User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 May 2012
    Messaggi
    17,554
    Mentioned
    29 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Ma quale “manina”, l’art. 14 del Decreto Dignità certifica il boomerang

    Il decreto legge Dignità, in fondo, basta leggerlo, articolo per articolo, per poter smontare le inesattezze e sgonfiare le polemiche che Luigi Di Maio sta alimentando. Non è sempre facile, i testi normativi sono spesso astrusi e incomprensibili per i non addetti ai lavori, ma con un po' di impegno ci si riesce.

    Leggendo il testo del decreto si scopre perché che la "manina" che avrebbe manomesso la relazione tecnica di accompagnamento del decreto non esiste. Il testo stesso del disegno di legge di conversione del decreto, quello che il ministro Di Maio ha co-firmato di proprio pugno e presentato a proprio nome al Parlamento per l'approvazione, contiene all'articolo 14 le stesse indicazioni della famigerata relazione tecnica. È l'articolo sulle "coperture finanziarie", cioè la parte della legge che dice quanto costano le varie misure del decreto e come vengono coperte queste spese.

    https://www.huffingtonpost.it/mara-c...ng_a_23482922/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Sep 2013
    Messaggi
    40,572
    Mentioned
    122 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Ma quale “manina”, l’art. 14 del Decreto Dignità certifica il boomerang

    eh, è un po' di giorni che lo dico, ma non penserai che Giggino abbia letto il decreto, vero?

    lui lo ha annunciato e firmato, quello che passa nel mezzo è compito di altri, mica un povero bibitaro può fare tutto.
    Le plus grand soin d’un bon gouvernement devrait être d’habituer peu à peu les peuples à se passer de lui.

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Aug 2016
    Messaggi
    2,357
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Ma quale “manina”, l’art. 14 del Decreto Dignità certifica il boomerang

    Prevedere con assoluta certezza perdite di posti di lavoro quando nel documento sono previste perdite economiche per lo Stato è da pazzi e collusi. Il mercato del lavoro non si misura con una semplice regola economica o matematica.
    Leggere Repubblica favorisce la scomparsa del PD

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 May 2012
    Messaggi
    17,554
    Mentioned
    29 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Ma quale “manina”, l’art. 14 del Decreto Dignità certifica il boomerang

    Citazione Originariamente Scritto da Sc4r Visualizza Messaggio
    Prevedere con assoluta certezza perdite di posti di lavoro quando nel documento sono previste perdite economiche per lo Stato è da pazzi e collusi. Il mercato del lavoro non si misura con una semplice regola economica o matematica.
    secondo te le perdite ecomiche previste da cosa derivano?

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Sep 2013
    Messaggi
    40,572
    Mentioned
    122 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Ma quale “manina”, l’art. 14 del Decreto Dignità certifica il boomerang

    Citazione Originariamente Scritto da Sc4r Visualizza Messaggio
    Prevedere con assoluta certezza perdite di posti di lavoro quando nel documento sono previste perdite economiche per lo Stato è da pazzi e collusi. Il mercato del lavoro non si misura con una semplice regola economica o matematica.
    difatti è noto a tutti che meno occupati abbiamo e più lo stato incassa, è poi per quello che Giggino si sta dando da fare per rendere più dignitoso anche il bilancio dello stato.
    Le plus grand soin d’un bon gouvernement devrait être d’habituer peu à peu les peuples à se passer de lui.

  6. #6
    Super Troll
    Data Registrazione
    22 Sep 2009
    Località
    scomparsa
    Messaggi
    68,997
    Mentioned
    93 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: Ma quale “manina”, l’art. 14 del Decreto Dignità certifica il boomerang

    https://www.lospecialegiornale.it/20...a-vera-svolta/

    Lo Speciale ne ha parlato con l’economista Antonio Maria Rinaldi, animatore del sito Scenari Economici, docente di Economia politica


    Il Decreto Dignità è davvero la via giusta per dare risposte al problema della disoccupazione in Italia?

