla ricollocazione di governo assieme al PD (e addirittura a Berlusconi) hanno portato LeU in un vicolo cieco. La soglia del 3,3% sancisce una disfatta che mina alla radice non solo il progetto dichiarato di costruzione del nuovo partito della sinistra, ma la stessa tenuta dell'aggregazione.
    L'aggregazione riformista di Potere al Popolo (Je so' Pazzo, Rifondazione Comunista, PCI, Eurostop...) manca largamente l'obiettivo massimo del 3%, e anche l'obiettivo intermedio del 2%, attestandosi attorno all'1,12%. Nonostante il relativo successo di immagine in un bacino ristretto di avanguardia, la recita di un movimentismo antagonista in assenza di un movimento reale non è riuscita a capitalizzare lo spazio a sinistra di LeU se non in misura modesta. In ogni caso PaP è e resta segnato da un'assenza di progetto generale che vada al di là della raccolta di rivendicazioni immediate. Peraltro il commento entusiastico del dato elettorale («siamo contentissimi», ha dichiarato Viola Carofalo) sembra rimuovere non solo la realtà del voto conseguito da PaP rispetto alle ambizioni dichiarate, ma il pessimo scenario politico generale.
    Il PC stalinista di Marco Rizzo, di impronta nordcoreana, ha investito nel nostalgismo del vecchio PCI (“il Partito Comunista è tornato”) con una pronunciata caratterizzazione di partito, conseguendo un risultato non disprezzabile (0,32, con presenza nel solo 60% del paese). Ma si tratta di un fenomeno d'immagine autocentrato, senza linea e proposta di massa, attorno all'immagine pubblica del segretario, con diversi elementi politicamente equivoci (ad esempio sull'antifascismo, sui migranti, sui diritti civili...) emersi durante la stessa campagna elettorale, e mirati volutamente ad ammiccare ad un elettorato “trasversale”.


    “PER UNA SINISTRA RIVOLUZIONARIA”. UN RISULTATO MOLTO NEGATIVO E LA CONFERMA DELLE NOSTRE RAGIONI

    La lista “Per una sinistra rivoluzionaria”, che il PCL ha promosso assieme ai compagni e alle compagne di Sinistra Classe Rivoluzione, ha registrato un risultato molto negativo (0,12 al Senato, 0,08 alla Camera, corrispondente a un bacino di circa lo 0,15, vista la presenza solo nella metà del paese). Da rivoluzionari non rimuoviamo la realtà, né vogliamo abbellirla. Siamo stati in questa campagna elettorale l'unica reale presenza anticapitalista, classista, internazionalista. Molti fattori congiunti hanno militato contro di noi: uno scenario generale di deriva reazionaria segnato dall'arretramento profondo della coscienza politica della classe, la concorrenza inedita di tre formazioni a sinistra del PD molto più equipaggiate di noi in termini di forza organizzata o proiezione pubblica, un simbolo elettorale e un nome della lista con l'esplicito riferimento alla "sinistra" in assenza di una chiara connotazione comunista legato all'accordo tra i soggetti componenti il cartello. A tutto questo si è aggiunta una riduzione degli spazi mediatici d'accesso maggiore che in passato, senza paragone con altri soggetti concorrenti. L'insieme di questi fattori ha concorso a un risultato obiettivamente pessimo, ma non ne sono l’unica motivazione.

    Ma da marxisti rivoluzionari non ci facciamo certo demotivare da un risultato elettorale. Naturalmente nei prossimi giorni, a partire dai nostri organismi dirigenti, faremo un'analisi approfondita del voto e un bilancio politico. Ma i risultati elettorali non sono mai la misura delle ragioni, quanto il riflesso di uno scenario dato e dei relativi rapporti di forza. Mentre tutte le ragioni che abbiamo sostenuto nella stessa campagna elettorale, e che più in generale sono alla base del nostro intervento di classe, continuano a corrispondere alla realtà delle cose. Su due terreni complementari.

