User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito IDEE / FareFuturo, laboratorio di idee per il domani

    Non siamo un organismo politico, ma un laboratorio di idee per il domani

    Farefuturo, il nostro obiettivo


    di Alessandro Campi*

    È giunto il momento di parlare di noi, di spiegare meglio chi siamo e cosa facciamo. I lettori, che sono benevoli per definizione, scuseranno questo strappo alle regole non scritte della comunicazione. Discutere di sé, esporsi all’attenzione del pubblico in prima persona, rischia di essere sgradevole e magari anche controproducente. Sinora non l’abbiamo mai fatto, non ci siamo mai né incensati né messi in bella mostra. Ma stavolta, seppure con qualche imbarazzo, abbiamo deciso di farlo: parleremo dunque di noi e per una ragione che chi ci segue comprende benissimo e già conosce.

    Nelle ultime tre settimane – dopo l’articolo pubblicato su questo sito per la firma di Sofia Ventura, che anticipava i contenuti di un convegno sul tema “Donne e politica” e nel quale veniva criticato il cosiddetto “velinismo” – la Fondazione Farefuturo s’è trovata presa all’interno di un vortice: quotidianamente citata nei giornali e nelle trasmissioni televisive, pressata da giornalisti a caccia di commenti, di indiscrezioni e di anticipazioni, bersagliata da messaggi e contatti da parte di sconosciuti utenti e lettori d’ogni parte d’Italia. Niente da dire, sono stati giorni pesanti e difficili, ma nel complesso, inutile negarlo, felici ed esaltanti. Nessuno aveva messo in conto che da un semplice articolo, da un intervento consegnato, come molti altri in passato, all’universo virtuale del web, da un semplice per quanto ragionato “invito alla discussione”, sarebbero derivate tanta popolarità e tante (non sempre benevole e disinteressate) attenzioni. Chi non conosceva il nostro “marchio”, ora sa della sua esistenza. Coloro che ci conoscevano come una delle tante sigle – molte delle quali effimere e puramente nominali – attive nel panorama politico-culturale italiano, si sono convinti di avere a che fare con qualcosa di serio e solido, con una realtà che merita, da oggi in poi, di essere seguita con attenzione.

    Bene, ora che la buriana sembra essere passata, una volta portato all’incasso un indubbio successo mediatico, qualche riflessione s’impone, pacata e sincera, ma anche inevitabilmente critica. Quel che è capitato in questi giorni, infatti, è stato per molti versi assai istruttivo. Ci ha fatto comprendere meglio gli automatismi mentali e le pigre logiche che governano un pezzo del giornalismo politico italiano. Ha messo a nudo gli equivoci e le contraddizioni, ma anche le indiscutibili miserie, che sono al cuore dell’attuale stagione politica. Ci ha messo dinanzi a un enorme vuoto progettuale e di idee, a una visione della lotta politica assai arcaica e povera. Ci ha insomma fatto capire meglio le ragioni per cui siamo nati, le ragioni che giustificano il nostro impegno e il nostro lavoro quotidiano.

    Siamo, detta nel modo più semplice, una fondazione di cultura politica. Lavoriamo per la politica, è ovvio, ma tenendoci a debita distanza critica da coloro che la fanno professionalmente e che nelle istituzioni, a qualunque titolo, hanno responsabilità dirette. Un conto, infatti, è la riflessione, tutt’altro è l’azione: hanno punti di partenza e finalità diverse. Si possono certo fornire idee e suggerimenti a chi governa e decide, ma non soluzioni e ricette pronto uso, da applicare alla lettera: l’autonomia della politica, prima che un’enunciazione di principio, è un fatto. Cultura e politica possono intrattenere – il che non sempre accade nell’Italia odierna – una relazione virtuosa, ma non possono confondersi se non al prezzo di un reciproco impoverimento e di una grande confusione: la politica, è vero, non dovrebbe fare a meno delle idee e di una solida base di pensiero, ma la cultura, a sua volta, non può pensare di condizionare o indirizzare i comportamenti e le scelte dei politici. Senza contare che le logiche che governano una controversia intellettuale non sono le stesse che regolano il conflitto politico: nel primo caso sono in ballo la libertà intellettuale e la ricerca di quel bene prezioso ma difficile da delimitare che è la “verità”, nel secondo il potere e il governo degli uomini. Chi pensa è responsabile in prima battuta verso se stesso, chi fa politica e opera nelle istituzioni è sempre responsabile verso gli altri. Una differenza – di metodo, di doveri e incombenze, di orizzonte temporale, di obiettivi – da tenere sempre a mente.

