User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 51
Like Tree25Likes

Discussione: Export crollato, Pil fermo, competitività al palo: tra poco ci toccherà inseguire la

  1. #1
    Iperuranico
    Data Registrazione
    23 Jun 2016
    Messaggi
    5,497
    Mentioned
    60 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Export crollato, Pil fermo, competitività al palo: tra poco ci toccherà inseguire la




    Gli occhi dell’Europa (e non solo) sono puntati sull’Italia. C’è preoccupazione. C’è il timore che nei prossimi anni una crisi economica italiana, provocata dall’aggravamento del nostro ventennale declino da parte del nuovo governo, possa contagiare il resto del Continente.

    Il problema è che questa crisi c’è già. E molto probabilmente il governo giallo-verde c’entra poco.

    È quanto emerge, nero su bianco, dalle previsioni economiche autunnali della Commissione Europea. Se le stime di quello che accadrà nel 2019 sono appunto stime, pronte a essere smentite, quelle sul 2018 profumano molto più di realtà che di previsioni. E presentano un quadro già peggiorato rispetto agli anni precedenti di ripresa.

    Innanzitutto, si è fermato quel processo di convergenza, quel tentativo di recuperare il gap di crescita che dal 2013 pareva essere iniziato.

    Dopo il record del 2012, con una variazione del PIL peggiore del 1,9% rispetto a quella dell’area euro, vi era stato un graduale miglioramento. Non si era arrivati, come sarebbe stato legittimo aspettarsi da un Paese che proveniva da una crisi, a una crescita migliore del resto d’Europa, a un catching up simile a quello della Spagna. Tuttavia nel 2016 e 2017 il gap con l’eurozona si era ridotto al 0,8%. Nel 2018 è previsto che questo aumenterà all’1%.



    Lo 0,2% in più è poca cosa numericamente, ma è significativo perché segna un trend, una tendenza al peggioramento del declino che ci vede da 25 anni sempre inseguire, essere quasi sempre ultimi quanto a crescita. Non era scontato che accadesse, si veniva da anni in cui le distanze si accorciavano.

    Questo dato si spiega anche con il peggioramento della differenza tra la nostra crescita e quella di Paesi che come noi hanno vissuto grandi o piccoli problemi, e da cui però stanno venendo fuori meglio. Per esempio la Francia, che cresceva all’incirca come noi nel 2015 e 2016, e ci ha invece superato del 0,6% nel 2017 e 2018.

    O la Grecia, che chiaramente aveva fatto quasi sempre peggio di noi, quando era nella recessione più nera, e che nel 2018 inseguiremo, visto che il PIL ellenico aumenterà del 2%, contro il nostro +1%




    Non di solo PIL però vive l’economia. Vi sono dei campanelli d’allarme anche più gravi. Sono quelli che riguardano la nostra competitività, la nostra capacità di stare nel mercato globale.

    Il costo del lavoro unitario (calcolato in termini relativi a quello medio di 37 Paesi industrializzati) è diminuito in questi anni nell’area euro e in Italia, ed è comprensibile considerando che tra gli Stati industrializzati sono compresi anche quelli dell’Est Europa, il Messico e la Turchia, dove gli stipendi stanno crescendo bene.

    Tuttavia nel 2018 è previsto che il calo italiano, -0,7%, sia minore di quello dell’area euro, -1,1%, a differenza di quanto accaduto nel 2017, e a differenza del calo spagnolo, del 1,4%, e persino di quello francese.

    Non si tratta solo del probabile effetto del rinnovo dei contratti degli statali, ma anche della mancanza di una seria riduzione del cuneo fiscale, che invece pare avviata anche in Francia, da molto tempo alle prese con un costo del lavoro che l’avrebbe penalizzata molto di più se non avesse avuto una crescita della produttività così alta, e che a noi decisamente manca.



    Ancora più preoccupante è la competitività delle nostra industrie verso l’esterno.

    Nel 2018 le nostre esportazioni saranno cresciute a fine anno solo dell’ 1,6%, contro un +3,3% dell’area euro. Nel 2017 c’era stato un balzo del 5,7%, a paragone con un aumento del 5,2% dell’eurozona.

