User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Lord Attilio

Discussione: Marx sull’immigrazione. Lavoratori, salari e status legale

  1. #1
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    23,960
    Mentioned
    325 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Marx sull’immigrazione. Lavoratori, salari e status legale

    Il 9 aprile 1870, Karl Marx scrisse una lunga lettera a Sigfrid Meyer e August Vogt, due dei suoi collaboratori negli Stati Uniti.1 In essa Marx toccava una serie di temi, ma il suo obiettivo principale era la “questione irlandese”, compresi gli effetti dell’immigrazione irlandese in Inghilterra. Questa discussione pare sia stata la più estesa trattazione di Marx sull’immigrazione, e mentre rappresenta difficilmente un’analisi completa, rimane interessante come un campione del pensiero di Marx sull’argomento, almeno in un giorno nel 1870.
    Dati i dibattiti intensi e spesso amari sull’immigrazione che si stanno svolgendo negli Stati Uniti e in Europa, la lettera a Meyer e Vogt ha ricevuto sorprendentemente poca attenzione dalla sinistra moderna. I sostenitori dei diritti degli immigrati, in particolare, hanno ignorato i pensieri di Marx sulla questione, in particolare la sua osservazione – che riflette la sua valutazione del modo in cui il sistema capitalista opera – che l’afflusso di immigrati irlandesi sottopagati in Inghilterra forzava verso il basso i salari dei lavoratori inglesi nativi. In realtà, molti sostenitori attuali dei diritti degli immigrati si sono schierati dalla parte degli economisti liberali che insistono sul fatto che l’immigrazione aumenta in realtà i salari per i lavoratori nativi.2

    Marx sull’immigrazione irlandese
    Nella sua lettera del 1870, Marx accusava la politica inglese verso l’Irlanda di essere basata principalmente sugli interessi economici dei capitalisti industriali inglesi e dell’aristocrazia terriera. L’aristocrazia inglese e la borghesia, scriveva, hanno avuto “un interesse comune…a trasformare l’Irlanda in pura e semplice terra da pascolo che fornisce carne e lana ai prezzi piú bassi possibili per il mercato inglese”. Per i capitalisti c’era anche un interesse
    nel ridurre la popolazione irlandese con l’espulsione e l’emigrazione forzata, ad un piccolo numero tale che il capitale inglese (capitale investito in terreni in locazione per l’agricoltura) può funzionare lì con “sicurezza”. Essa ha i medesimi interessi a disboscare le terre d’Irlanda, che aveva a disboscare i distretti agricoli di Inghilterra e Scozia. Le 6.000-10.000 sterline dei proprietari assenteisti e delle altre rendite irlandesi che oggi affluiscono ogni anno a Londra, sono pure da mettere in conto.
    Ma, Marx continuava, la borghesia inglese aveva anche “interessi molto più importanti nella presente economia d’Irlanda” – l’ immigrazione forzata di lavoratori irlandesi in Inghilterra:
    Attraverso la continua e crescente concentrazione dei contratti di affitto l’Irlanda fornisce il suo sovrappiú al mercato del lavoro inglese e in tal modo comprime i salari nonché la posizione materiale e morale della classe operaia inglese.3
    E ora la cosa piú importante di tutte! Ogni centro industriale e commerciale in Inghilterra possiede ora una classe operaia divisa in due campi ostili, proletari inglesi e proletari irlandesi. L’operaio comune inglese odia l’operaio irlandese come un concorrente che comprime il livello di vita. In relazione al lavoratore irlandese egli si considera un membro della nazione dominante e di conseguenza diventa uno strumento degli aristocratici inglesi e capitalisti contro l’Irlanda, rafforzando così il loro dominio su se stesso. Egli nutre pregiudizi religiosi, sociali e nazionali contro l’operaio irlandese. Il suo atteggiamento verso di lui è più o meno identico a quello dei “bianchi poveri” verso i negri negli ex Stati schiavisti degli U.S.A. L’irlandese lo ripaga con gli interessi della stessa moneta. Egli vede nell’operaio inglese il corresponsabile e lo strumento idiota del dominio inglese sull’Irlanda.
    Questo antagonismo viene alimentato artificialmente e accresciuto dalla stampa, dal pulpito, dai giornali umoristici, insomma con tutti i mezzi a disposizione delle classi dominanti. Questo antagonismo è il segreto dell’impotenza della classe operaia inglese, a dispetto della sua organizzazione. Esso è il segreto della conservazione del potere da parte della classe capitalistica. E quest’ultima lo sa benissimo.
    Marx scrisse questi passaggi quasi 150 anni fa, e lui non era certo infallibile: nella stessa lettera suggeriva ottimisticamente che l’indipendenza per l’Irlanda poteva accelerare “la rivoluzione sociale in Inghilterra.” (NOTA MIA: effettivamente non ha prodotto una rivoluzione comunista, ma nel suo piccolo ha prodotto l'ascesa del partito laburista, che nato nel 1900, in soli 20 anni diventò il secondo partito col 30% dei voti in contemporanea con l'indipendenza irlandese) Ma una grande parte della sua analisi suona straordinariamente contemporanea.
    I paralleli diventano evidenti se sostituiamo i paesi del Bacino dei Caraibi all’Irlanda e gli Stati Uniti all’Inghilterra. Proprio come la politica inglese ha devastato l’agricoltura su piccola scala in Irlanda, i programmi neoliberisti promossi dagli Stati Uniti come l’accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA) hanno sradicato i piccoli produttori in Messico, America Centrale, e nelle isole dei Caraibi, e questo a sua volta ha spinto milioni di sfollati a cercare lavoro negli Stati Uniti. Una volta qui, gli attuali immigrati sono costretti, come i loro predecessori irlandesi in Inghilterra, a lavori sottopagati e condizioni di vita scadenti, solo per affrontare l’ostilità da parte dei lavoratori nativi che li vedono come concorrenti. Antagonismi su questa competizione sono ulteriormente alimentati da pregiudizi razziali ed etnici, “artificialmente tenuti in vita e intensificati dalla stampa”.