    Non siamo insomma un organismo politico, ma un club di pensiero, un luogo di riflessione, un centro studi, un laboratorio di idee, un circolo intellettuale: ognuno scelga la definizione che gli appare più consona o meno pomposa, l’importante è capirsi. I nostri strumenti di lavoro sono dunque quelli consueti e normali per chi svolge – quanto bene e quanto in modo originale non sta a noi dirlo – questo genere di attività: produciamo rapporti, commissioniamo studi e indagini, partecipiamo a progetti di ricerca, pubblichiamo libri, organizziamo seminari e incontri (talvolta “a porte chiuse”, altre volte aperti al pubblico), presentiamo libri, intratteniamo rapporti di collaborazione con altre strutture (italiane e straniere) che perseguono le nostre medesime finalità, curiamo un periodico online (quello che ora state leggendo), promuoviamo corsi di formazione (rivolti in particolare ai giovani). Un lavoro condotto in massima parte lontano dai riflettori, sottotraccia, con tempi e ritmi che sono assai diversi da quelli, per definizione più contratti e convulsi, più legati alla contingenza, che regolano l’attività politica ordinaria. Un lavoro a volte noioso e non sempre gratificante (non foss’altro per l’impegno organizzativo che comporta), ma a suo modo ricco di soddisfazioni e comunque necessario per dare alla politica sostanza e un’anima, destinato in ogni caso a produrre frutti sul lungo periodo.

    Bene, stando così le cose resta da capire per quali ragioni Farefuturo sia stata descritta in questi giorni come una sorta di avamposto politico-intellettuale, come una pattuglia di guastatori e provocatori il cui principale obiettivo è quello di gettare scompiglio e di alzare polveroni, di prendere partito nelle dispute che scandiscono la cronaca politica italiana, di menare fendenti a destra e a manca. Essendo Gianfranco Fini il nostro presidente – questo l’argomento – se ne deduce che il nostro compito sia quello di assecondarne, o magari di anticiparne e giustificarne, le esternazioni e le bordate critiche, per di più rivolte – sembrerebbe – quasi esclusivamente verso Berlusconi e l’attuale maggioranza e motivate, va da sé, dal suo desiderio di proporsi nel futuro più o meno immediato come alternativa o successore del Cavaliere. Ma si tratta di un modo di ragionare – sia detto senza offesa per nessuno – davvero povero e sconsolante, che non tiene conto di una elementare evidenza: il nostro mestiere è esattamente un altro, il che significa che non abbiamo né titolo né voglia, e nemmeno le capacità o forse il necessario pelo sullo stomaco, per stare quotidianamente nella mischia, per partecipare a una qualunque contesa, per prestare armi e argomenti polemici alla lotta politica d’ogni giorno, per fare da puntello ideologico alle ambizioni di carriera di questo o quel leader.

    Resta poi da chiedersi, per tornare a Fini e al suo disegno politico-culturale, sul quale oggi tutti si interrogano, chi teorizzando una sua improvvisa “conversione” nel segno del “politicamente corretto”, chi immaginandolo nei panni di un avventuriero politico che naviga a vista, se c’era davvero bisogno di mettere in piedi una struttura tanto complessa, che comporta costi materiali e richiede parecchie energie umane, se l’unico obiettivo che si persegue è quello di mettere i bastoni tra le ruote ai propri avversari o, peggio ancora, quello di soddisfare la propria legittima ambizione di politico. Serve una fondazione per condurre una guerriglia parlamentare o per conquistare un po’ di visibilità sulla scena pubblica? A nessuno è venuto il sospetto che Fini e la “sua” fondazione abbiamo scelto di lavorare per un obiettivo – una nuova cultura politica per l’Italia di domani – che davvero nulla c’entra con la quotidiana ossessione per lo scoop o per la dichiarazione ficcante che regola l’odierno circuito politico-informativo?