    In primo luogo, la situazione sancita dal voto del 4 marzo conferma una volta di più che solo una irruzione del movimento operaio sul terreno della lotta di classe potrà segnare una svolta reale e aprire dal basso un nuovo scenario politico. Senza la ripresa di un'opposizione sociale di classe e di massa che scomponga i blocchi sociali reazionari e segni nuovi rapporti di forza, l'intera situazione politica continuerà ad avvitarsi lungo la china in atto. È la dinamica di questi anni che il voto ha registrato. Non ci sono scorciatoie politiciste o marchingegni elettorali che possano aggirare questa verità.

    Parallelamente, proprio il profondo arretramento della coscienza politica della classe lavoratrice, che i risultati elettorali confermano clamorosamente, ripropone la necessità di costruire controcorrente il partito rivoluzionario, cioè quell'organizzazione dell'avanguardia che porta la coscienza nella classe, contrasta i suoi pregiudizi, combatte i seminatori di vecchie e nuove illusioni, riconduce ogni esperienza alla necessità della rivoluzione e di un governo dei lavoratori. Ogni rimozione della centralità della costruzione del partito d'avanguardia come portatore di coscienza è smentita ancora una volta proprio dal voto del 4 marzo.


    COSTRUIRE IL PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI

    Se il risultato elettorale del 4 marzo è pessimo per il movimento operaio, è ben lungi dall'aver risolto i problemi della borghesia. Il padronato è forte nei luoghi di lavoro, e certo capitalizzerà su quel terreno anche l'esito del voto. Ma il voto del 4 marzo segna anche un nuovo passaggio della crisi di governabilità borghese. La Seconda repubblica del vecchio bipolarismo tra centrodestra e centrosinistra è da tempo tramontata. Ma la Terza repubblica annunciata da Di Maio e dal M5S quale nuovo pilastro politico e istituzionale è ancora lontana dall'essere realizzata. E Salvini non sembra disporre ad oggi dei numeri necessari per formare attorno a sé un nuovo governo di centrodestra. Chi dunque si intesterà nel nuovo quadro i nuovi programmi di austerità imposti dal capitale finanziario (e furbescamente rimossi in campagna elettorale da tutti i principali attori)?

    Detto questo, nessuna contraddizione borghese, nessuna dinamica obiettiva degli avvenimenti, porterà una soluzione progressiva della crisi italiana senza l'irruzione nella lotta della classe lavoratrice e l'affermazione di una sua nuova direzione. Questo è il punto decisivo. Sono le ragioni del Partito Comunista dei Lavoratori e della sua costruzione quotidiana.

    Tanti nuovi compagni e compagne hanno preso contatto con il nostro partito durante la campagna elettorale, come alcune realtà di classe di avanguardia a livello di fabbrica. Il nostro difficile lavoro controcorrente di costruzione e radicamento continuerà, nell'interesse obiettivo del movimento dei lavoratori e dell'unica possibile soluzione alternativa: una soluzione anticapitalista e rivoluzionaria.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moralista diamattista
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Arcipelago Gulag
    Messaggi
    10,355
    Mentioned
    120 Post(s)
    Tagged
    31 Thread(s)

    Predefinito Re: PCL analisi del voto

    Hanno ragione sull'immagine autocentrata di Rizzo, ma quali sarebbero gli elementi ambigui su antifascismo, immigrati (non "migranti") e diritti civili? Semmai è ambiguo un partito comunista che si chiama di "sinistra rivoluzionaria" e non comunista.

    Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

  3. #3
    Kim Jong User
    Data Registrazione
    31 Dec 2010
    Messaggi
    3,743
    Mentioned
    28 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: PCL analisi del voto

    Il PC stalinista di Marco Rizzo, di impronta nordcoreana


    Citazione Originariamente Scritto da Lord Attilio Visualizza Messaggio
    Hanno ragione sull'immagine autocentrata di Rizzo, ma quali sarebbero gli elementi ambigui su antifascismo, immigrati (non "migranti") e diritti civili? Semmai è ambiguo un partito comunista che si chiama di "sinistra rivoluzionaria" e non comunista.

    Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
    Ma infatti il PC ha adottato un'analisi puramente marxista di quei temi. Il fatto che la reputino "ambigua" la dice lunga.
    FUORI DALL'UE E DALLA NATO PER IL SOCIALISMO

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,483
    Mentioned
    91 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: PCL analisi del voto

    Citazione Originariamente Scritto da Lord Attilio Visualizza Messaggio
    Hanno ragione sull'immagine autocentrata di Rizzo, ma quali sarebbero gli elementi ambigui su antifascismo, immigrati (non "migranti") e diritti civili? Semmai è ambiguo un partito comunista che si chiama di "sinistra rivoluzionaria" e non comunista.

    Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
    eh magari avere rappresentati, anche giovanili, dei piccoli partiti comunisti sul forum.
    io ho provato per anni a invitarli nei luoghi di dibattito online che frequentavano ma la dialettica libera e spesso provocatoria del web pare non essere apprezzata.
    certamente la realtà ha priorità ma anche il web dovrebbe essere presidiato. peccato.

  5. #5
    Moralista diamattista
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Arcipelago Gulag
    Messaggi
    10,355
    Mentioned
    120 Post(s)
    Tagged
    31 Thread(s)

    Predefinito Re: PCL analisi del voto

    Comunque Ferrando nonostante la bile che vomita in continuazione su Rizzo ha comunque dovuto riconoscergli il non cattivo risultato.

    Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

  6. #6
    Forumista
    Data Registrazione
    05 Mar 2018
    Messaggi
    256
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: PCL analisi del voto

    Fosse pure un'iperbole, Nordcoreano andrebbe bene per descrivere uno stalinista furbacchione ex rifondarolo che ha appoggiato (o con il silenzio-assenso non ha ostacolato e quindi ha favorito) tutti i privvedimenti anti proletari e poi è passato nei miserabili Comunisti italiani per continuare l'opera. Il nome "per una siniostra rivoluzionaria" è il frutto dell'accordo tra i due segretari di partito di cui si è lamentato lo stesso Ferrando. Comunque dare importanza al nome è tipico di vecchi elettori settantenni rincretiniti (credo che i voti racimolati dai rizziani vengano in buona parte da lì) più attenti al richiamo nostalgico che alla sostanza.
    Sull'analisi marxista della migrazione dei rizziani bisongrebbe discutere. A me pare che molti partiti comunisti europei alla frutta, in paeticolare quelli più "vecchi stampo", inseguano le destre sulle stronzate sovraniste e nazionali e trascurino le cose importanti.
    Durru likes this.
    Lotta di classe e(') autoorganizzazione di classe.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Aug 2013
    Località
    Equatoria
    Messaggi
    9,529
    Mentioned
    145 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: PCL analisi del voto

    Perdete perche' siete tutti divisi (come perdono a destra perchè sono tutti divisi). Analisi banale quanto veritiera. Il problema non sta nei nomi, ma nella sostanza. Capisco le differenze di impostazione, di correnti, ma il marxismo ha un solo obiettivo: il governo dei lavoratori di stampo socialista. Quando metteranno da parti astii personali, personalismi, narcisismi vari, e davanti a tutto gli ideali, forse qualcosa cambiera'
    I nostri tempi hanno perso la vocazione all'eroismo, il senso tragico e comico della vita, che non è altro che una farsa romantica dalle conseguenze obbligate.

  8. #8
    Moralista diamattista
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Arcipelago Gulag
    Messaggi
    10,355
    Mentioned
    120 Post(s)
    Tagged
    31 Thread(s)

    Predefinito Re: PCL analisi del voto

    Consiglio il sito dell'altra lista candidata insieme al PCL, Sinistra Classe Rivoluzione, anche se sono sul trozkismo andante fanno buone analisi e sicuramente migliori di quelle del PCL.

    Rivoluzione

  9. #9
    Moralista diamattista
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Arcipelago Gulag
    Messaggi
    10,355
    Mentioned
    120 Post(s)
    Tagged
    31 Thread(s)

    Predefinito Re: PCL analisi del voto

    Citazione Originariamente Scritto da Marilena Larouge Visualizza Messaggio
    Fosse pure un'iperbole, Nordcoreano andrebbe bene per descrivere uno stalinista furbacchione ex rifondarolo che ha appoggiato (o con il silenzio-assenso non ha ostacolato e quindi ha favorito) tutti i privvedimenti anti proletari e poi è passato nei miserabili Comunisti italiani per continuare l'opera. Il nome "per una siniostra rivoluzionaria" è il frutto dell'accordo tra i due segretari di partito di cui si è lamentato lo stesso Ferrando. Comunque dare importanza al nome è tipico di vecchi elettori settantenni rincretiniti (credo che i voti racimolati dai rizziani vengano in buona parte da lì) più attenti al richiamo nostalgico che alla sostanza.
    Sull'analisi marxista della migrazione dei rizziani bisongrebbe discutere. A me pare che molti partiti comunisti europei alla frutta, in paeticolare quelli più "vecchi stampo", inseguano le destre sulle stronzate sovraniste e nazionali e trascurino le cose importanti.
    Se continuiamo a darci merda su queste stupidaggini non andiamo da nessuna parte, soprattutto considerando lo stato di assoluta miseria in cui si trova il movimento comunista italiano. Rizzo, con tutti i difetti che ha, ha fatto un appello a tutti i comunisti per le elezioni e se quelli come Ferrando preferiscono la purezza e le critiche all'oggettiva necessità di rinascita, allora fanno il gioco dei poteri forti che si stanno preparando a ridurci come la Grecia.
    MaIn, Spirdu and avanti proletari like this.

  10. #10
    Forumista
    Data Registrazione
    05 Mar 2018
    Messaggi
    256
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: PCL analisi del voto

    Citazione Originariamente Scritto da Kavalerists Visualizza Messaggio
    Sì sì, continuate pure a definire una stronzata la questione della sovranità nazionale, così riuscirete ad accelerare la definitiva scomparsa dell'osceno ibrido, orwelliano e totalitario, liberaldemocratico-progressista, che si spaccia per sinistra, a volte pure socialista o socialdemocratica.
    Guarda, a me della sinistra parlamentare e di quello che rimane del PRC frega meno di niente. Il piunto è recuperare il terreno, ma npn con le fregnacce del sovranismo.

    Citazione Originariamente Scritto da Lord Attilio Visualizza Messaggio
    Se continuiamo a darci merda su queste stupidaggini non andiamo da nessuna parte, soprattutto considerando lo stato di assoluta miseria in cui si trova il movimento comunista italiano. Rizzo, con tutti i difetti che ha, ha fatto un appello a tutti i comunisti per le elezioni e se quelli come Ferrando preferiscono la purezza e le critiche all'oggettiva necessità di rinascita, allora fanno il gioco dei poteri forti che si stanno preparando a ridurci come la Grecia.
    Alcune questioni però sono tut'altro che trascurabili.
    Lotta di classe e(') autoorganizzazione di classe.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Correlati:

Discussioni Simili

  1. PdAC rifiuta la corte del PCL
    Di MaIn nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 18-10-12, 15:42
  2. NOTA DEL PCL SULLA FEDERAZIONE DELLE SINISTRE
    Di Inverno nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 04-08-09, 18:55
  3. sez.Ozieri-PCL: analisi scioperi Sulcis/Formazione
    Di urgekitana nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-10-06, 20:05
  4. Dichiarazione del PCL
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 05-09-06, 16:56
  5. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-06-03, 09:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225