User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24
Like Tree16Likes

Discussione: Cosa succede in Francia con i “gilet gialli”

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Dec 2009
    Località
    Morte al liberismo!
    Messaggi
    12,789
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    15 Thread(s)

    Predefinito Cosa succede in Francia con i “gilet gialli”

    Cosa succede in Francia con i “gilet gialli”


    Perché vengono chiamati così, quali sono i motivi della loro protesta e qual è stata la risposta del governo francese




    Sono stati definiti gilet jaunes, ovvero “gilet gialli”, i manifestanti che sabato 17 e domenica 18 novembre hanno protestato, in migliaia, contro i rincari della benzina voluti dal governo del presidente Emmanuel Macron: hanno ostacolato e bloccato la circolazione su strade, superstrade e autostrade. La definizione “gilet gialli” è dovuta al fatto che le persone durante la protesta hanno indossato i giubbotti retro-riflettenti che per la legge francese, così come per quella italiana, vanno messi da chi scende dal proprio veicolo lungo le strade.

    Che cosa è successo

    Sabato circa 290 mila persone hanno manifestato in 2.034 luoghi di tutta la Francia, soprattutto lungo strade e autostrade. A Parigi il corteo si è avvicinato anche all’Eliseo, la residenza del presidente, dove la polizia ha usato i gas lacrimogeni. Domenica i gilet gialli si sono riuniti di nuovo e – anche se erano meno numerosi rispetto al giorno precedente – sono riusciti comunque a rallentare o a bloccare le strade di diverse regioni del paese.

    Nella maggior parte dei casi non ci sono stati incidenti, ma il bilancio finale dei due giorni di proteste è di un morto e di 400 feriti circa: 14 feriti si trovano in condizioni serie e tra loro ci sono anche dei poliziotti. In Savoia una manifestante di 63 anni, Chantal Mazet, è morta dopo essere stata investita da una donna che stava portando sua figlia da un medico e ha forzato un posto di blocco. La donna è stata arrestata e incriminata. Le centinaia di feriti sono soprattutto manifestanti colpiti dagli automobilisti spazientiti che hanno cercato di forzare i blocchi di protesta, spesso non autorizzati. La polizia ha finora arrestato 282 persone: 157 si trovano ancora sotto custodia.

    La polizia ha spiegato che è molto difficile rispondere alle mobilitazioni: perché sono diffuse, perché spesso sono improvvise e non autorizzate e perché sono composte da persone che non sono abituate a protestare. Sulla pagina Facebook dei “gilet gialli” è stato convocato un «secondo atto» della mobilitazione, con l’invito a ritrovarsi sabato 24 novembre in Place de la Concorde, a Parigi.

    Chi sono e cosa chiedono

    Il movimento dei gilet gialli non ha un’organizzazione formale o un leader riconosciuto: i comunicati parlano genericamente di una protesta «del popolo francese». Le principali informazioni sono state diffuse attraverso Facebook. È un movimento che non fa riferimento ad alcun partito e che è indipendente dai sindacati. Sulla pagina Facebook si dice che i “gilet gialli” sono persone «come me e te (…) un pensionato, un artigiano, uno studente, un disoccupato, un uomo d’affari (…) soprattutto una persona che è preoccupata di non arrivare alla fine del mese».

    Il movimento dei gilet gialli protesta contro la diminuzione del potere di acquisto e quelle che vengono definite le «politiche anti-auto» volute dal governo Macron. Oltre all’aumento della benzina e del gasolio, il governo si è infatti mosso per abbassare i limiti di velocità, aumentare i dispositivi per controllarne il rispetto e introdurre incentivi per le auto elettriche o ibride. Dopo un anno in cui il prezzo del gasolio è salito del 23 per cento e quello della benzina del 15 per cento, il governo francese ha deciso di mettere dal gennaio 2019 ulteriori tasse che faranno aumentare il prezzo del gasolio di 6,5 centesimi al litro e quello della benzina di 2,9, come primo passo verso una conversione ecologica. I manifestanti denunciano però i rincari che andrebbero a pesare su chi già ha una situazione economica difficile e il fatto che in pochi potrebbero comprare una auto nuova, elettrica o ibrida, perché costa troppo.

    Per proseguire nella lettura: https://www.ilpost.it/2018/11/19/cos...-gilet-gialli/
    Sparviero likes this.
    Contro la destra del denaro e la sinistra delle canne.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Dec 2009
    Località
    Morte al liberismo!
    Messaggi
    12,789
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    15 Thread(s)

    Predefinito Re: Cosa succede in Francia con i “gilet gialli”

    Francia, scontri e lacrimogeni in centro a Parigi. Il governo: “Le Pen incita i gilet gialli ai disordini”


    I "giubbotti gialli" protestano contro l'aumento delle tasse sul carburante e chiedono di voler incontrare il presidente francese Macron. Il ministro dell’Interno Castaner ha apertamente accusato la leader dell'ultradestra, Marine Le Pen, di aver "incitato ai disordini", sottolineando la presenza di un centinaio di "sediziosi di estrema destra". La leader del RN: "Condanno le violenze ma la smettano di utilizzarle contro il movimento". Melenchon: "Mobilitazione del popolo"

    https://www.ilfattoquotidiano.it/201...rdini/4788637/
    Contro la destra del denaro e la sinistra delle canne.

  3. #3
    Razzismo ieri,oggi,sempre
    Data Registrazione
    12 Dec 2015
    Località
    Arciconfraternita di Santo Manganello
    Messaggi
    22,867
    Mentioned
    237 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito Re: Cosa succede in Francia con i “gilet gialli”

    Avete voluto il vostro bel maccaròn, francesi? E adesso leccate il piatto...
    Flaviogiulio and FRUGALE like this.
    Hitler or Hell.

  4. #4
    Socialista descamisado
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Enotria, nel cuore del Mediterraneo
    Messaggi
    22,703
    Mentioned
    238 Post(s)
    Tagged
    69 Thread(s)

    Predefinito Re: Cosa succede in Francia con i “gilet gialli”

    Per chi vuole dilettarsi un pò con la lingua francese...


    http://rebellion-sre.fr/gilets-jaune...st-quun-debut/


    p.s.: ammetto di non averlo ancora letto, non ho tempo ora, lo farò dopo... ma se qualcun mi vuole precedere e farci un sunto...
    "Sinistri", utili idioti, antifascisti in assenza di fascismo per non essere anticapitalisti in presenza di capitalismo.-D.Fusaro
    "Israel is the core of all Evil, it hasn't any right to exist."- Khomeynī

  5. #5
    Alleanza Ribelle
    Data Registrazione
    19 Oct 2012
    Località
    Shanghai, RPC
    Messaggi
    5,434
    Mentioned
    29 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Cosa succede in Francia con i “gilet gialli”

    Il caro prezzi del carburante... La prossima volta al posto di bombardare paesi per fare sgambetti all'Eni a favore di quei maiali della Total state a casa vostra e vedrete che i prezzi non aumentano.
    FRUGALE and Tular like this.
    TIOCFAIDH ÁR LÁ
    ╾━╤デ╦︻

    革命无罪,造反有理

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Dec 2009
    Località
    Morte al liberismo!
    Messaggi
    12,789
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    15 Thread(s)

    Predefinito Re: Cosa succede in Francia con i “gilet gialli”

    Un bel dito medio a Macron!
    Sparviero and FRUGALE like this.
    Contro la destra del denaro e la sinistra delle canne.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Dec 2009
    Località
    Morte al liberismo!
    Messaggi
    12,789
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    15 Thread(s)

    Predefinito Re: Cosa succede in Francia con i “gilet gialli”

    'Gilet gialli': Infuria la protesta in Francia. Parigi è un campo di battaglia




    La protesta dei cosiddetti ‘gilet gialli’ ha trasformato Parigi in un vero e proprio campo di battaglia. La polizia attacca i manifestanti con gas lacrimogeni e cannoni ad acqua. Secondo quanto riferisce RT 8 persone sono state arrestate. Intanto la manifestazione indetta dai ‘gilet gialli’ ha paralizzato la capitale della Francia

    Per proseguire nella lettura/visione: https://www.lantidiplomatico.it/dett...glia/82_26182/
    Contro la destra del denaro e la sinistra delle canne.

  8. #8
    Socialista descamisado
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Enotria, nel cuore del Mediterraneo
    Messaggi
    22,703
    Mentioned
    238 Post(s)
    Tagged
    69 Thread(s)

    Predefinito Re: Cosa succede in Francia con i “gilet gialli”

    sollevazione: GILET GIALLI? L'OPPOSTO DI "NUIT DEBOUT" di Jean Claude Michéa

    GILET GIALLI? L'OPPOSTO DI "NUIT DEBOUT"
    di Jean Claude Michéa
    [ 28 novembre 2018 ]

    Il filosofo francese Jean Claude Michéa scrive una lettera aperta sul movimento dei gilet gialli, da lui apprezzato e sostenuto come un autentico movimento popolare che spontaneamente parte dal basso contro le politiche liberiste degli ultimi quarant’anni. Nonostante l’ottusa ostilità degli intellettuali di sinistra ecologisti e libertari e dei cani da guarda mediatici, e nonostante la cinica determinazione del governo, questo movimento, avverte Michéa, non è che l’inizio.


    * * *


    Cari amici,

    Solo poche parole molto concise e lapidarie – perché qui siamo presi dai preparativi per l’inverno (tagliare la legna, piante e alberi da pacciamare ecc). Io sono ovviamente d’accordo con tutti i vostri commenti, come con la maggior parte delle tesi espresse su Luoghi comuni (solo l’ultima affermazione mi sembra un po’ debole a causa del suo “occidentalismo”: una vera cultura di emancipazione popolare esiste anche, naturalmente, in Asia, Africa o America Latina!).

    Il movimento dei “gilet gialli” (un buon esempio, a proposito, di quella creatività popolare di cui parlavo nei Misteri della sinistra) è, in un certo senso, l’esatto opposto di “Nuit Debout“. Questo movimento, semplificando, è stato infatti il primo tentativo – incoraggiato da gran parte della stampa borghese e dal “10%” (vale a dire, quelli che sono deputati ad essere, o si preparano a diventare, la leadership tecnica, politica e “culturale” del capitalismo moderno) – di disinnescare la critica radicale al sistema, concentrando tutta l’attenzione politica su quell’unico potere (seppur decisivo) rappresentato da Wall Street e dal famoso “1%”. Una rivolta quindi di quei metropolitani ipermobili e ultraqualificati (anche se una piccola parte delle nuove classi medie comincia a conoscere, qua e là, una certa “precarizzazione”) che costituiscono, dall’era Mitterrand, il principale vivaio per la classe dirigente di sinistra ed estrema sinistra liberale (e in particolare dei suoi settori più apertamente contro-rivoluzionari e anti-popolari: Regards, Politis, NP“A”, Université Paris VIII, ecc). Qui, al contrario, sono quelli che vengono dal basso a ribellarsi (come analizzato da Christophe Guilluy – tra l’altro stranamente assente, fino ad ora, da tutti i talk show televisivi, a vantaggio, tra gli altri comici, del riformista sub keynesiano Besancenot), i quali hanno già una coscienza rivoluzionaria sufficiente a rifiutarsi di dover ancora scegliere tra sfruttatori di sinistra e sfruttatori di destra (d’altronde è così che Podemos ha avuto inizio nel 2011, prima che i Clémentine Autain e i Benoît Hamon riuscissero a seppellire questo promettente movimento allontanandolo gradualmente dalla sua base popolare).