    Ciò che bisognerebbe chiedersi – questa la domanda che rivolgiamo a tutti coloro che in questi giorni ci hanno considerati, senza troppa fantasia o con un eccesso di malizia, la “spina nel fianco” di Berlusconi e del centrodestra – è se la politica, anche in questa Italia sgangherata e declinante, possa essere ridotta a uno scontro tra singole personalità o a una sotterranea lotta di potere, nel quale le idee e gli intellettuali che le elaborano servono soltanto da pretesto o da copertura per interessi inconfessabili ma in realtà sin troppo palesi. Viene il sospetto, a leggere certe cronache e certe ricostruzioni apparse nei giorni passati, che a molti osservatori non sia ben chiara la differenza, per dirla all’ingrosso, tra la tattica e la strategia, tra un lancio d’agenzia dettato in tre minuti e un progetto di ricerca che richiede due anni di lavoro, tra le parole che si consumano nell’arco di una giornata, in attesa del telegiornale della sera, e il lavoro di sedimentazione e di costruzione che rappresenta, sino a prova contraria, il sale della politica e il suo tratto di nobiltà. Che è poi la differenza, appunto, tra la polemica spiccia, tra la provocazione che dura un attimo, e la riflessione che guarda al futuro.

    La verità delle cose è spesso assai più semplice, e assai più immediata, di certe fantasiose letture, di un modo di leggere le dinamiche politiche tanto cervellotico quanto inconcludente. È evidente che Farefuturo persegue, sin dalla sua nascita, un progetto politico-culturale ben determinato, che presenta una sua autonomia e originalità (almeno nelle intenzioni). Non sfugge a nessuno che molte delle sue prese di posizione e delle sue linee di intervento non sempre collimano con quelle che attualmente hanno legittimo corso nella politica italiana e in particolare all’interno del centrodestra. Ma proprio questo è il punto che ci qualifica. Siamo nati per stimolare dibattiti e discussioni, per fare da battistrada alla politica, non per amplificarne le posizioni già note e acquisite o per darle una patina di rispettabilità culturale. Non siamo la “spina nel fianco” del centrodestra, o la sua copertura intellettuale; ne siamo piuttosto il lievito creativo e la coscienza critica. E dell’esercizio di un simile ruolo – che non richiede contropartite, che non nasconde secondi fini – ci si dovrebbe essere grati.

    La nostra idea generale – discutibile, ma è la nostra idea – è che in questi anni si sia sin troppo navigato a vista: perse o rinnegate le antiche appartenenze ideologiche, la classe politica, della destra e della sinistra, a tutti i livelli, ha preso a muoversi in un deserto di valori e di idee, si è messa a inseguire la cronaca a danno della storia, ha rinunciato a ragionare del passato e del futuro per rinchiudersi in una sorta di eterno presente. La politica italiana, molto semplicemente, ha smesso di pensare, se stessa e il proprio compito, ha rinunciato al governo strategico della società accontentandosi della sua ordinaria amministrazione, ha messo in soffitta passioni e ideali, i pensieri alti e nobili, e si è preoccupata solo di gestire il potere in sé, sganciato da qualunque progetto o visione.

