User Tag List

Pagina 3 di 3 PrimaPrima ... 23
Risultati da 21 a 23 di 23
Like Tree7Likes

Discussione: Minniti: "Terroristi nascosti tra i migranti, il rischio attentati è altissimo"

  1. #21
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    07 Aug 2016
    Messaggi
    11,902
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    73 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Minniti: "Terroristi nascosti tra i migranti, il rischio attentati è altissimo"

    stessi attacchi che vengono dai centri sociali


    non è che posti da lì?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #22
    Anticapitalista!
    Data Registrazione
    21 Jun 2010
    Messaggi
    32,181
    Mentioned
    221 Post(s)
    Tagged
    15 Thread(s)

    Predefinito Re: Minniti: "Terroristi nascosti tra i migranti, il rischio attentati è altissimo"

    Citazione Originariamente Scritto da nuovorizzonte Visualizza Messaggio
    In realtà a me sembra che Minniti sia l'idolo di ogni leghista più anti-immigrazionista
    la banalità all'ennesima potenza!

    Ogni tanto riesci anche a dire qualcosa di non mediocre?
    L’immigrazione è fenomeno padronale. Chi critica il capitalismo approvando l’immigrazione, di cui la classe operaia è la 1a vittima, farebbe meglio a tacere. Chi critica l’immigrazione restando muto sul capitale, dovrebbe fare altrettanto. De Benoist

  3. #23
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    50,237
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    189 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito Re: Minniti: "Terroristi nascosti tra i migranti, il rischio attentati è altissimo"

    Citazione Originariamente Scritto da Ashur Visualizza Messaggio
    "Il rischio attentati è altissimo Terroristi nascosti tra i migranti"

    Roma Il rischio di attacchi terroristici è altissimo, in Italia e i foreign fighters potrebbero arrivare anche sui barconi. «Ecco perché è importante l'aver creato un metodo per governare i flussi migratori»: parola del ministro dell'Interno, Marco Minniti.

    «Il governo che verrà dice ne tenga conto».

    Ministro, per il nostro Paese, c'è davvero il rischio di attentati?

    «Il rischio era e rimarrà alto. In questi anni abbiamo dovuto misurarci con una drammatica minaccia che costituiva, rispetto anche ad altre esperienze di terrorismo islamista, una radicale innovazione. Islamic State a un certo punto ha operato una gigantesca differenziazione con Al Qaeda, ossia ha deciso di farsi Stato. E da Isis iniziale ha tolto le due sillabe finali, diventando Is. Cioè passando anche dall'Irak e dal Levante al Califfato per puntare al mondo intero. Con la caduta di Raqqa, però, il Califfato ha subito un colpo durissimo. È rimasto sul campo attraverso i foreign fighters che non sappiamo quanto siano sopravvissuti rispetto ai circa 30mila iniziali».

    Pensa che torneranno in Europa? Come lo faranno?

    «Lo scambio di informazioni con altri Stati è fondamentale. Non siamo di fronte a una ritirata organizzata. Se un anno fa mi aveste chiesto se è possibile che questi soggetti si mischino coi flussi dei migranti avrei risposto no perché un anno fa questi gruppi sarebbero stati degli assetti nobili (combattenti, ndr) di Is e tu un assetto nobile non lo mandi in Europa con i rischi dei flussi migratori. Dal momento che la fuga è individuale viene lecito pensare che la via migliore sia quella di una rotta già aperta, quella dei trafficanti di esseri umani».

    Anche per questo i flussi vanno controllati?


    «Sì, in 16 mesi abbiamo creato un metodo, partendo dalla restituzione di quattro motovedette alla Libia. Nessuno avrebbe mai scommesso che sarebbero servite a qualcosa. Oggi hanno fatto più di 25mila operazioni di search and rescue. In questo momento in Libia, grazie alla nostra iniziativa, operano l'Oim e l'Unhcr. È un successo del Sistema Paese, è l'Italia che l'ha fatto e quando l'ha fatto ha aperto la strada all'Europa, che oggi stanzia 50 milioni di euro per le città libiche, principalmente interessate al traffico di esseri umani. L'Oim e l'Unhcr, quando la motovedetta riporta i migranti a Tripoli, stanno sul molo ad aspettarli. Ora è l'Unhcr che ha cominciato a selezionare in Libia coloro che hanno diritto alla protezione internazionale».

