User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    13 Jul 2013
    Messaggi
    2,947
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito I Signori delle Autostrade

    di Beppe Grillo – Noi, i nostri padri, i nostri nonni abbiamo pagato le autostrade. Il loro costo è stato ammortizzato da anni. In Inghilterra e in Germania sono gratuite. In quei Paesi, i cittadini, in modo legittimo, le usano senza pagare due volte. Le hanno già finanziate, sono roba loro. In Italia le autostrade sono state regalate ai concessionari come Benetton che guadagnano miliardi di euro senza nessun rischio nè investimenti di capitale. I miliardi dei pedaggi vengono poi investiti in ogni tipo di business e per finanziare i partiti.

    Le autostrade devono diventare gratuite. Non abbiamo pagato per decenni le tasse per arricchire Benetton e soci. Per le nuove autostrade il discorso è diverso, chi vuole la concessione ci metta i suoi soldi. Per le autostrade già esistenti dobbiamo dire basta al pizzo dei concessionari.

    Prima di proseguire nell’intervista con il professore Giorgio Ragazzi, autore del libro “I signori delle autostrade“, vi faccio una raccomandazione: prendete una camomilla doppia e non indossate nessun maglione della Benetton. Potreste mangiarlo!



    “La rete autostradale italiana è stata costruita quasi interamente negli anni ’’60 e ’’70. E’’ stata finanziata quasi interamente a debito. Al tempo tutte le autostrade facevano capo o all’’Iri o agli enti locali, comuni, province, eccetera, il loro debito era spesso garantito dallo Stato. A fine degli anni ‘’90, cioè dopo 25 anni, questi investimenti erano stati ammortizzati, i debiti rimborsati. Il capitale azionario investito nelle autostrade era minimale, allora alla fine degli anni ‘’90, per logica, o si dovevano abolire i pedaggi e rendere gratuite le autostrade, come d’’altronde sono in Germania e in Inghilterra, perché l’’investimento era stato ammortizzato coi pedaggi, oppure il grosso degli utili delle concessionarie avrebbe dovuto essere passato allo Stato come imposte o quello che sia com’’era previsto dalle Leggi al tempo.

    Che cosa è successo però? L’’Iri aveva bisogno di soldi e aveva deciso di privatizzare la società Autostrade, che è la più importante con circa il 65% della rete autostradale di sua proprietà, per agevolare questa privatizzazione sono state fatte delle concessioni, quelle che io chiamo regali enormi a queste concessionarie. Già prima gli era stato concesso di fare la rivalutazione monetaria, quindi di aumentare molto il valore di libro del loro patrimonio che poi doveva essere remunerato coi pedaggi, poi sono state prorogate le concessioni più o meno gratuitamente per mediamente 10 anni. Di questo gli utenti non si sono accorti, non hanno percepito il fenomeno perché loro vanno, pagano il pedaggio e non sanno particolarmente, ma è facile rendersi conto dell’enormità del regalo che riceve una concessionaria se si fa una leggina e gli si proroga di 10 anni la concessione. Il problema oggi è che queste concessionarie fanno enormi profitti, non hanno investito nel settore perché non è stato costruito più nulla, quindi hanno investito in operazioni finanziarie, in titoli diversificando nel settore immobiliare, ora stanno investendo anche all’’estero, quindi noi abbiamo pedaggi molto elevati e una rete autostradale ormai vecchia, del tutto insufficiente in una situazione triste ed anomala.

    Il vero problema è che questi pedaggi una volta completato l’’ammortamento sono in realtà delle imposte e allora se dobbiamo pagare le imposte tant’’è che le incassi lo Stato non dei concessionari che non hanno mai investito nulla nella concessione. Per dire se le autostrade sono molto care in senso generale non si può, nel senso che a volte vengono raffrontati pedaggi pagati in Italia con quelli, ad esempio, pagati in Francia. E’’ chiaro che il pedaggio deve riflettere il fatto che l’’autostrada sia costata molto poco, sia stata ammortizzata, quanto traffico ci passa, quindi non conta guardare il livello assoluto del pedaggio ma rapportarlo alla redditività delle concessionarie perché il pedaggio, oltre che coprire i costi, dovrebbe servire ad assicurare una remunerazione ragionevole e congrua sul capitale investito, quindi è importante nel valutare il livello del pedaggio andare a vedere qual è il capitale investito. A partire dal ’’99 è stato introdotto in Italia il cosiddetto price-cap che è una formula con la quale vengono determinati gli incrementi tariffari di anno in anno.