    Le fondazioni di cultura politica – la nostra compresa – sono nate proprio con l’obiettivo di colmare tale vuoto: con l’idea di dare alla politica e ai partiti (a quel che ne resta) un nuovo slancio, di rivitalizzare il dibattito pubblico, di colmare il divario sempre più crescente tra conoscenza e azione, di battere per quanto possibile nuove piste e nuovi orizzonti, di studiare (per poi renderle politicamente governabili) le trasformazioni in atto nella società e nell’immaginario collettivo, di superare la crisi irreversibile delle ideologie non attraverso la scorciatoia del pragmatismo ma mettendo a punto nuovi sistemi di idee e nuove chiavi di lettura del mondo reale. Quanto le fondazioni di cultura politica – la nostra compresa – possano riuscire in un simile, certamente ambizioso, tentativo è tutto da dimostrare. Si tratta di strumenti che hanno alle loro spalle pochi anni di vita, importati da altri contesti politico-culturali (a partire da quello anglosassone, dove invece rappresentano da lungo tempo una realtà assai solida e influente) e per questo motivo ancora poco considerate, ma che questa sia la loro unica ragion d’essere è altrettanto evidente. Che alcune “fondazioni”, tra le molte che operano attualmente in Italia, siano poco più che sigle, messe in opera da politici desiderosi di apparire à la page o di darsi una vernice di rispettabilità intellettuale, è un fatto e sarebbe ipocrita negarlo. Ma in maggioranza sono realtà serie e solide, luoghi di formazione ed elaborazione culturale, attivamente impegnate sul piano della ricerca e del dibattito pubblico, ognuna ovviamente con un suo specifico orientamento politico o, in molti casi, con un particolare campo di specializzazione. Alla luce di queste considerazioni, l’immagine che ci è stata cucita addosso, per comodità o pigrizia, di un gruppetto di guastatori che si diverte a spararla grossa, lascia davvero il tempo che trova. Semplicemente, non si è capito, in molti casi, di cosa si sta davvero parlando.

    Siamo, come detto, una fondazione di cultura politica, ma con una chiara e riconoscibile impronta di tipo, appunto, politico-culturale. Non siamo un organismo super partes o un centro studi che opera in modo neutrale sulla scena pubblica. La nostra area di riferimento è ciò che convenzionalmente si definisce “centrodestra”. Operiamo, con la necessaria e indispensabile autonomia, all’interno del Popolo della libertà. Ma non siamo, per quanto strano possa apparire a occhi esterni, una struttura organica del Pdl. E per quanto possa apparire ancora più strano non siamo nemmeno il portavoce collettivo di Gianfranco Fini. Non c’è dunque da stupirsi se le nostre posizioni, frutto comunque di un’elaborazione per quanto possibile meditata e “strategica”, possano risultare difformi rispetto alle posizioni ufficiali del Pdl e a quelle dello stesso presidente della Camera.

    A un gruppo di “intellettuali” – lasciamo perdere quale sia il loro valore e risparmiamoci ogni ironia su una parola tanto abusata – tutto si può chiedere meno che l’ortodossia o il rispetto di una qualunque linea. Se essi hanno una qualche utilità – molti, e con ragione, ne dubitano – dipende solo dalla loro capacità di mantenersi liberi e indipendenti, critici e vigili, ironici e persino irriverenti, rigorosi ma senza troppo prendersi sul serio. Tanto più se si ha come riferimento ideale di massima un partito e un’area politica che della “libertà” hanno fatto la loro ragione sociale. Tanto più se è vero che il Pdl, come ci è stato spiegato molte volte in questi mesi, intende porsi sulla scena pubblica come un partito aperto, inclusivo e plurale, un partito dalle molte anime e sensibilità, dialettico e dialogante in primis al suo interno. Tanto più, infine, se si considera che il lavoro di una fondazione acquisisce senso e significato solo se si è capaci di anticipare i temi di discussione, di porre dubbi e questioni, di proiettarsi oltre la quotidianità, di affrontare in modo originale e non scontato i problemi, per lo più inediti e comunque grandiosi e impegnativi, che la politica si trova oggi ad affrontare e che non possono certo essere risolti a colpi di slogan e trovate propagandistiche.

    L’abbiamo fatta lunga. I lettori – che sono generosi, ma la cui pazienza non è infinita – ci perdoneranno. Ma dopo quel che è accaduto, le polemiche e i pettegolezzi, i titoli a effetto e i retroscena piccanti, era necessario precisare il senso generale del nostro lavoro. Sempre condotto, in questi due anni, alla luce del sole e in modo (speriamo e crediamo) rigoroso, senza mai nascondere le nostre reali intenzioni e posizioni, sulla base di un comune sentire, di una sensibilità condivisa, che sono il presupposto necessario perché un’opera intellettuale collettiva abbia un minimo di senso. Puntiamo a creare – a destra, non contro la destra, ma certe categorie per dirla tutta nemmeno ci appassionano più di tanto – un nuovo paesaggio mentale, riteniamo che certi problemi – l’immigrazione, l’identità nazionale, il rapporto con le civiltà diverse dall’occidentale, le questioni di bioetica, le riforme istituzionali, il tema dell’ambiente e dello sviluppo, la sfida dei nuovi diritti – richiedano soluzioni in molti casi nuove e originali. Riteniamo, per dirla tutta e in conclusione, che la politica non sia solo lotta per il potere, ma confronto tra idee e valori, tra progetti e diverse visioni del domani. Vorremmo – alla nostra maniera, per quanto ne saremo capaci – “fare futuro”.