    CUT del pippone sul punto se gli immigrati comprimono o meno i salari dei lavoratori locali (che comunque si può leggere per intero al link), che non ritengo rilevante, perchè per me quello che conta è la gestione POLITICA dell'immigrazione.

    Combattere lo sfruttamento, non l’immigrazione
    Marx non si dilungò le ragioni che lo inducevano a scrivere che l’immigrazione irlandese aveva ridotto i salari dei lavoratori inglesi. Egli sottintendeva che la causa era un eccesso di offerta di lavoratori manuali, ma sue altre affermazioni indicano che egli considerava la xenofobia inglese e l’antagonismo risultante tra i lavoratori un problema ancora maggiore. Il punto importante, tuttavia, è che non stava dando la colpa della diminuzione dei salari agli stessi immigrati; per lui i colpevoli erano il sistema coloniale che spingeva i lavoratori irlandesi in Inghilterra, e lo sfruttamento di questi lavoratori una volta arrivati.
    Le stesse considerazioni valgono oggi negli Stati Uniti. La differenza principale è l’aggiunta dello status giuridico come fattore di regolazione dei livelli salariali – leggi che ora rendono il lavoro “illegale” per milioni di lavoratori immigrati. I sostenitori dei diritti degli immigrati possono ritenere opportuno citare gli economisti accademici come Peri che minimizzano o negano la pressione al ribasso esercitata sui salari dallo sfruttamento dei lavoratori irregolari. Non è così. Come ha notato l’economista della Columbia University Moshe Adler, questo approccio non fa nulla per convincere i molti cittadini statunitensi che lavorano in occupazioni con un gran numero di immigrati privi di documenti – e quindi “sanno in prima persona che [lo sfruttamento dei lavoratori immigrati] esercita una pressione diretta verso il basso sui propri stipendi”.16
    Lungi dal contribuire al movimento, citando Peri non fanno che aumentare la diffidenza e il risentimento di questi lavoratori verso i difensori della classe media dei diritti degli immigrati.17 Cosa ancor più importante, questo approccio distrae l’attenzione dagli sforzi per affrontare i problemi reali: le cause profonde dell’immigrazione nella politica estera degli Stati Uniti, il super-sfruttamento dei lavoratori immigrati, e gli interessi comuni di immigrati e lavoratori nativi.
    Nel 2010, la Dignity Campaign, una coalizione di circa quaranta organizzazioni per i diritti del lavoro e degli immigrati, ha proposto un approccio globale sottolineando questi problemi. Più di recente, la piattaforma della campagna presidenziale 2016 del senatore Bernie Sanders ha fatto alcuni passi nella stessa direzione, mentre la piattaforma del Movement for Black Lives ha formulato raccomandazioni importanti nel mese di agosto 2016 per la lotta contro l’ingiustizia e il razzismo sistemico nelle leggi sull’immigrazione.18 Il clima politico è diventato particolarmente favorevole per l’organizzazione in questo senso a partire dal crollo finanziario del 2008. Paradossalmente, anche la campagna presidenziale di Trump 2016 può aver contribuito: ha incoraggiato il diritto nativista, ma ha anche reso un ampio settore della popolazione più consapevole del razzismo sottostante alla xenofobia anti-immigrati.
    Nella sua lettera del 1870, Marx descriveva ciò che poi considerò la priorità assoluta per l’organizzazione dei lavoratori in Inghilterra: “far capire ai lavoratori inglesi che per loro l’emancipazione nazionale dell’Irlanda non è una questione di giustizia astratta o sentimento umanitario, ma la prima condizione della propria emancipazione sociale“. Le sue parole conclusive di consiglio per Meyer e Vogt erano simili: “Voi avete un vasto campo d’azione in America, per operare nella stessa direzione, la coalizione degli operai tedeschi con quelli irlandesi (naturalmente anche con gli inglesi e gli americani che lo vorranno) è il più grande successo che voi possiate conseguire ora”. Questa prospettiva internazionalista e di classe non ha perso nulla del suo buon senso nel secolo e mezzo trascorso da quando è stata scritta.
    Note
    1 Karl Marx e Frederick Engels,Collected Works, vol. 43, Letters 1868–70 (London: Lawrence and Wishart, 2010): 471–76. In italiano Opere Complete, vol. 43, Lettere: gennaio 1868-luglio 1870 (Editori Riuniti, 1975).
    2 Per esempio, il pro-immigrazione American Immigration Council (AIC) scrisse nel 2012 che “l’immigrazione dà un piccolo incremento salariale alla vasta maggioranza dei lavoratori indigeni” AIC, “Value Added: Immigrants Create Jobs and Businesses, Boost Wages of Native-Born Workers, Employment and Wages,” January 1, 2012, http://americanimmigrationcouncil.org .
    3 Il tedesco moralisch, tradotto qui come “morale” può riferirsi a morale (stato d’animo) cosi come a principi etici. Marx sembra usare la parola in un senso ancora più largo: per esempio, nel Capitale, vol. 1, capitolo 10, lui discute “i limiti morali della giornata lavorativa”. Egli specificava che questi “limiti morali” includono “tempo per l’istruzione, per lo sviluppo intellettuale, per adempiere a funzioni sociali e per le relazioni con gli altri, per il libero gioco dell’attività fisica e mentale, perfino il tempo festivo domenicale”.
    16 Moshe Adler, “The Effect of Immigration on Wages: A Review of the Literature and Some New Data”, Empire State College, May 1, 2008, http://esc.edu;Pitting Worker Against Worker”, TruthDig, 30 aprile 2010, http://truthdig.com.
    17 Gli attivisti per i diritti degli immigrati dovrebbero anche notare che Peri supporta programmi di forte sfruttamento di “guest worker” (lavoratore straniero con permesso per un tempo limitato), e ha anche proposto che il governo federale metta all’asta visti di lavoro per le aziende, una pratica che “suona come mettere all’asta schiavi”, secondo il vice-direttore di Le Monde diplomatique Benoît Bréville. Vedi Giovanni Peri, “The Economic Windfall of Immigration Reform”, Wall Street Journal, February 12, 2013; e Benoît Bréville, “Getting In and Getting On,”Le Monde diplomatique, July 2013.
    18 Dignity Campaign, “The Dignity Campaign Proposal”, http://dignitycampaign.net;A Fair and Humane Immigration Policy”, http://berniesanders.com; Movement for Black Lives, “End the War on Black People”, http://policy.m4bl.org.
    https://monthlyreview.org/2017/02/01...n-immigration/
    Marx sull?immigrazione. Lavoratori, salari e status legale | Rifondazione Comunista
    "Una vecchia barzelletta sovietica, diceva, cos’è il deviazionismo? È andare dritti quando la linea va a zig zag. Ecco, io sono un deviazionista"

