User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Aug 2010
    Messaggi
    113
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down LEGGE ELETTORALE, D'ALEMA: RIFORMA, POI IL VOTO. BONINO: D'ALEMA SOSTIENE ALLEANZE ..

    30 ago. - La lettera di Veltroni agli italiani ha avuto come unico effetto quello di dare una mano a Berlusconi. Se si votasse ora, contro Berlusconi ci sarebbe una maggioranza larga, difficile per tradurla in proposta di governo dice Massimo d'Alema intervistato da la Repubblica .
    Col "Mattarellum" siamo andati alle urne con 14 partiti. semplificazione? Nel '94, con i "Progressisti", non ci ando' bene. Con il sistema tedesco si convoglia un campo di forze, dall'Udc alla Lega. Con un centro alleato con la sinistra questo bipolarismo solo a Berlusconi fa comodo: col 38% pu farsi eleggere al Quirinale, e chiudere i giochi il dibattito è ozioso, ma cruciale. Nel mattatoio istituzionale e politico di questi anni, tra sistemi elettorali e forme di governo, lItalia ha concepito un mostruoso Frankenstein. Un modello di legge elettorale, la porcata di Calderoli, tendenzialmente proporzionale, senza preferenze, dove i parlamentari sono "nominati" dalle segreterie di partito e non più eletti dai cittadini.
    Al tempo stesso, la democrazia parlamentare, violentata dallautocrazia berlusconiana, vira verso una forma spuria di presidenzialismo di fatto, a-nomico e a-costituzionale, dove lindicazione del candidato premier sulla scheda elettorale sembra delegittimare la presenza e il ruolo degli altri organi di garanzia.
    Ora che il Cavaliere si avvita in una crisi irreversibile, e che si parla esplicitamente di elezioni anticipate, una domanda è dobbligo: ha senso tornare alle urne con questo sistema elettorale? E in subordine: cè nellattuale Parlamento una maggioranza trasversale in grado di sostenere una riforma condivisa? Nel centrosinistra si confrontano due anime, uscite allo scoperto in questi giorni.
    Cè lanima veltroniana, dogmatica, che vagheggia il ritorno al puro spirito bipolare, o bipartitico, che giustific il suo tentativo di forgiare un Pd autosufficiente e "a vocazione maggioritaria". Cè lanima bersaniana, pragmatica, che non si impicca a una formula pregiudiziale, ma che in nome dellAlleanza democratica chiama a raccolta tutte le forze che oggi si oppongono al berlusconismo, per superarlo e poi individuare un sistema elettorale comune da proporre al Paese.
    " inutile illudersi, o cercare altre scorciatoie: per uscire dal berlusconismo occorre ripensare le forme del nostro bipolarismo malato'. Massimo DAlema è appena tornato dalla sua vacanza in barca. Chi gli ha parlato lo descrive soddisfatto della navigazione, ma preoccupato per le rotte sempre più confuse della politica italiana.
    L'ex premier ed ex presidente dei Ds non ha condiviso la "lettera agli italiani" di Veltroni, che alla fine ha avuto come unico effetto quello di dare una mano a Berlusconi'. Mentre ha molto apprezzato la proposta programmatica lanciata su "Repubblica" da Bersani, che ha avuto il merito di riappropriarsi dellagenda politica, affermando cose molto ragionevoli'. Anche DAlema, come il segretario del suo partito, vede un Berlusconi in enorme difficoltà, forse destinato a non concludere la legislatura.
    Ma se si arrivasse a una crisi, e in ipotesi estrema ad elezioni anticipate, si riproporrebbe la solita questione: "Ci sarebbe sicuramente una maggioranza larga contro di lui, nel Paese, e il voto assumerebbe la chiara fisionomia di un referendum su Berlusconi, ma con le regole attuali si ripeterebbe la difficoltà di tradurre questa maggioranza elettorale in proposta di governo e in una leadership forte".
    Per questo DAlema, nei colloqui di questi giorni e prima della ripresa di settembre, non si stanca di ripetere un "refrain" che gli sta a cuore: Quello della legge elettorale è davvero il nodo di fondo. Non possiamo rischiare di tornare al voto con questo sistema.
    L'idea malsana e malintesa di bipolarismo che abbiamo cullato e costruito in questi anni ci ha portato a un sistema che fa comodo solo a Berlusconi, che col 38% dei consensi pu farsi eleggere al Quirinale, e chiudere i giochi per sempre. Ci rendiamo conto che lindicazione del premier sulla scheda non esiste in nessun paese del mondo? Ci rendiamo conto che in Italia con questo falso mito maggioritario ormai gli organi di garanzia contano sempre meno? In Gran Bretagna cè Westminster, ma cè anche la Regina. In Italia cè un sistema elettorale che crea un bipolarismo di facciata che ormai mette a rischio la stessa democrazia. Berlusconi fa scrivere il suo nome sulla scheda, e in nome di questo sacro principio, "io sono stato eletto dal popolo", pensa di poter fare quello che vuole. Noi non possiamo indulgere a questa deriva, che contiene in sè il germe del populismo autoritario".

