User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20

Discussione: Visita di Gheddafi

  1. #1

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Europa dell'ariete
    Data Registrazione
    11 May 2010
    Messaggi
    234
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Visita di Gheddafi

    Saranno anche stati cosa buona e giusta gli accordi italo-libici, soprattutto in quanto freno agli sbarchi di clandestini, ma mi pare si debba parlare di pietoso calabraghismo berlusconiano più che di "amicizia". A cominciare dalla boutade dei "risarcimenti del colonialismo".

    Il ripetuto teatrino di Gheddafi ha colmato la misura: realpolitik si dirà...sai com'è, bisogna ingoiare qualche rospo in nome dei superiori interessi della nazione, gli effetti si vedranno tra qualche anno e allora tutto il popolo ne trarrà benefici...ma davvero qualche accordo economico - fruttuoso, per carità, ma dovremmo chiederci fruttuoso per chi, se per gli italiani o per qualche gruppo industriale... - vale più del decoro nazionale? Dell'immagine che si dà di noi all'estero? Del rischio che una parte dell'elettorato sia disorientato ma anche schifato? Anche considerando che Berlusoni permettendo tutto al libico ha prestato il fianco alle ovvie critiche interne. Le solite iene ipocrite, "feccia" come dici te, ma certo che se armi il tuo nemico non puoi aspettarti che non ti colpisca...

  3. #3
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Visita di Gheddafi

    Citazione Originariamente Scritto da Agesilao22 Visualizza Messaggio
    Saranno anche stati cosa buona e giusta gli accordi italo-libici, soprattutto in quanto freno agli sbarchi di clandestini, ma mi pare si debba parlare di pietoso calabraghismo berlusconiano più che di "amicizia". A cominciare dalla boutade dei "risarcimenti del colonialismo".

    Il ripetuto teatrino di Gheddafi ha colmato la misura: realpolitik si dirà...sai com'è, bisogna ingoiare qualche rospo in nome dei superiori interessi della nazione, gli effetti si vedranno tra qualche anno e allora tutto il popolo ne trarrà benefici...ma davvero qualche accordo economico - fruttuoso, per carità, ma dovremmo chiederci fruttuoso per chi, se per gli italiani o per qualche gruppo industriale... - vale più del decoro nazionale? Dell'immagine che si dà di noi all'estero? Del rischio che una parte dell'elettorato sia disorientato ma anche schifato? Anche considerando che Berlusoni permettendo tutto al libico ha prestato il fianco alle ovvie critiche interne. Le solite iene ipocrite, "feccia" come dici te, ma certo che se armi il tuo nemico non puoi aspettarti che non ti colpisca...
    Ma sul colonialismo Gheddafi ha sacrosanta ragione,non vedo perché non si debba condannare quel crimine.
    Sono però contrario ai risarcimenti..anche perchè ormai sono passati 60 anni,è sufficiente non ripetere l'errore.

  4. #4
    Europa dell'ariete
    Data Registrazione
    11 May 2010
    Messaggi
    234
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Visita di Gheddafi

    Citazione Originariamente Scritto da Nazionalistaeuropeo Visualizza Messaggio
    Ma sul colonialismo Gheddafi ha sacrosanta ragione,non vedo perché non si debba condannare quel crimine.
    Sono però contrario ai risarcimenti..anche perchè ormai sono passati 60 anni,è sufficiente non ripetere l'errore.
    Ma quale crimine e crimine! Crimine che un popolo con popolazione in esubero conquisti terre? Bisognava restasse ammassato in in lembo di terra senza materie prime, per la maggior parte montuoso, e prima del fascismo con plaghe paludose e malariche, per l'eternità? Un popolo che dalla sabbia ha tirato fuori il grano, grazie al lavoro dei suoi coloni? Che ha costruito strade, scuole ospedali città? Acquedotti dove prima c'era deserto? Crimine di che? Speravo che non dappertutto la retorica dei "diritti" avesse fatto presa... non scambiare il colonialismo di rapina di matrice anglosassone con quello fascista, popolare, che garantì lavoro agli umili e non prebende agli speculatori. E comunque anche il primo ebbe una sua nobiltà, e gli uomini che conquistarono e ressero l'Impero erano animati dallo spengleriano "spirito faustiano" che è il sigillo dell'anima europea. Spirito di lotta, di conquista, di affermazione, di dominio. Come diceva Mussolini, la vita è imperialismo. Un popolo vivo si espande, uno animato dalla debolezza rinunciataria, è già prossimo alla rovina.