    “Il Decreto è importante, perché va a correggere il Jobs Act soprattutto per ciò che concerne il perimetro del ricorso ai contratti a tempo determinato. Con la scusa di incrementare le assunzioni dal punto di vista statistico, si è proceduto negli ultimi anni ad istituzionalizzare ed incentivare il ricorso al lavoro precario in maniera eccessiva, creando un’evidente distorsione, che questo Governo ha deciso di correggere. Per altro questo impegno è contenuto nel contratto sottoscritto fra Lega ed M5S, laddove si parla esplicitamente di rivedere gli spazi di manovra dei contratti a termine”.

    Però nelle ultime ore ha fatto molto discutere il dato relativo alla possibile perdita di 8mila posti di lavoro che per altro ha rischiato di provocare uno scontro fra Di Maio e Tria. Cosa pensa?

    “Ritengo credibile la versione della ‘manina anonima’ che nottetempo possa aver inserito nella relazione tecnica dati fuorvianti con l’obiettivo di far saltare il provvedimento. Anche perché questa storia degli 8mila posti di lavoro persi, mi ricorda tanto le tabelline che circolarono in prossimità del referendum costituzionale del dicembre 2016, all’interno delle quali erano contenute previsioni su una consistente perdita dei posti di lavoro e una perdita del Pil del 4%, nel caso di vittoria del no. Numeri che sembravano tirati fuori da una riffa del lotto e che il tempo in verità ha smentito dando ragione a chi, come il sottoscritto, all’epoca parlò di cifre completamente inattendibili. Una cosa è certa: il Decreto Dignità eleva la dignità stessa del lavoratore dopo anni di scarse tutele”.

    Cosa c’è in questo Decreto di positivo e cosa andrebbe a suo giudizio rivisto?

    “Tutto è perfettibile in Parlamento. C’è un impianto generale elaborato dal Governo, ma essendo la nostra una Repubblica parlamentare tutto potrà essere migliorato nelle aule. Ricordo inoltre che è sbagliato concentrare l’attenzione unicamente sulla parte relativa alla stretta sul precariato. Altro punto secondo me fondamentale, e direi per certi versi rivoluzionario, riguarda la possibilità di erogare sanzioni alle aziende che hanno percepito aiuti dallo Stato e hanno poi delocalizzato la produzione, o a quelle che, pur rimanendo in Italia, dopo aver ottenuto le sovvenzioni, hanno licenziato oltre il 10% dei dipendenti. Disposizioni ottime che muovono dalle esperienze negative del passato. Del resto risulta oltremodo bizzarro che in passato vi siano state aziende, anche di grandi dimensioni, che dopo aver ottenuto vantaggi fiscali e contributivi e altri interessi agevolati, li hanno sfruttati per trasferire la produzione all’estero depauperando il tessuto economico italiano e incrementando la disoccupazione. Mi domando perché certe misure non le abbiano adottate anche i governi precedenti”.

    Il Governo sembra cambiare l’impostazione frenando le imprese che negli ultimi anni hanno esagerato con il ricorso al precariato. Ma come risponde a chi dice che meglio un lavoro precario che la disoccupazione?

    “Alle aziende mi sento di dare un consiglio non richiesto. Comprendo perfettamente che il lavoro non si possa creare per decreto, ma soltanto rimettendo in moto la domanda interna. Se c’è un governo che ha posto come obiettivo il rilancio dei consumi interni e quindi della capacità delle nostre industrie di produrre di più, a quel punto le nuove assunzioni verranno automaticamente e saranno a tempo indeterminato: perché gli impreditori avranno tutto l’interesse a produrre di più, assumere di più e pagare anche più tasse. Il nodo sta tutto qui. L’obiettivo primario oggi è perseguire politiche tese a rimettere in moto l’economia italiana agevolando i consumi interni. A quel punto come neve al sole di ferragosto si scioglieranno tutti i dubbi e l’imprenditore correrà ad assumere, perché saprà che con più lavoratori potrà produrre di più, guadagnare di più e pagare più tasse a beneficio di tutti. In passato questi elementari principi di economia non sono stati tenuti minimamente in conto”.

    Ma se avesse l’opportunità di intervenire sul Decreto, come agirebbe? Cosa modificherebbe o inserirebbe di innovativo?