    D'Alema non ha dubbi. Ai suoi collaboratori, con i quali sta preparando l'agenda della settimana di rientro, ripete uno slogan di cui è fermamente convinto: "La fine di Berlusconi sarà anche la fine della Seconda Repubblica".
    Il tema è: come arrivarci? Sotto il profilo della legge elettorale, lex ministro degli Esteri del governo Prodi vede solo due strade: Il primo mezzo è il doppio turno alla francese, che seleziona in anticipo le forze in campo, e potrebbe interessare allUdc. Il secondo mezzo è il sistema tedesco, proporzionale con lo sbarramento, che rompe la rigidità dello schema "blocco contro blocco".
    Inutile dire che DAlema, oggi come negli anni passati, continua a teorizzare il secondo mezzo. "Con il sistema tedesco noi potremmo convogliare un campo vasto di forze, dallUdc alla Lega, e creare un assetto tendenzialmente bipolare, anche se non bipartitico, dove si andrebbe alle urne con cinque, massimo sei partiti, con un centro forte che si allea con la sinistra, con la sfiducia costruttiva, con una buona stabilità dei governi, che volendo potremmo persino rafforzare con lintroduzione di una clausola anti-ribaltone. Non riesco a immaginare uno schema migliore, per un Paese come il nostro".
    D'Alema ritiene che il Pd debba assumere uniniziativa forte, per rilanciare sul modello tedesco e costruire su questo il profilo delle future alleanze politiche. Un ragionamento che riflette forse il limite classico del dalemismo: una certa idea della politica costruita a tavolino o in laboratorio, tra ingegnerie di coalizione e alchimie di partito. Ma una cosa è vera: la crisi del berlusconismo è unoccasione da non perdere, anche per provare a rimodellare la nostra architettura istituzionale ed elettorale.
    Con lennesimo rammarico, che lo stesso DAlema non pu non aggiungere ai tanti altri collezionati nel passato: Se queste riforme le avessimo fatte alla fine della scorsa legislatura, a partire dal sistema tedesco, oggi lItalia sarebbe diversa. Lillusione maggioritaria, allora, ha finito col restituire il Paese a Berlusconi'. Ammesso che la ricostruzione storica sia vera, linvito di DAlema al centrosinistra è a non ripetere quel grave errore politico'. Vedremo se linvito sarà raccolto. Nel frattempo, lex leader sta defilato, gioved parlerà di tutto questo, alla festa del Pd a Torino. Mentre oggi presiederà un seminario della Fondazione Italianieuropei con John Podesta, democratico Usa, che ha appena scritto il saggio "L`America del progresso". Dovr spiegare gli attuali problemi della nostra situazione politica. previsto che si parli in inglese. Per come siamo messi, è quasi più difficile farlo in italiano".
    "Dalla Lega e dal Pdl ci sarà un muro nei confronti della nostra proposta per l'uninominale. D'Alema sostiene invece un altro sistema, quello tedesco, alternativo a quello che proponiamo noi, perchè comporterebbe alleanze post elettorali, cos come vogliono anche l'Udc e l'estrema sinistra. Sono posizioni che esistono, ed è quindi giusto che vengano allo scoperto. Ma certo questo è un dibattito politico serio, altro che il cicaleccio al quale abbiamo assistito nelle scorse settimane. Lo ha detto a Radio Radicale la vicepresidente del Senato Emma Bonino.


    LEGGE ELETTORALE, D'ALEMA: RIFORMA, POI IL VOTO. BONINO: D'ALEMA SOSTIENE ALLEANZE POST-ELETTORALI - Clandestinoweb: sondaggi politici, elettorali. Il sondaggio politico elettorale che fa opinione

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Si legge NUAR!!
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Messaggi
    24,219
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: LEGGE ELETTORALE, D'ALEMA: RIFORMA, POI IL VOTO. BONINO: D'ALEMA SOSTIENE ALLEAN

    hai un'opinione a riguado?
    l'italiano ha un tale culto per la furbizia che arriva persino all'ammirazione di chi se ne serve a suo danno.

    jesus died for somebody's sins but not mine

  3. #3
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: LEGGE ELETTORALE, D'ALEMA: RIFORMA, POI IL VOTO. BONINO: D'ALEMA SOSTIENE ALLEAN

    Ancora una volta analisi perfetta,soluzione la migliore

    peccato che il partito è pieno di maggioritari e ovviamente Bersani deve tenerne conto
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

  4. #4
    Moderatori anghe noi...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    56,724
    Mentioned
    69 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: LEGGE ELETTORALE, D'ALEMA: RIFORMA, POI IL VOTO. BONINO: D'ALEMA SOSTIENE ALLEAN

    Gargamella.
    Veltroni.
    Il Professor Occultis.
    D'Alema.
    Vendola.
    Chiamparino.
    La Viola del pensiero più bella che.
    Franceschiello.

    D. : Che cos'hanno in comune questi personaggi?

    R. : Tutto. Fuorché le idee in comune.
    Quando lo Stato non fa l'interesse del Cittadino,
    è il Cittadino che diventa Stato.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Aug 2010
    Messaggi
    113
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: LEGGE ELETTORALE, D'ALEMA: RIFORMA, POI IL VOTO. BONINO: D'ALEMA SOSTIENE ALLEAN

    Citazione Originariamente Scritto da Noir Visualizza Messaggio
    hai un'opinione a riguado?
    a dire il vero sei tu che non ce l'hai

 

 

Discussioni Simili

  1. D'Alema : "Riforma elettorale,il Porcellum fa comodo solo a Berlusconi"
    Di SteCompagno nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 01-09-10, 17:33
  2. D'Alema: dobbiamo allargare campo alleanze
    Di Gualerz nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 30-12-09, 15:03
  3. DI LELLO:BENE APERTURA D’ALEMA,MA ALLEANZE SU PROGRAMMA
    Di MARIOK nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-09-09, 15:13
  4. D'Alema e le alleanze
    Di Danny nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 05-11-08, 13:36
  5. D'Alema e le alleanze democratiche
    Di .tojo. nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 06-05-08, 14:20

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226