User Tag List

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 12 di 12
  1. #11
    Сардиния
    Data Registrazione
    12 Nov 2009
    Località
    Терранова
    Messaggi
    7,131
     Likes dati
    2,344
     Like avuti
    3,088
    Mentioned
    62 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: 13 luglio1911, Itri (Latina): la strage dei sardi

    Citazione Originariamente Scritto da Josef Scveik Visualizza Messaggio
    Insultare? Dove? Quando? Per me i tuoi post sono deliri senza senso, non posso scriverlo?
    Raymond, cosa centro io . Qui si parlava di sardi e Doddore, al limite.
    Cosa centro io ...boh...!
    Qui semplicemente e materialmente, tu hai definito i sardi degli idioti, volendoli TU sensibilizzare su un controsenso delirante e sconnesso quale solo tu puoi mettere in piedi.
    Amico mio, questo tuo delirio senza senso quale l'idea TUA secondo cui"Bisogna fornire gli strumenti dello sfruttamento ai padroni per combattere lo sfruttamento contro la classe lavoratrice" favorendo l'importazione dell'esercito industriale di riserva, "amico mio", è un concetto (a dir poco FULMINATO ) che ad un popolo DI EMIGRANDI, DISOCCUPATI, PRECARI, SOTTOPAGATI al punto da vivere il peggior CALO DEMOGRAFICO dal 1300-1400, moooolto difficilmente avrà voglia di sentire. Basta farsi un giro e prendere il discorso per capire. Bahh!!!

    Ad ogni modo, io non ho tempo da perdere con un troll, anche bravino devo dire, ma con un raziocinio assolutamente delirante e senza senso, PERÒ, SONO CERTO TU POSSA ANDARE IN GIRO E CONVINCERE I SARDI DEL CONTRARIO! Le famiglie con famiglii emigrati o disoccupati in casa, SONO CERTO TI STARANNO AD ASCOLTARE, specialmente quando gli proporrai di votare PD (perché questo stai proponendo).

    Vai Raymond, fatti un giro e smentiSCiiimi!!!



    Delirio puro!!!

  2. #12
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,989
     Likes dati
    1,098
     Like avuti
    6,615
    Mentioned
    363 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: 13 luglio1911, Itri (Latina): la strage dei sardi

    Citazione Originariamente Scritto da Dogma Visualizza Messaggio
    Raymond, cosa centro io . Qui si parlava di sardi e Doddore, al limite.
    Cosa centro io ...boh...!
    Qui semplicemente e materialmente, tu hai definito i sardi degli idioti, volendoli TU sensibilizzare su un controsenso delirante e sconnesso quale solo tu puoi mettere in piedi.
    Amico mio, questo tuo delirio senza senso quale l'idea TUA secondo cui"Bisogna fornire gli strumenti dello sfruttamento ai padroni per combattere lo sfruttamento contro la classe lavoratrice" favorendo l'importazione dell'esercito industriale di riserva, "amico mio", è un concetto (a dir poco FULMINATO ) che ad un popolo DI EMIGRANDI, DISOCCUPATI, PRECARI, SOTTOPAGATI al punto da vivere il peggior CALO DEMOGRAFICO dal 1300-1400, moooolto difficilmente avrà voglia di sentire. Basta farsi un giro e prendere il discorso per capire. Bahh!!!

    Ad ogni modo, io non ho tempo da perdere con un troll, anche bravino devo dire, ma con un raziocinio assolutamente delirante e senza senso, PERÒ, SONO CERTO TU POSSA ANDARE IN GIRO E CONVINCERE I SARDI DEL CONTRARIO! Le famiglie con famiglii emigrati o disoccupati in casa, SONO CERTO TI STARANNO AD ASCOLTARE, specialmente quando gli proporrai di votare PD (perché questo stai proponendo).

    Vai Raymond, fatti un giro e smentiSCiiimi!!!