    “Penso si possano verificare eventuali deroghe per situazioni particolari. L’Italia ha un tessuto industriale molto frazionato, la stragrande maggioranza delle aziende sono micro e piccole imprese le cui esigenze sono molto diverse da quelle delle grandi industrie. Si potrebbero quindi inserire delle differenziazioni per ciò che riguarda il numero dei dipendenti in maniera più marcata. Concedere più flessibilità di movimento alle piccole aziende rispetto alle grandi tornerebbe molto utile. Poi sono favorevole alla reintroduzione dei voucher nel settore agricolo e turistico dove operano in maggioranza attività stagionali, e dove è importante dare ai giovani la possibilità di lavorare, anche magari per pagarsi gli studi. Sempre meglio il voucher, che garantisce comunque una tutela, piuttosto che il lavoro nero”.

  7. #7
    Super Troll
    Data Registrazione
    22 Sep 2009
    Località
    scomparsa
    Messaggi
    68,997
    Mentioned
    93 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: Ma quale “manina”, l’art. 14 del Decreto Dignità certifica il boomerang

    https://www.lospecialegiornale.it/20...a-vera-svolta/

    Lo Speciale ne ha parlato con l’economista Antonio Maria Rinaldi, animatore del sito Scenari Economici, docente di Economia politica


    Il Decreto Dignità è davvero la via giusta per dare risposte al problema della disoccupazione in Italia?

    “Il Decreto è importante, perché va a correggere il Jobs Act soprattutto per ciò che concerne il perimetro del ricorso ai contratti a tempo determinato. Con la scusa di incrementare le assunzioni dal punto di vista statistico, si è proceduto negli ultimi anni ad istituzionalizzare ed incentivare il ricorso al lavoro precario in maniera eccessiva, creando un’evidente distorsione, che questo Governo ha deciso di correggere. Per altro questo impegno è contenuto nel contratto sottoscritto fra Lega ed M5S, laddove si parla esplicitamente di rivedere gli spazi di manovra dei contratti a termine”.

    Però nelle ultime ore ha fatto molto discutere il dato relativo alla possibile perdita di 8mila posti di lavoro che per altro ha rischiato di provocare uno scontro fra Di Maio e Tria. Cosa pensa?

    “Ritengo credibile la versione della ‘manina anonima’ che nottetempo possa aver inserito nella relazione tecnica dati fuorvianti con l’obiettivo di far saltare il provvedimento
    . Anche perché questa storia degli 8mila posti di lavoro persi, mi ricorda tanto le tabelline che circolarono in prossimità del referendum costituzionale del dicembre 2016, all’interno delle quali erano contenute previsioni su una consistente perdita dei posti di lavoro e una perdita del Pil del 4%, nel caso di vittoria del no. Numeri che sembravano tirati fuori da una riffa del lotto e che il tempo in verità ha smentito dando ragione a chi, come il sottoscritto, all’epoca parlò di cifre completamente inattendibili. Una cosa è certa: il Decreto Dignità eleva la dignità stessa del lavoratore dopo anni di scarse tutele”.

    Cosa c’è in questo Decreto di positivo e cosa andrebbe a suo giudizio rivisto?

    “Tutto è perfettibile in Parlamento. C’è un impianto generale elaborato dal Governo, ma essendo la nostra una Repubblica parlamentare tutto potrà essere migliorato nelle aule. Ricordo inoltre che è sbagliato concentrare l’attenzione unicamente sulla parte relativa alla stretta sul precariato. Altro punto secondo me fondamentale, e direi per certi versi rivoluzionario, riguarda la possibilità di erogare sanzioni alle aziende che hanno percepito aiuti dallo Stato e hanno poi delocalizzato la produzione, o a quelle che, pur rimanendo in Italia, dopo aver ottenuto le sovvenzioni, hanno licenziato oltre il 10% dei dipendenti. Disposizioni ottime che muovono dalle esperienze negative del passato. Del resto risulta oltremodo bizzarro che in passato vi siano state aziende, anche di grandi dimensioni, che dopo aver ottenuto vantaggi fiscali e contributivi e altri interessi agevolati, li hanno sfruttati per trasferire la produzione all’estero depauperando il tessuto economico italiano e incrementando la disoccupazione. Mi domando perché certe misure non le abbiano adottate anche i governi precedenti”.