    Per quanto riguarda l’argomento degli “ambientalisti” di corte – coloro che preparano questa “transizione energetica” che consiste principalmente, come ha mostrato Guillaume Pitron in La guerre des métaux rares: La face cachée de la transition énergétique et numérique, nel delocalizzare l’inquinamento dei paesi occidentali nei paesi del Sud – argomento secondo cui questo movimento spontaneo sarebbe portato avanti da quelli che hanno l'”ideologia della automobile” e da “tizi che fumano sigarette e viaggiano a diesel”, è tanto assurdo quanto disgustoso e immondo: è chiaro, infatti, che la maggior parte dei gilet gialli non prova nessun piacere a dover prendere ogni giorno l’auto per andare a lavorare a 50 km da casa, per andare a fare la spesa nell’unico centro commerciale esistente nella sua regione e in genere situato in piena campagna a 20 km di distanza, o per fare una visita dall’unico medico che non è ancora in pensione e il cui studio si trova a 10 km dalla sua abitazione. (Prendo questi esempi dalla mia esperienza nelle Landes! Ho anche un vicino di casa che vive con 600 euro al mese e deve calcolare sino a quale giorno del mese può ancora andare a fare la spesa a Mont-de-Marsan, senza fermarsi in mezzo alla strada, a seconda della quantità di diesel – il carburante dei poveri – che può ancora comprare). Scommettiamo invece che sono i primi a capire che il vero problema sta precisamente nell’attuazione sistematica, per 40 anni,da parte dei successivi governi di destra e di sinistra, del programma liberale che ha a poco a poco trasformato il loro villaggio o il loro quartiere in un deserto sanitario, privo di qualsiasi centro di rifornimento di generi di prima necessità, e dove la prima azienda ancora in grado di offrire qualche posto di lavoro mal retribuito si trova a decine di chilometri di distanza (se ci sono dei “progetti per le periferie” – e questo è un bene – non c’è ovviamente mai stato nulla di simile per questi villaggi e cittadine – dove vive la maggior parte della popolazione francese – ufficialmente destinati all’estinzione dal “senso della storia” e dalla “costruzione europea”!).

    Ovviamente non è l’auto in quanto tale – quale “segno” della loro presunta integrazione nel mondo del consumo (non sono né lionesi né parigini!) – che i gilet gialli oggi difendono. È semplicemente che la loro auto diesel usata di seconda mano (che la Commissione europea sta già cercando di togliergli inventando continuamente nuovi “standard tecnici di qualità”) rappresenta la loro ultima possibilità di sopravvivenza, vale a dire di avere una casa, un lavoro e di che sfamare se stessi e le loro famiglie nel sistema capitalista di oggi, che avvantaggia sempre di più i vincitori della globalizzazione. E dire che è innanzitutto questo cherosene “di sinistra” – quello che naviga di aeroporto in aeroporto a portare nelle università di tutto il mondo (e in tutti i “Festival di Cannes”) la buona parola “ecologista” e “associativa” che osa dar loro lezioni! Decisamente, quelli che non conoscono altro che i loro poveri palazzi metropolitani non avranno mai un centesimo della decenza che oggi si può ancora trovare nei casolari poveri (e di nuovo, è la mia esperienza nelle Landes che parla!).

    L’unica domanda che mi pongo è fino a che punto può arrivare un simile movimento rivoluzionario (movimento che non è estraneo, nella sua nascita, nel suo programma unificante e nella modalità della sua evoluzione, alla grande rivolta del Sud del 1907) nelle tristi condizioni politiche quali sono oggi le nostre. Perché non dobbiamo dimenticare che ha davanti a sé un governo thatcheriano di sinistra (il consigliere principale di Macron è Mathieu Laine – un uomo d’affari della City di Londra che ha curato la prefazione alle opere della strega Maggie tradotte in francese), vale a dire un governo cinico e senza paura, che è chiaramente pronto – ed è questa la grande differenza con tutti i suoi predecessori – ad arrivare ai peggiori estremi pinochettiani (come Maggie con i minatori gallesi o gli scioperi della fame irlandesi) per imporre la sua “società dello sviluppo” e questo potere antidemocratico dei giudici, ora trionfante, che ne è il necessario corollario. E, naturalmente, senza avere nulla da temere, su questo piano, dai servili media francesi. Dobbiamo ricordare, infatti, che ci sono già tre morti e centinaia di feriti, alcuni dei quali in condizioni molto critiche. Se la memoria non mi tradisce, bisogna risalire al maggio del ’68 per trovare un costo umano paragonabile a quello di queste manifestazioni popolari, almeno sul terreno metropolitano. Eppure, la copertura mediatica data a questo fatto sconvolgente è, almeno per il momento, adeguata a un dramma di questa portata? E cosa avrebbero detto i cani da guardia di France Info se questo bilancio (provvisorio) fosse stato causato, ad esempio, da un Vladimir Putin o da un Donald Trump?

    Infine, ultimo ma non meno importante, soprattutto non dobbiamo dimenticare che se il movimento dei gilet gialli guadagnasse ancora terreno (o se mantenesse, come adesso, il sostegno della stragrande maggioranza della popolazione), lo Stato Benalla-Macroniano non esiterà un momento a inviare i suoi Black Bloc e tutta la sua “Antifa” (come le famose “Brigate rosse” dei vecchi tempi) per screditarlo con qualsiasi mezzo, o orientarlo verso un’impasse politica suicida (abbiamo già visto, per esempio, come lo stato macroniano è riuscito in poco tempo a privare l’esperienza Zadista di Notre-Dame-des-Landes del suo sostegno popolare originale). Ma anche se questo movimento coraggioso dovesse temporaneamente venire interrotto dal PMA (Parti des médias et de l’argent), nel peggiore dei casi significherà che si è trattato solo di una prova generale e dell’inizio di una lunga battaglia. Perché l’ira che viene dal basso (sostenuta, devo ripeterlo ancora una volta, dal 75% della popolazione — e quindi logicamente stigmatizzata dal 95% dei cani da guardia mediatici) non ripiegherà, semplicemente perché la gente non ne può più e non ne vuole più sapere.

    Il popolo è decisamente in movimento! E a meno che non se ne elegga un altro (secondo il desiderio di Eric Fassin, questo agente d’influenza particolarmente attivo della famosissima French American Foundation), non è pronto a rientrare nei ranghi. Che le Versailles di sinistra e di destra (per usare le parole dei proscritti della Comune rifugiati a Londra) lo tengano per certo!

    Con grande amicizia.
    Sparviero likes this.
    "Sinistri", utili idioti, antifascisti in assenza di fascismo per non essere anticapitalisti in presenza di capitalismo.-D.Fusaro
    "Israel is the core of all Evil, it hasn't any right to exist."- Khomeynī

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Dec 2009
    Località
    Morte al liberismo!
    Messaggi
    12,789
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    15 Thread(s)

    Predefinito Re: Cosa succede in Francia con i “gilet gialli”

    DIRETTA VIDEO: Parigi campo di battaglia. Nuovo sabato di proteste dei Gilet gialli



    Parigi e gli Champs-Elysees si trasformano in un campo di battaglia per il secondo sabato consecutivo per la protesta dei Gilet Gialli contro il rincaro dei carburanti istituito dal Presidente Macron per sostenere la "svolta ecologica" della Francia.


    Per proseguire nella lettura e nella visualizzazione del video: https://www.lantidiplomatico.it/dett...alli/82_26263/
    Sparviero likes this.
    Contro la destra del denaro e la sinistra delle canne.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Dec 2009
    Località
    Morte al liberismo!
    Messaggi
    12,789
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    15 Thread(s)

    Predefinito Re: Cosa succede in Francia con i “gilet gialli”

    Gilet gialli, perché i cecchini a Parigi?




    Il video – segnalato su Twitter da PartisanGirl una attivista siriana da anni impegnata nella controinformazione su quello che davvero succede in Siria – lascia ben pochi dubbi. Il fucile che mira ai Gilets Jaunes (nell’immagine seguente uno di questi indossa la maschera antigas) non è destinato a sparare granate lacrimogene.

    Per proseguire nella lettura e nella visione: https://www.lantidiplomatico.it/dett...gi/6119_26285/
    Contro la destra del denaro e la sinistra delle canne.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. i gilet gialli contro macron
    Di anton nel forum Politica Europea
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 07-12-18, 21:53
  2. Le multe? Per i gilet-salvavita ai migranti
    Di the fool nel forum Cronaca
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 29-09-16, 21:54
  3. Gialli
    Di sugarbabe nel forum Hdemia
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 30-07-13, 02:25
  4. Avete mai assaggiato i kiwi gialli?
    Di Strangolatore di Dresda nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 28-05-10, 01:00
  5. Venezuela: puniti i padroni e i sindacalisti gialli
    Di Catilina nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-02-03, 19:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225