    Il quadro appare peggiore se guardiamo, come fa la Commissione Europea, a un indice che mette in rapporto l’aumento dell’export e la crescita delle importazioni di quei mercati che hanno i rapporti commerciali più stretti con un dato Paese e segnala quindi quanto questo Paese sa approfittare dell’andamento dell’economia mondiale e dei mercati con cui ha già rapporti.

    Ebbene, i nostri partner in media nel 2018 avranno accresciuto il loro import del 3,9%, è una percentuale in linea con quella dei partner degli altri Paesi euro, e del resto si parla più o meno degli stessi Paesi. E a maggior ragione quindi il progresso solo del 1,6% delle nostre esportazioni appare grave.

    Il gap tra queste e quelle potenziali, dato l’andamento dei nostri mercati di riferimento, è il maggiore d’Europa. Siamo ultimi infatti, questo indice della Commissione sulla performance del nostro export segna nel nostro caso un -2,2% rispetto all’anno scorso.

    Anche la Germania non se la cava bene, ma non può essere molto di consolazione, anzi. E invece è la Grecia quella che mette a segno il risultato migliore, con un +4,7%.

    Segno di un recupero di competitività che all’Italia manca.

    Siamo anzi il Paese che ne perde di più verso il mondo, le nostre imprese, al di là della retorica sulla qualità della nostra industria, non riescono a intercettare quell’ingrandimento dei mercati, e quella crescita che pure c’è nonostante il ritorno dei dazi, nonostante le incertezze.



    Già gli scorsi anni la performance del nostro export in relazione a quello dei mercati di riferimento era stata inferiore a quella dell’area euro, ma non più, finalmente, nel 2017. Con il 2018 si ritorna a una situazione peggiore a quella degli anni più negativi.



    Si tratta di dati che rappresentano un campanello d’allarme. Sarebbe difficile affermare che sia colpa del governo insediatosi a giugno e che sta facendo approvare ora la propria prima manovra, tuttavia che messaggio sta lanciando la maggioranza giallo-verde dal lato competitività e produttività?

    La stretta sui contratti a termine, il dimezzamento del super-ammortamento, le indecisioni sulle infrastrutture, anche senza dover pensare all’extra-deficit e alla sfiducia che questo genera sugli investitori, non suggeriscono nulla di buono.

    Andiamo incontro al terzo decennio perduto dopo i due precedenti? Per ora pare di sì.
    https://www.linkiesta.it/it/article/...chera-i/40140/
    Veritas filia temporis

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Piddino Intransigente
    Data Registrazione
    10 Nov 2013
    Messaggi
    5,559
    Mentioned
    75 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Export crollato, Pil fermo, competitività al palo: tra poco ci toccherà inseguire

    Peccato che il titolo sia stato troncato.
    Continuava con"Sacrifici umani! cani e gatti che vivono insieme! masse isteriche"

    E' colpa di Salvini che non riesce a rassicurare i mercati con le sue dichiarazioni incaute.
    Come dice il mio amico Dav: "La narrazione sul Pd di questi anni è opera di quelle 2 bande di falsari, cialtroni ed incapaci che stanno sfasciando il nostro paese. Ne stiamo avendo conferma ogni giorno che passa."

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    12 Jun 2012
    Messaggi
    13,677
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Export crollato, Pil fermo, competitività al palo: tra poco ci toccherà inseguire

    Citazione Originariamente Scritto da Saturno Visualizza Messaggio
    sii fiducioso vedrai che il piddy prende il 40 per cento ...
    Leviathan and Child44 like this.

  4. #4
    bannata per antifascismo
    Data Registrazione
    08 Nov 2016
    Località
    Italia nord-occidentale e Francia meridionale
    Messaggi
    2,916
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Export crollato, Pil fermo, competitività al palo: tra poco ci toccherà inseguire

    La stretta sui contratti a termine, il dimezzamento del super-ammortamento, le indecisioni sulle infrastrutture, anche senza dover pensare all’extra-deficit e alla sfiducia che questo genera sugli investitori, non suggeriscono nulla di buono.
    Una volta i pescecani tentavano almeno di travestirsi da pesci rossi ...