    Tu mi dicessi: eh, ma allora di che lamentarsi riguardo l'invasione di immigrati in Italia e in Europa? Fanno più figli, fanno ciò che noi faremmo al loro posto, come biasimarli? Io ti risponderei che non mi appartiene questo modo di pensare. Sono italiano e europeo, mi interessa il destino italiano e europeo. Di quello libico, si interessino i libici. Di quello neozelandese, i neozelandesi, e così via.

    E certamente non sono questi tempi in cui si possono riproporre o anche solo teorizzare conquiste europee: bisogna stare sulla difensiva, ma rinnegare le eperienze passate, quella vitalità, quella manifestazione di volontà di popolo e delle sue avanguardie migliori, mi pare, perdonami, un atteggiamento catastrofico.
    Ultima modifica di Agesilao22; 31-08-10 alle 18:53

  5. #5
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Visita di Gheddafi

    Citazione Originariamente Scritto da Agesilao22 Visualizza Messaggio
    Ma quale crimine e crimine! Crimine che un popolo con popolazione in esubero conquisti terre? Bisognava restasse ammassato in in lembo di terra senza materie prime, per la maggior parte montuoso, e prima del fascismo con plaghe paludose e malariche, per l'eternità? Un popolo che dalla sabbia ha tirato fuori il grano, grazie al lavoro dei suoi coloni? Che ha costruito strade, scuole ospedali città? Acquedotti dove prima c'era deserto? Crimine di che? Speravo che non dappertutto la retorica dei "diritti" avesse fatto presa... non scambiare il colonialismo di rapina di matrice anglosassone con quello fascista, popolare, che garantì lavoro agli umili e non prebende agli speculatori. E comunque anche il primo ebbe una sua nobiltà, e gli uomini che conquistarono e ressero l'Impero erano animati dallo spengleriano "spirito faustiano" che è il sigillo dell'anima europea. Spirito di lotta, di conquista, di affermazione, di dominio. Come diceva Mussolini, la vita è imperialismo. Un popolo vivo si espande, uno animato dalla debolezza rinunciataria, è già prossimo alla rovina.

    Tu mi dicessi: eh, ma allora di che lamentarsi riguardo l'invasione di immigrati in Italia e in Europa? Fanno più figli, fanno ciò che noi faremmo al loro posto, come biasimarli? Io ti risponderei che non mi appartiene questo modo di pensare. Sono italiano e europeo, mi interessa il destino italiano e europeo. Di quello libico, si interessino i libici. Di quello neozelandese, i neozelandesi, e così via.

    E certamente non sono questi tempi in cui si possono riproporre o anche solo teorizzare conquiste europee: bisogna stare sulla difensiva, ma rinnegare le eperienze passate, quella vitalità, quella manifestazione di volontà di popolo e delle sue avanguardie migliori, mi pare, perdonami, un atteggiamento catastrofico.
    Per me vale il detto "a ogni popolo la sua terra",poi riconosco che gli italiani abbiano fatto fiorire le terre conquistate,ma volendo questo discorso lo possiamo girare ai Sudafricani inglesi e in un certo senso anche ai giudei sionisti.
    Detto questo preferisco questo approccio al colonialismo

    "Poiché la colonizzazione non è un'attività alla quale i tedeschi si sentano chiamati a dedicarsi, la Germania non dovrebbe mai fare causa comune con le nazioni colonizzatrici e dovrebbe sempre astenersi dall'appoggiarle nelle loro aspirazioni coloniali. Quel che noi vogliamo è una dottrina di Monroe in Europa. « L'Europa agli europei! » , una dottrina il cui corollario dovrebbe essere che gli europei si asterranno dall'immischiarsi nelle questioni di altri continenti."