    Delirio puro!!!
    Io ho postato un articolo sulla storia (dimenticata) dei sardi. Tu sei intervenuto dicendo che quella era una storia chiusa, quindi da non raccontare più. Già questa è un'idiozia perchè nessun fatto storico merita di esser censurato, qualsiasi siano i motivi...
    La censura è funzionale agli interessi delle classi dominanti, tanto è vero che sono loro ad aver smesso di raccontarci questi episodi.

    In un secondo momento hai cominciato a parlare di esercito di riserva, pastori che sfruttano servi pastori bla bla...tutte cose che non centrano una beneamata mazza con questo fatto storica. Non centra nemmeno con le assurde posizioni sull'esercito di riserva che è concetto caro a salvini e ai fascisti, visto che i marxisti l'hanno già bellamente smontato e rismontato.


    3. Marx e l’esercito industriale di riserva Marx immigrazione
    Cominciamo dunque da questo benedetto esercito industriale di riserva. Karl Marx ne parla approfonditamente nel capitolo 23 della VII sezione del libro I del Capitale. L’esercito industriale di riserva sono i disoccupati.

    Ai tempi di Marx erano diffuse convinzioni semplicistiche secondo cui la disoccupazione fosse dovuta al fatto che gli operai facevano troppi figli; l’espressione più nota e brutale di questa posizione è la teoria sulla sovrappopolazione di Malthus, per il quale la povertà era una conseguenza naturale dell’eccessiva fertilità dei ceti popolari. I malthusiani di oggi, come il nostro Diego, siccome i lavoratori italiani fanno pochi figli, hanno trovato una nuova spiegazione ancora più ottusa: la povertà in Europa è una conseguenza dell’eccessiva fertilità degli africani.

    Marx, invece, introduce un’idea più sofisticata: è lo sviluppo stesso del capitale, in un’economia di mercato, a generare automaticamente una sovrappopolazione relativa, ossia una certa quantità di forza-lavoro disponibile a essere impiegata nella produzione ma che è tenuta a riposo. Questa sovrappopolazione relativa, cioè i disoccupati (e gli inoccupati), va a costituire una sorta di “riserva” nell’«esercito» dei proletari usato dalle aziende. Come la riserva di un vero esercito, può essere mobilitata alla bisogna, e questa necessità si verifica periodicamente perché il capitalismo ha un andamento ciclico (espansione-crisi-ripresa) e perché per sua natura continua a rivoluzionare le proprie tecniche produttive e a spostare forza-lavoro tra diversi settori produttivi o verso nuovi settori che si inventa. Se il capitalismo dovesse aspettare la nascita di nuovi operai e il loro raggiungimento dell’età lavorativa ogni volta che ha bisogno di nuove reclute, andrebbe in rovina: deve poterne trovare subito, così come deve molto rapidamente potersi liberare dei salariati in eccesso quando è il caso.

    L’idea di Marx che nel capitalismo ci sia una disoccupazione fisiologica, che non c’entra con l’andamento demografico, è nel frattempo diventata mainstream e anche gli economisti borghesi parlano di disoccupazione naturale e disoccupazione ciclica.

    Leggerlo prima di citarlo mentula canisSecondo Marx, l’esercito industriale di riserva ha tre componenti: fluida, stagnante e latente:

    ■ La sovrappopolazione fluida sono i licenziati: espulsi dalla produzione, cercano di rientrarvi da un’altra parte; talvolta, dice Marx, emigrano. Ai tempi di Marx la disoccupazione giovanile non era un problema serio, per cui lui pensava soprattutto a operai adulti sostituiti da giovani o addirittura bambini; oggi invece metteremmo in questa sottocategoria anche molti giovani inoccupati (che non hanno ancora trovato il primo lavoro).

    ■ La sovrappopolazione stagnante sono i precari: ebbene sì, contrariamente a quanto spesso si pensa, il precariato esisteva anche ai tempi di Marx ed Engels. Dal precariato che è occupato in modo discontinuo o parziale il capitale attinge nuovi lavoratori full-time se ha bisogno di aumentare la forzalavoro utilizzata.