    È tutto molto semplice, è tutto terribilmente difficile e faticoso. Ma è il compito che ci siamo dati. Ci diverte, lo riteniamo necessario e ci sforziamo di realizzarlo. Tutto il resto – i giochi di ruolo e le private suscettibilità, la politica politicante e gli equivoci montati ad arte – semplicemente non ci interessa.

    *Direttore scientifico della Fondazione Farefuturo

    19 maggio 2009

    Ffwebmagazine - Farefuturo, il nostro obiettivo
    SADNESS IS REBELLION

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: IDEE / FareFuturo, laboratorio di idee per il domani

    Che dire? Si... Ma... Beh... Boh... Uffa!

    Un tipo in gamba questo Alessandro Campi, in grado sempre di spiazzarti. Così, di fronte a questa "fondazione futura" mi sento come quello che sfoglia la margherita: m'ama o non m'ama? Sarà una risorsa importante, Fini, per la destra nuova, oppure era meglio la destra vecchia, che non era nemmeno una destra?

    Mentre mi trastullo con l'eterno interrogativo una risposta sento già di darla. Meglio questi pensieri eterodossi, che non mi esaltano nemmeno a dire il vero, che il fiacco moderatismo liberale degli yesmen berlusconiani alla Bondi.
    SADNESS IS REBELLION

  3. #3
    Vi tengo d'occhio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    3,117
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: IDEE / FareFuturo, laboratorio di idee per il domani

    Dopo il crollo delle ideologie ogni tentativo di elaborare nuove idee, nuove sintesi è da tenere in considerazione, specie in un mondo, quello della "Destra", da sempre conflittuale e alla ricerca di una vera e definitiva identità.Sto seguendo,senza troppo coinvolgimento, Fare Futuro ma non posso fare a meno di constatare che, seppur condividendo la matrice libertario-conservatrice, ci sia un marcato tentativo di creare un qualcosa di elitario e quindi di poco comprensibile ai più. Non mi spaventa ciò, poichè tutto quello che viene recepito facilmente dalla massa corrisponde alla parte più becera, demagogica e populista di un progetto, ma una troppo marcata deriva intellettualistica di Fare Futuro allontanerebbe anche coloro che si riconoscono in certe idee ma mal sopportano i tromboni sfiatati che fanno del proprio intelletto un metodo per autoproclamarsi casta. Ciò non toglie che le idee base dell'associazione di Fini e alcune sue menti ,come Luciano Lanna,Croppi, Mellone e F. Rossi possano dare alla "Destra Nuova" quel qualcosa in più che da sempre manca alla destra Italiana, una vera Identità.
    NON VOTO NEL REALE,NON VOTO NEL VIRTUALE....GRAZIE!

  4. #4
    Forumista junior
    Data Registrazione
    20 Apr 2009
    Messaggi
    98
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: IDEE / FareFuturo, laboratorio di idee per il domani

    "Essendo Gianfranco Fini il nostro presidente – questo l’argomento – se ne deduce che il nostro compito sia quello di assecondarne, o magari di anticiparne e giustificarne, le esternazioni e le bordate critiche, per di più rivolte – sembrerebbe – quasi esclusivamente verso Berlusconi e l’attuale maggioranza e motivate, va da sé, dal suo desiderio di proporsi nel futuro più o meno immediato come alternativa o successore del Cavaliere".


    Ovvero: Excusatio non petita accusatio manifesta.