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    23,960
    Mentioned
    325 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Marx sull’immigrazione. Lavoratori, salari e status legale

    Marxismo e migranti. Una risposta a Omar Minniti

    In un articolo uscito sul sito de L’Antidiplomatico dal titolo Il salario minimo risolve da sinistra i problemi dell’immigrazione? Il compagno Omar Minniti respinge la tesi di coloro che, al fine di porre termine alla concorrenza fra la forza lavoro autoctona e quella straniera, propongono l’istituzione di un «salario minimo uguale per tutti, italiani e migranti, che costringa i proprietari dei campi, dei cantieri e delle fabbriche a non assumere più manodopera sottopagata, impedendo così che questa faccia concorrenza al ribasso ai lavoratori che hanno a cuore i loro diritti sindacali e riduca drasticamente il costo del lavoro».
    Sempre secondo Minniti se venisse introdotta una misura del genere i datori di lavoro preferirebbero assumere lavoratori locali e ciò comporterebbe che gli immigrati attualmente impiegati «verrebbero immediatamente espulsi dai processi produttivi e privati perfino di quella miseria che percepivano prima come semi-schiavi, sia nella condizione di lavoratori regolari ma sottopagati, che in quella di lavoratori al nero».
    La soluzione secondo l’autore quindi non può essere altro che la limitazione dei flussi migratori. Ad avviso dello scrivente tesi del genere sono sbagliate in quanto rischiano di agire come fattore di disgregazione dei lavoratori in funzione di una guerra fra poveri, ostacolando l’opposizione sociale e la formazione di un blocco sociale alternativo.
    Il fenomeno dell’immigrazione proletaria non è certo una novità e i marxisti hanno già avuto modo di trattare questo tema, a cominciare da Engels nel suo libro su “La situazione della classe operaia in Inghilterra” del 1845. Lo stesso Marx, in una lunga lettera a Sigfrid Meyer e August Vogt, due dei suoi collaboratori negli Stati Uniti, affrontò questo punto parlando degli effetti dell’immigrazione irlandese in Inghilterra. Nella sua lettera del 1870, Marx puntava il dito nei confronti della politica inglese verso l’Irlanda. Secondo il Moro di Treviri infatti l’aristocrazia inglese e la borghesia hanno avuto «un interesse comune a trasformare l’Irlanda in pura e semplice terra da pascolo che fornisce carne e lana ai prezzi piú bassi possibili per il mercato inglese». Inoltre riducendo la popolazione irlandese «mediante esproprio e emigrazione forzata» il capitale inglese poteva «funzionare in questo paese con “sicurezza”».
    Ma secondo Marx la borghesia inglese aveva altri «interessi ancora più notevoli nell’attuale economia irlandese». «Attraverso la continua e crescente concentrazione dei contratti di affitto – scriveva Marx – l’Irlanda fornisce il suo sovrappiú al mercato del lavoro inglese e in tal modo comprime i salari nonché la posizione materiale e morale della classe operaia inglese».
    « E ora la cosa piú importante di tutte! Ogni centro industriale e commerciale in Inghilterra possiede ora una classe operaia divisa in due campi ostili, proletari inglesi e proletari irlandesi. L’operaio comune inglese odia l’operaio irlandese come un concorrente che comprime il livello di vita. In relazione al lavoratore irlandese egli si considera un membro della nazione dominante e di conseguenza diventa uno strumento degli aristocratici inglesi e capitalisti contro l’Irlanda, rafforzando così il loro dominio su se stesso. Egli nutre pregiudizi religiosi, sociali e nazionali contro l’operaio irlandese. Il suo atteggiamento verso di lui è più o meno identico a quello dei “bianchi poveri” verso i negri negli ex Stati schiavisti degli U.S.A. L’irlandese lo ripaga con gli interessi della stessa moneta. Egli vede nell’operaio inglese il corresponsabile e lo strumento idiota del dominio inglese sull’Irlanda.
    Questo antagonismo viene alimentato artificialmente e accresciuto dalla stampa, dal pulpito, dai giornali umoristici, insomma con tutti i mezzi a disposizione delle classi dominanti. Questo antagonismo è il segreto dell’impotenza della classe operaia inglese, a dispetto della sua organizzazione. Esso è il segreto della conservazione del potere da parte della classe capitalistica. E quest’ultima lo sa benissimo».