    ■ La sovrappopolazione latente è costituita dalla popolazione rurale in via di inurbamento. Molti immigrati da Paesi poco industrializzati fanno parte di questa sottocategoria; la maggior parte degli stranieri in Italia però proviene probabilmente da qualche città.

    Come si vede, a parte la sovrappopolazione latente, che si è pressoché esaurita in Occidente, le altre categorie non richiedono che il capitale attinga a fonti esterne per rimpolpare l’esercito dei disoccupati: gli basta creare delle divisioni di condizione occupazionale all’interno della classe lavoratrice già disponibile. Che sia proprio così è dimostrato molto bene dall’andamento della disoccupazione in Italia nell’ultimo secolo: c’era anche prima delle recenti ondate migratorie e non è aumentata o diminuita a seconda dell’importazione o dell’esportazione di manodopera.

    Un esempio ancora più eclatante è il Mezzogiorno: tantissime persone emigrano dal Sud Italia eppure questo non ha creato penuria di lavoratori, al contrario la disoccupazione è più alta proprio nelle zone di massima emigrazione; può capirlo anche Diego che se crediamo che l’immigrazione crei disoccupazione, dovremmo credere anche che l’emigrazione crei occupazione: ma ciò non succede.

    Che effetto hanno i disoccupati sui salari secondo Marx (e secondo praticamente chiunque)? Li abbassano. Ovviamente, la concorrenza tra proletari abbassa il prezzo della manodopera. Questo è uno dei vantaggi dell’esercito industriale di riserva, per i padroni, e la principale fregatura per i salariati occupati. In assenza di altri fattori a bilanciare quella spinta (fattori che per fortuna però esistono!), l’esistenza di una disoccupazione fisiologica spingerebbe i salari a stabilizzarsi sempre al livello di sussistenza.


    Volantino neofascista, 2018. Esempio perfetto: Marx falsificato, il concetto di «esercito industriale di riserva» ridotto a parole vuote e piegato in senso razzista per dividere i lavoratori.

    Come si vede, Marx non pensava che il capitalismo avesse bisogno di un aiutino dall’Africa per rendere sfruttati i lavoratori europei: bastavano le sue dinamiche interne. Ma Marx non era neanche fatalista: riteneva che si potesse contrastare la tendenza del capitale a trasformare i proletari in miserabili che riescono appena a sopravvivere; ci credeva così tanto che ha dedicato tutta la sua vita a provarci.

    Cosa proponeva di fare Marx con l’esercito industriale di riserva?
    Di certo non di fargli la guerra. Proponeva, pensate un po’, di integrarli nelle lotte della classe operaia e possibilmente di cercare di farli riassorbire nella classe stessa: per esempio, riducendo l’orario di lavoro per ridistribuire i posti disponibili tra tutti, quindi riducendo la disoccupazione e la possibilità per i padroni di strumentalizzarla; per esempio, unificando la condizione della sovrappopolazione stagnante con quella di tutti gli altri impedendo alle aziende di usare manodopera in modo precario.

    Non troverete appelli di Marx ed Engels ad interrompere il processo di inurbamento dei contadini, del cui carattere brutale e alienante hanno pure spesso parlato, ma semmai toni positivi verso l’effetto progressista di queste migrazioni di sfruttati. Ecco come descrivono l’azione della borghesia in questo senso:

    «Ha creato città enormi, ha accresciuto su grande scala la cifra della popolazione urbana in confronto di quella rurale, strappando in tal modo una parte notevole della popolazione all’idiotismo della vita rurale. (Manifesto del Partito Comunista, cap. 1)»
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

 

 
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Discussioni Simili

  1. Eccidio Itri
    Di Perdu nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-07-10, 15:01
  2. Missas in limba latina/Messe in lingua latina
    Di Pierre Auguste Renoir nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-02-10, 16:14
  3. Latina Contro I Pacs.fn Latina Si Radica E Si Espande
    Di "Caenazzo" nel forum Destra Radicale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 27-03-06, 13:09
  4. Presidio A Latina Contro I Pacs.fn Latina Si Radica E Si Espande
    Di Forzanovista nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-03-06, 15:10
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-05-05, 11:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •