User Tag List

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 17 di 17
Like Tree2Likes

Discussione: Umanità Nuova - la voce della libertà su carta stampata

  1. #11
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    8,365
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    73

    Predefinito Re: Umanità Nuova - la voce della libertà su carta stampata









    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #12
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    8,365
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    73

    Predefinito Re: Umanità Nuova - la voce della libertà su carta stampata







    -------------------------------------------------------------

    Dunque, è vero che le radici della civiltà occidentale non sono cristiane, ma è altrettanto vero che la civiltà meso ellenica non era affatto una civiltà libera - pacifica - egualitaria e orizzontale: la presenza di artisti - filosofi - poeti - storici - scienziati - matematici e astronomi, non sancisce la totale assenza di forme di autoritarismo - divisioni in classi sociali e repressioni militaristiche all'interno di una società agraria e proto capitalistica.

    Gilanico.
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

  3. #13
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    8,365
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    73

    Predefinito Re: Umanità Nuova - la voce della libertà su carta stampata










    Questa esaltazione del paganesimo sinceramente non mi piace, senza contare il fatto che da una parte si condanna (giustamente) il processo di cristianizzazione ebraista, mentre dall'altra parte si ha un approccio romantico delle società pagane, come se il protocapitalismo non pose le sue radici proprio all'interno delle società pagane e proto agrarie.

    Uno degli ultimi pilastri del politeismo si trova in India, ma non mi sembra che quella indiana non sia una società suddivisa in caste - gerarchica e autoritaria, tutt'altro. Nel politeismo meso ellenico e meso romanico si prediligevano quelle che, a seguito del processo di cristianizzazione ebraica, vennero chiamati i peccati capitali: cerano divinità prettamente pederastiche, divinità ermafroditiche, all'interno dei templi si praticava la prostituzione omosessuale, al di fuori quella femminile, la cosiddetta prostituzione sacra o religiosa. Per non parlare dei riti orgiastici che alcuni gruppi erano soliti praticare. Molti filosofi di epoca ellenica praticavano la pederastia, a quel tempo, essere il prediletto del proprio maestro, significava essere l'oggetto sessuale preferito, dove l'alunno vendeva il proprio corpo in cambio di protezione, di cibo, di un tetto sopra la testa e un posto dove dormire - in quelle società, cosi tanto decantate in siffatto articolo, i minori non avevano nessuna tutela, non esistevano leggi che tutelavano i minorenni.

    In conclusione:

    Io da anarchico ripudio sia le società pagane protocapitalistiche che quelle monoteiste / assolutiste delle società capitaliste.
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

  4. #14
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    8,365
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    73

    Predefinito Re: Umanità Nuova - la voce della libertà su carta stampata

    Gli olocausti non li facevano soltanto gli israeliti al servizio del proprio Elohim. ma erano pratica comune anche attraverso altre popolazioni che erano al servizio di altri Elohim. Nel mondo politeistico greco romano non penso che esistessero guerre religiose, ma diversi Elohim pagani erano guerrieri, in difesa della guerra giusta e venivano esaltati proprio in battaglia.
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

  5. #15
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    8,365
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    73

    Predefinito Re: Umanità Nuova - la voce della libertà su carta stampata











    E' sempre la stessa storia che si ripete in epoche che ci appaiono diverse ma che in realtà si susseguono. I poteri forti (che non sono frutto di un astrazione inesistente), continuano imperterriti a governare il pianeta: qui in Italia, per esempio, i governi, non sono mai stati appannaggio del popolo, ma da sempre influenzati fortemente dagli imprenditori, dagli industriali, dalla borghesia, dalla massoneria, dal vaticano e dalla mafia, ma anche dal settore militare. Questi potentati finiscono anche per influenzare l'aspetto socio culturale di una o più nazioni, il tutto ovviamente non per il bene comune, ma per il proprio tornaconto personale. Questo avviene anche in governi non nazionalisti, che si propongono come forza ""democratica"" e ""civile"" e che risponda ai bisogni del popolo, della plebe.
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

  6. #16
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    8,365
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    73

    Predefinito Re: Umanità Nuova - la voce della libertà su carta stampata

    Citazione Originariamente Scritto da GILANICO Visualizza Messaggio
    E' sempre la stessa storia che si ripete in epoche che ci appaiono diverse ma che in realtà si susseguono. I poteri forti (che non sono frutto di un astrazione inesistente), continuano imperterriti a governare il pianeta: qui in Italia, per esempio, i governi, non sono mai stati appannaggio del popolo, ma da sempre influenzati fortemente dagli imprenditori, dagli industriali, dalla borghesia, dalla massoneria, dal vaticano e dalla mafia, ma anche dal settore militare. Questi potentati finiscono anche per influenzare l'aspetto socio culturale di una o più nazioni, il tutto ovviamente non per il bene comune, ma per il proprio tornaconto personale. Questo avviene anche in governi non nazionalisti, che si propongono come forza ""democratica"" e ""civile"" e che risponda ai bisogni del popolo, della plebe.
    Da una parte c'è questa influenza dei potentati, dall'altra parte, i governi, qui in Italia, sono formati principalmente da questi comparti: qui il vero problema non è il sistema di governo, ma siamo noi, è la stessa società italiana che è cancerogena, formata da ladri - corrotti e corruttori e da forze occulte e malefiche.
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

  7. #17
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    8,365
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    73

    Predefinito Re: Umanità Nuova - la voce della libertà su carta stampata

    Nel cielo di Milano è tornata a bruciare la miccia anarchica - Il Fatto Quotidiano

    Antagonisti - Lotta per la casa, occupazioni, nuove leve e vecchi arnesi della lotta armata Anni 70. Per il Viminale l’allerta è altissima