    Anche oggi la classe capitalista è perfettamente cosciente che la divisione fra proletari immigrati e italiani è un fattore chiave della paralisi della classe operaia, e naturalmente fa di tutto per mantenere e rafforzare questa divisione, questa ostilità, questo razzismo, questo sentimento di superiorità nazionale. La cosa sorprendete invece è come di questo fatto non si rendano conto certi compagni che sostenendo le tesi di una certa destra anti-immigrati rischiano di lavorare per il Re di Prussia. È un po’ come se il PCI durante gli anni cinquanta e sessanta invece che invitare i lavoratori a scioperare contro la FIAT avesse aizzato gli operai torinesi contro quelli calabresi e napoletani.
    La famosa esortazione contenuta nel Manifesto del Partito Comunista «Proletari di tutti i paesi, unitevi» («Proletarier aller Länder, vereinigt euch!») indica che non esiste una unità nell’immediato (altrimenti non ci sarebbe bisogno di unirsi) ma che questa vada costruita. La coscienza di classe non è un qualcosa di già dato ma un qualcosa che si forma attraverso un lungo processo di apprendimento. Marx, come è noto operava la famosa distinzione fra «classe in sé» (ovvero la sua collocazione oggettiva) e «classe per sé» (che fa riferimento alla dimensione soggettiva, alla presa di coscienza da parte del proletariato della propria condizione di classe sociale). Secondo i marxisti lo strumento attraverso il quale avviene il passaggio dalla «classe in sé» a quella «per sé» è il Partito rivoluzionario , perché altrimenti la classe in sé, secondo Marx e Lenin e secondo l’esperienza storica, nelle sue lotte più avanzate non può che limitarsi al massimo al «tradeunionismo».
    La mancanza di una seria organizzazione politica di classe unita ad un inedito fenomeno di trasformismo di massa da parte di alcuni esponenti del ceto politico e intellettuale di ciò che rimane della cosiddetta sinistra radicale verso una forma di socialsciovinismo postmoderno adeguato alla società dello spettacolo, rischia di far piombare il nostro paese in anni bui ed in una deriva reazionaria difficilmente arrestabile.
    Marxismo e migranti. Una risposta a Omar Minniti | Contropiano
    "Una vecchia barzelletta sovietica, diceva, cos’è il deviazionismo? È andare dritti quando la linea va a zig zag. Ecco, io sono un deviazionista"

  3. #3
    Centralista
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Friuli
    Messaggi
    13,937
    Mentioned
    232 Post(s)
    Tagged
    33 Thread(s)

    Predefinito Re: Marx sull’immigrazione. Lavoratori, salari e status legale

    Frammenti: circa piccole polemiche sulle lettere di Marx (1870)

    di Alessandro Visalli

    Siamo nel 1870, quasi al punto culminante di quello che Engels, nella prefazione del 1892 a “La situazione della classe operaia in Inghilterra”, chiama: “il poderoso sviluppo della produzione nel ventennio tra il 1850 ed il 1870, e con le impressionanti cifre dell’esportazione e dell’importazione, della ricchezza che si accumula nelle mani dei capitalisti e della forza-lavoro umana che si concentra in città gigantesche” (ivi, p.45). Mentre la forza-lavoro umana (termine tecnico che non indica le persone in quanto tali, con l’intera loro personalità e qualità, ma le persone reificate come contenitori di lavoro astratto, quantificabile e fatto merce scambiabile) si concentra nella macchina produttiva per eccellenza, le grandi città industriali (cfr, Lefebvre, 1968 e seg.), la classe operaia ottiene temporanei miglioramenti “anche per la grande massa” (Engels subito dopo distingue tra l’aristocrazia operaia e gli operai di base), ma “poi ogni miglioramento veniva continuamente ricondotto al vecchio livello per l’afflusso della gran massa di riserva dei disoccupati, per la incessante espulsione di operai da parte del nuovo macchinario e per la immigrazione dei lavoratori agricoli, anch’essi ora e sempre più soppiantati dalle macchine”.

    Seguirà la crisi del 1876 e gli anni di “depressione soffocante”, con “una saturazione cronica di tutti i mercati per tutti gli affari”.

    Ancora qualche cenno sulla situazione storica: intorno agli anni sessanta del 1800 in Inghilterra tre quarti dei 24 milioni di abitanti facevano parte di quella che Baxter chiama “la classe dei lavoratori manuali”. Di questi solo il 15% poteva essere considerata ben pagata e facente parte della “aristocrazia del lavoro” (con salari dal doppio a quattro volte quelli di base).

    Il sindacalismo era molto poco sviluppato e si espanse solo dopo il 1871, arrivando a mezzo milione di iscritti alle Trade Unions. Per fare qualche paragone, i servitori domestici al 1871 era circa un milione e duecentomila e la classe media componeva qualcosa come settecentomila unità, in agricoltura erano impiegati più o meno un milione e mezzo di persone. I salari reali erano restati stagnanti dal 1850 al 1860, ma poi salirono del 40% fino al 1870, quindi subirono un lieve rallentamento.

    Allora, siamo nel 1870, Marx scrive a Laura e Paul Lafargue, che sono a Parigi, il 5 marzo, e poi scrive a Sigfried Meyer e August Vogt il 9 aprile. Ma prima aveva scritto a Ludwig Kungelmann, ad Hannover, il 29 novembre 1869. Leggeremo insieme queste tre lettere.

    Ancora due parole prima: Karl Marx (Treviri, 1818, Londra, 1883) era un uomo. Visse con grande intensità e passione il suo tempo, farne un profeta, o peggio un dio, e leggerlo con lo stesso spirito con il quale i credenti leggono i testi sacri, qualunque essi siano Bibbia, Corano o altri, è il più grande torto che gli potremmo fare. Lui non ce lo perdonerebbe, e riderebbe di noi.

    Questo uomo, mentre soffre per continui ascessi, scrive sulla questione irlandese, che da decenni accompagnava lo sviluppo industriale inglese e che si ripresentava in quegli anni in cui, durante quella che si suole chiamare la seconda rivoluzione industriale i tre fattori di pressione sui salari dei lavoratori, di cui parla Engels venti anni dopo, sono tutti presenti: l’afflusso della gran massa di riserva dei disoccupati, l’incessante espulsione di operai da parte del nuovo macchinario e l’immigrazione dei lavoratori agricoli (anche dall’Irlanda).

    Scriverà quindi Marx a Kulgelmann che si è “vieppiù convinto che qui in Inghilterra [la classe operaia] non potrà mai fare qualche cosa di decisivo, fintanto che non separerà la sua politica riguardo all’Irlanda nel modo più categorico, dalla politica delle classi dominanti, fino a quando non farà causa comune con gli Irlandesi”. Una frase notevole, che avrebbe un significato se non fosse immediatamente seguita dall’obiettivo di questa “causa comune”: “ma prenderà perfino l’iniziativa per lo scioglimento dell’Unione fondata nel 1801 e per la sua sostituzione con un libero rapporto federale”.

    Questa politica antimperialista (contro precisamente l’imperialismo inglese verso l’Irlanda) “deve essere fatta non come cosa sorta da simpatia per l’Irlanda”, non per motivi etici o umanitari, “ma come una rivendicazione fondata sull’interesse del proletariato inglese”. Si tratta dell’interesse a indebolire il capitale inglese, che sfrutta l’Irlanda direttamente, e di ridurre la concorrenza, da questo diretta, verso le proprie rivendicazioni salariali.

    Il modo di ragionare di Marx (probabilmente l’unica cosa che possiamo prendere ad esempio, dato che la situazione è del tutto diversa oggi) non prevede, quindi, che l’alleanza tra classe lavoratrice inglese e irlandese si compia sulla base di un astratto cosmopolitismo, o di un sentimentale afflato, ma per l’interesse proprio ben inteso. Per l’interesse, cioè, della classe lavoratrice inglese. E cosa deve essere fatto? Essenzialmente creare indipendenza, liberarsi dell’imperialismo. Liberandosi di questo prendere nelle proprie mani il proprio destino e fermare il continuo deflusso, prodotto per gli interessi del capitale, della popolazione agraria ancora abbondante in Irlanda verso le manifatture inglesi. Il deflusso, infatti cesserà se cessa lo sfruttamento che ne è causa.

    La lettera continua: “altrimenti il popolo inglese rimane a guinzaglio delle classi dominanti perché con queste esso deve fare causa comune di fronte all’Irlanda. Ogni suo movimento nella stessa Inghilterra rimane paralizzato dal dissidio con gli irlandesi che nell’Inghilterra stessa formano una parte assai considerevole della classe operaia”.

    Succede, cioè, qualcosa che può avere una qualche somiglianza con ciò che sta accadendo in Europa ed in Italia, ne abbiamo appena parlato: la potenziale divergenza di interesse tra la frazione nazionale del capitale (piccolo e medio), prevalentemente rappresentato dalla Lega, e le classi lavoratrici periferiche, prevalentemente rappresentate dal M5* (dato che hanno abbandonato la rappresentanza delle sinistre) è canalizzata in una abile azione distrattiva sull’immigrazione. L’immigrazione è usata quindi per tenere a guinzaglio.

    Ma nel fare questo discorso Marx (come Engels), però, mai, in nessun momento nega che ci sia un problema, non rifiuta di vederlo. Alla fine si risolvono nella direzione data perché lo ristrutturano inserendolo in due contesti prioritari: la lotta di classe per la rivoluzione e la lotta all’imperialismo.

    In primis la lotta per l’emancipazione, nelle condizioni date, in cui il grande capitale (ancora in parte terriero) ha radici nella colonia irlandese. Sotto questo profilo lottare contro di esso significa tagliare queste radici. Dunque bisogna tagliarle, ma questo deve essere fatto direttamente dagli irlandesi, sul posto, in Irlanda: “appena la cosa sarà data in mano al popolo irlandese stesso, appena questa sarà diventato il proprio legislatore e governante, appena diventa autonomo, perché in Irlanda non si tratta solo di una questione semplicemente economica, bensì allo stesso tempo di una questione nazionale, poiché là i landlords non sono come in Inghilterra i dignitari e i rappresentanti tradizionali, ma sono invece gli oppressori della nazionalità, mortalmente odiati” (corsivo nell’originale).

    Dunque potremmo considerare sotto questo profilo il suggerimento di spostare la lotta, e la battaglia ideologica, sul piano antimperialista, chiarendo in che modo è lo sfruttamento del capitale forte dei paesi più sviluppati che determina le condizioni che ci troviamo di fronte. Avevo chiamato questo lato del problema “economia politica dell’emigrazione” e denunciato l’anno scorso sia “l’estrazione di risorse”, sia “Il ruolo del credito”, e richiamato la posizione, davvero molto simile a questa di Marx, dell’economista Samir Amin nella conferenza “La sovranità popolare unico antidoto all’offensiva del capitale”.

    Quattro mesi dopo comunque lo stesso Marx scrive il 5 marzo una lettera a Laura e Paul Lafargue, che sono a Parigi (opere, vol. XLIII, p. 709) nella quale dà conto di una circolare scritta sulla situazione irlandese. Anche qui afferma di non essersi lasciato guidare “soltanto da sentimenti umanitari” (che pure ci sono), ma anche da “altre ragioni”. L’obiettivo è infatti di “accelerare la catastrofe dell’Inghilterra ufficiale”, ovvero farla precipitare, via radicalizzazione delle tensioni, verso la rivoluzione.

    Come si fa? Lo sguardo di Marx è geopolitico: “a questo scopo bisogna colpire in Irlanda. È questo il suo [dell’impero britannico] punto più debole. Se l’Irlanda va perduta, l’ ‘Empire’ britannico è finito, e la lotta di classe in Inghilterra, fino ad ora sonnacchiosa e lenta, assumerà forme violente”.

    Questa osservazione di Marx può essere resa più chiara dalla lettura del testo di Engels: guardando dal punto in cui quell’impero è entrato in crisi, ed il suo monopolio industriale si è interrotto, l’anziano amico di Marx chiarisce che era quello sfruttamento, quello delle colonie, che consentiva di distribuire qualche piccolo vantaggio e sopire la lotta di classe. Scrive: “la verità è questa: finché è durato il monopolio industriale dell’Inghilterra la classe operaia inglese ha partecipato in qualche misura ai vantaggi di questo monopolio. Questi vantaggi furono ripartiti nel suo interno in modo assai disuguale: la minoranza privilegiata ne intascò la parte maggiore, ma anche la gran massa ebbe almeno di quanto in quanto e per poco la sua parte. E questo è il motivo per cui dopo la scomparsa dell’owenismo in Inghilterra non vi è più stato socialismo” (Engels, prefazione del 1885). Traducendo all’oggi questa osservazione si può riconoscere che una parte della classe media inferiore (una categorie che non esisteva nell’Inghilterra vittoriana e che è il prodotto degli anni di espansione del dopoguerra) si giova in effetti dell’importazione di risorse umane (ovvero di forza-lavoro umana) in posizione subalterna e di debolezza contrattuale, in quanto ne può sfruttare i servizi (come domestici, come tuttofare, come operai o impiegati disponibili). È la posizione imperiale che ancora in parte coltiviamo che ci consente questo sfruttamento.

    In questo contesto veniamo ora a leggere la lettera a Sigfried Meyer e August Vogt del 9 aprile 1870.

    Marx ribadisce preliminarmente che il nodo della questione è sempre l’indipendenza dell’Irlanda, e continua, descrivendo la circolare già citata:

    “Dopo essermi occupato per anni della questione irlandese, sono giunto al risultato che il colpo decisivo contro le classi dominanti in Inghilterra (ed esso sarà decisivo per il movimento operaio in tutto il mondo) può essere sferrato non in Inghilterra, bensì soltanto in Irlanda.

    Il 1° gennaio 1870 il Consiglio generale ha emanato una circolare segreta, da me redatta in francese - (per il contraccolpo sull'Inghilterra sono importanti soltanto i giornali francesi, non quelli tedeschi) - sul rapporto tra la lotta nazionale irlandese e l'emancipazione della classe operaia e quindi sulla posizione che l'Internazionale deve assumere nei riguardi della questione irlandese”.

    Ecco i termini della questione:

    “Riassumo qui brevemente per voi i punti decisivi. L'Irlanda è il baluardo dell'aristocrazia fondiaria inglese. Lo sfruttamento di questo paese non è soltanto una delle fonti principali della sua ricchezza materiale. Esso è anche la sua massima autorità morale. Di fatto essi rappresentano il dominio dell'Inghilterra sull'Irlanda. L'Irlanda, perciò è il grande mezzo mediante il quale l'aristocrazia inglese conserva il suo dominio anche in Inghilterra.

    D'altro canto: se domani l'esercito e la polizia inglese si ritirano dall'Irlanda, voi avrete immediatamente una rivoluzione agraria in Irlanda. La caduta dell'aristocrazia inglese in Irlanda condiziona, a sua volta, e ha come conseguenza necessaria la sua caduta in Inghilterra. Ciò soddisfarrebbe la condizione preliminare per la rivoluzione proletaria in Inghilterra. Poiché in Irlanda, sino ad oggi, la questione agraria è stata la forma esclusiva della questione sociale, poiché essa è una questione di pura sopravvivenza, una questione di vita o di morte, per l'immensa maggioranza del popolo irlandese, poiché, al tempo stesso, essa è inscindibile dalla questione nazionale, l'annientamento dell'aristocrazia fondiaria inglese in Irlanda è un'operazione infinitamente più facile che non in Inghilterra. Tutto ciò a prescindere dal carattere, più passionale e rivoluzionario degli irlandesi, rispetto agli inglesi”.

    Ma prosegue denunciando in modo più specifico le condizioni di sfruttamento del capitale inglese organizza nella sua colonia irlandese. Fornitore di prodotti di base a basso prezzo (come accade con le monoculture e gli sfruttamenti minerari in Africa oggi), e costante spopolamento da quella parte eccedentaria della popolazione che potrebbe creare instabilità politica in loco.

    “Per quanto riguarda la borghesia inglese questa ha in primo luogo in comune con l'aristocrazia inglese l'interesse a trasformare l'Irlanda in pura e semplice terra da pascolo che fornisce carne e lana ai prezzi più bassi possibili per il mercato inglese. Essa ha lo stesso interesse a ridurre la popolazione irlandese al minimo mediante esproprio e emigrazione forzata; in modo che il capitale inglese (capitale d'affittanza) possa funzionare in questo paese con sicurezza. Essa ha i medesimi interessi a spopolare le terre d'Irlanda, che aveva a spopolare i distretti agricoli di Inghilterra e Scozia”.

    Poi c’è un semplice trasferimento di ricchezza, ovvero una sua estrazione attraverso i titoli di proprietà.

    “Le 6.000-10.000 sterline dei proprietari assenteisti e delle altre rendite irlandesi che oggi affluiscono ogni anno a Londra, sono pure da mettere in conto”.

    Il terzo meccanismo è il “più notevole”: l’estensione del modo di produzione intensivo e monoculturale, che espelle i lavoratori impegnati in attività di sussistenza precapitalistiche, messo in contatto con la vicina Inghilterra nella quale ormai pochi costituiscono la riserva agricola, serve a comprimere i salari, funge da rinforzo a quell’”esercito di riserva” costituito in primo luogo dai disoccupati e sottoccupati e poi dagli agricoltori:

    “Ma la borghesia inglese ha interessi ancora più notevoli nell'attuale economia irlandese. Attraverso la continua e crescente concentrazione dei contratti di affitto l'Irlanda fornisce il suo sovrappiú al mercato del lavoro inglese e in tal modo comprime i salari nonché la posizione materiale e morale della classe operaia inglese”.

    Ciò non impedisce a Marx di affermare contemporaneamente che questa competizione, che c’è e che ha appena descritto, viene funzionalizzata dal capitale due volte. Una volta per aumentare i profitti abbassando i salari rispetto alla produttività, una seconda disciplinando i lavoratori stessi e deviando la loro giusta rabbia.

    “E ora la cosa piú importante! In tutti i centri industriali e commerciali dell'Inghilterra vi è adesso una classe operaia divisa in due campi ostili, proletari inglesi e proletari irlandesi. L'operaio comune inglese odia l'operaio irlandese come un concorrente che comprime il tenore di vita. Egli si sente di fronte a quest'ultimo come parte della nazione dominante e proprio per questo si trasforma in strumento dei suoi aristocratici e capitalisti contro l'Irlanda, consolidando in tal modo il loro dominio su se stesso. L'operaio inglese nutre pregiudizi religiosi, sociali e nazionali verso quello irlandese. Egli si comporta all'incirca come i bianchi poveri verso i negri negli Stati un tempo schiavisti dell'unione americana. L'irlandese lo ripaga con gli interessi della stessa moneta. Egli vede nell'operaio inglese il corresponsabile e lo strumento idiota del dominio inglese sull'Irlanda”.

    Uno scontro che non significa sia infondato sulle circostanze di fatto (le ha appena ricordate sopra), ma che è sfruttato dall’esterno.

    “Questo antagonismo viene alimentato artificialmente e accresciuto dalla stampa, dal pulpito, dai giornali umoristici, insomma con tutti i mezzi a disposizione delle classi dominanti. Questo antagonismo è il segreto dell'impotenza della classe operaia inglese, a dispetto della sua organizzazione. Esso è il segreto della conservazione del potere da parte della classe capitalistica. E quest'ultima lo sa benissimo”.

    Di qui torna su considerazioni geopolitiche connesse con la rivoluzione mondiale:

    “Il malanno non finisce qui. Esso si riproduce al di là dell'oceano. L'antagonismo tra inglesi e irlandesi è il fondamento nascosto del conflitto tra Stati Uniti e Inghilterra. Esso rende impossibile ogni seria e sincera collaborazione tra le classi operaie dei due paesi. Esso permette ai governi dei due paesi, ogni volta che lo ritengano opportuno, di togliere mordente al conflitto sociale sia aizzandoli l'uno contro l'altro, sia, in caso di necessità, mediante la guerra tra i due paesi”.

    E conclude.

    “L'Inghilterra, in quanto metropoli del capitale, in quanto potenza fino ad oggi dominante il mercato mondiale, è per il momento il paese più importante per la rivoluzione operaia, oltre a ciò essa è l'unico paese, nel quale le condizioni materiali di tale rivoluzione si siano sviluppate fino ad un certo grado di maturità. Perciò l'obiettivo più importante dell'Internazionale è di accelerare la rivoluzione sociale in Inghilterra. L'unico mezzo per accelerarla è rendere indipendente l'Irlanda. Di qui ne deriva per l'"Internazionale" il compito di mettere sempre in primo piano il conflitto tra Inghilterra e Irlanda, di prendere sempre posizione aperta a favore dell'Irlanda. Il compito specifico del Consiglio centrale a Londra, è di risvegliare nella classe operaia inglese la consapevolezza che l'emancipazione nazionale dell'Irlanda non è per essa una questione di astratta giustizia o di sentimenti umanitari bensì la prima condizione per la loro stessa emancipazione sociale”.

    Insomma, Marx individua un conflitto di fatto, un meccanismo di sfruttamento nella colonia che si rovescia in un meccanismo di contenimento dei salari e insieme in un meccanismo di deviazione della relativa rabbia nel centro imperiale. Li denuncia anche in relazione ai loro effetti sulla scala mondiale. Ma definisce come orizzonte strategico, dopo aver a lungo meditato, la lotta antimperialista per garantire l’autonomia e l’indipendenza effettiva alla colonia, in modo che non sia più spogliata ed utilizzata per la compressione e il disciplinamento della classe operaia inglese.

    Una grande lezione di pensiero complesso, che non nega gli effetti ma guarda oltre di essi e punta alle radici dei problemi, e contemporaneamente di pensiero materialista. Non moralista.

    Lo sguardo deve essere così largo e in qualche misura anche così freddo: bisogna mobilitare le risorse di solidarietà per difendere i percorsi di autonomia politica, ovvero di autonomizzazione dalle forme del capitale contemporaneo (in parte diverse da quelle dell’epoca di Marx, che pure scriveva sulla soglia di una fase di mondializzazione e finanziarizzazione ed al termine di una forma imperiale, ovvero entro l’avvio di una transizione) per evitare che uomini e risorse siano inserite in modo subalterno in esso. Bisogna anche unirsi, allearsi, ma riconoscendo il reale, e l’enorme fatica che bisogna fare in esso.

    Come scrive Amin, l’agenda del nostro tempo (anche in relazione alla questione dell’immigrazione che è solo un tassello di quella generale) deve passare per la “decostruzione” di ciò che è stato costruito per essere adatto solo al modello di funzionamento neoliberale del capitale (tra queste alcune strutture dell’Unione Europea e alcune propaggini africane di questa, come anche l’ideologia ‘no border’ e le ‘libertà di circolazione’) e per la “disconnessione” dal sistema di competizione selvaggio della mondializzazione. Per farlo, ora come allora, bisogna porre la questione della “sovranità”.

    La questione di chi è il sovrano.

    https://www.sinistrainrete.info/marx...marx-1870.html

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 30-07-12, 17:44
  2. Risposte: 121
    Ultimo Messaggio: 12-05-12, 08:58
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-02-07, 10:50
  4. "Pensare con Marx, ripensare Marx"
    Di Outis nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-01-07, 11:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226