    È possibile, naturalmente, richiamarsi ai successi conseguiti nel popolare continenti un tempo deserti. Gli Stati Uniti e l'Australia costituiscono validi esempi di ciò. Successi, certo, ma soltanto sul piano materiale. Si tratta di edifici artificiosi, di corpi senza età, dei quali è impossibile dire se si trovino ancora nell'infanzia, o se siano già stati raggiunti dalla senilità. Nei continenti già abitati, l'insuccesso è stato ancor piú accentuato. In essi, le razze bianche hanno imposto con la forza la loro volontà e l'influenza esercitata sugli indigeni è stata trascurabile; gli Indú sono rimasti Indú, i Cinesi sono rimasti Cinesi, e i Musulmani sono sempre Musulmani. Non si è avuta alcuna trasformazione profonda, e i mutamenti determinatisi sono meno accentuati nella sfera religiosa, che in ogni altra, nonostante gli sforzi tremendi dei missionari cristiani. Si sono avute poche sparse conversioni, sulla cui sincerità è lecito nutrire forti dubbi, tranne forse nel caso di pochi individui ingenui e mentalmente deficienti. Le razze bianche, naturalmente, hanno dato alcune cose agli indigeni, i doni peggiori che potessero fare, e cioè i flagelli del nostro mondo moderno: materialismo, fanatismo, alcoolismo e sifilide. Per il resto, poiché questi popoli possedevano qualità proprie, superiori a qualsiasi cosa potessimo loro offrire, essi sono rimasti essenzialmente immutati. Là dove fu tentata l'imposizione con la forza, si ottennero risultati ancor piú disastrosi, e il senso comune, nel rendersi conto della futilità di tali provvedimenti, dovrebbe vietarne l'adozione. Un unico successo deve essere riconosciuto ai colonizzatori: ovunque essi sono riusciti a destare l'odio, un odio che incita quei popoli, strappati da noi al loro sonno, a sollevarsi e a scacciarci. Invero, sembra quasi che siano stati ridestati unicamente a tale scopo!

    hefico:

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Visita di Gheddafi

    Citazione Originariamente Scritto da Nazionalistaeuropeo Visualizza Messaggio
    Ma sul colonialismo Gheddafi ha sacrosanta ragione,non vedo perché non si debba condannare quel crimine.
    Sono però contrario ai risarcimenti..anche perchè ormai sono passati 60 anni,è sufficiente non ripetere l'errore.


    Quel poco di buono che ha quel paese, Gheddafi, lo deve all'Italia.
    Quella di Berlusconi è la solita calata di braghe che esibisce un pò con tutti (americani, ebrei, russi, libici, ecc...). Tutto questo per portare a termine i propri affari, come quelli della TV in Libia, questo ci è costato miliardi regalati ai beduini e l'esserci prostrati di fronte all'ennesimo paese...
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

  7. #7
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    117,904
    Mentioned
    534 Post(s)
    Tagged
    24 Thread(s)

    Predefinito Rif: Visita di Gheddafi

    Citazione Originariamente Scritto da Agesilao22 Visualizza Messaggio
    Ma quale crimine e crimine! Crimine che un popolo con popolazione in esubero conquisti terre? Bisognava restasse ammassato in in lembo di terra senza materie prime, per la maggior parte montuoso, e prima del fascismo con plaghe paludose e malariche, per l'eternità? Un popolo che dalla sabbia ha tirato fuori il grano, grazie al lavoro dei suoi coloni? Che ha costruito strade, scuole ospedali città? Acquedotti dove prima c'era deserto? Crimine di che? Speravo che non dappertutto la retorica dei "diritti" avesse fatto presa... non scambiare il colonialismo di rapina di matrice anglosassone con quello fascista, popolare, che garantì lavoro agli umili e non prebende agli speculatori. E comunque anche il primo ebbe una sua nobiltà, e gli uomini che conquistarono e ressero l'Impero erano animati dallo spengleriano "spirito faustiano" che è il sigillo dell'anima europea. Spirito di lotta, di conquista, di affermazione, di dominio. Come diceva Mussolini, la vita è imperialismo. Un popolo vivo si espande, uno animato dalla debolezza rinunciataria, è già prossimo alla rovina.