    Casa e migranti, diritto all’abitare e lotta contro le nuove politiche sull’immigrazione di stampo salviniano. E poi l’esperienza dei Cie (oggi Cpr, centri per il rimpatrio) che ritorna robusta sempre per decisione del ministro dell’Interno. Regime detentivo che nei primi anni Duemila portò bombe. Quella lotta fu ribattezzata I cieli bruciano.
    Programma anarchico di nuovo attuale. Battaglie da trincea ardita. Spartito ritenuto concreto e pericoloso. Oggi più di ieri. A Milano più che in altri luoghi d’Italia. Reti e contatti, temi condivisi, una base dura, un centinaio forse, che ora contamina anche quella dell’autonomia diffusa, i centri sociali per capirci, spinti sotto l’ombrello anarchico da cattivi maestri, legati alle ultime esperienze della lotta armata, e da condizioni sociali critiche e criticabili. La galassia è vasta e ritenuta temibile dagli esperti dell’intelligence nazionale.
    Per capire bisogna tornare all’alba dello scorso 13 dicembre quando i carabinieri danno esecuzione a 9 ordinanze di custodia cautelare per associazione a delinquere finalizzata all’occupazione abusiva di case popolari. Nessuna ipotesi di lucro, ma un tentativo di raccogliere consenso. La realtà antagonista finisce nel mirino. Gli indagati respingono le accuse. Durante la conferenza stampa “il procuratore di turno” (così sarà bollato il dottor Alberto Nobili in un post di Radiocane) con un lapsus accolto con favore dagli antagonisti parla di “Comitato di liberazione…”. Si correggerà. Il comitato è solo quello degli abitanti di Lorenteggio e Giambellino. Intercettazioni e capi d’imputazione a parte, ciò che resta negli atti è una rete anarchica ben precisa, cresciuta in vista dell’Expo 2015 e rimasta poi sotto traccia. Vengono così evidenziati i rapporti tra i membri del Comitato del Giambellino, e antagonisti di via Gola nella zona dei Navigli. Da qui il primo maggio 2015 partì il blocco nero che poi devastò la città. Altri contatti di rilievo con gli animatori dell’ex Hotel Occupato di via Ruggiero Settimo. Qui, prima e dopo gli scontri del 2015, trovò ospitalità un gruppo di anarchici greci. Figura di riferimento è stato Valerio Ferrandi, figlio di Mario, ex Prima linea, poi pentito. Ferrandi, non indagato nell’inchiesta del Giambellino, è figura di riferimento dell’autonomia diffusa milanese. Dall’Hotel è passato all’Officina occupata di via Carlo Torre poi sgomberata il 2 ottobre scorso. Nel 2008, si legge negli atti dei carabinieri, fu lui, attraverso l’utente Frederic Dubarre, ad aprire il profilo Fb del Comitato abitanti Lorenteggio e Giambellino. Non solo luoghi, anche protagonisti, rimasti fuori dalle cronache successive agli arresti del 13 dicembre.
    Tra questi uno dei riferimenti più influenti del centro sociale Conchetta (Cox18), finito indagato nell’inchiesta dei carabinieri per un capo d’imputazione che riguarda un episodio di resistenza anti-sgombero. Da mesi ormai, Conchetta segna una deriva anarchica. Qui il 25 novembre si è tenuta una riunione sulla riapertura del Cpr di via Corelli a Milano. Presenti rappresentanti delle realtà anarchiche più attive a livello nazionale, da Lecce a Torino. Indagato per lo stesso episodio del 21 novembre 2015, anche il figlio di Claudio Latino, ex membro delle nuove Br per il partito comunista politico-militare (Br-Pccm). Latino senior fu condannato nell’inchiesta milanese Tramonto dove cadde per tutti l’accusa di terrorismo. Fu ritenuto il referente della cellula milanese. Lui assieme al figlio frequenta il Comitato autonomo abitanti Barona in viale Faenza. Il 18 aprile 2017 Clelia Contestabile, redattrice di Radiocane e, secondo la Procura, tra i promotori del Comitato Giambellino, è al telefono con Mattia Zanotti. Nel 2014 Zanotti, milanese classe ’84, viene arrestato dalla procura di Torino per l’assalto al cantiere del Tav di Chiomonte del maggio 2013. Con lui altre tre persone. Contestata anche l’accusa di terrorismo poi caduta in Appello. Dalle carte di quell’inchiesta emergono i contatti milanesi di Zanotti. Già allora in rapporti con Clelia Contestabile e con Antonio Budini definito dal giudice “esponente della frangia più radicale dell’anarchismo milanese”. Dai tabulati anche legami con figure del Cox18.
    Negli alert di queste ultime settimane a Milano viene poi citata Villa Vegan di via Litta Modignani 66. Centrale anarchica e luogo sotto sgombero, ma sempre rinviato, perché, come svelato dal Fatto il primo dicembre, dopo la diffusione della notizia oltre 50 anarchici da tutto il Nord Italia sono arrivati per presidiare il luogo. Qui a novembre è stato presentato il secondo numero del giornale clandestino Vetriolo. Al suo interno un’intervista ad Alfredo Cospito, appartenente alla Fai, e responsabile della gambizzazione di Roberto Adinolfi, ex ad di Ansaldo nucleare, avvenuta a Genova il 7 maggio 2012. L’intervento, che il Fatto ha potuto leggere, fa esplicito riferimento alla lotta armata. Scrive Cospito: “Solo scontrandosi armi in pugno con il sistema possiamo costruire l’azione”. E ancora: “Bisogna avere il coraggio di opporsi giocandosi la vita”. Conclude: “Il terrorismo è una pratica che gli anarchici hanno sempre usato. Il terrorismo (…) ha tutte le giustificazioni del mondo”. La nostra intelligence tiene in considerazione questi passaggi in chiave di un possibile proselitismo e reclutamento. Da giorni al Viminale c’è una nota riservata specifica sull’articolo pubblicato da Vetriolo.

    di Davide Milosa | 5 gennaio 2019

    Fonte:

    https://www.ilfattoquotidiano.it/pre...cia-anarchica/

    -------------------------

    Fermo restando che io sono totalmente contrario a qualsiasi forma di terrorismo, a prescindere se sia nero, rosso o giallo, penso che i nostri servizi segreti debbano occuparsi di cose molto più serie e reali, tipo la deriva di estrema destra di molti italiani, per non parlare di come molti cittadini aderiscano alle tante iniziative delle organizzazione di stampo neofascista, oppure, di come gli stadi si siano trasformati da molto tempo in luoghi di ritrovo per frange di estrema destra, ma anche per la criminalità organizzata di stampo mafioso.
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

 

 
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-09-13, 18:32
  2. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 12-04-09, 12:54
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 13-06-03, 17:15
  4. Controcampo, dalla tv alla carta stampata
    Di Daniele (POL) nel forum Termometro sportivo
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 14-06-02, 17:47
  5. Il regime della carta stampata
    Di Don chisciotte nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 31-03-02, 21:42

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225