User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'effetto metadone sugli Usa sta finendo

    L'effetto metadone sugli Usa sta finendo
    di Mario Lettieri e Paolo Raimondi

    Nei passati due anni l'economia americana gravemente drogata è stata trattata con il «metadone finanziario di stato», ma i suoi mali profondi non sono stati affrontati e curati. Adesso che gli effetti della droga stanno venendo meno, i vecchi problemi e le grandi dipendenze ritornano alla luce.
    Alcuni sintomi sono già visibili. A giugno il deficit commerciale mensile americano ha raggiunto i 50 miliardi di dollari, di cui più della metà con la Cina. Tra i tanti dati questo è forse il più indicativo, in quanto dimostra che l'economia Usa non è per niente decollata e che gli stimoli fiscali e gli incentivi monetari hanno esaurito il loro temporaneo effetto.
    Il settore immobiliare, che con i mutui subprime è stato tra i fattori della crisi finanziaria globale, è di nuovo in grande affanno. I due colossi del credito fondiario, Fannie Mae e Freddie Mac, salvati dal governo e sottoposti ad amministrazione controllata, hanno goduto di un sostegno pubblico illimitato, che ha già superato i 210 miliardi di dollari. In aggiunta ora i due enti contano non-performing loans (crediti in sofferenza) per 335 miliardi di dollari! In realtà sono molto di più. Ma il vero problema è che essi hanno in riserva meno di 30 centesimi per ogni dollaro riferito ai suddetti titoli tossici.
    Nei giorni scorsi la Federal Reserve ha confermato la sua scelta di mantenere il tasso di interesse vicino allo zero per cento e di acquistare maggiori quantità di titoli di stato a più lungo termine. Mentre si dichiarava di voler ridurre di 200 miliardi di dollari i bond del Tesoro in suo possesso, in realtà si decideva di aumentarli di altri 200 miliardi. Ciò porterà ad un ulteriore aumento di liquidità nel sistema economico con la vana speranza di nuovi investimenti e di nuovi consumi.
    Finora è stata una pura illusione. La Fed nei passati 20 mesi ha così portato il suo bilancio a 2.000 miliardi di dollari. Anche le grandi banche e le corporation hanno acceso nuovi crediti a tasso di interesse zero e aumentato enormemente la loro liquidità, senza però riversarla sugli investimenti, sulla modernizzazione tecnologica, sulla produzione e sull'occupazione. Insieme ne mantengono oltre 2.000 miliardi di dollari. È la famosa «trappola della liquidità», che a due anni dalla crisi, rischia di rappresentare la minaccia più grave alla stabilità economica e monetaria negli Stati Uniti e nel resto del mondo.
    Tutto questo sta a dimostrare che l'intervento pubblico dello stato ha mancato il suo obiettivo. Ha salvato le banche che fallivano per avere speculato, consegnando nel contempo nelle loro mani un'arma pericolosa, cioè una grande liquidità senza condizione alcuna.
    Si è addirittura spacciato lo stimolo fiscale per una moderna forma di New Deal. Sono invece due politiche completamente differenti. Lo stimolo economico è figlio dell'idea di un'economia a breve termine, che è una delle cause della crisi. Si ritiene che gli aiuti economici, quali i bonus per l'acquisto di nuove auto o frigoriferi, possano rimettere in moto l'economia. Sono positivi soltanto gli interventi che vanno a sostegno dei redditi bassi e della disoccupazione. Ma non bastano a far ripartire un motore rotto.
    Il New Deal, invece, era un vasto programma a lungo termine per una vera rivoluzione industriale, tecnologica e sociale. Interveniva su tutte le grandi infrastrutture per una globale modernizzazione dell'economia. Si basava in particolare su due istituzioni innovative: la National Recovery Administration per guidare gli investimenti nelle infrastrutture e nelle opere pubbliche e la Reconstruction Finance Corporation per immettere nuovi crediti mirati a investimenti ben selezionati.
    Purtroppo questi programmi sono mancati nei passati mesi. Sappiamo che il presidente Obama è sempre stato tenuto sotto scacco dalle lobby della finanza, ma è altresì vero che adesso non può sottostare più a lungo ai ricatti, pena il rischio di un totale fallimento.
    È quindi troppo benevolo parlare di una «sindrome giapponese» per gli Stati Uniti, cioè di un prolungato periodo di deflazione con prezzi bassi e stagnazione economica. In Giappone ciò ha portato a un debito pubblico che ha raggiunto il 200% del Pil. Oggi gli Usa sono in un momentaneo periodo di deflazione. L'America ha però di fronte il rischio di nuovi scenari di crisi che parlano di recessione e anche di una possibile spirale di inflazione alimentata dalla «bolla della liquidità».
    Tale prospettiva dovrebbe far riflettere anche i paesi della vecchia Europa!


    L'effetto metadone sugli Usa sta finendo, Mario Lettieri e Paolo Raimondi
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    2,579
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'effetto metadone sugli Usa sta finendo

    infatti si sta già parando il ...

    CRISI: OBAMA, NON HO LA BACCHETTA MAGICA

    30 AGO 2010

    (AGI) - Washington, 30 ago. - Barack Obama ha detto di non avere "la bacchetta magica" per risolvere i problemi dell'economia americana. Il presidente americano ha commentato in una intervista alla "NBC" i recenti segnali negativi, sottolineando che "l'economia e' ancora in fase di crescita, ma non al ritmo che servirebbe" e ha esortato il Congresso ad approvare provvedimenti che ritiene essenziali, tra cui i prestiti alle piccole imprese, osteggiato dai repubblicani che ne stanno ritardando l'approvazione.

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    02 Jul 2010
    Messaggi
    437
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'effetto metadone sugli Usa sta finendo

    Citazione Originariamente Scritto da msdfli Visualizza Messaggio
    infatti si sta già parando il ...

    CRISI: OBAMA, NON HO LA BACCHETTA MAGICA

    30 AGO 2010

    (AGI) - Washington, 30 ago. - Barack Obama ha detto di non avere "la bacchetta magica" per risolvere i problemi dell'economia americana. Il presidente americano ha commentato in una intervista alla "NBC" i recenti segnali negativi, sottolineando che "l'economia e' ancora in fase di crescita, ma non al ritmo che servirebbe" e ha esortato il Congresso ad approvare provvedimenti che ritiene essenziali, tra cui i prestiti alle piccole imprese, osteggiato dai repubblicani che ne stanno ritardando l'approvazione.
    farsa di breve durata

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'effetto metadone sugli Usa sta finendo

    Citazione Originariamente Scritto da George Visualizza Messaggio
    farsa di breve durata

    La farsa di cui stai parlando sono gli stati uniti morenti...
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

 

 

Discussioni Simili

  1. sta finendo un'era.
    Di yure22 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 03-10-13, 14:19
  2. Sta finendo
    Di Monsieur nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 13-11-10, 12:57
  3. Effetto brunetta, o effetto Carfagna?
    Di libpensatore nel forum Fondoscala
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 05-09-08, 17:27
  4. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 24-03-07, 17:36
  5. coniglio mannheimer: effetto del dibattito sugli indecisi
    Di marcos nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 16-03-06, 18:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226