User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Lucas

Discussione: Il calcio italiano produce deficit: i costi superano sempre i ricavi.

  1. #1
    Iperuranico
    Data Registrazione
    23 Jun 2016
    Messaggi
    4,919
    Mentioned
    57 Post(s)
    Tagged
    22 Thread(s)

    Predefinito Il calcio italiano produce deficit: i costi superano sempre i ricavi.

    E se il calcio italiano, oggi grande assente ai Mondiali la vetrina più importante del football globale, non fosse altro che una straordinaria metafora del sistema Paese? Una sorta di specchio fedele dei vizi e delle virtù dell’italica patria? In fondo è lo sport più popolare per antonomasia, catalizza passioni se non fedi calcistiche. Ma è nei suoi risultati economico-finanziari, nei suoi conti, che le similitudini con le gioie e le disgrazie della Repubblica si fanno calzanti. Ricco e sfavillante nei suoi ingaggi e nelle sue finanze private, gracile nei suoi conti pubblici.

    Che il calcio sia affare ricco per i suoi protagonisti che scendono in campo ogni domenica è indubbio. Così come è un fatto che i conti privati delle famiglie italiane brillino di ricchezza, sicuramente in parte nascosta e mal distribuita, ma presente. La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane veleggia da anni attorno ai 4mila miliardi. Il doppio del debito pubblico italiano. Soldi investiti in conti correnti, Btp, azioni, fondi comuni, polizze. Ricchezza cumulata dalle generazioni e tenuta lì come un tesoretto capitalizzato per l’avvenire. Con nonni e capifamiglia che con quel tesoretto sostengono la generazione dei millennials, precaria nel lavoro e precaria nell’esistenza.

    Come non pensare agli stipendi dei calciatori. Stipendi dorati che insieme ai costi vari finiscono per valere tutto il monte ricavi del calcio professionistico italiano. L’ultimo rapporto Pwc Arel sul pianeta calcio ci dice proprio questo. Nell’ultima stagione 2016-2017 il calcio professionistico italiano (Serie A, B, Lega Pro) ha avuto un giro d’affari di 3,2 miliardi di euro, tutti mangiati dai costi che si sono attestati a 3,35 miliardi. Se fosse un’industria come un’altra peccherebbe e molto in efficienza. Da anni il calcio nel suo insieme produce solo perdite. I costi finiscono puntualmente per superare i ricavi, complice il forte peso degli stipendi dei calciatori. Negli ultimi 5 anni il calcio professionistico ha cumulato perdite per quasi 1,7 miliardi. Con perdite attestatesi mediamente a un valore medio annuo che pesa per il 10% dei ricavi. Ogni 100 euro prodotte il calcio ne brucia 10. Un’industria che produce costantemente deficit. Un po’ come la Repubblica che finisce ogni anno in perdita per quei 70 miliardi che costa la spesa per interessi sul debito. Già il debito. È proprio qui che la similitudine con i conti pubblici italiani si fa calzante. I debiti del calcio superano costantemente i ricavi. Un po’ come quel rapporto debito/Pil che affanna da sempre l’Italia. L’anno scorso i debiti cumulati del calcio sono saliti a quota 4 miliardi. Valgono il 120% dei totale dei ricavi aggregati. Pesano sul conto economico per la spesa sugli interessi come accade per i conti pubblici italiani. Anche qui la similitudine è imbarazzante. I conti pubblici italiani da anni chiudono con un avanzo primario (rapporto tra entrate e uscite) positivo, ma vanno in rosso per la spesa per interessi che vale 70 miliardi. Ebbene per il calcio funziona uguale. Tra entrate e uscite ordinarie il saldo è stato positivo nell’ultima stagione per 39 milioni di euro. Ma poi vanno sottratti gli interessi sul debito costati ben 95 milioni di euro e voilà il risultato di bilancio finisce in deficit. Quel debito è come un’ipoteca sul futuro. Vale per la Repubblica, vale per il calcio.