  5. #5
    Vi tengo d'occhio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    3,117
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: IDEE / FareFuturo, laboratorio di idee per il domani

    Citazione Originariamente Scritto da Marco d'Efeso Visualizza Messaggio
    "Essendo Gianfranco Fini il nostro presidente – questo l’argomento – se ne deduce che il nostro compito sia quello di assecondarne, o magari di anticiparne e giustificarne, le esternazioni e le bordate critiche, per di più rivolte – sembrerebbe – quasi esclusivamente verso Berlusconi e l’attuale maggioranza e motivate, va da sé, dal suo desiderio di proporsi nel futuro più o meno immediato come alternativa o successore del Cavaliere".


    Ovvero: Excusatio non petita accusatio manifesta.

    Se lecito, "Fini nostro presidente" di che?
    NON VOTO NEL REALE,NON VOTO NEL VIRTUALE....GRAZIE!

  6. #6
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: IDEE / FareFuturo, laboratorio di idee per il domani

    Abbiamo detto più volte che in Italia non è mai esistita una forza politica conservatrice, ma solo volatili componenti ed orientamenti inseriti all'interno di partiti come la Democrazia Cristiana, il Partito Liberale, il Movimento Sociale Italiano, a fianco di correnti poco poco o per nulla assimilabili al conservatorismo più genuino.

    Anche nel Popolo della Libertà assistiamo all'accostamento, talora confliggente, di varie anime politiche, eredità di tradizioni passate ma sempre vive (liberali, moderati, socialisti, cattolici...) con l'ambizione di pervenire ad una sintesi coerente e proiettata al futuro.

    Il PDL ancora oggi -è inutile negarlo- si regge su una persona sola, amata finchè si vuole, ma destinata prima o poi a lasciare il campo ad altri. Questi "altri" chi sono?

    Fini senza dubbio mira a costruire un percorso originale e differenziato da quello prevalente del Cavaliere. Punta ad edificare un progetto nuovo, interessante se si vuole, ma ad ora minoritario ed in rotta di collisione con la sensibilità della gran parte dell'elettorato di centrodestra.

    FareFuturo rappresenta la punta di diamante di questo piano culturale di più lungo periodo, e presenta quindi i meriti dell'originalità e del coraggio, insieme ai difetti della imprevidenza e della proposta affrettata ed intempestiva, a danno palese degli attuali equilibri del PDL.

    Lo abbiamo visto con Fini: troppe dichiarazioni, troppi distinguo, troppe critiche in un sol colpo per non far sospettare un piano politico più gretto e terreno (la scalata al Quirinale da attuare in barba a Berlusconi con i consensi del centrosinistra).

    Lo abbiamo visto con FareFuturo: polemiche e fulmini contro le cosiddette "veline", tanto per dare una sponda utile ad un centrosinistra privo di altri argomenti. Un errore grave, che perseguita il PDL tutto (perchè alla fine è il PDL a rimetterci se il voto va peggio del previsto) fino ad oggi.

    Insomma: il progetto c'è, la vivacità culturale pure (il che fa sempre bene, anche in vista del riempimento di quei "vuoti" accennati all'inizio), ma l'impressione è che i tempi e le modalità siano sbagliati. Ci vuole più calma, più pacatezza, per non dare l'impressione (a tratti verificata) di voler iniziare la scalata al PDL logorando colui che rimane l'unico leader del centrodestra italiano, Silvio Berlusconi. A danno di tutti e a detrimento del futuro dello stesso centrodestra.

    Berlusconi è imprescindibile, i conti alla fine si fanno con lui, per il semplice motivo che è lui a ricevere milioni di consensi. Da qui non si scappa. Quindi, sarebbe meglio agire con minore foga e con disponibilità al patto e al compromesso, per raggiungere una sintesi equilibrata senza scontentare l'elettorato e senza far del male al partito.

 

 

Discussioni Simili

  1. Si potrebbe fare un forum-laboratorio di idee???
    Di BlackSheep nel forum Supporto tecnico e news dall'Amministrazione
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-09-13, 04:31
  2. Un laboratorio di idee per la nuova Germania
    Di Avamposto nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09-02-11, 20:47
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-09-10, 21:42
  4. 29/30 ottobre ad Alessandria: 1° Laboratorio di Idee, Revolvo!
    Di Gianmario nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 20-10-05, 17:15
  5. 29/30 ottobre ad Alessandria: 1° Laboratorio di Idee, Revolvo!
    Di Gianmario nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 20-10-05, 17:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226