    Il Governo sembra cambiare l’impostazione frenando le imprese che negli ultimi anni hanno esagerato con il ricorso al precariato. Ma come risponde a chi dice che meglio un lavoro precario che la disoccupazione?

    “Alle aziende mi sento di dare un consiglio non richiesto. Comprendo perfettamente che il lavoro non si possa creare per decreto, ma soltanto rimettendo in moto la domanda interna. Se c’è un governo che ha posto come obiettivo il rilancio dei consumi interni e quindi della capacità delle nostre industrie di produrre di più, a quel punto le nuove assunzioni verranno automaticamente e saranno a tempo indeterminato: perché gli impreditori avranno tutto l’interesse a produrre di più, assumere di più e pagare anche più tasse. Il nodo sta tutto qui. L’obiettivo primario oggi è perseguire politiche tese a rimettere in moto l’economia italiana agevolando i consumi interni. A quel punto come neve al sole di ferragosto si scioglieranno tutti i dubbi e l’imprenditore correrà ad assumere, perché saprà che con più lavoratori potrà produrre di più, guadagnare di più e pagare più tasse a beneficio di tutti. In passato questi elementari principi di economia non sono stati tenuti minimamente in conto”.

    Ma se avesse l’opportunità di intervenire sul Decreto, come agirebbe? Cosa modificherebbe o inserirebbe di innovativo?

    “Penso si possano verificare eventuali deroghe per situazioni particolari. L’Italia ha un tessuto industriale molto frazionato, la stragrande maggioranza delle aziende sono micro e piccole imprese le cui esigenze sono molto diverse da quelle delle grandi industrie. Si potrebbero quindi inserire delle differenziazioni per ciò che riguarda il numero dei dipendenti in maniera più marcata. Concedere più flessibilità di movimento alle piccole aziende rispetto alle grandi tornerebbe molto utile. Poi sono favorevole alla reintroduzione dei voucher nel settore agricolo e turistico dove operano in maggioranza attività stagionali, e dove è importante dare ai giovani la possibilità di lavorare, anche magari per pagarsi gli studi. Sempre meglio il voucher, che garantisce comunque una tutela, piuttosto che il lavoro nero”.

  8. #8
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    12 Jan 2011
    Messaggi
    31,205
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Ma quale “manina”, l’art. 14 del Decreto Dignità certifica il boomerang

    la coop rossa di follia ora fatica a rinnovare la gente ogni settimana... poverino

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 May 2012
    Messaggi
    17,554
    Mentioned
    29 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Ma quale “manina”, l’art. 14 del Decreto Dignità certifica il boomerang

    difendere Di maio che approva un decreto senza leggere il suo stesso decreto.


  10. #10
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    04 Jan 2016
    Località
    La Mente Universale
    Messaggi
    11,505
    Mentioned
    72 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Ma quale “manina”, l’art. 14 del Decreto Dignità certifica il boomerang

    Citazione Originariamente Scritto da the fool Visualizza Messaggio
    difendere Di maio che approva un decreto senza leggere il suo stesso decreto.

    Ma scusa, i 5S sono SEMPRE stati complottisti, dov'è la meraviglia?

    Molto probabilmente, dubbio legittimo, c'è stato un black-out di comunicazione che ha portato a credere che ci fosse un boicottaggio in stle "Tesi complottistica" poi amplificato dalla stampa
    Di tutte le possibili reazioni ad un insulto, la più efficace è il silenzio - Santiago Ramòn y Cajal

    Il più redditizio dei commerci è comprare gli uomini per quello che valgono e rivenderli per quello che credono di valere

 

 
Correlati:

Discussioni Simili

  1. Una manina o una manona......
    Di Gianky nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 07-03-13, 11:09
  2. Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 21-09-12, 20:33
  3. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 21-09-12, 20:09
  4. FIAT fa Ciao Ciao con la manina!!
    Di paulhowe nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 181
    Ultimo Messaggio: 15-09-12, 01:26
  5. UNA MANINA SU INTERNET..........
    Di paulhowe nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-03-11, 19:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225