    Qui il sistema ha due difetti fondamentali: primo è il dato di partenza, ossia è stato regolamentato l’’incremento delle tariffe ma si sono prese per buone le tariffe esistenti all’’epoca, quando il capitale investito da queste concessionarie era bassissimo, quindi senza tenere conto del fatto che queste già avevano un livello di profittabilità assolutamente ingiustificato. Questo viene fatto sulla base di un piano finanziario, c’’è una parte che compensa l’’inflazione, una parte che invece tiene conto di una serie di fattori, tra cui anche l’’incremento previsto dal traffico. Per cui cos’’è successo fino ad oggi? E’’ successo che l’’Anas faceva delle previsioni di incremento del traffico prudentissime, bassissime, che sono state sempre molto inferiori alla realtà. Tutto l’’incremento del traffico superiore a queste previsioni è andato come profitto netto nelle tasche delle concessionarie, quindi era anche facile, avendo buon rapporto con l’’Anas, io credo (con una certa malizia) fare un piano finanziario con previsioni bassissime di traffico e poi fare profitti in più.

    Un terzo elemento è la cosiddetta remunerazione della qualità, che è un concetto fantasioso perché la qualità viene misurata sia in rapporto a un indice sulla qualità della pavimentazione, sia a un indice di mortalità. Se diminuisce la mortalità aumentano le tariffe. Però non c’’è nessuna relazione fra i costi investiti dalle concessionarie per migliorare la qualità e i benefici che hanno in termini di aumento delle tariffe. Cioè se viene introdotta una regolamentazione più stringente, la patente a punti, i limiti di velocità eccetera, diminuisce la mortalità, sia sulle autostrade che sulle strade statali, ebbene loro come conseguenza hanno un incremento della tariffa assolutamente ingiustificato.

    Sono chiare varie cose: primo che occorrerà aumentare gli investimenti nelle infrastrutture in autostrade perché il Paese non investe più da 30 anni quindi siamo rimasti assolutamente indietro. Secondo: costruire oggi autostrade costa enormemente più di quanto costava in passato, faccio un esempio, oggi costruire un’’autostrada costa fra i 25 e i 50 milioni di euro al chilometro. La società Autostrade è stata privatizzata all’’inizio del 2000 ad un prezzo che rapportato ai chilometri gestiti equivale a due milioni e ottocentomila euro per chilometro, quindi hanno pagato quell’’importo per la rete esistente, per farne nuove ci vuole dieci volte tanto. Allora è chiaro che per costruire nuove autostrade con concessioni in project financing è necessario applicare pedaggi molto elevati, mentre la rete esistente giustificherebbe pedaggi molto più bassi di quelli che sono in vigore oggi. Allora quello che io ho proposto in questo libro è rescindere il legame tra il pedaggio pagato dall’’utente e il pedaggio incassato dalla concessionaria. Perciò avere una tariffa nazionale omogenea che viene pagata dagli utenti. Nelle autostrade dove si riconosce al concessionario meno perché l’’autostrada nel frattempo è stata interamente ammortizzata, la differenza dovrebbe essere recuperata a un fondo strade che l’’utilizza per ridurre i pedaggi e finanziare le nuove iniziative.”

    Giorgio Ragazzi (Settembre 19, 2008)
    "Se la parola democrazia significa potere al popolo il termine populismo non ha alcun senso." (M. Fini)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Super Troll
    Data Registrazione
    22 Sep 2009
    Località
    scomparsa
    Messaggi
    71,941
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: I Signori delle Autostrade

    https://www.agi.it/politica/genova_a...ws/2018-08-18/

    Luigi Di Maio ha scritto ai suoi per spiegare le ragioni dell'offensiva scatenata contro Autostrade e, in prospettiva, contro le altre concessionarie di strutture strategiche del Paese. E, senza usare mezzi termini, accusa i precedenti governi di aver pagato 'marchette' alla società che gestiva il ponte Morandi, crollato a Genova.


    "Per 5 anni dall'opposizione abbiamo combattuto contro i privilegi di Autostrade per l'Italia, che gestivano e gestiscono le nostre autostrade senza gare e con doveri contrattuali ridicoli" premette nella lettera ai suoi, il capo politico di M5s e ministro dello Sviluppo economico. "Non è un caso che i loro contratti siano stati secretati per i vergognosi vantaggi che gli erano stati concessi. Molti dei personaggi politici che hanno permesso tutto questo, oggi o lavorano per Autostrade per l'Italia o sono loro consulenti".

    "Uno su tutti - accusa Di Maio - Enrico Letta, ex presidente del Consiglio, passato per il Cda della società che gestisce le autostrade spagnole, comprate dai Benetton con i soldi dei pedaggi degli italiani", sottolinea. "Sono anni che i nostri parlamentari, guidati dal nostro senatore e sottosegretario Andrea Cioffi, ad ogni legge di Bilancio hanno provato a fermare le marchette ai concessionari autostradali. Il crollo del ponte Morandi è figlio di tutti i trattamenti privilegiati e delle marchette fatti ad Autostrade per l'Italia", sottolinea ancora Di Maio. "Il bilancio, per ora, è di 39 morti, con famiglie distrutte, feriti, gente che magari resterà in carrozzella per tutta la vita, oltre 600 sfollati che si vedranno la casa abbattuta. A tutte queste persone dobbiamo delle risposte concrete, non solo il cordoglio", spiega.