    Un metodo brevettato, quindi.

    «L'Italia è un Paese che crede nel governo dei flussi migratori. Coloro che hanno diritto alla protezione internazionale non li portano più gli scafisti, ma le organizzazioni governative d'intesa con la Cei, come è giusto che sia. A breve aprirà a Tripoli un centro vocato a far questo e gestito direttamente dall'Unhcr con il governo libico. Coloro che non hanno diritto alla protezione internazionale vengono, invece, rimpatriati dall'Oim con rimpatrio volontario assistito, ovvero con un budget per rifarsi una vita».

    Tornando al terrorismo. Che può dirci della famosa lista dei foreign fighters?

    «Che viene continuamente aggiornata. Si parla di cifre relativamente piccole rispetto agli altri Paesi europei, intorno ai 120 soggetti, di cui una parte presuntivamente morti. Quelli che sono ancora in Italia sono monitorati. Tra loro c'è qualche italiano radicalizzato. Tuttavia chi ha compiuto gli attentati in Europa non proveniva dalla Siria e dall'Irak, erano figli di una mancata integrazione. Questo ci deve far riflettere».

    Lei ha governato i flussi, prima di lei, però, il caos.

    «Il fatto importante è che non ci sia dopo di me. Su queste cose è fondamentale che si apra una discussione seria. Bisogna cimentarsi con la durezza dei fatti».

    Che può dirci, invece, dei lupi solitari arrestati in questi giorni?

    «Che si muovono perché auto attivati e questa è la forza dell'Is: che in questi anni ha costruito una rete di terroristi pronti ad agire che nemmeno Islamic State sa di avere. Sono operazioni differenti, maturate nel tempo che sono venute a conclusione quasi contemporaneamente. Per fortuna abbiamo la capacità di previsione delle nostre forze di polizia. Di fronte alla imprevedibilità funziona anche il controllo del territorio».

    Il lavoro delle nostre forze dell'ordine è importante, ma hanno avuto di recente, attacchi da esponenti dei centri sociali. Perché quest'odio?

    «Solo di un'esigua minoranza. Non bisogna lasciare quegli eventi impuntiti».

    Cosa pensa di quanto avvenuto a Bardonecchia?

    «Considero grave quello che è avvenuto a Bardonecchia. Con tempestività si è convocato l'ambasciatore francese a Roma e la nota della Farnesina, a cui come appare evidente si è lavorato insieme, rappresenta la posizione di tutto il governo. In sintesi, ad un fatto grave c'è stata una risposta all'altezza da parte dell'Italia».

    Ultimi giorni da ministro. Dopo cosa farà?

    «Il parlamentare. È importante si mantenga il ruolo terzo del ministero dell'Interno. Da qui sono passati tutti gli schieramenti politici, credetemi. A chiunque andrà al governo vorrei dire che gli altri Paesi ci ammirano per la nostra manifesta capacità di garantire la sicurezza e perché, nonostante il rischio terrorismo, il 2017 è stato per l'Italia l'anno con le maggiori presenze turistiche straniere. E poi non credevano avremmo governato i flussi migratori. Sono cose che il Paese dovrebbe tenere a cuore: costituiscono un vero patrimonio dell'Italia».
    minniti ha condiviso in tutto e per tutto le scelte folli di renzi e del pd tutto. e ci hanno ridotti in questa situazione. lui è responsabili tanto quanto renzi e gentiloni ed il pd tutto.
    le chiacchiere stanno a zero.

 

 
Pagina 3 di 3 PrimaPrima ... 23

Discussioni Simili

  1. Tra Salvini e Minniti sceglierei Minniti
    Di Ashur nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 16-02-18, 09:40
  2. Rischio terrorismo altissimo
    Di FLenzi nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 134
    Ultimo Messaggio: 04-03-16, 12:51
  3. Il rischio ritorno del terrorismo è altissimo!
    Di Tobias nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 03-05-13, 15:53
  4. Un'altra giornata ad altissimo rischio
    Di Soleil nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-10-10, 01:59
  5. Primarie: il Rischio sabotaggio è altissimo.
    Di Danny nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 62
    Ultimo Messaggio: 30-06-05, 13:35

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226