    Tu mi dicessi: eh, ma allora di che lamentarsi riguardo l'invasione di immigrati in Italia e in Europa? Fanno più figli, fanno ciò che noi faremmo al loro posto, come biasimarli? Io ti risponderei che non mi appartiene questo modo di pensare. Sono italiano e europeo, mi interessa il destino italiano e europeo. Di quello libico, si interessino i libici. Di quello neozelandese, i neozelandesi, e così via.

    E certamente non sono questi tempi in cui si possono riproporre o anche solo teorizzare conquiste europee: bisogna stare sulla difensiva, ma rinnegare le eperienze passate, quella vitalità, quella manifestazione di volontà di popolo e delle sue avanguardie migliori, mi pare, perdonami, un atteggiamento catastrofico.
    Quoto.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,330
    Mentioned
    107 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Visita di Gheddafi

    Citazione Originariamente Scritto da Majorana Visualizza Messaggio
    Quel poco di buono che ha quel paese, Gheddafi, lo deve all'Italia.
    Quella di Berlusconi è la solita calata di braghe che esibisce un pò con tutti (americani, ebrei, russi, libici, ecc...). Tutto questo per portare a termine i propri affari, come quelli della TV in Libia, questo ci è costato miliardi regalati ai beduini e l'esserci prostrati di fronte all'ennesimo paese...
    Considerato che gheddafi è massone, da quel che sento , non credo che sia un bene soppravalutarlo :gratgrat: .
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  9. #9
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Visita di Gheddafi

    Citazione Originariamente Scritto da Majorana Visualizza Messaggio
    Quel poco di buono che ha quel paese, Gheddafi, lo deve all'Italia.
    Quella di Berlusconi è la solita calata di braghe che esibisce un pò con tutti (americani, ebrei, russi, libici, ecc...). Tutto questo per portare a termine i propri affari, come quelli della TV in Libia, questo ci è costato miliardi regalati ai beduini e l'esserci prostrati di fronte all'ennesimo paese...
    I soldi non li avrei dati neppure io...i danni del colonialismo sono stati ripagati con la giusta espulsione
    dei "piedi neri" italiani dal paese.
    Spero un giorno succeda lo stesso da noi,con l'espulsione
    di vari piedi neri..ma anche taluni bianchi

  10. #10
    Forumista
    Data Registrazione
    06 Jul 2009
    Località
    socialista, patriota, politicamente scorretto ed eternamente polemico
    Messaggi
    810
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Visita di Gheddafi

    Io la vedo un po' come Nazionalistaeuropeo.

    Il governo Berluscacchio, a livello di politica interna, va osteggiato. E' corrotto, liberista, pseudo-liberale (perché certe tendenze personalistiche non sono nemmeno conciliabili con il liberalismo dottrinario) e nemico tanto dei lavoratori quanto della nostra sovranità nazionale.

    Però è anche vero che piddini o "pseudo-comunisti" sono dei veri e propri babbazzi. Mi spiego meglio: anni fa la sinistra NON guardava con tanto odio Gheddafi. Ora, solo perché c'è di mezzo l'arcor-man, si straccia le vesti e frigna "democraticamente".

    Comunque l'agenda estera di questo governo ricalca quella, minimamente apprezzabile, di Andreotti, Craxi e D'Alema. Gente che non avrei mai votato ma che, per lo meno, ha cercato di aprire il nostro mercato verso il medioriente.
    Ultima modifica di odiopuro; 01-09-10 alle 00:18

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. La visita di Gheddafi
    Di FalcoConservatore nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 18-06-09, 00:09
  2. Visita di Gheddafi: ma è possibile che nessuno reagisca ?
    Di msdfli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 13-06-09, 00:26
  3. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 12-06-09, 19:00
  4. La visita di Gheddafi, vista da NEW YORK
    Di alexeievic nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-06-09, 09:57

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226