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    12 Jun 2012
    Messaggi
    13,677
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Export crollato, Pil fermo, competitività al palo: tra poco ci toccherà inseguire

    Citazione Originariamente Scritto da Saturno Visualizza Messaggio


    a proposito di paesi fermi...


    guarda la bilancia commerciale spagnola .. e fai due conti ,,
    http://https://it.investing.com/econ...de-balance-559

  6. #6
    Iperuranico
    Data Registrazione
    23 Jun 2016
    Messaggi
    5,497
    Mentioned
    60 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Re: Export crollato, Pil fermo, competitività al palo: tra poco ci toccherà inseguire

    Citazione Originariamente Scritto da anticomunista Visualizza Messaggio
    sii fiducioso vedrai che il piddy prende il 40 per cento ...
    Che me ne fotte a me del PD? Se sparisse sarei solo contento.

    a proposito di paesi fermi...


    guarda la bilancia commerciale spagnola .. e fai due conti ,,
    http://https://it.investing.com/econ...de-balance-559
    Mi dice che il sito è inesistente, forse hai messo mal e il link
    Veritas filia temporis

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Dec 2010
    Messaggi
    14,033
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Export crollato, Pil fermo, competitività al palo: tra poco ci toccherà inseguire

    Citazione Originariamente Scritto da Saturno Visualizza Messaggio
    dato che l'articolo parla di stime vediamo come è messa la locomotiva d'Europa e le previsioni per il futuro: https://www.teleborsa.it/News/2018/1...l#.W_RSxehKi0o
    Germania verso crisi economica: nel 2020 inizierà a collassare | Wall Street Italia

  8. #8
    Iperuranico
    Data Registrazione
    23 Jun 2016
    Messaggi
    5,497
    Mentioned
    60 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Re: Export crollato, Pil fermo, competitività al palo: tra poco ci toccherà inseguire

    Citazione Originariamente Scritto da heint Visualizza Messaggio
    dato che l'articolo parla di stime vediamo come è messa la locomotiva d'Europa e le previsioni per il futuro: https://www.teleborsa.it/News/2018/1...l#.W_RSxehKi0o
    Germania verso crisi economica: nel 2020 inizierà a collassare | Wall Street Italia
    La Germania è il primo partner commerciale italiano, ed il nostro paese è inserito nella sua supply chain. Se va a fondo la Germania andiamo a fondo anche noi. C'è poco di cui rallegrarsi della cosa.
    Veritas filia temporis

  9. #9
    Super Troll
    Data Registrazione
    22 Sep 2009
    Località
    scomparsa
    Messaggi
    77,837
    Mentioned
    125 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: Export crollato, Pil fermo, competitività al palo: tra poco ci toccherà inseguire

    "S&P lascia invariato il suo rating. Riteniamo che questo giudizio sia corretto alla luce della solidità economica del Paese: l'Italia è la 7/a potenza industriale al mondo e la 2/a manifattura Ue. La competitività delle imprese ci permette di avere un surplus commerciale consistente e il risparmio delle famiglie è solido
    Child44 likes this.

  10. #10
    Eretico Impenitente
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    Purgatorio
    Messaggi
    32,091
    Mentioned
    36 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Export crollato, Pil fermo, competitività al palo: tra poco ci toccherà inseguire

    Citazione Originariamente Scritto da adry571 Visualizza Messaggio
    "S&P lascia invariato il suo rating. Riteniamo che questo giudizio sia corretto alla luce della solidità economica del Paese: l'Italia è la 7/a potenza industriale al mondo e la 2/a manifattura Ue. La competitività delle imprese ci permette di avere un surplus commerciale consistente e il risparmio delle famiglie è solido
    Un'altra volta?

 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 16-08-17, 21:07
  2. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 15-07-16, 13:55
  3. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 23-12-12, 14:42
  4. Istat: reddito delle famiglie fermo al palo
    Di Ludis nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 11-01-11, 13:48
  5. Rapporto BCE sulla competitività e la performance dell'export nei Paesi UE
    Di Dragonball (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 01-07-05, 20:10

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225