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Aug 2011
    Località
    mid-west liguria
    Messaggi
    2,740
    Mentioned
    181 Post(s)
    Tagged
    72 Thread(s)

    Predefinito Re: I Signori delle Autostrade

    Perché la signora Maria, che magari non ha neppure la patente, dovrebbe contribuire con le sue tasse a pagare la manutenzione dei vari viadotti e gallerie oppure lo sgombero neve invernale?

  4. #4
    .
    Data Registrazione
    29 Apr 2011
    Messaggi
    7,767
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: I Signori delle Autostrade

    Citazione Originariamente Scritto da i-alca Visualizza Messaggio
    Perché la signora Maria, che magari non ha neppure la patente, dovrebbe contribuire con le sue tasse a pagare la manutenzione dei vari viadotti e gallerie oppure lo sgombero neve invernale?
    Perché io che sono in salute devo pagare con le mie tasse lo psichiatra a quelli come te?

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    30 May 2018
    Messaggi
    231
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I Signori delle Autostrade

    Perché la signora Maria, che magari non ha neppure la patente, dovrebbe contribuire con le sue tasse a pagare la manutenzione dei vari viadotti e gallerie oppure lo sgombero neve invernale?
    Allora il discorso che fai è semplicistico.
    Faccio un esempio. La signora Maria non ha la patente, ma magari usa gli autobus, e agli autobus serve la strada,
    La signora Maria sta sempre a casa e non prende gli autobus? Ok, ma forse ha un figlio che ogni tanto va a trovarla e il figlio ha la macchina. Se la signora Maria sta male, potrebbe essere che arrivi l'ambulanza. Non è che le strade devono pagarle sono chi ha l'auto. Io personalmente sarei per eliminare il pedaggio autostradale. Eventualmente soltanto una vignetta (come ad esempio si fa in Svizzera). Chi ha la necessità di fare viaggi lunghi paga una vignetta (esempio 100 euro per tutto l'anno). Chi non prevede di fare viaggi lunghi non compra questa vignetta.

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Aug 2011
    Località
    mid-west liguria
    Messaggi
    2,740
    Mentioned
    181 Post(s)
    Tagged
    72 Thread(s)

    Predefinito Re: I Signori delle Autostrade

    Citazione Originariamente Scritto da Brian Visualizza Messaggio
    Perché io che sono in salute devo pagare con le mie tasse lo psichiatra a quelli come te?
    L'autocertificazione di buona salute non vale. E' necessario un certificato del tuo psichiatra.
    Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi. - Robert Oppenheimer
    Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati. - B.B.
    POL Progressista

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Aug 2011
    Località
    mid-west liguria
    Messaggi
    2,740
    Mentioned
    181 Post(s)
    Tagged
    72 Thread(s)

    Predefinito Re: I Signori delle Autostrade

    Citazione Originariamente Scritto da Giulio962 Visualizza Messaggio
    Allora il discorso che fai è semplicistico.
    Faccio un esempio. La signora Maria non ha la patente, ma magari usa gli autobus, e agli autobus serve la strada,
    La signora Maria sta sempre a casa e non prende gli autobus? Ok, ma forse ha un figlio che ogni tanto va a trovarla e il figlio ha la macchina. Se la signora Maria sta male, potrebbe essere che arrivi l'ambulanza. Non è che le strade devono pagarle sono chi ha l'auto. Io personalmente sarei per eliminare il pedaggio autostradale. Eventualmente soltanto una vignetta (come ad esempio si fa in Svizzera). Chi ha la necessità di fare viaggi lunghi paga una vignetta (esempio 100 euro per tutto l'anno). Chi non prevede di fare viaggi lunghi non compra questa vignetta.
    Il discorso pare essere semplicistico, ma così non è, poiché siamo in Italia.
    Premesso che a me andrebbe benissimo non pagare le autostrade, (dato che ci lascio ogni mese un capitale),
    tuttavia non trovo corretto porre a carico della fiscalità generale il costo relativo alla manutenzione legata al degrado autostradale, che comunque dovrebbe, in ogni caso,
    prevedere il pagamento del pedaggio a carico dei mezzi pesanti, come avviene in Germania, dove il pedaggio è stato esteso anche alle strade statali.
    In Italia la manutenzione delle strade diverse dalle autostrade è a carico della fiscalità generale, ma evidentemente, dato lo stato di molte strade, anche arterie principali, dobbiamo avere una evasione fiscale molto alta......
    Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi. - Robert Oppenheimer
    Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati. - B.B.
    POL Progressista

 

 
Correlati:

Discussioni Simili

  1. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 16-08-18, 11:43
  2. Signori e signori allora?
    Di FLenzi nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 166
    Ultimo Messaggio: 23-07-08, 15:30
  3. L'inefficienza delle autostrade
    Di pensiero nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 02-03-04, 22:41
  4. Signori la Svizzera...signori eccovi una vera democrazia!
    Di Dragonball (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 23-09-02, 19:22
  5. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 16-06-02, 19:53

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225