    Altra costante è il livello di sottocapitalizzazione della pelota italica. Un po’ come il livello di scarsa patrimonializzazione che connota il sistema industriale italiano. Ebbene a fronte di 4 miliardi di debiti totali, il capitale che li sostiene è solo di 358 milioni. Meno del 10%. Con un livello di rapporto debito equity che assomiglia alla struttura patrimoniale di molte pmi italiane, dove l’imprenditore mette capitale di rischio per 10 e si indebita per 90. Tra l’altro c’è stato nell’ultima stagione un forte miglioramento della struttura finanziaria. Ci sono stati anni passati in cui il capitale delle società calcistiche pesava tra il 2 e il 5% del passivo. Capitalismo calcistico senza capitali verrebbe da dire. Un vizietto mutuato evidentemente dalla struttura finanziaria di molte imprese che vanno a leva finanziaria in modo dissennato attingendo a piene mani al debito bancario. Il calcio italiano sotto il profilo finanziario non ci fa una bella figura. Debiti che valgono il 120% del giro d’affari. Capitale tenuto ai minimi termini e costi totali che finiscono per mangiarsi tutti i ricavi producendo ogni anno che passa solo perdite.

    Il confronto con altri paesi è impietoso. Mentre la nostra serie A chiude in perdita costante da anni, le serie maggiori tedesche e spagnole grondano profitti ogni stagione (ad esempio la Serie A inglese ha chiuso con un miliardo di sterline di utili). Non solo ma a livello di struttura patrimoniale il calcio degli altri Stati non ha il livello di sotto-patrimonializzazione che connota l’Italia. Mentre come abbiamo visto il calcio italico vanta capitale su debiti che non va oltre (quando va bene) il 10%, il calcio degli altri non lesina risorse proprie. Il calcio tedesco ha capitale che vale il 40% del passivo. In Spagna le società hanno patrimonio al 25% delle passività e in Inghilterra il patrimonio dei club vale il 36% del bilancio. Anni luce lontani dal mesto calcio italico scoppiettante quanto a immagine e campioni, gracile quanto a debiti, perdite à go-go e capitali che mancano costantemente all’appello.
    https://www.ilfattoquotidiano.it/pre...no-fuorigioco/
    Veritas filia temporis

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    26 May 2016
    Messaggi
    7,476
    Mentioned
    49 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Il calcio italiano produce deficit: i costi superano sempre i ricavi.

    si ma vuoi mettere quanto sia stato utile negli ultimi decenni per tenere i cervelli in formaldeide?
    la spesa per coprire le perdite è stata comunque un investimento di utilità straordinaria

  3. #3
    Antieroe
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Impero Romano
    Messaggi
    11,837
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il calcio italiano produce deficit: i costi superano sempre i ricavi.

    Iniziassero a far fare stadi di proprietà (con conseguenze maggior ricavo diretto per i biglietti di calcio e manifestazioni ospitate e indiretto tramite attività commerciali contigue alla struttura) poi vedete come i ricavi delle società salgono.
    Saturno likes this.
    .

  4. #4
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Éire
    Messaggi
    29,862
    Mentioned
    139 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Il calcio italiano produce deficit: i costi superano sempre i ricavi.

    le squadre di calcio secondo me servono a reciclare soldi
    La verità produce effetti anche quando non può essere pronunciata.

    L. von Mises

    SILENDO LIBERTATEM SERVO

  5. #5
    x il Socialismo Mondiale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pianeta Terra (Verona)
    Messaggi
    8,438
    Mentioned
    20 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il calcio italiano produce deficit: i costi superano sempre i ricavi.

    Il calcio è il nuovo oppio per il popolo.
    http://socialismo-mondiale.blogspot.com/
    Invece della parola d'ordine conservatrice Un equo salario per un'equa giornata di lavoro, i lavoratori devono scrivere sulla loro bandiera il motto rivoluzionario Soppressione del sist. del lavoro salariato

 

 
Correlati:

Discussioni Simili

  1. Risposte: 448
    Ultimo Messaggio: 04-06-12, 21:19
  2. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 02-06-12, 14:20
  3. I costi della politica e i costi per la democrazia
    Di Neoazionista nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-10-07, 12:06
  4. Audi tagli i costi e produce in Usa
    Di Amati75 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 05-01-05, 17:37
  5. ma quanto ci costi....ma quando ci costi,,,,,,,,,,,
    Di Penelope (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-09-04, 21:18

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225